La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

– Insegnare Scienze Sperimentali Cosa significa Piano ISS.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "– Insegnare Scienze Sperimentali Cosa significa Piano ISS."— Transcript della presentazione:

1 – Insegnare Scienze Sperimentali Cosa significa Piano ISS

2 Misurazione competenze scientifiche a livello internazionale dalla rilevazione internazionale compiuta dall OCSE -Pisa sui quindicenni, emerge che i nostri ragazzi hanno un livello di formazione scientifica inferiore alla media dei Paesi partecipanti un campanello di allarme che non può essere ignorato Cosa ha stimolato la idea di ISS

3 Il sapere scientifico stenta a trovare posto nella cultura del cittadino italiano La scienza per i non scienziati tenderebbe a rimanere un oggetto scolastico e non assumerebbe il ruolo di strumento per capire ciò che ci circonda *

4 * da questionario lab. di didattica delle scienze Un. Roma Quando furono immessi sul mercato gli insetticidi, questi erano molto efficaci nelluccidere mosche e zanzare. Dopo alcune decine di anni,gli stessi insetticidi risultarono meno efficaci. Perchè? 1.il trattamento con linsetticida ha via via immunizzato gli insetti contro linsetticida. 2.in seguito al trattamento un n° sempre maggiore di insetti è costituito da discendenti per loro natura resistenti allinsetticida. 3.il trattamento con linsetticida ha indotto negli insetti un cambiamento ereditario che comporta la resistenza allinsetticida stesso

5 AIF ANISN DD-SCI con protocollo dintesa del 7/11/2005 Il M.P.I. Inserisce I.S.S. nel Piano triennale del P rogramma O perativo N azionale La Scuola per lo Sviluppo il progetto I.S.S viene proposto dalle associazioni disciplinari di sc.naturali, fisica e chimica Consapevoli della necessità di una svolta decisiva per la didattica scientifica,

6 Il PIANO ISS è un piano di formazione in servizio rivolto agli insegnati di discipline scientifiche(obbligo) SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA I GRADO biennio SECONDARIA II GRADO

7 DPR 275/97 Regolamento recante norme in materia di Autonomia delle scuole Ai sensi dellart.21 della L.15 marzo 1999,n59 In particolare: Art.6 (autonomia di ricerca,sperimentazioine e sviluppo) Art.7 (Reti di scuole) CONTESTO IN CUI NASCE IL PIANO ISS

8 Sostenere la formazione continua dei docenti, mediante comunità di pratiche coordinate da presidi territoriali dare concretezza allautonomia didattica di sperimentazione e ricerca Cosa si propone nellambito di tale contesto

9 Obiettivo finale: innalzare il livello di competenze scientifiche degli studenti italiani. Riflessioni su: Qualità e motivazioni degli insegnanti Tipo di pedagogia utilizzata

10 I docenti sono chiamati a: elaborare piani di studio con sviluppo verticale, nei quali le singole esperienze scientifiche diventano tappe strutturate di percorsi didattici Indurre cambiamenti significativi della didattica disciplinare attraverso la metodologia della ricerca – azione potenziare la pratica laboratoriale Laboratorio del fare,laboratorio della mente,laboratorio delle relazioni

11 Le scienze si imparano affinchè diventino parte del pensiero dellallievo,del suo modo di essere,anche fuori del contesto scolastico. Quindi il problema psicopedagogico e didattico : Non solo trasmettere saperi ma rendere capaci gli allievi di inserire i concetti appresi nel proprio modo di trattare la realtà

12 Dalle indicazioni per il curricolo : Il laboratorio è una modalità di lavoro che incoraggia la sperimentazione e la progettualità,coinvolge gli alunni nel pensare-realizzare-valutare attività condivise e che può essere attivata sia allinterno che allesterno della scuola,valorizzando il territorio come risorsa per lapprendimento

13 Difficoltà per la didattica trasmissiva di modificare stabilmente preconcezioni e conoscenze di senso comune La scienza implica una modalità speciale di pensiero;le idee scientifiche sono spesso controintuitive ed opposte al senso comune

14 Modello bipolare Trasmissione/ricezione Modello tripolare Comunità di ricerca dove si costruisce sapere condiviso Lezione frontale Studio individuale interrogazione Linsegnante inventa situazioni problematiche,adeguate,motivanti,pertinenti. Lalunno protagonista della costruzione del suo sapere

15 PRESIDIO TERRITORIALE E centro risorse territoriale per linnovazione cui fa capo una rete di scuole Promuove la costruzione di comunità di pratiche nellottica degli indicatori del piano ISS : (verticalità,contesti di senso,did. laboratoriale,livelli di competenza) Favorisce la collaborazione dellinsieme delle risorse professionali e culturali presenti nel territorio: Musei,Università,Parchi naturali, Biblioteche, laboratori di altre scuole,ecc Dissemina materiali didattici

16 SCUOLA Persona di contatto Presidio: Chieti Liceo scientifico statale "R.Mattioli" Indirizzo: Via S.Rocco n. 25 D.S. D'Adamo Nicola Presidio: : L'Aquila Liceo scientifico "Andrea Bafile" Indirizzo: Via Acquasanta n. 16 D.S. De Angelo Natale Presidio: Teramo Albert Einstein Indirizzo: Via Luigi Sturzo n.5 D.S. Cannella Marilena Presidio: Pescara ITIS "A.Volta" Indirizzo: Via A.Volta n.15 D.S. Di Carlo Domenico I presidi in Abruzzo

17 per impostare attività di ricerca-azione nella prospettiva della definizione di un curricolo verticale e di standard di competenza sono state individuate le seguenti aree tematiche:. Luce,colore e visione Le trasformazioni Leggere lambiente La Terra e lUniverso I temi proposti dal piano ISS

18 IL NOSTRO LAVORO DOBBIAMO PRIVILEGIARE LA POSSIBILITA DI VERTICALIZZARE I CURRICOLI DOBBIAMO PRIVILEGIARE LAPPROCCIO LABORATORIALE IN SOSTANZA: DOBBIAMO ACCETTARE LA SFIDA IN SOSTANZA: DOBBIAMO ACCETTARE LA SFIDA

19 Gli indicatori del piano ISS VERTICALITA CONTESTI DI SENSO DIDATTICA LABORATORIALE LIVELLI DI COMPETENZA


Scaricare ppt "– Insegnare Scienze Sperimentali Cosa significa Piano ISS."

Presentazioni simili


Annunci Google