La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime."— Transcript della presentazione:

1

2 UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro i testi della tradizione ebraica. Gli eventi storici in essa narrati assumono un significato teologico: Dio ne indica la trama e rivela il progetto sugli uomini. La parola chiave del rapporto tra Dio e luomo è alleanza, tramite cui Dio sceglie, benedice e difende chi ascolta la sua parola e osserva le sue leggi; è questa lunica via per la salvezza. Mosè con le Tavole della Legge

3 LA BIBBIA EBRAICA Il canone ebraico fu fissato nel II secolo a.C. e comprende 39 libri: Il Pentateuco: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio. I Profeti anteriori e posteriori. Gli Scritti: tra i quali i Salmi, Giobbe, Proverbi, Cantico dei Cantici, Qoehelet, Ester, 1-2 Cronache.

4 LA BIBBIA EBRAICA La Bibbia ebraica contiene la memoria culturale degli ebrei: Dio crea il cosmo perché luomo, suo signore, ne prenda possesso. Le vicende che seguono servono a spiegare le origini del popolo eletto, Israele, e le ragioni della predilezione di Dio nei suoi confronti, popolo per definizione, straniero. Il capitolo 12 di Genesi narra come Dio ingiunse ad Abramo, che viveva in Ur terra dei Caldei, di andare via da casa di suo padre. La condizione dello straniero che vive in un contesto di diaspora è dunque costitutiva alla storia stessa dellebraismo.

5 LA BIBBIA, POSSESSO DI DIO La Bibbia ebraica contiene le norme e i precetti che regolano la vita del pio ebreo, un codice sacro unico e totalizzante. La Bibbia è citata nelle sentenze dei Padri dove si afferma: Cinque cose nel mondo furono considerate da Dio suoi particolari possessi: la Torah, il cielo e la terra, Abramo, Israele e il Tempio; antiche tradizioni sostengono che è increata: esisteva in cielo prima che Dio la rivelasse a Mosè e prima ancora della creazione del mondo. Arrotolamento del testo della Bibbia

6 DATAZIONI Tra il III e il II secolo a.C. furono tradotte in greco le Scritture ebraiche. Considerata ispirata la Bibbia dei Settanta fu il testo sacro di riferimento per le comunità cristiane antiche di lingua greca. Alla fine del IV secolo il testo della Bibbia fu tradotto in latino da Gerolamo. È la cosiddetta Vulgata. Prima e dopo la distruzione del primo Tempio di Gerusalemme (586 a.C.) e il conseguente esilio della classe dirigente a Babilonia, fu composta la maggior parte del testo della Bibbia. Gerolamo distribuisce copie della Bibbia tradotta in latino

7 LINGUE E TRASMISSIONE DEL TESTO Come per gli altri testi dellantichità, il testo biblico era copiato a mano. Esistono molti manoscritti vicini alloriginale, catalogati secondo la loro importanza e attendibilità. Il testo ebraico della Bibbia fu studiato e fissato tra l VIII e il X secolo, a opera di alcuni studiosi, i masoreti (linsieme dei loro studi è detto masora). I masoreti furono gli studiosi che nel VII secolo d.C., quando lebraico cadde in disuso, aggiunsero punti vocalici sotto le consonanti e accenti per facilitarne la scrittura. Alcune parti furono scritte in aramaico, una forma dialettale che finì per soppiantare lebraico (Daniele ed Esdra), mentre alcuni libri (Sapienza, Secondo libro dei Maccabei e alcune parti di Ester) furono scritti in greco. In questa versione ebraica compare un verso del Levitico tradotto in aramaico

8 CANONE E ISPIRAZIONE Per canone biblico si intende il catalogo ufficiale degli scritti biblici che il giudaismo e il cristianesimo considerano normativi sia sul piano delle credenze sia sul piano delle pratiche. Il canone è fissato secondo un criterio di ispirazione, secondo cui alcuni libri sono inclusi, altri esclusi. Il termine canone, dal greco kanón (misura), deriva da un termine tecnico usato per indicare la delimitazione del terreno su cui si decideva di erigere un edificio. Canone evangelico di Eusebio di Cesarea

9 IL MODELLO DELLISPIRAZIONE Il modello dellispirazione è fornito dalla vocazione di grandi profeti biblici (Isaia 6; Geremia 1), in particolare da Ezechiele. La visione delcarro del Signore che inaugura il libro a lui intitolato si conclude con una scena esemplare. Lo Spirito entra in lui e lo fa alzare in piedi; gli impone di mangiare un rotolo che una mano gli porge dicendogli: Figlio delluomo, nutri il ventre e riempi le viscere con questo rotolo che io ti porgo. Ispirazione orale e scritta si fondono insieme. Il profeta Ezechiele Rotolo manoscritto

10 TRADUZIONI ISPIRATE Anche le traduzioni della Bibbia sono considerate ispirate, come è il caso della Bibbia dei Settanta commissionata da Tolomeo Filadelfo ( a.C.) a settanta saggi che le avrebbero tradotte, indipendentemente, in modo uguale. I traduttori rilessero le categorie e i concetti della mentalità semitica nellottica della tradizione filosofica e culturale greca, in unopera di adattamento e trasferimento culturale. La traduzione dei Settanta costituisce il testo canonico di riferimento nella Chiesa ortodossa di lingua greca. Versione della Settanta: pagine dei Salmi

11 UN ESEMPIO DI TRADUZIONE ISPIRATA Nel quadro del trasferimento di termini e concetti da un contesto semitico a uno greco, il termine ebraico per anima, nephésh, è stato reso con il greco psyché: mentre il primo indica il soffio vitale che Dio insuffla nelluomo al momento della creazione e della nascita (Genesi 2,7) e che lo abbandona al momento della morte (concezione antropologica unitaria), il secondo, in linea con la tradizione platonica, rimanda a un principio immortale, destinato a sopravvivere con il corpo. Le concezioni cristiane non si comprendono se non alla luce dellincontro tra i due sistemi culturali e spirituali: in questo senso il trasferimento terminologico e concettuale è basilare per comprendere il testo e le traduzioni delle Bibbie. Mosaico sulla creazione delluomo

12 I RITROVAMENTI DI QUMRAN Nel 1947 a Qumran presso il Mar Morto, un pastore, mentre stava cercando una capra smarrita, trovò in undici grotte scavate nella roccia anfore contenenti i testi della Bibbia in una condizione frammentaria, ma leggibile. Questi rotoli manoscritti facevano parte della tradizione scritta di una comunità religiosa vissuta tra il 150 a.C. e il 70 d.C., identificata con quella degli esseni di cui parlano Filone e Giuseppe Flavio. I rotoli riportano, inoltre, i doveri e le regole che i membri della comunità dovevano rispettare, oltre al codice etico e ai precetti religiosi. Rotoli del Mar Morto Grotta di Qumran

13


Scaricare ppt "UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime."

Presentazioni simili


Annunci Google