La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MARIA CRISTINA MARTIN. Questo percorso didattico si è svolto nellarco dei 5 anni di scuola primaria per una classe della scuola di Sermoneta Scalo (Latina)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MARIA CRISTINA MARTIN. Questo percorso didattico si è svolto nellarco dei 5 anni di scuola primaria per una classe della scuola di Sermoneta Scalo (Latina)"— Transcript della presentazione:

1 MARIA CRISTINA MARTIN

2 Questo percorso didattico si è svolto nellarco dei 5 anni di scuola primaria per una classe della scuola di Sermoneta Scalo (Latina) dal 2004 al 2009

3 IL NOSTRO POSTO NEL MONDO Un mappamondo gonfiabile che passa di mano in mano ci introduce nel mondo della rappresentazione della Terra e del nostro posto sul pianeta.

4 Ma come lo mettiamo il nostro mappamondo? Qual è la posizione più corretta? E se fossimo in un altro punto della Terra?

5 Sul pavimento o su un supporto possiamo appoggiarlo in tutte le posizioni possibili… In ogni città dove siamo stati eravamo dritti come nella nostra città, mentre sul mappamondo viene dritta solo la persona che sta sopra e tutte le altre sono storte, alcune stanno a testa sotto…

6 Decidiamo che lunica possibilità è quella di posizionare il mappamondo con il luogo che abbiamo scelto sopra, in modo che la persona che sta lì risulti stare dritta THAILANDIA ARGENTINA

7 A ciascuno il suo posto! Il mappamondo ci aiuta a capire che abbiamo tutti lo stesso SOTTO e tutti SOPRA diversi… ma ciascuno di noi ha tutto il mondo sotto i piedi!

8 Dove si trova la Norvegia? Se chiediamo ad un adulto di dirci dove si trova la Norvegia, posto che la Norvegia è proprio a Nord dellItalia, di norma indica col dito un punto al di sopra dellorizzonte… La linea dellorizzonte rappresenta il confine tra terra e cielo. Sotto lorizzonte cè tutto il resto della Terra, ma PER CIASCUNO TUTTI GLI ALTRI SONO SOTTO IL PROPRIO ORIZZONTE. Anche noi siamo sotto lorizzonte di altri che vivono in altri posti.

9 Alla cartografia può essere associato il nostro posto nel mondo Nella storia tanti diversi punti del pianeta si sono configurati come centro o ombelico del mondo: questo e un effetto delletnocentrismo naturale … IL MAPPAMONDO PARALLELO

10 Un mappamondo orientato come la terra nello spazio, in posizione omotetica rispetto al nostro luogo, ci permette di vedere quello che succede astronomicamente sul pianeta (ombre, albe e tramonti…)

11

12

13 Anche le carte geografiche possono essere rappresentative di diversi punti di vista…

14

15

16 1550

17 IL PERCORSO DEL SOLE E LE STAGIONI

18 IL PERCORSO DEL SOLE RISPETTO ALLORIZZONTE Sulla stessa linea dellorizzonte abbiamo osservato lalba, il tramonto ed il percorso del sole in diversi momenti dellanno (equinozio dautunno, equinozio di primavera, solstizio dinverno, fine dellanno scolastico). Abbiamo notato che il sole fa un percorso basso in inverno, intermedio agli equinozi e molto alto in estate. Il punto di contatto del sole con lorizzonte è diverso nei vari periodi e noi abbiamo ipotizzato il punto dalba e di tramonto per ogni mese dellanno.

19 Lorizzonte del prato ha una zona dove il sole sorge, unaltra dove il sole tramonta, ma a mezzogiorno sta sempre nello stesso punto, sopra un cipresso. Comincia a diventare concreto il bisogno di nominare quelle parti rese significative; si affacciano nelle nostre esperienze i punti cardinali, in forte connessione con ciò che cambia e permane nel cielo del giorno durante le stagioni.

20 Così abbiamo individuato le direzioni del nostro prato: · Il SUD (punto in cui si trova il sole al mezzogiorno vero) è indicato dal cipresso del casolare. · LEST ( punto dove sorge il sole il 21 marzo ed il 23 settembre circa, quando la notte ed il giorno durano 12 ore ciascuno) sta a destra di Norma, nella gola più bassa tra le montagne. · LOVEST (punto dove tramonta il sole il 21 marzo ed il 23 settembre circa) sta al centro della cattedrale. · Il NORD ( dove il sole non passa mai) è indicato dai cipressi sotto lantica Norba.

21

22 Per individuare il percorso del sole nel cielo abbiamo osservato la sua altezza sullorizzonte a mezzogiorno ogni 20 del mese, a partire da dicembre Data rilevazioneAltezza sullorizzonte 20 dicembre 11 dita 20 gennaio14 dita 20 febbraio17 dita 20 marzoNon possibile 20 aprile21 dita 20 maggio24 dita 20 giugnoIpotesi: 27 dita

23 Sappiamo che a giugno raggiunge il punto più alto nel cielo (quando il giorno dura 15 ore e la notte 9 ore) da luglio in poi il sole comincia ad abbassarsi di nuovo, per tornare al punto minimo in dicembre (quando il giorno dura 9 ore e la notte 15 ore)

24 Utilizzando le foto abbiamo ricostruito lorizzonte del prato dellalbero che dorme, segnalato i punti di alba e tramonto in equinozi e solstizi e disegnato gli archi dei percorsi del sole, utilizzando i dati delle nostre rilevazioni: rosso il percorso estivo, arancione il percorso primaverile e autunnale che coincidono e giallo quello invernale

25 RAGIONANDO SUL GIORNO E LA NOTTE Il passaggio dal giorno alla notte è graduale, te ne accorgi al tramonto perché il sole va sotto allorizzonte con un movimento lento e continuo. La luce del sole si sparge sui posti della terra con continuità: ogni momento cè un posto dove cè lalba ed un posto dove cè il tramonto. Una parte della terra è illuminata ed unaltra parte è al buio. Nella parte illuminata il sole non si vede allo stesso modo: ruotando su se stessa la terra determina il giorno e la notte per ogni luogo. OGNI PUNTO DELLA TERRA ENTRA NELLA LUCE ALLALBA E SI AVVICINA ALLA PARTE CENTRALE DELLA TERRA ILLUMINATA (MATTINA).QUANDO È AL CENTRO È MEZZOGIORNO, POI SI ALLONTANA DAL CENTRO (POMERIGGIO). QUANDO ESCE DALLA ZONA ILLUMINATA DELLA TERRA È IL TRAMONTO. POI VIENE LA NOTTE.

26 I bambini non sono però soddisfatti: limmagine bidimensionale non è troppo convincente. Occorre un modello tridimensionale. Allora abbiamo ricostruito in un grande anello lo stesso orizzonte, lo abbiamo forato nei diversi punti dalba e tramonto e con le asticelle flessibili per costruire gli aquiloni abbiamo riprodotto gli archi dei percorsi del sole nelle diverse stagioni: la collocazione nello spazio era molto più soddisfacente. In ogni asticella abbiamo infilato una pallina di polistirolo colorata secondo la nostra convenzione momentanea (rosso-estate, arancione-primavera/autunno, giallo-inverno)

27

28

29 Per rappresentare ciò che accadeva abbiamo collocato al centro dellanello una sagoma umana con tre paia di braccia: due gialle a indicare alba e tramonto invernali, due arancioni per alba e tramonto primaverili e autunnali e due rosse per alba e tramonto estivi Le braccia costruiscono una farfalla…forse non sarà la stessa in altri posti del mondo. Questo modello insieme alle esperienze ci ha permesso di cominciare a ragionare sul sistema sole-terra, a partire dalla terra e dalla percezione.

30 Un microanello con il nostro orizzonte e la sagoma Kali è stato utilizzato per allargare il punto di vista dal micro al macro: posizionato sul mappamondo, su mappe e carte geografiche ha reso naturali le coordinate e i punti cardinali

31

32 La sagoma con le sue sei braccia disegnava una farfalla che ha segnato una tappa del percorso sulle stagioni, aprendo una serie di questioni alle quali abbiamo tentato di rispondere fino alla fine della quinta, cercando di capire ciò che accade negli altri luoghi del pianeta.

33 Un esempio dei tentativi di comprendere ciò che accade nel mondo tenendo conto di altre possibilità e diversità di percezione riguarda la rappresentazione del percorso del sole

34 Se chiedi ad una persona di indicarti il percorso che fa il sole nel cielo, spontaneamente disegna con il braccio un arco che va da sinistra a destra. Il corpo ha una memoria di quello che accade intorno, anche se la persona non ci ha mai riflettuto.

35 Se chiedi la stessa cosa ad una persona che abita nella parte Sud del mondo (per esempio in Brasile), spontaneamente traccia con il braccio un arco che va da destra a sinistra.

36

37 Questo accade perché il sole passa dritto dalle parti dellEquatore (che divide la terra in emisfero Nord ed emisfero Sud); perciò chi abita a Nord spontaneamente guarda verso Sud, chi abita a sud, spontaneamente guarda verso Nord: entrambi vedono lo stesso percorso, ma da punti di vista opposti. Noi che abitiamo al Nord faremmo molta fatica per vedere il percorso del sole guardando verso Nord: dovremmo piegare la testa allindietro pere poter osservare larco. Lo stesso vale per chi abita a Sud se decidesse di osservare il sole guardando a Sud, ossia dalla parte opposta rispetto a dove si trova il Sole. QUESTIONE DI COLLO!!!

38 Un parco, il sole e le stagioni ci hanno fatto compagnia per tutti e cinque gli anni passati insieme. Le nostre informazioni erano troppo locali. Volevamo capire cosa succedesse in altri luoghi, avendo la certezza che sul nostro pianeta cerano molte differenze e che la parola stagioni avesse significati molto diversi a seconda dei luoghi. Abbiamo deciso di chiedere dati e informazioni in altri luoghi. In una corrispondenza con la scuola di Esquel, in Patagonia (Argentina) - con latitudine speculare rispetto a Sermoneta (41° Sud) - ci siamo scambiati i dati sulla durata del giorno e della notte nel corso dellanno, in relazione alle stagioni e ci siamo resi conto che era tutto rovesciato e speculare rispetto a noi (il giorno più lungo, gli inizi delle stagioni, le ore di luce…).

39 IL GIORNO DI EL BOLSON CORRISPONDE ALLA NOTTE DI SERMONETA IL GIORNO DI SERMONETA CORRISPONDE ALLA NOTTE DI EL BOLSON

40 SERMONETASERMONETA EL BOLSONEL BOLSON

41 Linteresse è stato grande, ma anche il disorientamento e lentamente cominciava ad affacciarsi, anche attraverso un percorso scientifico, la consapevolezza che quello che vediamo e percepiamo non è uguale in tutti i posti della terra: in ciascun luogo il sole si comporta in modo diverso. La prospettiva interculturale toglie ogni scienza da una presunta neutralità e le assegna lesplicitazione di una prospettiva etica e politica (DAmbrosio, 2002)


Scaricare ppt "MARIA CRISTINA MARTIN. Questo percorso didattico si è svolto nellarco dei 5 anni di scuola primaria per una classe della scuola di Sermoneta Scalo (Latina)"

Presentazioni simili


Annunci Google