La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gestione luci ed energia 04 - MINIMO DOMOTICO E PREDISPOSIZIONI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gestione luci ed energia 04 - MINIMO DOMOTICO E PREDISPOSIZIONI."— Transcript della presentazione:

1 Gestione luci ed energia 04 - MINIMO DOMOTICO E PREDISPOSIZIONI

2 Il minimo domotico La distribuzione del segnale La distribuzione dellenergia La gestione delle luci Predisporre le infrastrutture domotiche SOMMARIO

3 OBIETTIVO DEL MODULO Al termine del corso conoscerete: il concetto di minimo domotico la differenza tra installazione e predisposizione come si effettua la distribuzione di potenza nellimpianto domotico come si effettua la distribuzione di segnale nellimpianto domotico quali accorgimenti sono utili alla predisposizione

4 IL MINIMO DOMOTICO Limpianto domotico di base è costituito dallinsieme di prodotti che permettono di sostituire le funzionalità principali di un impianto tradizionale, ovvero la gestione delle luci e la distribuzione dellenergia nella casa. Qual è il punto di partenza per progettare un impianto domotico?

5 IL MINIMO DOMOTICO Dal minimo domotico … …allinstallazione e predisposizione.

6 IL MINIMO DOMOTICO Qual è il ruolo del minimo domotico? IMPIANTO DOMOTICO DI BASE Distribuzione energia Gestione luci

7 LA DISTRIBUZIONE DELLENERGIA

8 RESTART Funzione: richiusura automatica in caso di scatto intempestivo dellinterruttore Controllo di isolamento prima della richiusura, e blocco in caso di guasto

9 RESTART AUTOTEST 1) SGANCIO INTEMPESTIVO 2) AFFIDABILITÀ NEL TEMPO Richiusura automatica previo controllo isolamento Auto-test periodico Fonte: documento SC23E IEC Brevetto GEWISS

10 RESTART AUTOTEST Ingombro: 5 moduli DIN Stesse funzioni di Restart RD Autodiagnosi settimanale È lunico che garantisce continuità di servizio e protezione durante il test Test sul 100% delle parti elettriche e meccaniche

11 INTERRUTTORI COMPATTI Riduzione di spazi fino al 50% !!!

12 P-COMFORT Evita il black out Continuità di servizio in caso di sovraccarichi Consapevolezza consumi energetici

13 P-COMFORT RELE GESTIONE CARICHI Avviso ottico ed acustico al superamento soglia Gestione completa dei carichi Visualizzazione dei consumi Programmazione tempi di apertura e chiusura carichi

14 P-COMFORT soglia Funzionamento

15 P-COMFORT A v Collegamento

16 P-COMFORT Norme di riferimento:EN EN EN EN EN60688 Tensione nominale di alimentazione Un (V): 230 Corrente nominale di esercizio In (A): 25 Contatto relè NC (carico gestito): 16A/250Vac Assorbimento (VA): 2 Campo di misura (kW): 0¸6.5 Precisione: 1 % Ingombro (moduli): 2 230V

17 SCARICATORE DI SOVRATENSIONE Per salvaguardare gli utilizzatori dai picchi di tensione: Gli scaricatori di sovratensione hanno la funzione di connettere a terra le parti attive in caso si presenti un repentino innalzamento della tensione.

18 BIOCOMFORT (DISGIUNTORE) Il disgiuntore BIOCOMFORT elimina i disturbi elettromagnetici togliendo la tensione dellimpianto quando tutti i carichi ad esso collegati sono spenti.

19 DISTRIBUZIONE DELLENERGIA Punto luce alimentato da attuatore BUS KNX/EIB Nessuna interferenza Prese Forza motrice

20 LA DISTRIBUZIONE DEL SEGNALE Comandi I comandi sono collegati solo al cavo bus

21 LA DISTRIBUZIONE DEL SEGNALE BUS KNX/EIB Il cavo BUS collega tutti i dispositivi in parallelo. Esempio di collegamento di un punto di comando.

22 PREDISPOSIZIONE CENTRALINO Adottare centralini di grande dimensioni, oppure più centralini, uno per ogni zona della casa centralini energia (con le protezioni) e centralino logico (con prodotti bus)

23 PREDISPOSIZIONE SCALTOLE Consigliare scatole di derivazione con premontata la guida DIN Guida DIN: Per laggancio dei moduli domotici e dei morsetti per di cablaggio Scudo protettivo: In dotazione di serie con duplice funzione di paramalta e di isolamento acustico Setti separatori: Per accogliere circuiti a tensione diversa

24 PREDISPOSIZIONE CANALIZZAZIONI Portare linea 230V e bus anche in vani dove si può prevedere lutilizzo di automazioni (es. cassonetti tapparelle)

25 PREDISPOSIZIONE DISPOSITIVI Scegliere accuratamente dove adottare dispositivi da incasso e dove utilizzare prodotti da guida DIN.

26 VERIFICA OBIETTIVI DEL MODULO Provate a rispondere alle seguenti domande: Cosa si intende per minimo domotico? Che differenza cè tra installazione e predisposizione? Come si effettua la distribuzione di potenza nellimpianto domotico? Come si effettua la distribuzione di segnale nellimpianto domotico? Quali consigli sono utili nella predisposizione?


Scaricare ppt "Gestione luci ed energia 04 - MINIMO DOMOTICO E PREDISPOSIZIONI."

Presentazioni simili


Annunci Google