La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Nuovi approcci per il monitoraggio di contaminanti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Nuovi approcci per il monitoraggio di contaminanti."— Transcript della presentazione:

1 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Nuovi approcci per il monitoraggio di contaminanti chimici nellambiente marino Corrado Barghigiani, Rossana Scerbo CIBM 20 maggio 2011 Granaio Lorenese loc. Spergolaia Alberese (GR)

2 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 LA DIRETTIVA COMUNITARIA SULLAMBIENTE MARINO COSTIERO La direttiva comunitaria 2008/56/CE istituisce un quadro per lazione comunitaria sullambiente marino, per la protezione e luso sostenibile degli ecosistemi marini. La strategia prevedelelaborazione e attuazione di un programma di monitoraggio per la valutazione continua e laggiornamento periodico dei traguardi ambientali da raggiungere.. ….mediante metodi di monitoraggio che siano coerenti in tutta la regione e sottoregione marina al fine di agevolare la comparabilità dei risultati del monitoraggio… Facendo riferimento alla direttiva comunitaria, il progetto MOMAR ha come obiettivo la scelta e sperimentazione di metodiche per la messa a punto di un sistema di monitoraggio integrato dellambiente marino. Parlerò di due metodiche di valutazione della contaminazione da metalli pesanti nelle sabbie e nelle acque e della loro importanza nel sistema di monitoraggio integrato.

3 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 DUE OBIETTIVI DELLA MARINE STRATEGY SONO LA SALVAGUARDIA DELLE COSTE E DELLE ACQUE Partiamo dalle coste: Fra i vari problemi dellambiente marino, è fondamentale lerosione costiera. Nel 2004 nella UE lerosione costiera risulta avere interessato circa km. Le azioni da intraprendere per combattere lerosione costiera sono fondamentalmente: il monitoraggio dellarretramento delle coste il controllo delle attività antropiche che interferiscono con la dinamica costiera gli interventi ingegneristici per prevenirla: pennelli, moli frangiflutto, barriere gli interventi di ripascimento degli arenili erosi

4 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 GLI INTERVENTI DI RIPASCIMENTO Per la valutazione dei livelli di contaminazione chimica delle sabbie ai fini della loro idoneità allimpiego negli interventi di ripascimento si fa riferimento a: 1. Dlgs 152/2006: Allegato 5, tabella 1, colonna A 2. DM56/2009: standard di qualità dei sedimenti 3. Manuale per la movimentazione dei sedimenti marini Ministero Ambiente-ICRAM- APAT: Livelli Chimici di Base (LCB) Generalmente dai risultati delle analisi chimiche le sabbie delle coste toscane e liguri non risultano idonee allimpiego per le attività di ripascimento a causa delle elevate concentrazioni di As, Cr e Ni.

5 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 ORIGINE, BIODISPONIBILITA E SPECIAZIONE Dobbiamo tenere presente però che As, Cr e Ni nelle sabbie delle coste toscane e liguri sono in gran parte di origine geologica e come tali non biodisponibili perché legati alla matrice minerale. Per una valutazione delleffettiva pericolosità dei tre elementi è importante determinarne la frazione biodisponibile mediante lo studio della speciazione Lo studio della speciazione può essere affrontato con vari metodi; la tecnica di estrazione sequenziale a tre step controllabile mediante il materiale certificato BCR 501 risulta una delle più affidabili e diffuse ed è quella che abbiamo sperimentato in diverse aree costiere.

6 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Carotaggi Campioni superficiali Stazioni campionamento: 25 Campioni studiati: circa 50 Elementi studiati: As, Cr, Ni STUDI SULLA SPECIAZIONE MEDIANTE ESTRAZIONE SEQUENZIALE IN CAMPIONI PRELEVATI LUNGO LE COSTE TOSCANE E LIGURI

7 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Il protocollo di estrazione a tre step utilizzato per la certificazione del materiale di riferimento BCR701 (Pueyo et al., 2001) è stato usato nellottica di favorire la diffusione delle tecniche di estrazione sequenziale per il monitoraggio di differenti matrici, compresi sedimenti marini e in particolare le sabbie. Con i 3 step si separano i metalli legati a 3 frazioni che nellambiente possono liberare i metalli in seguito alla variazione di parametri ambientali : 1: Le argille, gli idrossidi di Fe e Mn, gli acidi umici e i carbonati; rilasciano metalli con i cambiamenti di pH e della composizione ionica. 2: Gli ossidi di Fe e Mn, presenti sotto forma di noduli, concrezioni o come rivestimento delle particelle di sedimento sono trappole per i metalli e sono instabili in condizioni di anossia (bassi valori del potenziale di ossido-riduzione). 3: La sostanza organica ed i solfuri. in condizioni ossidanti la sostanza organica viene degradata con conseguente rilascio e dei metalli. La frazione residua del sedimento è rappresentata dai metalli legati alla matrice geologica e che comunque non sono biodisponibili nelle normali condizioni ambientali.

8 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Castiglioncello: As, Cr e Ni Concentrazioni totali As 57,58-65,84 mg/Kg Cr 324,01-350,53 mg/Kg Ni183,22-180,44 mg/Kg LCB per le sabbie As 17 mg/Kg Cr 50 mg/Kg Ni 40 mg/Kg Frazione biodisponibile As 6,5% 4 mg/Kg Cr 3,2% 10,8 mg/Kg Ni 5,9% 10,7 mg/Kg

9 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE Le analisi di campioni puntuali (raccolti con bottiglie Niskin o altri recipienti) presentano linconveniente di fornire dati che si riferiscono limitatamente al momento in cui viene effettuato il campionamento. Un monitoraggio più corretto si ottiene con misure integrate nel tempo, su sistemi biologici o chimici che hanno accumulato i contaminanti. Oggi, esistono accumulatori passivi di contaminanti organici, prodotti farmaceutici e metalli pesanti. Per i metalli pesanti abbiamo sperimentato i DGT, accumulatori passivi in grado di accumulare i metalli pesanti in forma ionica o come complessi labili sia inorganici che organici.

10 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Per laccumulo della maggior parte dei metalli pesanti viene impiegata la resina Chelex 100. Per l As viene utilizzata la resina Metsorb al biossido di titanio. Per il Hg viene impiegata una resina con gruppi tiolici. I DGT (Diffusive Gradients in Thin Films) sono stati ideati e realizzati nellUniversità di Lancaster da Bill Davison e Hao Zhang nel 1993, ma in Italia sono poco studiati e applicati. Sono dispositivi in plastica che contengono una resina in grado di legare elementi in traccia in forma ionica o come complessi labili sia inorganici che organici. La resina è immersa in un sottile strato di gel e separata dallesterno da un gel di diffusione e un filtro. Immersi in acqua per un periodo di tempo variabile a seconda della concentrazione dei metalli pesanti, li accumulano e ne consentono una misura integrata nel tempo. Nel nostro studio sono stati lasciati immersi in diverse stazioni di misura per 15 e 30 giorni. Le analisi sono state fatte mediante spettrofotometria di assorbimento atomico e di emissione al plasma.

11 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Un primo confronto tra i risultati dei DGT e il test del neutral red ha mostrato che ad elevate concentrazioni di Ni, Cd e Cu corrisponde un maggior grado di instabilità delle membrane lisosomali di emociti di mitilo. Sistema di monitoraggio integrato: Accumulatori passivi e biomarkers Località: foce scolmatore dellArno (LI)

12 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Sistema di monitoraggio integrato: Speciazione, bioaccumulo e ecotossicologia Bioaccumulo in policheti Bioaccumulo in anfipodi Saggi ecotossicologici Biomarkers

13 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011


Scaricare ppt "UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE La strategia per lambiente marino e il progetto MOMAR Alberese, 20 maggio 2011 Nuovi approcci per il monitoraggio di contaminanti."

Presentazioni simili


Annunci Google