La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTERPRETARE I TESTI ATTRAVERSO IL MODELLO VALENZIALE Ragioniamo sulla lingua italiana Firenze, 8 settembre 2015 Rosalia Gambatesa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTERPRETARE I TESTI ATTRAVERSO IL MODELLO VALENZIALE Ragioniamo sulla lingua italiana Firenze, 8 settembre 2015 Rosalia Gambatesa."— Transcript della presentazione:

1 INTERPRETARE I TESTI ATTRAVERSO IL MODELLO VALENZIALE Ragioniamo sulla lingua italiana Firenze, 8 settembre 2015 Rosalia Gambatesa

2 Il bastone fatato Un giorno il piccolo Claudio giocava sotto il portone e per la strada passò un vecchietto con gli occhiali d'oro che camminava curvo, appoggiandosi ad un bastone. Proprio davanti al portone il bastone gli cadde di mano. Claudio fu pronto a raccoglierlo e lo porse al vecchio che sorrise e disse: - Grazie, ma non mi serve. Posso camminare benissimo senza. Se ti piace, tienilo! Claudio rimase lì, con il bastone fra le mani e non sapeva che farne. Era un comune bastone di legno. Il bambino picchiò due o tre volte il puntale per terra, poi, quasi senza pensarci, inforcò il bastone ed ecco che non era più un bastone, ma un cavallo, un meraviglioso puledro che si lanciò al galoppo intorno al cortile. Quando Claudio, meravigliato e un po' spaventato, riuscì a rimettere i piedi per terra, il bastone era di nuovo un bastone. È certamente un bastone fatato - disse Claudio inforcandolo di nuovo. Il pomeriggio passò veloce tra quei giochi. Verso sera, il bambino si affacciò per caso sulla strada, ed ecco il vecchietto dagli occhiali d'oro. Ti piace il mio bastone? - domandò sorridendo. Claudio credette che lo rivolesse indietro e glielo tese arrossendo. Ma il vecchio fece cenno di no. Che cosa ne faccio, ormai, di un bastone? Tu ci puoi volare, mentre io mi ci potrei soltanto appoggiare. E se ne andò sorridendo. Gianni Rodari Rosalia Gambatesa

3 PRIMA LETTURA per dare il tempo all’immaginario di aprire uno spazio, fantastico ed emotivo, intorno alle parole. Rosalia Gambatesa

4 La costruzione linguistica del ‘personaggio’ Rosalia Gambatesa

5 Intervista doppia Da dove vengo? Quanti anni ho? Cosa guardo in Tv? Che musica ascolto? Cosa mi piace mangiare? Che titolo di studio ho? Come sono fatto fisicamente? Com’è la mia famiglia? ecc., ecc., ecc., Rispondo prima come io Rispondo dopo come Claudio Rosalia Gambatesa

6 RIFLETTIAMO Abbiamo scoperto che, nella lingua, si aggiungono alle parole che nominano ‘i personaggi’ altre parole che servono a farceli vedere/immaginare. La parola che nomina il personaggio insieme a quelle che ce lo fanno vedere costituiscono una espressione linguistica nominale Rosalia Gambatesa

7 Definendo … Nel modello della grammatica valenziale le parole che si aggiungono a quella che nomina il ‘personaggio’ si chiamano CIRCOSTANTI Rosalia Gambatesa

8 Quale circostante di Claudio ce lo fa immaginare-vedere come un bambino? ‘il piccolo’ Gianni ha deciso di usare un’espressione generica che non dice precisamente l’età. Perché? Rosalia Gambatesa

9 Dati da osservare: -il nome con la maiuscola -la parola ‘il’ Gianni ha deciso di trattare Claudio come se noi lo conoscessimo da sempre e dunque ‘piccolo’ nomina indirettamente l’età perché l’effetto espressivo che vuole ottenere è proprio quello di farcelo vedere con gli occhi di una specie di zio affettuoso. Rosalia Gambatesa

10 Occhio al circostante… Nei circostanti possiamo scoprire molto del punto di vista di chi sta parlando Rosalia Gambatesa

11 Concettualizzando Formalizzando Rosalia Gambatesa

12 L’età… Rosalia Gambatesa Claudio il piccolo

13 Le espressioni… Rosalia Gambatesa Claudio meravigliat o un po’ spaventato e,

14 Un bastone Rosalia Gambatesa un bastone com une legn o di

15 Un vecchietto Rosalia Gambatesa Un vecchi etto gli occhiali d’oro con che camminava curvo Appoggi andosi a un bastone

16 Alla fine del percorso sulla costruzione linguistica del personaggio SCUOLA PRIMARIA I circostanti:le parole che nominano (quelle a desinenza nominale): il nome, l’aggettivo, l’articolo I legami: la concordanza, la preposizione Rosalia Gambatesa

17 La costruzione linguistica della storia Rosalia Gambatesa

18 animare i personaggi spazio direzione tempo forza Le azioni Le condizioni I giudizi Rosalia Gambatesa

19 Il piccolo Claudio giocava Collocato sullo sfondo della scena Ripiegato in se stesso In un indefinitezza temporale Con una presenza nello spazio molto forte Rosalia Gambatesa

20 Riflettiamo Abbiamo scoperto che ci sono espressioni linguistiche che servono ad animare un personaggio. Rosalia Gambatesa

21 Definiamo… Per animarsi un ‘personaggio’, ovvero ciò di cui parlo, si deve congiungere ad un predicato, ovvero di lui devo dire qualcosa. Il predicato è fatto di un verbo accompagnato eventualmente da un elemento nominale detto ARGOMENTO Anche il protagonista è un argomento del verbo Rosalia Gambatesa

22 Cla udio il picc olo gioc ava Un gior no sotto il porton e

23 Rosalia Gambatesa un vec chie tto pass ò la stra da per gli occ hiali con or o d’ che camminava curvo Appoggi andosi ad un bastone

24 Rosalia Gambatesa Quel baston e era un bastone com une legn o di

25 Alla fine del percorso sulla costruzione linguistica della storia SCUOLA PRIMARIA Il nucleo: le classi di significato dei verbi, gli argomenti e il predicato (la coniugazione del verbi nei modi finiti) I legami: Le preposizioni, la relazione sintattica e quella di significato Rosalia Gambatesa

26 ricorsività dei circostanti… Rosalia Gambatesa Claudio meravigliat o un po’ spaventato e,

27 ricorsività … PICCOLO è una parola senza né tempo né spazio: nomina ma non predica) MERAVIGLIATO/ SPAVENTATO sono parole con il tempo e lo spazio: nominano e predicano) Rosalia Gambatesa

28 Clau dio meravig liato Cla udio spaventat o un po’ e

29 Rosalia Gambatesa un vec chie tto pass ò la stra da per gli occ hiali con or o d’ che cam min ava curv o Appoggi andosi ad un bastone

30 Rosalia Gambatesa un vecchi etto Un vec chie tto appoggia ndosi un bastone ad

31 ricorsività del percorso Scuola primaria Scuola secondaria di primo grado Biennio della scuola secondaria di secondo grado Rosalia Gambatesa

32 Scuola secondaria di primo grado I nuclei secondari: circostanti, argomenti, espansioni frasali, implicito ed esplicito.Forme nominali del verbo Relazione di coordinazione e di subordinazione. Le congiunzioni coordinanti e subordinanti Rosalia Gambatesa

33 Scuola secondaria di secondo grado Argomenti, circostanti e espansioni, nominali e frasali: definizione, classificazione e illustrazione delle forme Il verbo: classificazione della morfologia e illustrazione delle forme I connettivi: segni d’interpunzione, pronomi, preposizioni, congiunzioni, avverbi. Rosalia Gambatesa

34 parole e fili Se in un tessuto ci sono fili fatti apposta per tendere l’ordito e fili per tessere la trama anche in un testo abbiamo osservato che ci sono parole fatte apposta per l’ordito e parole per la trama Rosalia Gambatesa

35 ordito e trama nel testo verbi Le condizioni Le azioni I giudizi Rosalia Gambatesa

36 Maria Lai Telaio. Tecnica mista, Rosalia Gambatesa


Scaricare ppt "INTERPRETARE I TESTI ATTRAVERSO IL MODELLO VALENZIALE Ragioniamo sulla lingua italiana Firenze, 8 settembre 2015 Rosalia Gambatesa."

Presentazioni simili


Annunci Google