La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

indice Il nome La facciata e il portico Il contesto Il tabernacolo Le vetrate La via crucis S. Benedetto Lannunciazione in una pagina del Vangelo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "indice Il nome La facciata e il portico Il contesto Il tabernacolo Le vetrate La via crucis S. Benedetto Lannunciazione in una pagina del Vangelo."— Transcript della presentazione:

1

2 indice Il nome La facciata e il portico Il contesto Il tabernacolo Le vetrate La via crucis S. Benedetto Lannunciazione in una pagina del Vangelo

3 Il nome Il tempio prende nome dai due santi Pietro e Paolo. Nel 2000 fu inaugurato col nome di Santissimi Pietro e Paolo, in Annunciazione.

4 La facciata ed il portico

5 E una Chiesa straordinariamente bella e funzionale, costruita in uno stile moderno: è colorata con simbologie cristiane, è ricca di significati in ogni suo elemento, ha altari di pietra e legno, pavimenti in marmo pregiato, soffitti e infissi di legno. E stata progettata dalling.Luigi Rinaldi. E stata inaugurata il 19 febbraio del 2000 da Mons. Mario Paciello.

6 Il vescovo Mario Paciello ha fatto erigere una lapide dove è scritto: Questo tempio, germoglio dingegno, darte, damore, di solidarietà, edificato per onorare lAnnunciazione del Signore nel giubileo del duemillesimo anno dellincarnazione del figlio di Dio il dì 19 Febbraio Mario Paciello vescovo con solenne rito e grande concorso di presbiteri e di fedeli laici alla Trinità beata umilmente dedicava.

7 Il contesto Sorta nel quartiere della zona Peep, essa si può intravedere in molti punti della città, perché è posta molto in alto; è circondata dai campi e dalla circonvallazione. Il tempio è sorto a forma di tenda circolare per ricordare il tendone dove, fino ad alcuni anni fa, nello stesso spazio, Don Vito Cassese celebrava la Santa Messa.

8 A destra della Chiesa c'è la circonvallazione da dove si può osservare il castello svevo. A sinistra della Chiesa c'è invece, un colonnato con varie stanze: l'auditorio dove si svolgono il catechismo e le riunioni, la biblioteca, la sala cinematografica e un ufficio. C'è un viale che porta dritto alla controporta che è fatta di un legno rossiccio: legno di Paduk.

9 Ai lati della controporta ci sono delle vetrate molto colorate e brillanti su cui sono raffigurati San Pietro e San Paolo. San Pietro è stato raffigurato con le chiavi del Paradiso in mano. Ai piedi del Santo, sono raffigurati dei pesci perché San Pietro era un pescatore. San Paolo è raffigurato con una croce in mano e una spada. Ai piedi del Santo, c'è un piccolo falò. Il tetto è fatto di un legno molto pregiato, la sua punta si innalza impetuosamente verso il cielo. Le vetrate

10 Linterno La Chiesa sorge nella zona industriale gravinese ed è di nuova concezione. Allesterno appare gigante, mastodontica e allinterno non è da meno. Tante file di panche di legno pregiato formano un viale che conduce allaltare. Laltare è di marmo bianco con microscopiche macchioline arancioni, impercettibili da lontano. Su di esso cè la Sacra Bibbia, che è bellissima e con finiture dorate, poi il portacandele, il piccolo microfono, il vino e le ostie non consacrate. Stupendo è il motivo di foglie intrecciate che si trova al di dietro dellaltare: il Tabernacolo.

11 Al centro di questo motivo cè una cassetta circolare, che sembra un sole, doro, contenente due calici colmi di vino e ostie consacrate. Il tutto è completato da uno sfondo bellissimo in parte di legno massiccio pregiato e in parte di oro zecchino. A destra cè il trono del sacerdote, anchesso di marmo bianco, e anche il posto dei chierichetti. Di fronte al posto del sacerdote cè una fioriera che contiene fiori variopinti e sempre freschi e profumati. Al centro della foriera un cero alto più di un metro e con in mezzo lo stemma del vescovo che rappresenta una famiglia che va verso Gesù.

12 Lorgano, di legno pregiato, con canne metalliche, è situato dietro di questi. Poi ci sono le stazioni della Via Crucis che sono molto moderne e disegnate, colorate e rifinite da un bravissimo pittore. La fonte battesimale è in pietra e vi scorre acqua durante ogni messa. A partire dalla fonte cè una salita che ripercorre i tre sacramenti principali: Battesimo, Confessione, Comunione. Infatti a desta cè la stupenda fonte, al centro il confessionale di legno, e a sinistra le panche dove si siedono i bambini che ricevono il sacramento più importante.

13 Ci sono tre archi grandissimi che reggono la forma a tenda della Chiesa. Secondo me vogliono dire che dobbiamo seguire il Signore, perché sono rivolte verso il cielo. Una delle sculture più appariscenti e belle della Chiesa è la stupenda Madonna incoronata, che poggia su di una base a forma di luna, doro lucente. Quasi tutte le facciate della Chiesa sono tappezzate di vetrate bellissime e colorate, raffiguranti la Trinità, fatti con disegni primitivi, lAnnunciazione, molto colorata e disegnata con forme indefinite, San Benedetto, che mette in evidenza le principali regole benedettine, San Pietro e San Paolo, con i loro simboli cristiani.

14 Tutte le pareti sono rifinite per metà di vari legni pregiati e con porte che conducono nei vari luoghi interni della Chiesa.

15 Il tabernacolo Al centro della chiesa fa bella mostra il tabernacolo, una stupenda scultura: scolpita su una pietra bianchissima in tanti rami che si innalzano verso il cielo. Al centro ci sono foglie sovrapposte in oro brillante che custodiscono le ostie consacrate di Cristo.

16 La Santissima Trinità Nella vetrata del soffitto è raffigurata la Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo. Lo sfondo è coperto da tanti colori meravigliosi che spandono allegria allinterno della Chiesa.

17 Vetrata di san Pietro La vetrata centrale della chiesa rappresenta San Pietro che stringe tra le mani le chiavi del Paradiso. E' affiancato da molti simboli cristiani: il turibolo che contiene l'incenso e un'ancora infuocata. Sotto di lui c'è il mare con i pesci. La vetrata è fatta con vetro di Murano con tanti colori sfavillanti.

18 Vetrata di san Paolo

19 La Madonna A destra del coro e dell'organo, in alto è situata una scultura di pietra bianca che rappresenta la magnifica immagine della Madonna. Il suo vestito bianco è semplice, decorato solamente da alcune stelle sparse. La Madonna è sospesa sopra una luna orizzontale color oro. In testa porta una pesante corona di oro. Come tutti gli elementi della chiesa dei Santissimi Pietro e Paolo la statua ha un significato completo. La mano destra della Madonna è rivolta al Tabernacolo mentre la sinistra all'assemblea che la invita a seguire suo figlio.

20 La via crucis Le stazioni della Via Crucis sono rappresentate in modo più moderno. Le immagini, colorate in un modo molto vivace, sono quindici, dipinte su tavolette di legno color noce, di forma rettangolare. Le stazioni sono sostenute da bastoni in legno.

21 La prima stazione rappresenta Gesù che si reca sul Monte degli Ulivi. Giunto sul monte dice ai discepoli:- Pregate per non cadere in tentazione- Poi si allontana, si inginocchia e comincia a pregare: - Padre allontana questo calice, sia fatta non la mia, ma la tua volontà. Prima stazione

22 Seconda stazione La seconda stazione rappresenta Gesù che rimprovera i discepoli per essersi addormentati anziché pregare. Giunge Giuda, uno dei discepoli, con una gran folla armata di spade e bastoni. Giuda si avvicina a Gesù e dice:- Ti saluto Maestro!- E gli dà un bacio. Gesù dice:- Giuda, con un bacio tradisci il Figliuolo delluomo.

23 Gesù dice: Chi di spada ferisce, di spada finisce Terza stazione

24 Il rinnegamento di Pietro Quarta stazione

25 La quarta stazione rappresenta il rinnegamento di Pietro. Pietro era fuori al Sinedrio, nel cortile, si stava scaldando insieme agli altri, intorno al fuoco. Una serva lo riconobbe dicendogli che era uno dei seguaci galilei, di Gesù. Pietro rinnegò Gesù per tre volte. Mentre lo rinnegava per la terza volta, il gallo cantò e, in quellistante, Pietro si ricordò delle parole di Gesù e, dopo essersi allontanato, pianse amaramente.

26 Quinta stazione La quinta stazione, rappresenta Gesù davanti a Ponzio Pilato. Il governatore lo interroga:- Sei tu il Re dei Giudei?- Gesù risponde:- Tu lo dici- Allora Pilato lo fece flagellare.

27 Sesta stazione La flagellazione

28 La settima stazione rappresenta Gesù quando con la croce sulle spalle sale sul Calvario dove viene crocifisso. Settima stazione

29 Ottava stazione Lottava stazione rappresenta la prima caduta di Gesù. Un uomo di Cirene, chiamato Simone aiutò Gesù a prendere e sostenere il peso della croce.

30 La nona stazione rappresenta Gesù con il viso segnato dalla stanchezza e dal dolore che consola le tre donne addolorate, perché vedono soffrire il Figlio di Dio. Nona stazione

31 Decima stazione La decima stazione rappresenta Gesù che viene inchiodato sulla croce e un romano malvagio che conficca i chiodi nelle mani e nei piedi di Gesù. Il popolo urlava:- A morte!- Gesù muore in croce per salvare il popolo.

32 Il buon ladrone Undicesima stazione

33 Dodicesima stazione

34 I Giudei chiesero a Pilato di tagliare le gambe e di rimuovere i crocifissi. Così Pilato li accontentò. I soldati tagliarono le gambe ai ladroni. Vedendo che Gesù era già morto non gli tagliarono le gambe, ma lo colpirono al costato con una lancia. Subito ne uscì sangue e acqua. Poi lo spogliarono e lo tolsero dalla Croce. Dice la scrittura: Volgeranno la faccia a colui che hanno trafitto.

35 Tredicesima stazione La tredicesima stazione, rappresenta due soldati e una donna, che guardano il sole mentre si scurisce. Questo accadde il venerdì santo, quando Gesù spirò.

36 Le donne trovano il sepolcro vuoto Quattordicesima stazione

37 La Resurrezione

38 San Benedetto

39 San Benedetto da Norcia Nacque in Umbria, intorno al 480. Mandato dai genitori a studiare a Roma, lasciò presto la città per entrare in una comunità di chierici. Poco tempo dopo si ritirò, per vivere da eremita, in una grotta presso Subiaco.

40 Molti discepoli si raggrupparono intorno a lui e per essi Benedetto costruì piccoli monasteri. Intorno al 1530 lasciò Subiaco per Montecassino dove fondò la grande Arcibazia.

41 Proprio a Montecassino promulgò la sua Regola, dalla quale viene il motto che è giustamente considerata uno dei più potenti fattori nella civilizzazione dell' Europa cristiana e che divenne modello per tutti i monaci occidentali che la chiamarono " la Santa Regola ".

42 Benedetto morì probabilmente intorno al 547. Il corpo è custodito a Montecassino. Nel 1964 Papa Paolo VI lo proclamò E anche il protettore degli agricoltori e degli architetti.

43 Al sesto mese langelo Gabriele fu mandato da Dio nella città di Nazaret da Maria, una vergine fidanzata con un uomo, Giuseppe, della casa di Davide. Langelo entrato da Maria disse:- Ti saluto o favorita della grazia il Signore è teco (con te). Maria fu turbata da un tale saluto e langelo le disse:- Non temere Maria perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dellAltissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre.- Allora Maria disse allangelo:- Come è possibile? Non conosco uomo!- Langelo le rispose:- Lo Spirito Santo, scenderà su di te, su di te scenderà la sua ombra e la potenza dellAltissimo. Colui che nascerà sarà dunque Santo e chiamato Figlio di Dio.- Maria disse:- Eccomi sono la serva del Signore avvenga di me quello che hai detto.- E langelo ripartì.

44 IV CIRCOLO T.FIORE- GRAVINA Classi V C e V D Ins. Maria Cristallo Ins. Enza Corizzo Ins. M.Antonietta Altieri anno scolastico


Scaricare ppt "indice Il nome La facciata e il portico Il contesto Il tabernacolo Le vetrate La via crucis S. Benedetto Lannunciazione in una pagina del Vangelo."

Presentazioni simili


Annunci Google