La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il quadro storico I grandi tragediografi Comera il teatro Si va in scena!

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il quadro storico I grandi tragediografi Comera il teatro Si va in scena!"— Transcript della presentazione:

1 Il quadro storico I grandi tragediografi Comera il teatro Si va in scena!

2 Il teatro nacque ad Atene nel momento di maggior splendore della polis, ovvero il V secolo a.C. Infatti, senza più lombra incombente della minaccia persiana, si era consolidata la democrazia e contemporaneamente il benessere economico permetteva di devolvere considerevoli quantità di denaro per le opere pubbliche ( come,ad esempio, il Partenone), e feste in onore degli dei. E grazie alle Grandi Dionisie, celebrazioni in onore del dio che si tenevano ogni primavera, che nasce il teatro ad Atene. Infatti nella casa del dio situata sullAcropoli di Atene accorreva tutti gli anni una folla numerosissima composta non solo da ateniesi, ma da greci provenienti da ogni angolo dell Ellade. Lì i poeti prescelti dallarconte della città si sfidavano tra loro presentando ciascuno una trilogia, tre tragedie e un dramma satiresco. Particolare della scultura Ermes con Dioniso bambino dello scultore Prassitele, conservata ad Olimpia nel Museo Archeologico.E alle alle celebrazioni in onore di Dioniso che si deve la nascita del teatro. MenuUscitaSuccessiva

3 Democrazia e teatro: due parole che, ad Atene sono strettamente legate. Già, perché, se è vero che il teatro si afferma nel V secolo con laffermarsi della democrazia ed il benessere economico, è altrettanto veritiero dire che esso, seppure in una forma più rozza e primitiva, nacque sotto il tiranno Pisistrato. Sembra un paradosso che una forma darte importante e di successo come la rappresentazione teatrale si formi in un momento in cui la popolazione non ha la condizione che i greci bramano più di ogni altra: la libertà. Eppure, se si vanno ad analizzare bene le intenzioni di Pisistrato, quella di istituire il teatro fu unottima mossa politica per tenere buona la popolazione. Qualche anno più tardi, Pericle giunse alla conclusione che i cittadini potevano essere educati ai concetti di uguaglianza di fronte alla legge (isonomia) e di libertà despressione (isegoria) grazie al teatro: questo divenne così lo strumento con cui rafforzare e diffondere i nuovi ideali democratici. Ne è un ottimo esempio la tragedia leSupplici di Euripide in cui, alla domanda Chi è il sovrano di questa terra? posta al leggendario re di Atene Teseo, questi risponde che Atene non ha un padrone, è una città libera. e continua illustrando al visitatore straniero il sistema democratico della pòlis. Veduta del Teatro di Dioniso ad Atene MenuUscitaPrecedenteSuccessiva

4 Una delle caratteristiche principali del teatro del V secolo era che la trama della tragedia si concentrava su un unico avvenimento: scelto un tema, il poeta costruiva unopera completa su quello, inserendo, a volte, per facilitarne la comprensione agli spettatori, degli eventuali episodi precedenti. Nel capitolo VIII de la Poeticadi Aristotele si legge il pensiero del filosofo, secondo cui tutti gli avvenimenti rappresentati dovevano riferirsi ad un unico personaggio, ma anche ad un unico fatto avente un suo inizio, svolgimento e conclusione. Nel capitolo V si apprende la seconda regola, ovvero che gli avvenimenti narrati dovessero essere contenuti nella durata di un giorno (un giro di sole o poco più) ed infine nel capitolo XXIV Aristotele scrive che i fatti dovevano svolgersi tutti nello stesso luogo. Tuttavia il fatto che i drammaturghi del V secolo si attenessero spontaneamente a queste tre disposizioni nonostante La Poeticanon fosse stata ancora composta, testimonia, da parte degli scrittori di opere teatrali, la voglia di creare rappresentazioni semplici e lineari che si distinguessero dallepopea tradizionale, e, da parte del filosofo, lintenzione di tramandare questi canoni anche alle generazioni future. Maschera teatrale in terracotta MenuUscitaSuccessivaPrecedente

5 La città di Atene fu lincubatrice perfetta per gli elementi compositivi della tragedia, che raggiunsero livelli di maestria e raffinatezza ineguagliabili. Gli spettacoli teatrali non si rivolgevano al singolo cittadino, ma attraverso le vicende di re ed eroi, riuscivano a creare una coesione dei singoli individui, che riconoscevano nelle storie rappresentate il proprio passato comune: labilità dei tragediografi stava nel rappresentare non lintera vita di un personaggio, ma solo qualche episodio, al fine di renderlo contemporaneo. Secondo il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche, la tragedia greca era la sintesi perfetta delle componenti apollinee e dionisiache: ovvero aveva trovato il giusto equilibrio tra la saggezza di Apollo e la sfrenatezza di Dioniso. Più semplicemente, basta notare una cosa: le domande che si ponevano i personaggi delle tragedie, i rapporti tra io e il mondo, io e la comunità sono le stesse che si pone luomo moderno; per questo possiamo affermare di essere noi stessi i protagonisti della tragedia. Dioniso ( a sinistra) ed Apollo, i due dei a cui la tragedia greca si ispira per caratteristiche MenuUscitaSuccessivaPrecedente

6 VI secolo a.C. Il leggendario tragediografo Tespi effettua le prime rappresentazioni teatrali nelle città greche su un carro. 543 a.C. Pisistrato, tiranno di Atene, istituisce gli agoni tragici. 472 a.C. Viene rappresentata la tragedia di Eschilo I Persianisulla battaglia di Salamina.E la più antica opera teatrale che ci è pervenuta. 431 a.C. Viene rappresentata la Medea di Euripide. 428 a.C. Sofocle compone LEdipo Re, considerata la tragedia per eccellenza da Aristotele. V-IV secolo a.C. Con il declino di Atene si assiste anche a quello del teatro. IV secolo a.C. Aristotele espone la sua teoria sulla struttura del dramma teatrale. PrecedenteUscitaMenu

7 Eschilo Euripide Sofocle Aristofane MenuUscita

8 MenuUscitaTorna alla pagina I grandi tragediografi Eschilo nacque ad Eleusi nel 525 a.C. Il luogo di nascita, centro del culto di Demetra, comunicò una profonda religiosità al suo animo. Fu iniziato al culto della dea e più tardi venne anche accusato di averne rivelato i misteri (forse nelle Eumenidi). Giovanissimo, Eschilo esordì prima come attore, poi come autore di drammi. Il poeta vinse il suo primo premio nelle gare tragiche nel 484 a.C.; in quegli anni partecipò anche alla lotta della Grecia contro i Persiani (nella battaglia di Maratona, peraltro, combatté al fianco di un suo eroico fratello, Cinegiro). Quando Gerone di Siracusa fondò la città di Etna (474 a.C. ), il poeta, invitato a corte, vi fece rappresentare le "Etnee". Nel 468 a.C., ritornato ad Atene, Eschilo fu battuto per la prima volta da Sofocle. Durante la sua attività, Eschilo ottenne 13 vittorie nei concorsi teatrali. Nel 458 a.C., dopo la vittoria ottenuta con l'Orestea, per ragioni non molto chiare fece ritorno in Sicilia, dove morì a Gela nel 456 a.C.. Sulla morte di Eschilo ci è stata tramandata una curiosa leggenda secondo la quale un'aquila avrebbe lasciato cadere, per spezzarla, una tartaruga sulla testa del tragediografo, scambiandola, data la calvizie, per una pietra. Busto di Eschilo Vai a Le Opere

9 A Eschilo sono attribuiti da 70 a 90 drammi; a noi ne sono giunti 7, secondo una scelta operata in età romana e trasmessa nel Medioevo: Supplici, Persiani, I sette contro Tebe, Prometeo incatenato, Agamennone, Coefore, Eumenidi (le ultime tre formano l'unica trilogia completa superstite, l'Orestea). La prima tragedia in ordine di tempo sembra essere le Supplici, per ragioni storiche e interne (la sua estrema semplicità e la prevalenza delle parti corali, che ci rimandano alle origini del teatro tragico); completavano la tetralogia gli Egizi, le Danaidi e il dramma satiresco Amimone. Le Supplici sono le 50 figlie di Danao che fuggono dall'Egitto per sottrarsi alle nozze con i cugini. Giunte ad Argo implorano la protezione di Pelago che è così posto dinnanzi al dilemma di rifiutare l'accoglienza, incorrendo nelle ire di Zeus, o concederla, rischiando una guerra: prevarrà la riverenza per il re degli dei. I Persiani sono a loro volta l'unico dramma storico greco a noi noto, dramma anch'esso dai caratteri semplici e austeri di un teatro arcaico. Il contrasto tra un regime dispotico e quello della democrazia, animatrice di un amore profondo per la libertà e la patria, appare il tema principale di Eschilo in questa rappresentazione, nel 472 a.C.. Nel 467 a.C. Eschilo riportò ancora la vittoria con la tetralogia del mito di Edipo, di cui ci sono giunti I sette contro Tebe. Della successiva trilogia di Prometeo ci è giunto il Prometeo incatenato, con la vicenda del titano incatenato da Giove in Scizia per aver trasmesso ai mortali il fuoco. Capolavoro di Eschilo è l'Orestea, che somma tutti i motivi fondamentali del suo pensiero religioso e della sua arte teatrale e ne porta alle vette la poesia. Il potere e la ricchezza generano quasi ineluttabilmente la tracotanza, la colpa chiama la vendetta divina, il sangue versato inizia una catena di delitti e di lutti che non può concludersi se non con un atto di perdono e con una giustizia superiore, che s'incarna nelle nuove divinità, in una nuova religiosità, nel tribunale di un popolo intero retto a democrazia. Tragedia di lunghezza insolita per Eschilo (1673 versi), l'Agamennone è costruita con una sapienza rara di effetti scenici e contiene, soprattutto in apertura, nelle parti corali e nel delirio di Cassandra, squarci di altissima poesia. Torna alla pagina I grandi tragediografiMenuUscita

10 Euripide nacque ad Atene verso il 480 a.C.. Secondo una delle molte maldicenze dei comici sui poeti, il padre (Mnesarco) era un oste e la madre (Clito) un'erbivendola. In realtà la sua famiglia doveva essere piuttosto benestante e aveva alcune proprietà a Salamina e sua madre, più che una povera popolana, probabilmente, era una ricca proprietaria terriera. Euripide, a differenza di Eschilo e di Sofocle, non prese parte attiva alla vita politica della sua città, anche se sono evidenti le sue simpatie democratiche e progressiste. Secondo la tradizione, Euripide si sarebbe sposato due volte e, in ambedue le occasioni, poco felicemente. In ogni caso il poeta aveva fama di misogino e preferiva la vita ritirata immersa nello studio (possedette, peraltro, una delle prime e più ricche biblioteche private). Verso la fine della sua vita si recò forse a Magnesia, certo a Pella, capitale del regno macedone, presso la corte di Archelao. Euripide morì a Pella, in Macedonia, nel 406 a.C.. Secondo una leggenda, il poeta morì sbranato da alcuni cani. La notizia della sua morte giunse ad Atene mentre si stava iniziando uno spettacolo teatrale. Sofocle e tutta Atene dimostrarono il loro profondo cordoglio prendendo il lutto. Busto di Euripide MenuTorna alla pagina I grandi tragediografiVai a Le OpereUscita

11 MenuTorna alla pagina I grandi tragediografiUscita Di lui si conservano 17 tragedie. Gli piace mescolare i miti variandoli, ne intreccia due o tre cambiando il finale o complicando così tanto la trama che è sempre necessario un DEUS EX MACHINA che dica cosa fare, all'uomo che non lo sa, sbloccando la situazione e risolvendola artificiosamente. Introduce innovazioni tecniche. Ad esempio, Timeo (un suo musicista) fece una musica nuova e scandalosa per gli ateniesi, con una sillaba passava per due - tre note e non più per una sola. I suoi personaggi non sono eroi ma uomini che soffrono senza principi a cui essere ligi (è il sofismo) e in lunghi monologhi riversano tutte le loro incertezze. Non aumenta né gli attori né il coro, anzi questo continua a perdere importanza, tanto da non potersi più contrapporre all'eroe. Può solo compatirlo o dargli sentenze ( γνομαι ) con etica di buonsenso, i personaggi non hanno codici di comportamento e si rifugiano nella γνομη. Delle 92 opere da lui scritte, ce ne sono giunte solo 19: Alcesti 438 a.C., vince il secondo premio Medea 431 a.C., vince il terzo premio Ippolito 428 a.C., vince il primo premio Gli Eraclidi fra il 430 e il 427 a.C. Andromaca fra il 429 e il 425 a.C. Ecuba 424 a.C. Le Supplici 422 a.C. Eracle 415 a.C. Le Troiane 415 a.C., vince il secondo premio Elettra 413 a.C. Ifigenia in Tauride 413 a.C. Elena 412 a.C. Ione forse 412 a.C. Le Fenicie fra il 411 e il 409 a.C., vince il secondo premio Oreste 408 a.C. Ifigenia in Aulide 403 a.C., vince il primo premio Le Baccanti 403 a.C., vince il primo premio Ciclope (dramma satiresco) datazione molto incerta, forse il 427 (?) a.C. Reso (tragedia di scarso valore, scritta probabilmente da un imitatore nel IV sec. a.C.)

12 Sofocle nacque nel 495 o nel 496 a.C. nel demo di Colono, che era un sobborgo di Atene. Figlio di Sophilos, ricco ateniese proprietario di schiavi, ricevette unottima formazione culturale e sportiva, cosa che gli permise a 15 anni di cantare da solista il coro per la vittoria di Salamina. La sua carriera di autore tragico è coronata dal successo: a 27 anni conquista il suo primo trionfo gareggiando con Eschilo. Plutarco, nella Vita di Cimone, racconta il primo trionfo del giovane talentuoso Sofocle contro il celebre e fino a quel momento incontrastato Eschilo. In tutto conquista 24 vittorie, arrivando secondo in tutte le altre occasioni. Amico di Pericle ed impegnato nella vita politica, fu stratega insieme a quest'ultimo nella guerra contro Samo ( a.C.). Inoltre ricoprì un'importante carica finanziaria nel a.C., e quando il simulacro del dio Asclepio venne trasferito da Epidauro ad Atene, Sofocle fu designato ad ospitarlo nella sua casa fino a quando non fosse stato pronto il santuario destinato al dio. Questi fatti testimoniano ulteriormente la grande stima che il poeta greco godeva presso i suoi concittadini. Nelle sue funzioni pubbliche, contribuì all'elaborazione della costituzione dei Quattrocento. Si sposò con Nicostrata, ateniese, che gli diede un figlio, Iofone. Ebbe anche una amante, chiamata Teoris, una donna di Sicione, con cui ebbe un altro figlio, Aristone, padre di Sofocle il giovane. Si dice che, poco prima della sua morte, Iofone intentò un processo al padre Sofocle per una questione d'eredità, affermandone la senilità. La semplice lettura della sua ultima opera mise fine al processo. Morì nel 406 a.C. e la sua ultima tragedia, l'Edipo a Colono, fu rappresentata postuma lo stesso anno in segno di grande onore. Secondo la storiografia antica, notoriamente amante di tali ambigui aneddoti, morì strozzato da un acino d'uva. MenuTorna alla pagina I grandi tragediografiVai a Le OpereUscita Busto di Sofocle

13 LAIACE è la tragedia di un eroe che, divenuto troppo orgoglioso, è umiliato dagli dei. Aiace, furibondo perchè le armi di Achille erano state assegnate ad Ulisse e non a lui, volle uccidere i principi greci; Atena tuttavia gli tolse la ragione e gli fece massacrare gli armenti nellaccampamento.Rimasto solo, si uccise gettandosi sulla sua spada. LANTIGONE. La battaglia attorno a Tebe è terminata. I due figli di Edipo, Eteocle e Polinice, si sono uccisi lun laltro in duello e Creonte ha proibito di dar sepoltura a Polinice. Antigone delibera invece di rendere lestremo onore al cadavere del fratello. Egli viene scoperta e condotta al cospetto di Creonte. Con fierezza, Antigone sostiene che, obbedendo a leggi eterne, a leggi che, seppure non scritte, gli dei hanno fatto conoscere al genere umano e per questo sono poste al di sopra di ogni legge umana, ella ha dunque compiuto il proprio dovere. Antigone è condannata a morte. Sopraggiunge infine lindovino Tiresia, che riesce a far cambiare idea a Creonte, che però si decide quando ormai è troppo tardi: Antigone si è impiccata. LEDIPO RE. Laio, re di Tebe, a cui un oracolo aveva predetto che sarebbe morto per mano del figlio, quando ne ebbe uno lo fece esporre sul Citerone. Ma il servo che aveva dovuto eseguire lincarico, impietosito, lo affidò ad un pastore, che a sua volta lo portò al re di Corinto, che lo fece allevare. Divenuto adulto, Edipo volle recarsi a Delfi per interrogare il dio sul mistero della sua nascita e, nel tornare verso Corinto, uccise, senza sapere chi fosse, Laio. Recatosi infine a Tebe, liberò la città dalla Sfinge risolvendone lenigma e per questo motivo fu proclamato re. La città di Tebe, nel frattempo, viene colpita dalla peste ed Edipo apprende da suo cognato Creonte che la pestilenza cesserà solo quando sarà scoperto luccisore di Laio. Lindovino Tiresia, costretto dal re, gli rivela la verità. Giunge il servo di Laio e anche Edipo apprende lorribile verità: egli ha ucciso il proprio padre e sposato sua madre; per punirsi, si acceca. NellELETTRA, Oreste torna in patria per vendicare la morte del padre Agamennone. Intanto Elettra rimprovera la sorella Crisotemi per la sua rassegnazione e osa affrontare Clitennestra rinfacciandole luccisione di Agamennone. A questo punto giunge il pedagogo che accompagnava Oreste nel viaggio, annunciando la sua morte, avvenuta per una caduta da cavallo durante i giochi di Delfi e riportandone le ceneri. Elettra si dispera, ma non rinuncia a propositi di vendetta, cercando al contempo di persuadere Crisotemi ad unirsi a lei per uccidere Egisto. Giunge Oreste, fingendo di portare le proprie ceneri ed Elettra prorompe in un commovente lamento funebre, che si cambia in giubilo quando Oreste si fa riconoscere. Dopo questa scena Oreste entra nella reggia ed uccide prima la madre Clitennestra e poi lamante di lei, Egisto. Torna alla pagina I grandi tragediografiMenuUscita

14 La tragedia delle TRACHINIE prende il nome dalle donne di Trachis, che formano il coro. Deianira si affligge perchè da lungo tempo non riceve notizie del marito Eracle. Ha appena inviato il figlio Illo a cercarlo, quando un messo annuncia il prossimo arrivo del marito vittorioso. La notizia è confermata da Lica, che conduce con sè una schiava amata da Eracle, cioè Iole, figlia del re Eucrito. Deianira non si mostra gelosa, ma, per assicurarsi lamore del marito, gli manda la tunica bagnata nel sangue del centauro Nesso, da lei creduta potentissimo talismano damore. Appena conosciuti i funesti effetti della tunica donata al marito, ella si uccide. Infine sulla scena viene portato Eracle morente: la tunica lo ha avvelenato. Leroe maledice la moglie, ma, quando scopre la sua innocenza e scorge in quanto è avvenuto la volontà degli dei, si fa preparare il rogo sul monte Eta e comanda al figlio di sposare Iole. FILOTTETE. Filottete, possessore dellarco e delle frecce di Eracle, era stato abbandonato dai Greci nellisola deserta di Lemno, dove passa una vita solitaria e piena di stenti. Poichè loracolo ha predetto che senza le armi e le frecce di Filottete Troia non potrà essere presa, i Greci mandano Ulisse e Neottolemo, figlio di Achille, ad impadronirsi di quelle armi. Ulisse insegna a Neottolemo il modo di guadagnarsi lanimo di Filottete, che, a causa dellingiusto trattamento subito, serba rancore contro i Greci.Linganno riesce, ma Neottolemo, che ha veduto i dolori delleroe e ne è rimasto commosso, resiste alle pressioni di Ulisse e gli restituisce larco. A questo punto compare Eracle, che induce Filottete a tornare al campo dei Greci, dove guarirà, ucciderà Paride e prenderà parte allespugnazione di Troia. LEDIPO A COLONO. Il vecchio Edipo, cieco, guidato dalla figlia Antigone, giunge a Colono, nel bosco sacro delle Eumenidi. Il coro, venuto a conoscenza della sua identità, gli intima di allontanarsi, ma, commosso dalle preghiere, manda a domandare consiglio a Teseo, re di Atene. Sopraggiunge laltra figlia di Edipo, Ismene, in cerca del padre e della sorella ed annuncia che Tebe, minacciata da Polinice, non sarà salva se Edipo non torna nella città. Mentre Edipo racconta al coro le sue sciagure. Interviene Teseo, che promette ad Edipo di proteggerlo. Creonte, per costringere Edipo a tornare a Tebe gli rapisce le figlie, ma Teseo restituisce le due giovani al padre. Il figlio Polinice si presenta al padre per chiedergli di favorire i nemici di Tebe, ma Edipo lo respinge, maledicendolo ed augurandogli la morte per mano del fratello. Quando il tuono di Zeus gli annuncia la fine imminente, Edipo entra nel bosco sacro e scompare. Torna alla pagina I grandi tragediografiMenuUscita

15 MenuTorna alla pagina I grandi tragediografiVai a Le OpereUscita Busto di Aristofane Non si hanno informazioni precise riguardo ad Aristofane. Si sa che visse nel V secolo a.C., forse tra il 444 e il 388, e che le sue due prime commedie sono state rappresentate nel 427. In quegli anni Atene combatteva Sparta nella Guerra del Peloponneso per mantenere l'egemonia sulla Grecia. La sua prima commedia, I banchettanti, interamente perduta, trattava il rapporto-scontro tra l'antica ed arcaica educazione e le novità, il cambio della mentalità, in modo simile a Le nuvole, che avrebbe rappresentato quattro anni dopo. La seconda commedia, I Babilonesi, anche questa interamente perduta, andò in scena nel 426 a.C. e destò le ire di Cleone, sempre avverso al commediografo, per l'allusione a Mitilene e per le accuse di reprimere gli alleati, anche i più fidi, per mantenere l'egemonia. Ma, grazie al sostegno dei Conservatori, specialmente Nicia, nel 425 andò in scena la terza commedia, Gli Acarnesi, pervenutaci. Aristofane era solito affrontare direttamente i problemi e stavolta trattava la pace, desiderata da molti cittadini ateniesi, facendo riferimento ai raccolti distrutti, all'esclusione della città dalle rotte commerciali e, in breve, al collasso della ormai precaria economia di Atene. Il pericolo della fame, esaltato particolarmente dall'autore, scuote i cittadini, che vedono nell'eroe, un contadino, quindi un membro della classe sociale più colpita dalla guerra, l'assurdità dell'Assemblea ateniese. Aristofane, infatti, evidenzia quanto i suoi membri abbiano profitto dalla guerra, che invece stronca quasi tutti i cittadini.

16 MenuTorna alla pagina I grandi tragediografiUscita Il protagonista Diceopoli vede in Pericle e nei Democratici la causa della guerra e difende Sparta, dai tempi di Licurgo conservatrice. Aristofane compiva così un coraggioso atto politico, poiché Atene era ancora governata dai Democratici. Le critiche di Aristofane sono maggiormente espresse ne I cavalieri, commedia rappresentata nel 424. Il personaggio Paflagone - da notare la scelta di un nome barbaro - personifica l'odiato Cleone, che da servo diviene padrone nella casa del proprio signore con inganni e calunnie, sostenuto dai Cavalieri, ovvero i mercanti. Le nuvole risalgono all'anno successivo ed è certamente l'opera più significativa del grande commediografo, a cui deve gran parte della propria fama. Tramite il personaggio Strepsiade, vecchio e indebitato a causa del figlio, Fidippide, sbeffeggia Socrate, Euripide e tutti i sofisti in generale. Aristofane, infatti, vede nella loro filosofia la causa della crisi di Atene. Nel 422 andò in scena un'altra sua nota commedia, Le vespe. Come I banchettanti e Le nuvole anche questa tratta il rapporto tra la vecchia e la nuova generazione. Questa volta però Aristofane attaccava direttamente il sistema giuridico ateniese, poiché Cleone aveva aumentato il soldo dei giudici popolari, che lo gestivano, avviandoli verso la miseria morale. Nello stesso anno ad Anfipoli morì Cleone e il commediografo iniziò a lavorare alla commedia La pace, rappresentata nel 421. Ancora un contadino, chiamato Trigeo, è il protagonista. Ma la commedia finì per essere illusoria, poiché i membri del Partito Democratico incitarono la popolazione a tornare in guerra. Nel 415 l'esercito di Atene conquistò la piccola isola di Melo, ne massacrò gli abitanti maschi e rese schiavi donne e bambini. L'anno dopo andò in scena Gli uccelli. Le ultime commedie che Aristofane scrisse con il massimo del suo sprezzante spirito ironico risalgono al 411, le altre sono state scritte tutte con un diverso interesse, come dimostra l'impostazione. Le tesmoforiazuse, la prima, bersagliava Euripide e la sua analisi dei personaggi femminili. Il problema del ruolo della donna è centrale anche in Lisistrata, che ha come protagonista una donna che propone una sorta di "sciopero sessuale" delle mogli affinché i mariti smettano di combattersi. Nello stesso anno tornò ad Atene Alcibiade, che scacciò il neo-nato governo dei Conservatori e restaurò la democrazia. L'opera Le rane dimostra le perplessità dell'autore dopo la sanguinosa vittoria del 406 nella battaglia delle Arginuse. In questo stesso anno morì Euripide. Nel 405 Atene subì la sconfitta decisiva: gli Spartani, guidati dall'ammiraglio Lisandro, a Egospotami distrussero la flotta ateniese ed entrarono da vincitori nel Pireo. Nel 392, quando ormai Atene era avviata al declino, andò in scena Le Ecclesiazuse (Le donne a parlamento). Come dice il titolo stesso, l'opera tratta di un'utopia: Prassagora, vestita da uomo, si infiltra nell'Assemblea e propone come unica possibilità di salvezza per Atene la presa del potere da parte delle donne (argomento trattato anche da Platone). La parte finale è costituita da un'allegra e vorticosa scena erotica, a detta di alcuni esempio del cosiddetto "comunismo sessuale". L'ultima opera di Aristofane è il Pluto, che tratta della ricchezza e della sua divisione morale. Il protagonista Cremilo accoglie nella sua casa un cieco, che si rivela essere il dio Pluto. Cremilo rifiuta la Penia, una condizione di dignitosa e dialetticamente convincente povertà, per arricchirsi grazie all'aiuto del dio. In queste ultime commedie Aristofane tratta il cambiamento di mentalità, da comunitaria a individualista, la compattezza e la solidarietà delle nuove famiglie. A personaggi come Strepsiade, protagonista ne Le nuvole, l'autore preferisce ora la realtà dell'individuo e della società, quindi il suo nucleo basilare: la famiglia.

17 Per assistere alle competizioni teatrali convergeva nel teatro una folla enorme. Lo spazio destinato al pubblico consisteva nei gradoni in pietra che circondavano uno spazio piano dedicato alle danze: lorchestra. Lì si esibiva il coro, che aveva il compito di narrare gli antefatti, spiegare e commentare ciò che avveniva in scena. Al centro dellorchestra era situata la thymele, ovvero laltare dedicato a Dioniso dove prima della rappresentazione veniva offerto un sacrificio in onore del dio. Su entrambi i lati dell orchestra si aprivano dei corridoi ( o paradoi )che servivano da entrata e uscita per gli attori, oltre che come passaggio per il pubblico. Gli attori recitavano su una pedana chiamata logheion (Luogo in cui si recitano i dialoghi), che corrisponde al nostro palcoscenico. Il termine palcoscenico deriverebbe proprio dalla skenè, ossia il luogo in cui gli attori si cambiavano dabito o di maschera. Normalmente il palco si trovava dietro lorchestra e al di sopra di esso si innalzava il theologheion, piattaforma da cui parlavano gli dei. Vedute di teatro (in ricostruzione e in pianta) Menu Uscita Successiva

18 LA SCENOGRAFIA Era molto semplice e spesso era costituita dalla facciata di un palazzo. A volte venivano inseriti una tomba o altri elementi LA SCENA LA SCENA ( Vedi pagina precedente) Era lo spazio dedicato agli attori e al coro, suddiviso in logheion, dove aveva corpo la rappresentazione, e lorchestra, dove invece cantava il coro. ( Vedi pagina precedente)Vedi pagina precedenteVedi pagina precedente I POSTI D ONORE I POSTI D ONORE Al centro della prima gradinata aveva un posto riservato il sacerdote di Dioniso, mentre intorno sedevano le autorità cittadine e la giuria. I SETTORI Gli spalti erano divisi in settori, ognuno assegnato ad una certa tribù o classe sociale, come avveniva nel teatro di Atene, dove ogni settore corrispondeva a una delle dieci tribù. GLI SPALTI Lampio semicerchio sfruttava il pendio di una collina ed era protetto da muri di contenimento. Tra gli spalti vi erano corridoi per permettere al pubblico di raggiungere il proprio posto MenuUscitaPrecedente

19 La parola con cui i greci indicavano gli attori era hypokritès, che significa interpretare un oracolo ma anche rispondere ad una domanda. I primi autori recitavano le proprie opere e solo in seguito cominciarono a scegliere degli attori. Infine, con levoluzione e la crescita del teatro, divenne compito dellarconte scegliere i tre primi attori protagonisti, che venivano assegnati a sorte a ciascun poeta. Un attore scritturato era obbligato a presentarsi: se non lo faceva veniva severamente multato. La caratteristica che faceva di un uomo un buon attore, oltre alla capacità di recitazione, era senza dubbio la voce. Infatti per perfezionarla gli attori si sottoponevano a durissimi allenamenti, digiunando e provando continuamente. Le caratteristiche richieste erano farsi sentire dal pubblico senza gridare, avere una buona dizione, saper cantare e saper adattare la propria voce sia ad un personaggio maschile sia ad uno femminile. MenuUscitaSuccessiva

20 La distanza degli attori dagli spettatori in un teatro greco era notevole e sicuramente maggiore di quella che poteva esserci in un teatro dellOttocento. Questo influì in modo notevole sulla scelta dei costumi e delle maschere, oltre che su altri aspetti della messa in scena come lacustica e la visualizzazione di gesti e movimenti. Le principali testimonianze sul vestiario degli attori risalgono al II secolo d.C., ma spesso sono confermate dalle decorazioni delle pitture vascolari. I costumi da tragedia si distinguevano da quelli da commedia; la veste dellattore era il chitone, una tunica lunga fino ai piedi che si distingueva da quelle usate nella vita reale per via della colorazione vivace che le rendeva visibili anche da lontano. Sempre per favorirne limmediato riconoscimento, i colori dei costumi erano simbolici ( ad esempio il re vestiva di rosso, la gente in lutto di nero, ecc..), gli eroi portavano una corona e gli stranieri un simbolo del loro Paese. Nelle commedie le vesti erano più leggere e adornate con pance o dettagli volutamente esagerati. Le maschere servivano a conferire allattore un aspetto sempre diverso e gli permettevano di interpretare più personaggi nel corso della stessa rappresentazione. Esse erano fatte di lino, sughero o legno e per questo motivo non se ne è conservata nessuna. I lineamenti del viso erano naturali e ben marcati; la maschera copriva tutta la testa e comprendeva i capelli, attaccati nella parte superiore. MenuPrecedenteSuccessivaUscita

21 Il coro equivaleva ad un vero e proprio attore ed aveva un ruolo integrante nel dramma. Esso, infatti, aiutava lo spettatore a muoversi allinterno della vicenda, narrando antefatti o intervenendo dove necessario. I suoi personaggi ( ancelle, anziani, uomini qualunque), erano più vicini allo spettatore rispetto al protagonista (che spesso era un eroe) ed erano vestiti in modo molto più semplice. I quindici del coro portavano tutti la stessa maschera, dovevano essere ben sincronizzati nei movimenti e saper cantare e danzare. Entravano in scena dopo un breve discorso dapertura, preceduti da un suonatore di flauto (lunico senza maschera) e si disponevano in forma rettangolare o di triangolo. La persona incaricata della direzione era il chorodidàskalos. Le spese di mantenimento del coro non erano a carico dello Stato, che finanziava gli attori e il drammaturgo, ma di un cittadino benestante. Questi pagava il vestiario, le maschere, il vitto e lalloggio dei membri e laffitto del luogo delle prove ma otteneva popolarità ed onori in tutta la cittadina. Il coro in una rappresentazione moderna di una tragedia greca MenuUscitaSuccessivaPrecedente

22 La capienza dei teatri più grandi poteva variare tra i diecimila e i diciassettemila spettatori. Il pubblico era eterogeneo, in quanto formato da cittadini, da visitatori, da ambasciatori stranieri, da commercianti venuti da altre parti della Grecia e perfino da donne ( anche se la loro presenza rimaneva comunque minoritaria). Vi erano posti donore gratuiti per larconte, i sacerdoti, i funzionari pubblici e i benefattori della città; il resto delle gradinate era destinato alla gente comune ed era ripartito secondo criteri interni alla polis ( ad esempio il teatro di Dioniso ad Atene aveva gradinate divise in tredici settori, dieci dei quali occupati dalle altrettanto numerose tribù della cittadina greca). Gli archeologi hanno rinvenuto una serie di oggetti di metallo (forse piombo), rotondi, decorati con maschere da tragedia o da commedia e che costituivano il biglietto che dava diritto ad occupare un posto. Il prezzo di un posto a teatro era inizialmente di due oboli ( equivalenti a un giorno di paga di un esponente della classe più umile), finché non venne istituito da Pericle un fondo cittadino che permise a tutta la cittadinanza di andare a teatro senza pagare. A differenza di quanto accade oggi, il comportamento degli spettatori durante le rappresentazioni (che duravano dal mattino al tramonto), era piuttosto vivace: negli intermezzi si poteva mangiare, bere e fare i propri bisogni; a volte le vivande erano utilizzate per bersagliare gli attori in segno di disapprovazione. Gli spettatori non rimanevano in silenzio durante gli spettacoli, né attendevano la fine per applausi o grida di assenso, ma interrompevano la rappresentazione con urla, fischi, battimani pedate contro i gradoni. UscitaSuccessivaPrecedenteMenu

23 Una volta conclusisi gli spettacoli era compito della giuria stabilire il vincitore. I giudici erano scelti per sorteggio nella popolazione ed erano sempre in numero di dieci ( ad Atene erano uno per ognuna delle dieci tribù). Le persone selezionate giuravano davanti allarconte di emettere un verdetto di assoluta imparzialità. Ogni giudice scriveva il proprio voto su una tavoletta e la inseriva allinterno di unurna. Era compito dellarconte estrarle e, dopo averle lette, proclamare il vincitore. Sicuramente i giudici erano messi sotto pressione dal pubblico, diviso tra luna o laltra fazione ma una volta reso noto il nome del vincitore il giudizio era inappellabile. Oltre al premio per la miglior rappresentazione nacque lusanza di conferire un riconoscimento anche al miglior attore. Gli anni doro del teatro greco ebbero termine insieme al tramonto del secolo doro di Atene e dopo i grandi drammaturghi – Eschilo, Sofocle, Euripide, Aristofane - non vi fu più nessuno di pari livello. MenuUscitaPrecedenteSuccessiva

24 La rappresentazione delle opere teatrali seguiva un calendario ben preciso, spesso coincidente con quello delle più importanti festività religiose. Ciascun attore presentava al concorso quattro opere: tre tragedie e un dramma satiresco; il giorno prima degli spettacoli si ultimavano le prove e si rendeva nota la compagnia di attori. Il giorno seguente incominciava con la processione ed il trasporto della statua di Dioniso, che veniva portata fino allAcropoli. Il secondo giorno si rappresentavano cinque commedie, mentre nei tre giorni successivi venivano messe in scena tre tragedie e un dramma satiresco. Alla fine dei tra giorni erano assegnati i premi per il miglior coro, il miglior attore e il miglior poeta. Nel V secolo partecipavano al concorso cinque attori, anche se durante la guerra del Peloponneso il numero scese a tre. Probabile aspetto della processione in onore di Dioniso, che si teneva prima delle rappresentazioni teatrali. MenuUscitaPrecedente


Scaricare ppt "Il quadro storico I grandi tragediografi Comera il teatro Si va in scena!"

Presentazioni simili


Annunci Google