La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Capo VI – Ritrovamenti e scoperte Sezione I – Ricerche e rinvenimenti fortuiti nellambito del territorio nazionale Il capo VI della parte seconda del Codice.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Capo VI – Ritrovamenti e scoperte Sezione I – Ricerche e rinvenimenti fortuiti nellambito del territorio nazionale Il capo VI della parte seconda del Codice."— Transcript della presentazione:

1 Capo VI – Ritrovamenti e scoperte Sezione I – Ricerche e rinvenimenti fortuiti nellambito del territorio nazionale Il capo VI della parte seconda del Codice è dedicato ai ritrovamenti e alle scoperte. In questa parte il Codice si occupa non solo di ritrovamenti e scoperte nellambito del territorio nazionale, ma anche delle ricerche e rinvenimenti fortuiti nella zona contigua al mare territoriale.

2 Art. 88 – Attività di ricerca Le ricerche archeologiche e in genere le opere per il ritrovamento delle cose indicate allarticolo 10 in qualunque parte del territorio nazionale sono riservate al Ministero. Per lesecuzione della ricerca il Ministero può ordinare loccupazione temporanea degli immobili dove vengono eseguiti gli scavi.

3 Loccupazione temporanea trova giustificazione nella riserva dellattività di ricerca archeologica attribuita allo Stato. In questo caso lattività dello Stato assume un carattere primario e prevalente rispetto alle esigenze del proprietario del fondo in cui devono essere effettuate le ricerche. Il provvedimento ha natura temporanea. Lamministrazione potrà disporre anche il rinnovo delloccupazione sempre basato su adeguata motivazione.

4 Disponendo loccupazione temporanea dellimmobile, lamministrazione è tenuta a corrispondere un indennizzo. Lindennità può essere corrisposta in denaro o mediante il rilascio delle cose ritrovate o di parte di esse, quando non interessino le raccolte dello Stato.

5 Art. 89 – Concessione di ricerca Il Ministero può dare in concessione a soggetti pubblici o privati lesecuzione delle ricerche e delle opere, emettendo a favore del concessionario il decreto di occupazione degli immobili ove devono eseguirsi i lavori.

6 Il comma 2 e 3 dellart. 89 prevedono due distinte ipotesi di revoca della concessione. Nel primo caso si parla di revoca sanzionatoria, in quanto si interviene sul presupposto che il concessionario non abbia osservato le prescrizioni imposte nellatto di concessione o quelle che il Ministero abbia ritenuto di dover impartire nel corso dellesecuzione stessa.

7 Nel secondo caso la revoca si ha quando il Ministero ritenga di doversi sostituire nella prosecuzione delle opere al concessionario. In questa ipotesi lamministrazione provvede nuovamente in ordine ad un interesse pubblico. Si dovrà provvedere ad un rimborso al concessionario delle spese occorse per le opere già eseguite. Limporto è fissato dal Ministero e nel caso in cui il concessionario non ritenga di accettare la determinazione ministeriale, la decisione verrà affidata ad un perito nominato dal presidente del tribunale.

8 Il comma 6 stabilisce che le cose rinvenute possano rimanere in tutto o in parte in deposito alle Regione o ad altro ente pubblico territoriale che ne abbiano fatto richiesta per fini espositivi. Lautorizzazione del Ministero è condizionata alla idoneità della sede espositiva dellente e alla garanzia di custodia e di conservazione delle cose.

9 Art. 90 – Scoperte fortuite Chi scopre fortuitamente cose immobili o mobili indicate allart. 10 ne fa denuncia entro ventiquattro ore al soprintendente o al sindaco ovvero allautorità di pubblica sicurezza e provvede alla conservazione temporanea di esse, lasciandole nelle condizioni e nel luogo in cui sono state rinvenute. Lintegrazione del 2008 prevede a cura del soprintendente lobbligo di informare della scoperta fortuita anche i carabinieri preposti alla tutela del patrimonio culturale.

10 Ove si tratti di cose mobili delle quali non si possa assicurare le custodia, lo scopritore ha facoltà di rimuoverle per meglio garantirne la sicurezza e la conservazione sino alla visita dellautorità competente e, ove occorra, può richiedere lausilio della forza pubblica. Le spese sostenute per la custodia e la rimozione sono rimborsate dal Ministero.

11 Art. 91 – Appartenenza e qualificazione delle cose ritrovate Le cose indicate allarticolo 10 da chiunque e in qualunque modo ritrovate nel sottosuolo o sui fondali marini appartengono allo Stato e fanno parte del demanio o del patrimonio indisponibile ai sensi degli articoli 822 e 826 del Codice civile.

12 Qualora si proceda per conto dello Stato, delle regioni, degli altri enti pubblici territoriali o di altro ente o istituto pubblico alla demolizione di un immobile, tra i materiali di risulta che per contratto siano stati riservati allimpresa di demolizione non sono comprese le cose rinvenienti dallabbattimento che abbiano interesse. E nullo ogni patto contrario.

13 Art. 92 – Premio per i ritrovamenti In caso di ritrovamento a seguito di attività di ricerca o di scoperta fortuita, il legislatore riconosce il diritto ad un premio ai diversi soggetti che intervengono nella vicenda: il proprietario dellimmobile, il concessionario e lo scopritore.

14 Il premio spettante ai diversi soggetti è calcolato sul valore delle cose ritrovate ed è pari ad un quarto di questo, ad eccezione delle ipotesi in cui il proprietario dellimmobile abbia ottenuto anche la concessione di ricerca oppure sia anche scopritore della cosa, nel qual caso al proprietario spetta un premio non superiore alla metà del valore delle cose ritrovate. Nessun premio spetta allo scopritore che si sia introdotto e abbia ricercato nel fondo altrui senza il consenso del proprietario o possessore.

15 Da segnalare la possibilità che il premio venga corrisposto oltre che in denaro mediante rilascio di parte delle cose ritrovate. Il pagamento del premio può avvenire – su richiesta dellinteressato – anche sotto forma di sgravio fiscale secondo modalità e limiti che dovranno essere stabiliti da apposito regolamento da adottarsi con decreto del ministro delleconomia e delle finanze di concerto con il ministro per i beni e le attività culturali.

16 La novella del 2008 (D.Lgs. n. 62/2008) ha precisato che il premio non spetti ai concessionari di ricerca quando lattività rientri tra gli scopi istituzionali o statutari

17 Art. 93 – Determinazione del premio Il Ministero provvede alla determinazione del premio spettante agli aventi titolo, previa stima delle cose ritrovate. In corso di stima a ciascuno degli aventi titolo è corrisposto un acconto del premio in misura non superiore ad un quinto del valore delle cose ritrovate, determinato in via provvisoria. Laccettazione dellacconto non comporta acquiescenza della stima definitiva.

18 Lo strumento dellacconto dovrebbe permettere di riconquistare il valore incentivante del premio per il rinvenimento troppo spesso frustrato da ritardi nella corresponsione collegati ai tempi lunghi richiesti dalle necessarie operazioni di inventariazione delle cose ritrovate.

19 Se gli aventi titolo non accettano la stima definitiva del Ministero, il valore delle cose ritrovate è determinato da un terzo, designato concordemente dalle parti. Se esse non si accordano per la nomina del terzo ovvero per la sua sostituzione, qualora il terzo nominato non voglia o non possa accettare lincarico, la nomina è effettuata – su richiesta di una delle parti – dal presidente del tribunale del luogo in cui le cose sono state ritrovate. Le spese della perizia sono anticipate dagli aventi titolo al premio. La determinazione del terzo è impugnabile in caso di errore o di manifesta iniquità.

20 Sezione II – Ricerche e rinvenimenti fortuiti nella zona contigua al mare territoriale Art. 94 – Convenzione UNESCO sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo Gli oggetti archeologici e storici rinvenuti nei fondali della zona di mare estesa dodici miglia marine a partire dal limite esterno del mare territoriale sono tutelati ai sensi delle regole relative agli interventi sul patrimonio culturale subacqueo, allegate alla Convenzione UNESCO sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo, adottata a Parigi il 2 novembre 2001.

21 Un cenno finale va riservato allarcheologia subacquea tutelata con una norma di rinvio operata dallart. 94 del Codice. Il rinvio è effettuato allapplicazione di alcune regole della Convenzione UNESCO sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo adottata a Parigi il 2 novembre Il documento consta di due parti, la prima di 36 articoli disciplina i rapporti tra gli stati aderenti relativamente ai diritti e ai doveri sul patrimonio culturale subacqueo. Larticolo 94 sottopone alle regole della Convenzione UNESCO gli oggetti archeologici e storici rinvenuti nei fondali della zona di mare estesa dodici miglia marine a partire dal limite esterno del mare territoriale.


Scaricare ppt "Capo VI – Ritrovamenti e scoperte Sezione I – Ricerche e rinvenimenti fortuiti nellambito del territorio nazionale Il capo VI della parte seconda del Codice."

Presentazioni simili


Annunci Google