La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Simbolo di fede nella tradizione cristiana Il Simbolo di fede nella tradizione cristiana : forme, contenuti e uso liturgico Voi dite AMEN a ciò che.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Simbolo di fede nella tradizione cristiana Il Simbolo di fede nella tradizione cristiana : forme, contenuti e uso liturgico Voi dite AMEN a ciò che."— Transcript della presentazione:

1 Il Simbolo di fede nella tradizione cristiana Il Simbolo di fede nella tradizione cristiana : forme, contenuti e uso liturgico Voi dite AMEN a ciò che siete santAgostino

2 La P ORTA DELLA F EDE che introduce alla vita di comunione con Dio e permette lingresso nella sua Chiesa è sempre aperta per noi. E possibile oltrepassare questa soglia quando la Parola di Dio viene annunciata e il cuore si lascia plasmare dalla grazia che trasforma. Attraversare quella porta comporta immettersi in un cammino che dura tutta la vita. Esso inizia con il Battesimo, per mezzo del quale possiamo chiamare Dio con il nome di Padre, e si conclude con il passaggio attraverso la morte alla vita eterna. … Riscoprire il cammino della fede per mettere in luce la gioia ed il rinnovato entusiasmo dellincontro con Cristo. … Riscoprire i contenuti della fede professata, celebrata, vissuta e pregata, e riflettere sullo stesso atto con cui si crede, è un impegno che ogni credente deve fare proprio, soprattutto in questo Anno. Nei primi secoli i cristiani erano tenuti ad imparare a memoria il Credo. Questo serviva loro come preghiera quotidiana per non dimenticare limpegno assunto nel Battesimo.

3 Lo ricorda santAgostino quando, in unOmelia sulla redditio symboli, la consegna del Credo, dice: Il simbolo del santo mistero che avete ricevuto tutti insieme e che oggi avete reso uno per uno, sono parole su cui è costruita con saldezza la fede della madre Chiesa sopra il fondamento stabile che è Cristo Signore… Voi dunque lo avete ricevuto e reso, ma nella mente e nel cuore lo dovete tenere sempre presente, lo dovete ripetere nei vostri letti, ripensarlo nelle piazze e non scordarlo durante i pasti: e anche quando dormite con il corpo, dovete vegliare in esso con il cuore. La stessa professione della fede è un atto personale ed insieme comunitario. E la Chiesa, infatti, il primo soggetto della fede. Nella fede della Comunità cristiana ognuno riceve il Battesimo, segno efficace dellingresso nel popolo dei credenti per ottenere la salvezza. Come attesta il Catechismo della Chiesa Cattolica: Io Credo; è la fede della Chiesa professata personalmente da ogni credente, soprattutto al momento del Battesimo. Noi crediamo è la fede della Chiesa confessata dai Vescovi riuniti in Concilio, o più generalmente, dallassemblea liturgica dei fedeli. Benedetto XVI

4 dal Catechismo della Chiesa Cattolica

5 Io credo – Noi crediamo Luomo è capace di Dio La creatura senza il Creatore svanisce (Gaudium et spes, 36). Dio viene incontro alluomo Tutta la divina Scrittura è un libro solo e questunico libro è Cristo; infatti tutta la divina scrittura parla di Cristo e in Lui trova compimento. Ciò che è opera dello Spirito, non viene pienamente compreso se non sotto lazione dello Spirito (Origene, Omelie su Zaccaria, 4,5).

6 Il Credo e la Sacra Scrittura «Il simbolo della fede non fu composto secondo opinioni umane, ma consiste nella raccolta dei punti salienti, scelti da tutta la Scrittura, così da dare una dottrina completa della fede. E come il seme della senape racchiude in un granellino molti rami, così questo compendio della fede racchiude tutta la conoscenza della vera pietà contenuta nell'Antico e nel Nuovo Testamento».

7 La risposta delluomo a Dio La fede è unadesione personale di tutto luomo a Dio che si rivela. Comporta unadesione dellintelligenza e della volontà alla Rivelazione che Dio ha fatto di sé attraverso le sue opere e le sue parole. La fede è un dono soprannaturale di Dio. Per credere, luomo ha bisogno degli aiuti interiori dello Spirito Santo. Credere è un atto ecclesiale. La fede della Chiesa precede, genera, sostiene e nutre la nostra fede. La Chiesa è Madre di tutti i credenti. Nessuno può avere Dio per Padre, se non ha la Chiesa per Madre (Cipriano, Lunità della Chiesa cattolica). La fede è una pregustazione della conoscenza che ci renderà beati nella vita futura.

8 I Simboli della fede Chi dice io credo, dice io aderisco a ciò che noi crediamo. La comunione nella fede richiede un linguaggio comune della fede, normativo per tutti e che unisca nella medesima confessione di fede. Fin dalle origini, la Chiesa apostolica ha espresso e trasmesso la propria fede in formule brevi e normative per tutti. Ma molto presto la Chiesa ha anche voluto riunire lessenziale della sua fede in compendi organici e articolati, destinati in particolare ai candidati al Battesimo. Tali sintesi della fede vengono chiamate professioni di fede, perché riassumono la fede professata dai cristiani.

9 SIMBOLO: il significato Symbolum definisce la professione della fede, dapprima in Occidente, poi in Oriente. Il symbolon è la metà di un oggetto spezzato (un sigillo) che viene presentato come un segno di riconoscimento. Le parti rotte vengono ricomposte per verificare lidentità di chi le presenta. Il Simbolo della fede è quindi un segno di riconoscimento e di comunione tra i credenti. Il Simbolo della fede significa anche la raccolta delle principali verità della fede. Costituisce il primo e fondamentale punto di riferimento della catechesi. La prima professione di fede è fatta al momento del Battesimo. Il Simbolo della fede è innanzi tutto il Simbolo battesimale.

10 il Symbolum = il Segno della Trinità SYMBOLUM è il SEGNO che rimanda lattenzione, richiama a unaltra cosa. Cipriano di Cartagine è il primo a utilizzare il nome intendendo la triplice interrogazione che il ministro rivolge al battezzando e la sua triplice risposta affermativa: Credi? - Credo! Sono invalse le espressioni: battezzare con il Simbolo, Simbolo della Trinità, le domande del Simbolo, interrogare sul Simbolo, porre le interrogazioni battesimali. Agostino: Non cè vero battesimo cristiano, se mancano le parole evangeliche di cui si compone il Simbolo.

11 I tre capitoli del nostro sigillo battesimale (santIreneo, Esposizione apostolica ) Il Simbolo è diviso in tre parti: La prima è consacrata allo studio di Dio Padre e dellopera mirabile della creazione; la seconda allo studio di Gesù Cristo e del Mistero della Redenzione; la terza allo Studio dello Spirito Santo, principio e sorgente della nostra santificazione (Catechismo Romano, 1, 1,3). Queste tre parti sono distinte, sebbene legate tra loro … li chiamiamo articoli in analogia con le articolazioni del corpo umano: le verità ch dobbiamo credere in particolare e in maniera distinta (Catechismo Romano 1,1,4)..

12 Le FORME del Simbolo

13 La formazione del Simbolo: dal pluralismo alluniformità linee di sviluppo storico Le più antiche professioni della fede negli scritti neotestamentari (II metà sec. I) Hanno forma esclusivamente cristologica. Gesù è il Cristo Gesù è il Figlio di Dio (1 Gv ). Professione di fede paolina Gesù è Signore (1 Cor 12,3). Formulazioni più articolate: Gesù Cristo, che è morto, che è risuscitato, sta alla destra di Dio e intercede per noi ( Rom 8,34) Per noi cè un solo Dio, il Padre, dal quale tutto proviene e noi siamo per lui e un solo Signore Gesù Cristo, in virtù del quale esistono tutte le cose e noi esistiamo per lui (1 Cor 8,6); La grazia del Signore Gesù Cristo, lamore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi ( 2 Cor 13,13) Schemi profondamente impressi nella mente delle prime generazioni cristiane sono veicoli adatti per dare alla fede unespressione più completa.

14 Simbolo battesimale evangelico Vangelo secondo Matteo « Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo. » (Mt 28,19-20). Didaché (I-II secolo): Formula battesimale trinitaria Battezzate così: avendo in precedenza esposto tutti questi precetti battezzate nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo in acqua viva. Se non hai acqua viva, battezza in altra acqua; se non puoi nella fredda, battezza nella calda. Se poi ti mancano entrambe, versa sul capo tre volte lacqua nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo ….

15 secolo II: la Regola di fede, ulteriore passo verso il Credo Con il progredire del tempo le formulazioni di fede si fanno sempre più complesse. Le formule, delle quali i vescovi sono i garanti, vengono utilizzate: 1. nel contesto dellistruzione catechistica, strettamente collegata al Battesimo. Lintento è di carattere costruttivo e positivo: è il campo più fertile per lo sviluppo del Credo; 2. per contrastare le prime dottrine erronee sulla fede. La regola della fede è sintesi dei contenuti dottrinali, patrimonio inalterabile, tramandata nella catechesi, fissa per iscritto la dottrina sostanziale. Queste varie formule rispecchiano il patrimonio dottrinale delle diverse Comunità ecclesiali.. Tertulliano constata come nelle formule del Simbolo battesimale siano state ampliate le parole del comando del Signore.

16 La storia dei SIMBOLI Nel corso della storia della Chiesa si sono avute numerose professioni o simboli della fede, come risposta ai bisogni delle epoche diverse. Ci sono Simboli espressi dalle varie Chiese, in Oriente e in Occidente, da papi di Roma, come Damaso (sec. IV), Paolo VI, che nel 1968 professa il Credo del Popolo di Dio, da vescovi, come santAtanasio di Alessandria (sec. IV), da concili particolari, come quello di Antiochia (340), di Cividale (796), da concili ecumenici. Fra tutte le formulazioni, due occupano un posto specialissimo nella vita della Chiesa: il Simbolo degli Apostoli (sec. II-III) il Simbolo dei concili Ecumenici di Nicea (325) e di Costantinopoli (381).

17 Il Battesimo: Sacramento della fede proclamata nei primi secoli della Chiesa (I-III) lunico Simbolo direttamente connesso al Battesimo era il consenso del battezzando alle domande rivoltegli dal ministro circa la sua fede: Credi?- Credo!

18 Il Simbolo professato come risposta durante il Battesimo Nella tradizione orientale Cirillo vescovo di Gerusalemme (sec. IV) Voi avete professato la confessione di salvezza, così definisce la proclamazione della fede fatta nellatto stesso dellessere immersi nellacqua battesimale. Nella tradizione occidentale Leone il Grande papa (sec. V) Durante la nostra rigenerazione … rinunciamo al demonio ed esprimiamo la nostra fede in Dio. Credi? Credo! Credo!

19 Il Simbolo nelliniziazione alla vita in Cristo. Ricevuto a conclusione del Catecumenato Durante il secolo III aumenta lafflusso dei convertiti dal paganesimo. Il catecumenato, è il periodo di tempo in cui i pagani sono accolti e formati per essere iniziati alla vita cristiana. Inizia ad essere praticato il metodo catechstico della traditio – la consegna- e della redditio – la riconsegna – del Simbolo nella forma dichiaratoria:Io credo in Dio Padre….. A un determinato stadio dellitinerario, solitamente allinizio della Quaresima, chi desidera concludere la formazione dà il nome al vescovo, si iscrive ed entra nel gruppo dei competentes, cioè dei concorrenti verso il Battesimo, gli illuminati.

20 Lambiente catechistico del Simbolo dichiaratorio Traditio e Redditio Nellitinerario catechistico i Credo dichiaratori erano sommari sintetici della dottrina della fede compilati a beneficio dei convertiti che dovevano essere istruiti. In essi trovava espressione la Regola della fede, il Canone della verità. I Credo dichiaratori sono intimamente uniti e connessi con il Battesimo, del sacramento essi costituiscono la premessa. Il Credo nella formula dichiarativa non appartiene al rito del Battesimo, ma è usato nella sua preparazione. Il vescovo consegna il Simbolo nelle ultime settimane di Quaresima, e inizia a commentarlo articolo per articolo. I catecumeni sono invitati a impararlo a memoria come sintesi adeguata di quanto sono tenuti a credere.

21 I catecumeni devono riconsegnare – redditio – il Simbolo la vigilia del loro Battesimo. La loro capacità di ripetere a memoria il Simbolo - riconsegnarlo - è la dimostrazione che ora sono sufficientemente fondati sulla fede. Tanto connessi fra loro sono listruzione catechistica e quindi il rito delliniziazione, di cui è lapice, che Battesimo in senso ampio comprende entrambi i tempi e i riti. La disciplina dellARCANO è rigidissima. Vieta che i catecumeni scrivano la formula della fede e la diffondano tra i non iniziati. Anche le trascrizioni delle catechesi che i vescovi tenevano sul Credo, li mostrano riluttanti ad enunciare il Credo, soltanto ne indicano linizio degli articoli.

22 A Roma: il Simbolo proclamato nella forma dichiaratoria Per la tradizione della Chiesa di Roma testimoniata da Agostino e Rufino di Concordia, aveva un ruolo preminente recitare la professione di fede davanti al popolo (redditio), a conclusione del catecumenato e prima di essere iniziati alla vita in Cristo tramite il Battesimo. A Roma ancora nel secolo VI sono mantenute le due professioni di fede: dichiarativa nella preparazione al Battesimo e interrogativa durante il rito dellimmersione battesimale.

23 Battesimo degli infanti: dalla professione della fede alla formula per laspersione E poiché nel secolo VI il battesimo dei bambini è ormai quasi lunico praticato, la rubrica prescrive che il Simbolo sia pronunciato dal prete con le mani stese sul bambino. Le tre domande e risposte della professione di fede al momento del battesimo degli infanti finirono per sparire. Dapprima nella tradizione orientale, poi anche in quella occidentale, rimane la triplice aspersione. In Occidente: (Nome) io ti battezzo nel nome…. in Oriente: (Nome) è battezzato nel nome…

24 Il Simbolo nella Chiesa di Roma In Occidente uno dei più antichi Credo locali che prese forma e divenne canonico è quello della Chiesa romana. Era già in uso nella liturgia tra la fine del II e gli inizi del III. Veniva recitato due volte: prima in forma dichiarativa da parte del catecumeno a conclusione del cammino di formazione, e una seconda volta come domanda e risposta durante la triplice immersione nellacqua del fonte.

25 Roma. Il Battesimo nella Tradizione Apostolica di Ippolito, 235 ca. ( Ippolito, presbitero e teologo di Roma ci trasmette il più antico Rituale liturgico romaano, comprendente anche il Battesimo). …Battezzate per primi i bambini. Quelli che sono in grado di rispondere da sé, rispondano; per quelli che non sono in grado, rispondano i genitori o qualcuno della famiglia. Battezzate poi gli uomini ed infine le donne … Nessuno discenda nellacqua con qualcosa di estraneo…. Labiura precede la professione della fede. Il sacerdote prendendo in disparte uno per uno coloro che devono ricevere il battesimo, gli ordini di abiurare, dicendo: Rinuncio a te, Satana, a tutte le tue pompe e a tutte e tue opere.

26 Roma. Le tre interrogazioni - i tre assensi della fede – le tre immersioni battesimali Dopo che ha abiurato, o unga con lolio dellesorcismo, dicendogli: Ogni spirito maligno si allontani da te. Così lo affidi,nudo, al vescovo o al sacerdote che sta vicino allacqua, perché lo battezzi. Un diacono scenda nellacqua insieme con colui che deve essere battezzato. Quando questi discende nellacqua, colui che battezza gli imponga la mano sul capo, chiedendo: Credi in Dio Padre onnipotente? Colui che viene battezzato risponda: Credo. Lo battezzi allora una prima volta tenendogli la mano sul capo.

27 Poi chieda: Credi in Gesù Cristo, Figlio di Dio, che è nato per mezzo dello Spirito Santo dalla vergine Maria, è stato crocifisso sotto Ponzio Pilato, è morto ed è risorto il terzo giorno, vivo dai morti è salito nei cieli, siede alla destra del Padre, e verrà a giudicare i vivi e i morti?. Quando colui che è battezzato avrà risposto: Credo, Lo battezzi una seconda volta.

28 Poi ancora chieda: Credi nello Spirito Santo e nella santa Chiesa e nella risurrezione della carne? Il battezzato risponda: Credo. Così sia battezzato per la terza volta.

29 Compiuto il battesimo, seguono le due crismazioni, la prima da parte del Presbitero: nel nome di Gesù Cristo, la seconda da parte del Vescovo con limposizione della mano quindi lo accoglie il Signore sia con te E con il tuo spirito. I neofiti pregano insieme con tutto il popolo.

30 Riunendo le tre interrogazioni battesimali, si ricava il Simbolo della Chiesa di Roma in forma dichiarativa: Credo in Dio Padre onnipotente; e in Gesù Cristo, Figlio di Dio, che è nato per mezzo dello Spirito Santo dalla vergine Maria, è stato crocifisso sotto Ponzio Pilato, è morto ed è risorto il terzo giorno, vivo dai morti è salito nei cieli, siede alla destra del Padre, e verrà a giudicare i vivi e i morti. Nello Spirito Santo e nella santa Chiesa e nella risurrezione della carne. La Chiesa di Roma per il rito della traditio - redditio fino al secolo VI (prima cioè della riunione allimpero di Costantinopoli) mantenne il proprio Simbolo degli Apostoli, quando lo sostituì con il Simbolo Niceno-costantinopolitano.

31 Il Simbolo della Chiesa di Roma nel secolo IV Il Simbolo degli Apostoli : il più antico catechismo romano La formula è tramandata nel IV secolo da: Marcello, vescovo siriaco di Ancira (340), Ambrogio, vescovo di MiIano (prima del 397) Rufino di Concordia, presbitero aquileiese (inizi del 400). Le loro trascrizioni concordano sostanzialmente, pur con leggere modifiche, con il Simbolo trasmesso da Ippolito (secc. II-III).

32 Credo romano di Ippolito Credo in Dio Padre onnipotente; e in Gesù Cristo, Figlio di Dio, che è nato per mezzo dello Spirito Santo da Maria vergine, fu crocifisso sotto Ponzio Pilato, è morto ed è risorto il terzo giorno, vivo dai morti salì nei cieli, siede alla destra del Padre, e verrà a giudicare i vivi e i morti. Nello Spirito Santo e nella santa Chiesa (e nella risurrezione della carne). solo nel testo in latino Credo romano nella versione di Rufino Credo in Dio Padre onnipotente; e in Cristo Gesù suo unico Figlio, nostro Signore, che è nato dallo Spirito Santo e da Maria vergine, che fu crocifisso sotto Ponzio Pilato e fu sepolto, il terzo giorno è risorto dai morti, ascese al cielo, siede alla destra del Padre, di là verrà a giudicare i vivi e i morti e nello Spirito Santo la santa Chiesa la remissione dei peccati la risurrezione della carne.

33 Il Simbolo della Chiesa di Roma Simbolo degli Apostoli Denominato così perché è ritenuto il riassunto della fede degli Apostoli. SantAmbrogio e Rufino di Concordia riferiscono di un antico racconto formatosi e attestato soltanto in Occidente: gli Apostoli trovandosi insieme prima di partire ciascuno per la propria missione, avrebbero enunciato un singolo articolo della professione della fede. Si compone di dodici articoli. E in dipendenza, o in convergenza con il Simbolo Romano, che le Chiese occidentali espressero le proprie professioni di fede. Le formule evidenziano qualche aggiunta e leggera modifica. Gli Apostoli si salutano per partire in missione, ( Levoca, Slovacchia, ca 1520)

34 E il Simbolo accolto dalla Chiesa di Roma, dove ebbe la sua sede Pietro, il primo tra gli Apostoli, e dove egli portò lespressione della fede comune. santAmbrogio, Spiegazione del Simbolo In diverse Chiese troviamo che qualcosa è stato aggiunto a queste parole (del Simbolo). Invece non consta che ciò sia avvenuto nella Chiesa di Roma, ritengo perché lì non ha tratto origine alcuna eresia e vi si conserva lantica usanza che coloro i quali stanno per ricevere la grazia del Battesimo ripetano il Simbolo pubblicamente, cioè mentre ascolta il popolo dei fedeli; e per certo quelli che li hanno li hanno preceduti nella fede e stanno a ascoltare non tollererebbero laggiunta di una sola parola. Rufino, Spiegazione del Simbolo Il Simbolo degli Apostoli

35 Anche la Chiesa di Aquileia aveva un suo Simbolo e quindi un suo metodo di catechesi: lo sappiamo da Rufino, che era stato lì battezzato. Rufino aveva visitato varie comunità cristiane (Alessandria dEgitto, Gerusalemme, Roma) e appreso le loro diverse professioni di fede. Su invito del vescovo – di sede ignota – Lorenzo, scrive intorno al 404 la Spiegazione del Simbolo. Da essa conosciamo il Credo della Chiesa di Aquileia e quello di Roma. Lintenzione di Rufino è di offrire un insegnamento completo sui punti fondamentali della dottrina cattolica come pure della specificità della fede della sua Chiesa madre di Aquileia. Noi seguiamo la norma che abbiamo ricevuto nella Chiesa di Aquileia con la grazia del Battesimo. Rufino

36 Rufino riprende una per una le espressioni del Simbolo di Roma, le commenta e le spiega ampiamente. Egli sa che il testo del Credo non è perfettamente uguale da città in città, per cui si attiene al Simbolo romano e ne rileva le diversità da quello in uso nella Chiesa di Aquileia, dando ragione delle divergenze. Il Credo aquileiese rispetto al Simbolo romano aggiunge nella prima sezione: invisibile e impassibile detto di Dio Padre, dopo onnipotente; nella seconda sezione: la discesa allinferno di Gesù Cristo dopo la morte; nella terza sezione specifica: la risurrezione di questa + carne, invece della forma la risurrezione della carne.

37 Credo aquileiese Credo in Dio Padre onnipotente, invisibile e impassibile; e in Gesù Cristo unico Figlio, nostro Signore, che è nato dallo Spirito Santo da Maria vergine, crocifisso sotto Ponzio Pilato e sepolto, discese agli inferi [ad infera], il terzo giorno è risorto dai morti, ascese ai cieli, siede alla destra del Padre: di lì verrà a giudicare i vivi e i morti; e nello Spirito Santo, la santa Chiesa, la remissione dei peccati, la risurrezione di questa carne. Credo romano nella versione di Rufino Credo in Dio Padre onnipotente; e in Cristo Gesù suo unico Figlio, nostro Signore, che è nato dallo Spirito Santo e da Maria vergine, che fu crocifisso sotto Ponzio Pilato e fu sepolto, il terzo giorno è risorto dai morti, ascese al cielo, siede alla destra del Padre, di là verrà a giudicare i vivi e i morti e nello Spirito Santo la santa Chiesa la remissione dei peccati la risurrezione della carne.

38 Le particolarità del Credo di Aquileia Rufino spiega: invisibile e impassibile, quali connotazioni di Dio Padre onnipotente, presso di noi sono state aggiunte a causa delleresia di Sabellio, detta Patripassiana (sec. III), che afferma che proprio il Padre è nato dalla Vergine e che si è fatto visibile e ha patito nella carne. Ne conseguiva che nelluomo Gesù si era incarnato ed aveva patito il Padre. In conseguenza di un rigido monoteismo il Figlio era inteso come un nome, un modo di manifestarsi del Padre, perciò privo di sussistenza e di personalità. Ma, per non dare esca a travisamenti opposti, Rufino deve distinguere tra la natura umana e la natura divina del Figlio. INVISIBILE E IMPASSIBILE

39 Spiega: Il Figlio, non il Padre, è nato nella carne e in forza della nascita carnale il Figlio è diventato visibile e passibile. Ma per quanto attiene alla sostanza immortale della divinità che per lui è una sola e la stessa del Padre, in tal senso non crediamo visibile e passibile né il Padre né il Figlio né lo Spirito Santo.

40 Questo articolo - che Rufino asserisce non comparire in altri Simboli né dOccidente né dOriente – sarà accolto in Simboli della Gallia del secolo VI, quindi verrà inserito nel Credo Apostolico. Rufino osserva come abbia le stesse implicazioni di seppellito e collega larticolo a 1 Pt 3, 19: Cristo andò ad annunziare la salvezza anche gli spiriti che attendevano in prigione. Come articolo di fede la sua prima apparizione è nel Simbolo redatto al concilio di Sirmium del 359: Il Signore… morto e disceso agli inferi e ivi pose in ordine ogni cosa, e i custodi dellinferno lo videro e tremarono. La formula non sarà inserita nella redazione successiva del concilio di Costantinopoli del 381. La dottrina che Cristo abbia trascorso negli inferi il tempo fra la morte e la risurrezione è insegnata ai cristiani fin dai primi tempi: la discesa agli inferi per spezzare le catene del demonio, schiacciare linferno, illuminare i giusti. DESCENDIT AD INFERA discese agli inferi LA VITTORIA SULLA MORTE

41 Quando loriginaria concezione della missione del Messia verso le generazioni dei Patriarchi stava sbiadendo, si prese a interpretarle la discesa agli inferi come trionfo di Gesù Cristo su Satana e sulla morte e, di conseguenza, la salvezza dellintera umanità: hai spezzato le sbarre di ferro!. Che il Figlio di Dio sia disceso agli inferi questo sta nella logica dellIncarnazione e della Redenzione. E il compimento di tutto il progetto dell amore folle di Dio, che nel suo Figlio, vero uomo, discende per salvare Adamo, cercandolo fino negli inferi! Omelia sul Sabato Santo: Che cosa è avvenuto? Dio è morto nella carne ed è sceso a scuotere il regno degli inferi. Certo egli va a cercare il primo padre, come la pecorella smarrita. Egli vuole scendere a visitare quelli che siedono nelle tenebre e nellombra di morte. Dio e il Figlio suo vanno a liberare dalle sofferenze Adamo ed Eva che si trovano in prigione. Il Signore entrò da loro portando le armi vittoriose della croce… Nella mia potenza a coloro che erano in carcere ordino: Uscite ! A coloro che erano nelle tenebre: Siate illuminati! A coloro che erano morti: Risorgete!. … nella prospettiva battesimale!

42 LA RISURREZIONE DI QUESTA + CARNE Spiega Rufino: Le ultime parole del Simbolo, che affermano la risurrezione dei morti, nella loro stringata brevità, portano a compimento la somma di tutta la perfezione. A fronte delle obiezioni dei pagani e degli eretici, che negano la risurrezione in se stessa e quella dei corpi, puntualizza: …Come il principio formale di ogni seme disseminato nella terra farà nascere a tempo opportuno il germe secondo la natura della sua specie, così la sostanza di una qualsiasi carne sia stata variamente dispersa in diversi luoghi, per il principio formale che le è proprio ed è immortale, raccoglierà da terra e riunirà le parti componenti della sua sostanza. Conclude Così avviene che a ogni anima non venga restituito un corpo estraneo o variamente mescolato, ma proprio quello suo, che aveva già avuto … in tal modo la carne insieme con la sua anima o sarà premiata o sarà punita. Perciò la nostra Chiesa ha qui fatto al Simbolo una prudente e provvidenziale aggiunta, sì che essa tramanda con laggiunta di un solo aggettivo la risurrezione di questa carne: di questa, cioè, che colui che fa professione tocca con la mano, mentre fa sulla fronte il segno della croce.

43 Rufino, conclude il commento al Simbolo: Se professiamo queste verità in modo organico e completo secondo la norma della tradizione presentata sopra, allora preghiamo che a noi e ai nostri ascoltatori il Signore conceda che, custodita la fede che abbiamo ricevuto e terminata la corsa, noi aspettiamo la corona di giustizia che ci è riservata (2 Tim 4, 7-8) e siamo annoverati fra coloro che risorgono alla vita eterna liberi dalla confusione e dalla vergogna eterna, per Cristo nostro Signore, per mezzo del quale è a Dio Padre onnipotente con lo Spirito Santo gloria e impero nei secoli dei secoli. Amen

44 Nella lettera che in seguito indirizza a papa Anastasio per difendere la sua retta fede, di fronte a malevole insinuazioni, Rufino precisa che egli professa la fede in cui è stato battezzato nella Chiesa di Aquileia e conclude: Al di fuori di questa fede, che è comune a Roma, Alessandria e Aquileia, e che si professa anche a Gerusalemme, altra non ho avuto, non ho e non ne avrò in nome di Cristo.

45 La forma attuale del Credo degli Apostoli Il testo attuale del Credo degli Apostoli è una variante elaborata dal prototipo, cioè dallAntico Credo Romano; In esso sono riuniti gli articoli di diverse Chiese occidentali, compresa Aquileia. La nuova redazione ebbe origine fra V-VII secolo nel Nord delle Alpi, si ritiene nella Gallia (Francia) sud occidentale. Era il Credo professato durante il rito del Battesimo, nella forma interrogativa (Credi? – Credo!), come pure nella consegna e la riconsegna della fede, nella forma dichiaratoria. (Io credo…).

46 secc. VIII - XI: la riforma liturgica franco - germanica e limposizione del Credo degli Apostoli Carlo Magno prescrisse, sul finire dellVIII secolo, che la liturgia della Chiesa Romana sostituisse quella di tutte le Chiese locali dellimpero occidentale franco-romano. Il Credo degli Apostoli nella redazione carolingia divenne da allora la formula ufficiale. Tale versione è tuttora la formula professata nel Rito del Battesimo e nella Messa. La Chiesa di Roma da allora accetta di introdurre nella sua tradizione liturgica elementi propri delle Chiese doltralpe, come anche il Credo degli Apostoli carolingio. E nel periodo della massima influenza germanica tra X e XI secolo che la Sede petrina sostituisce il Credo Niceno-costantinopolitano nella liturgia battesimale con il Credo degli Apostoli carolingio.

47 Credo degli Apostoli di età carolingia sec. VIII Credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra e in Gesù Cristo suo unico Figlio e nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto, discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen. Credo Romano antico secc. II– III Credo in Dio Padre onnipotente e in Gesù Cristo, Figlio di Dio, che è nato per mezzo dello Spirito Santo dalla vergine Maria, fu crocifisso sotto Ponzio Pilato, è morto ed è risorto il terzo giorno, vivo dai morti salì nei cieli, siede alla destra del Padre, e verrà a giudicare i vivi e i morti. Nello Spirito Santo e nella santa Chiesa e nella risurrezione della carne. Amen

48 Teoria degli Apostoli Giovanni De Campo nel 1461, Oratorio cimiteriale dei SS. Nazzaro e Celso di Sologno (NO). Liconografia mostra lorigine apostolica del Credo. Teoria degli Apostoli e busti dei Profeti (abside dellOratorio di S.Martino a Vicolungo (NO), metà sec. XV) Liconografia allude al rapporto tipologico fra lAntico ed il Nuovo Testamento

49 I SIMBOLI ORIENTALI In Oriente il Credo era denominato la fede olinsegnamento. Soltanto dalla metà del IV secolo compare il nome Symbolon. In Oriente non si riscontra alcuna formula che per antichità di origine o per importanza di prestigio si trovi in posizione analoga al Credo Romano. I Credo di varie Chiese mostrano fra loro varie diversità. In comune tra loro e con il Credo Romano presentano: 1. lo schema trinitario, 2. lamplificazione della sezione cristologica. Accentuano: 1. lunicità di Dio Padre e lessere creatore: un solo Dio, Padre, onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili; 2. le prerogative di Cristo prima dellincarnazione e soprattutto che il Figlio è lagente del Padre nellopera della creazione.

50 La formazione del Credo nei Concili ecumenici della Chiesa La grande rivoluzione nella formulazione del Simbolo avviene in seguito ai due primi concili di tutte le Chiese dellimpero romano Nicea, 325 Costantinopoli, 381. I due sinodi plenari intendono dichiarare lortodossia della fede cattolica della Tri- Unità di Dio, in risposta a varie interpretazioni riduttive nellesplicitare la trasmissione apostolica della fede circa il Figlio e lo Spirito.

51 Nicea (325) GESU CRISTO VERO DIO E V ERO UOMO DELLA STESSA SOSTANZA DEL PADRE I vescovi che esposero la fede cattolica insegnavano e difendevano energicamente la dottrina: è essenziale luguaglianza della natura del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo nella rivelazione di Dio e per la salvezza delluomo. San Pietro dichiara Il Verbo si è fatto carne perché noi diventassimo partecipi della natura divina(2 Pt 1,4). MA Se il Verbo non è pienamente Dio, luomo non può essere pienamente salvato, divinizzato!. Il vescovo di Alessandria SantAtanasio professa con forza: Il Figlio di Dio si è fatto uomo per farci Dio. (Sullincarnazione) Atanasio è il maestro di fede nella divinità di Cristo!

52 In risposta alleresia di Ario e alla sua catechesi riduttiva sulla Trinità, i vescovi nel Concilio di Nicea proclamano e sottoscrivono la professione di fede, assumendo il Simbolo battesimale della Chiesa di Cesarea di Palestina, che integrano sui punti dottrinali inserendo il termine consustanziale che afferma la perfetta uguaglianza tra il Padre e il Figlio, Generato e non creato.

53 Progredisce la riflessione teologica Il vocabolario si chiarisce: si distingue tra sostanza e persona: Si concilia luguaglianza del Padre e del Figlio nella sostanza e la distinzione delle Persone divine. La nuova questione è chiarire : Lo Spirito Santo è Dio? a fronte di chi pensa lo Spirito come una creatura angelica. SantAtanasio: Lo Spirito non è solamente in un luogo,ma è al di fuori di tutte le cose ed è nel Figlio, come anche il Figlio è nel Padre. Per questo, in effetti, anche lui non è una creatura (Sulla divinità dello Spirito Santo). San Gregorio di Nazianzo: Venerare Dio il Padre, Dio il Figlio, Dio lo Spirito Santo, tre esseri peculiari in sé, ma una sola natura divina (Discorso teologico V). San Basilio: Con lo Spirito Santo, che rende spirituali, cè la riammissione al Paradiso, il ritorno alla condizione di figlio, il coraggio di chiamare Dio Padre, il divenire partecipe della grazia di Cristo, lessere chiamato figlio della luce, il condividere la gloria terna. (Sullo Spirito Santo). Atanasio, Gregorio e Basilio sono i maestri di fede nello Spirito Santo! 380. Limperatore Teodosio eleva il cristianesimo insegnato dalla sede di Roma e di Alessandria quale unica religione dellimpero.

54 Costantinopoli I (381) LO SPIRITO SANTO E SIGNORE DA LA VITA I vescovi teologi espongono la fede cattolica: proclamano e insegnano la dottrina che nella tri-unità di Dio lo Spirito Santo è Signore consustanziale nella natura divina Il Concilio professa, a partire dal credo di Gerusalemme: Crediamo nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita; che procede dal Padre e con il Padre e con il Figlio è adorato e glorificato. Solo gradatamente il Simbolo di Nicea-Costantinopoli simpose dallOriente in Occidente. Roma lo conobbe e lo ricevette durante il Concilio di Calcedonia nel 451. A partire dal VI secolo diventa il Simbolo battesimale di tutta la Chiesa.

55 Simbolo Niceno-Costantinopolitano Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore, Gesù Cristo Unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio Da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre; per mezzo di Lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo, e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato morì e fu sepolto. Il terzo giorno è risuscitato secondo le Scritture, è salito al cielo, siede alla destra del Padre. e di nuovo verrà, nella gloria per giudicare i vivi e i morti e il suo regno non avrà fine. Credo degli Apostoli carolingio Credo in (un solo) Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra e in Gesù Cristo suo unico Figlio e nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto, discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente: di là verrà a giudicare i vivi e i morti.

56 Credo nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita, e procede dal Padre. Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica. Professo un solo Battesimo per il perdono dei peccati. Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen

57 Il Credo degli Apostoli 12 articoli di Nicea - Costantinopoli Catechismo della Chiesa Cattolica dal Catechismo della Chiesa Cattolica

58 Capitolo I. Articolo 1. Io credo in Dio Padre Io credo in Dio Padre Così inizia il Simbolo della Chiesa di Roma, al quale fa eco il Simbolo di Nicea - Costantinopoli: Io credo in un solo Dio. Ascolta Israele:Il Signore è il nostro Dio, il Signore è Uno La confessione dellUnicità di Dio, che ha la sua radice nella Rivelazione dellAntica Alleanza, è inseparabile da quella dellesistenza di Dio ed è altrettanto fondamentale. La nostra professione di fede incomincia con Dio, perché Dio è il primo e l'ultimo (Is 44,6), il Principio e la Fine di tutto. Il Credo incomincia con Dio Padre, perché il Padre è la prima Persona divina della Santissima Trinità;

59 La rivelazione di Dio come Trinità Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo Si è battezzati nel nome e non nei nomi, infatti vi è un solo Dio, il Padre onnipotente e il Figlio suo Santissima Trinità unigenito e lo Spirito Santo: la Santissima Trinità. E il mistero di Dio in se stesso: la sorgente di tutti gli altri misteri della fede; è la luce che li illumina. I Padri della Chiesa distinguono fra il Mistero della vita intima di Dio-Trinità (Teologia) e lazione con cui Dio si rivela e si comunica (Economia). Le opere di Dio rivelano chi egli è in se stesso; e inversamente il mistero del suo Essere intimo illumina lintelligenza di tutte le sue opere. Lintimità del suo Essere come Trinità Santa è rivelata a noi dallIncarnazione del Figlio di Dio come pure dallinvio dello Spirito Santo.

60 Il Padre rivelato dal Figlio lautore e il perfezionatore della fede Presso Israele Dio è chiamato Padre in quanto il Creatore del mondo; Padre in forza dellAlleanza e del dono della Legge fatta ad Israele suo figlio primogenito (Es 4,22); Padre del re dIsraele; Padre dei poveri. Gesù ha rivelato che Dio è Padre in un senso inaudito: non soltanto in quanto Creatore, è eternamente Padre in relazione al Figlio suo Unigenito;il quale a sua volta non è Figlio se non in relazione al Padre. La Chiesa riconosce il Padre come la fonte e lorigine di tutta la divinità, principio senza principio, è lorigine di tutta la vita trinitaria. Il Concilio Ecumenico di Costantinopoli professa: Il Figlio è unigenito di Dio, generato dal Padre prima di tutti i secoli, luce da luce, Dio vero da Dio vero, generato non creato, della stessa sostanza del Padre.

61 Il Padre e il Figlio rivelati dallo Spirito Prima della sua Pasqua, Gesù annunzia l'invio di un altro Paraclito (Difensore), lo Spirito Santo. Lo Spirito che opera fin dalla creazione, [Gen 1,2 ] che già aveva parlato per mezzo dei profeti (Simbolo di Nicea-Costantinopoli), dimorerà presso i discepoli e sarà in loro, [ Gv 14,17 ] per insegnare loro ogni cosa [ Gv 14,26 ] e guidarli alla verità tutta intera (Gv 16,13). Lo Spirito Santo è in tal modo rivelato come un'altra Persona divina in rapporto a Gesù e al Padre. L'origine eterna dello Spirito si rivela nella sua missione nel tempo. Lo Spirito Santo è inviato agli Apostoli e alla Chiesa sia dal Padre nel nome del Figlio, sia dal Figlio in persona, dopo il suo ritorno al Padre [Gv 14,26; Gv 15,26; Gv 16,14 ]. L'invio della Persona dello Spirito dopo la glorificazione di Gesù [Gv 7,39 ] rivela in pienezza il Mistero della Santa Trinità.

62 La missione dello Spirito Santo, che il Padre manda nel nome del Figlio [Gv 14,26 ] e che il Figlio manda dal Padre (Gv 15,26), rivela che egli è con loro lo stesso unico Dio. Con il Padre e con il Figlio è adorato e glorificato. Lo Spirito Santo procede, primariamente, dal Padre e, per il dono eterno che il Padre ne fa al Figlio, procede dal Padre e dal Figlio in comunione [Sant'Agostino, De Trinitate, 15, 26, 47].

63 LOccidente e lOriente circa lo Spirito che rivela il Padre e il Figlio La tradizione orientale mette innanzi tutto in rilievo che il Padre, in rapporto allo Spirito, è lorigine prima. Professando che lo Spirito procede dal Padre (Gv 15,26) afferma che lo Spirito procede dal Padre attraverso il Figlio. La tradizione occidentale dà maggior risalto alla comunione consustanziale tra il Padre e il Figlio, affermando che lo Spirito procede dal Padre e dal Figlio. Già papa san Leone nel 447 lo aveva dogmaticamente enunciato. Questa legittima complementarietà, se non viene inasprita, non scalfisce lidentità della fede nella realtà del medesimo mistero confessato.

64 LOccidente inserisce il Filioque e dal Figlio In conseguenza dellUnità dellEssere della Trinità la riflessione teologica dei concili di Toledo (638) e (675), di Francoforte (794) Inserisce nel Credo niceno-costantinopolitano il Filioque: lo Spirito procede dal Padre e dal Figlio eternamente come da un solo Principio e per una sola ispirazione. Tutto quello che è del Padre, lo stesso Padre lo ha donato al suo unico Figlio generandolo e il procedere dello Spirito Santo a partire dal Figlio lo riceve dalleternità dal Padre. Lintento era di arginare leresia delladozionismo. che riduceva il Figlio ad essere adottato dal Padre nel battesimo, e non lo riconosceva a Lui coeterno e consustanziale. Il patriarca dio Aquileia san Paolino nel concilio Provinciale a Cividale del 796, affronta il problema teologico della relazione fra le Persone della Trinità e dello Spirito Santo, "senza però aggiungere o diminuire nelle cose della fede, rendendola chiara con l'esposizione e spiegando pienamente le profonde e sottili investigazioni dei Padri."

65 Il Simbolo niceno-costantinpopolitano con la inserzione del Filioque si diffuse nellimpero carolingio sotto la pressione dello stesso imperatore Carlo Magno. La Chiesa di Roma non volle dapprima accogliere tale inserzione, consapevole che non era scaturita dalla convergenza di fede di tutte le Chiese riunite in concilio ecumenico. Il Simbolo con linserzione fu accettato soltanto durante gli imperatori Ottoni (X – XI secolo). Ha costituito uno degli argomenti di forte differenza tra la tradizione della Chiesa Ortodossa e quella Cattolica latina. Le rispettive scomuniche furono abrogate nel 1964 dal papa Paolo Vi e dal Patriarca Atenagora.

66 «Dio Padre onnipotente creatore «Dio Padre onnipotente creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili» Così inizia il Simbolo di Nicea-Costantinipoli, perché la creazione è l'inizio e il fondamento di tutte le opere di Dio. Egli opera tutto ciò che vuole (Salmo 115,3), Hai compassione di tutti, perché tutto tu puoi (Sapienza 11,23), rivela la sua onnipotenza soprattutto con la misericordia e il perdono (Preghiera liturgica). Creatore del mondo e delluomo, di tutti gli spiriti angelici, Dio ha posto la prima e universale testimonianza del suo amore onnipotente e della sua sapienza, il primo annunzio del suo disegno di benevolenza, che ha il suo fine nella nuova creazione in Cristo.

67 Luomo è predestinato a riprodurre limmagine del Figlio di Dio fatto uomo affinché Cristo sia il primogenito di una moltitudine di fratelli e sorelle. Costituito da Dio in uno stato di giustizia, luomo però, tentato dal maligno, fin dagli inizi della storia abusò della sua libertà, erigendosi contro Dio e bramando di conseguire il suo fine al di fuori di Dio (Gaudium et spes, 13). In conseguenza del peccato originale, la natura umana è indebolita nelle sue forze, sottoposta allignoranza, alla sofferenza, al potere della morte, e inclinata al peccato (concupiscenza). La vittoria sul peccato – promessa da Dio ai primogenitori - e riportata da Cristo ci ha donato beni migliori di quelli che il peccato ci aveva tolto: Laddove ha abbondato il peccato, ha sovrabbondato la grazia (Rm 5,20).

68 Capitolo II. « Articolo 2. «E IN GESU' CRISTO, » SUO UNICO FIGLIO, NOSTRO SIGNORE» La buona notizia per luomo è Gesù Cristo. Lannunzio di Gesù - Dio salva – del Figlio del Dio vivente (Mt 16,16), chiamato il Cristo unto, Messia, perché Dio lo consacrò di Spirito Santo e potenza (At 4,12). Egli era colui che deve venire (Lc 7,19), loggetto della speranza dIsraele. Rivelato a Pietro non dalla carne e dal sangue, ma dal Padre mio, dice Gesù. Noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità (Gv 1, 14). Signore indica la sovranità divina di Gesù. Nessuno può dire Gesù è il Signore se non sotto lazione dello Spirito Santo (1 Cor 12,3). Verbo è il Dabar di Dio, il Logos, la Parola che si fece carne, assunse la nostra carne mortale.

69 «FU CONCEPITO PER OPERA Articolo 3. «FU CONCEPITO PER OPERA DELLO SPIRITO SANTO, NACQUE DA MARIA VERGINE» Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cieloPer noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo… (Credo Niceno-Costantinopolitano). Lincarnazione è il mistero dellammirabile unione della natura divina e della natura umana nellunica Persona del Verbo. Lo Spirito Santo, che è Signore e dà la vita è mandato da Dio Padre a santificare il grembo della Vergine Maria e a fecondarla divinamente. La missione dello Spirito Santo è sempre congiunta e ordinata a quella del Figlio. Maria, che Dio ha scelto, fin dal suo concepimento, interamente preservata per sua grazia da ogni contaminazione con il peccato e tale per tutta la sua vita, è veramente Madre di Dio, perché è la Madre del Figlio eterno di Dio fatto uomo, Dio lui stesso. Maria è la nuova Eva, madre dei viventi.

70 Tutta la vita di Cristo fu un insegnamento continuo: i suoi silenzi, i suoi miracoli, i suoi gesti, la sua preghiera, il suo amore per l'uomo, la sua predilezione per i piccoli e per i poveri, l'accettazione del sacrificio totale sulla croce per la Redenzione del mondo, la sua Risurrezione sono l'attuazione della sua Parola e il compimento della Rivelazione. Giovanni Paolo II, Esort. ap. Catechesi tradendae, 9.

71 Articolo 4. « «PATI' SOTTO PONZIO PILATO, CREDO» FU CROCIFISSO, MORI' E FU SEPOLTOCREDO» Il Mistero pasquale della croce e della Risurrezione di Cristo è al centro della Buona Novella che gli Apostoli, e la Chiesa dopo di loro, devono annunziare al mondo. Il disegno salvifico di Dio si è compiuto una volta per tutte [Eb 9,26] con la morte redentrice del Figlio suo Gesù Cristo. La Chiesa resta fedele all'interpretazione di tutte le Scritture data da Gesù stesso sia prima, sia dopo la sua Pasqua: Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria? (Lc 24,26-27; Lc 24,44-45). Le sofferenze di Gesù hanno preso la loro forma storica concreta dal fatto che egli è stato riprovato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi (Mc 8,31), i quali lo hanno consegnato ai pagani perché fosse schernito e flagellato e crocifisso (Mt 20,19).

72 Articolo 5. «DISCESE AGLI INFERI, RISUSCITO' DAI MORTI» «DISCESE AGLI INFERI, RISUSCITO' DAI MORTI» Colui che discese è lo stesso che anche ascese(Ef 4,10). Il Simbolo degli Apostoli professa in uno stesso articolo di fede la discesa di Cristo agli inferi e la sua Risurrezione dai morti il terzo giorno, perché nella sua Pasqua egli dall'abisso della morte ha fatto scaturire la vita: Cristo, tuo Figlio, che, risuscitato dai morti, fa risplendere sugli uomini la sua luce serena, e vive e regna nei secoli dei secoli. Amen [Veglia Pasquale, Exultet]. La fede nella Risurrezione ha per oggetto un avvenimento storicamente attestato dai discepoli che hanno realmente incontrato il Risorto, ed insieme misteriosamente trascendente in quanto entrata dell'umanità di Cristo nella gloria di Dio.

73 Articolo 6. «SALI' AL CIELO, SIEDE ALLA DESTRA DI DIO PADRE ONNIPOTENTE» L'elevazione sulla croce significa e annunzia l'elevazione dell'Ascensione al cielo. Essa ne è l'inizio. Gesù Cristo, l'unico Sacerdote della nuova ed eterna Alleanza, in cielo Cristo esercita il suo sacerdozio in permanenza, essendo egli sempre vivo per intercedere a favore di quelli che per mezzo di lui si accostano a Dio (Eb 7,25), sommo sacerdote dei beni futuri (Eb 9,11). Per destra del Padre intendiamo la gloria e l'onore della divinità, ove colui che esisteva come Figlio di Dio prima di tutti i secoli come Dio e consustanziale al Padre, s'è assiso corporalmente dopo che si è incarnato e la sua carne è stata glorificata. E l'inaugurazione del regno del Messia, compimento della visione del profeta Daniele riguardante il Figlio dell'uomo. A partire da questo momento, gli Apostoli sono divenuti testimoni del Regno che non avrà fine Simbolo di Nicea-Costantinopoli

74 Articolo 7. « DI LA' VERRA' A GIUDICARE I VIVI E I MORTI» « DI LA' VERRA' A GIUDICARE I VIVI E I MORTI» Cristo Signore regna già attraverso la Chiesa, ma tutte le cose di questo mondo non gli sono ancora sottomesse. Il trionfo del Regno di Cristo non avverrà senza un ultimo assalto delle potenze del male. Nel Giorno del Giudizio, alla fine del mondo, Cristo verrà nella gloria per dare compimento al trionfo definitivo del bene sul male che, come il grano e la zizzania, saranno cresciuti insieme nel corso della storia. Rivelerà la disposizione segreta dei cuori e renderà a ciascun uomo secondo le sue opere e secondo l'accoglienza o il rifiuto della grazia.

75 Capitolo III. Articolo 8 « CREDO NELLO SPIRITO SANTO» Lo Spirito Santo con la sua grazia è il primo nel destare la nostra fede e nel suscitare la vita nuova è l'ultimo nella rivelazione delle Persone della Santa Trinità. (San Gregorio Nazianzeno, il Teologo) In forza del nostro Battesimo, la Vita, che ha la sua sorgente nel Padre e ci è offerta nel Figlio, ci viene comunicata intimamente e personalmente dallo Spirito Santo nella Chiesa. Il Battesimo ci accorda la grazia della nuova nascita in Dio Padre per mezzo del Figlio suo nello Spirito Santo. Infatti coloro che hanno lo Spirito di Dio sono condotti al Verbo, ossia al Figlio; ma il Figlio li presenta al Padre, e il Padre procura loro l'incorruttibilità. (Ireneo di Lione, Demonstratio apostolica, 7).

76 « LA SANTA CHIESA Articolo 9. « LA SANTA CHIESA CATTOLICA » Lo Spirito Santo, che Cristo, Capo, diffonde nelle sue membra, edifica, anima e santifica la Chiesa, sacramento della comunione della Santissima Trinità e degli uomini. Larticolo dipende anche interamente da quello sullo Spirito Santo che lo precede. La Chiesa è il Luogo dove fiorisce lo Spirito. (Ippolito, Traditio Apostolica) Cristo è la luce delle genti e questo sacro Concilio adunato nello Spirito Santo, ardentemente desidera che la luce di Cristo, riflessa sul volto della Chiesa, illumini tutti gli uomini annunziando il Vangelo a ogni creatura. Credere che la Chiesa è Santa e Cattolica e che è Una e Apostolica è inseparabile dalla fede in Dio Padre, Figlio e Spirito Santo. Questa è lunica Chiesa di Cristo sussiste nella Chiesa cattolica, governata dal successore di Pietro e dai vescovi in comunione con lui, ancorché a di fuori del suo organismo visibile si trovino parecchi elementi di santificazione e di verità. (Lumen Gentium, 8)

77 La comunione dei santiLa comunione dei santi E esplicitazione del precedente articolo: Che cosa è la Chiesa se non l'assemblea di tutti i santi? (Niceta, Spiegazione del Simbolo, 10). La comunione dei santi è precisamente la Chiesa. Ha due significati correlati fra loro: comunione delle cose sante, dei beni spirituali: comunione nella fede, dei sacramenti, dei carismi, della carità; comunione tra le persone sante, tra coloro che per grazia sono uniti a Cristo morto e risorto, che sono pellegrini sulla terra, che stanno purificandosi, che godono della gloria di Dio. Maria, Madre di Cristo è Madre della Chiesa nellordine della grazia, lei che ha dato la sua carne al Figlio di Dio, Capo del corpo che è la Chiesa. In Maria i cristiani riconoscono unimmagine e un anticipo della risurrezione che li attende, e la invocano come avvocata, ausiliatrice, soccorritrice, mediatrice.

78 Articolo 10. «CREDO LA REMISSIONE DEI PECCATI» In relazione con la professione di fede nello Spirito Santo. Cristo risorto ha affidato agi Apostoli il potere di perdonare i peccati quando ha loro donato lo Spirito Santo. La seconda parte del Catechismo tratta esplicitamente del perdono dei peccati per mezzo del Battesimo, del sacramento della Penitenza e degli altri sacramenti, specialmente dellEucaristia Il Battesimo è il primo e principale sacramento del perdono dei peccati: ci unisce a Cristo morto e risorto e ci dona lo Spirito Santo. Sacramento della riconciliazione con Dio è la Confessione per la Penitenza, che i Padri chiamano un Battesimo laborioso.

79 Articolo 11. «CREDO LA RISURREZIONE DELLA CARNE» Il Credo - professione della nostra fede in Dio Padre, Figlio e Spirito Santo, e nella sua azione creatrice, salvifica e santificante - culmina nella proclamazione della risurrezione dei morti alla fine dei tempi, e nella vita eterna. «La risurrezione dei morti è la fede dei cristiani - credendo in essa siamo tali». Gesù il Figlio di Dio, ha liberamente subito la morte per noi in una sottomissione totale e libera alla volontà di Dio, suo Padre. Con la sua morte ha vinto la morte, aprendo così a tutti la possibilità della salvezza. Lobbedienza di Gesù ha trasformato la maledizione della morte in benedizione.

80 Articolo 12. CREDO LA VITA ETERNA La vita, nella sua stessa realtà e verità, è il Padre, che, attraverso il Figlio nello Spirito Santo, riversa come fonte su tutti noi i suoi doni celesti. E per la sua bontà promette veramente anche a noi uomini i beni divini della vita eterna (Cirillo di Gerusalemme). Noi crediamo che la moltitudine delle anime che sono riunite attorno a Gesù e a Maria in paradiso, forma la Chiesa del cielo, dove esse nella beatitudine eterna vedono Dio così comè e dove sono anche associate, in diversi gradi, con i santi e gli angeli al governo divino esercitato da Cristo glorioso, intercedendo per noi e aiutando la nostra debolezza con la loro fraterna sollecitudine (Paolo VI, Credo del popolo di Dio,29).

81 Coloro che muoiono nella grazia e nellamicizia di Dio, ma imperfettamente purificati, vengono però sottoposti, dopo la morte, ad una purificazione al fine di ottenere la santità necessaria per entrare nella gioia del cielo. Seguendo lesempio di Cristo, la Chiesa avverte i fedeli della triste e penosa realtà della morte eterna, chiamata anche inferno: la separazione eterna da Dio, da quale sono la vita e la felicità per le quali è stato creato e alle quali aspira. Alla fine dei tempi, il regno di Dio giungerà alla sua pienezza. Allora i giusti regneranno con Cristo per sempre, glorificati in corpo e anima, e lo stesso universo materiale sarà trasformato. Dio allora sarà tutto in tutti (1Cor 15,28), nella vita eterna.

82 Amen Con la parola ebraica Amen, che conclude anche lultimo libro della Sacra Scrittura, che Gesù pronuncia Amen, amen vi dico…, che concludono le preghiere liturgiche della Chiesa, è significato il personale e comunitario SI fiducioso e totale a quanto abbiamo professato di credere, fidandoci totalmente di colui che è lAmen, il Dio fedele alle sue promesse. L Amen finale del Simbolo riprende e conferma le due parole con cui inizia Io credo. La vita cristiana di ogni giorno sarà allora l Amen all Io credo della professione di fede del nostro Battesimo. Il Simbolo sia per te come uno specchio. Guardati in esso, per vedere se tu credi tutto quello che dichiari di credere e rallegrati ogni giorno per la tua fede (Agostino, Sermone 58,11).

83 Fonte battesimale linizio del Credo scolpito intorno alla vasca IL SIMBOLO NELLA LITURGIA diventare cristiani nella comunità RITO DELLINIZIAZIONE CRISTIANA DEGLI ADULTI

84 2° GRADO: riti della purificazione e dellilluminazione I catecumeni, insieme con la comunità locale, si impegnano nel rinnovamento spirituale per prepararsi alle feste pasquali: ad essere iniziati al Sacramento della vita in Cristo. A questo fine si celebrano gli scrutini, le consegne e i riti immediatamente preparatori al Battesimo. Con questi riti si completa la preparazione spirituale e catechistica degli eletti o aspiranti che si protrae per tutto il tempo della Quaresima. I tre scrutini, che si concludono con gli esorcismi, hanno una grande importanza nella formazione spirituale. Il loro scopo è di illuminare progressivamente sul mistero del peccato e sul desiderio della salvezza.

85 Preghiera dopo il terzo esorcismo Liberati per poter ricevere la nuova vita della fede Preghiera O Dio, Padre della vita eterna, tu sei il Dio non dei morti, ma dei vivi e hai inviato il Figlio tuo messaggero della vita, perché strappasse gli uomini al regno della morte e li conducesse alla risurrezione. Libera questi eletti dal potere dello spirito maligno, perché possano ricevere la nuova vita del Cristo risorto e le rendano testimonianza con le opere. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

86 Le consegne: traditiones La Chiesa amorevolmente affida ai catecumeni eletti i documenti che fin dallantichità sono ritenuti il compendio della sua fede e della sua preghiera: il Simbolo e il Padre nostro. Consegna del Simbolo Diacono: Si avvicinino gli eletti per ricevere dalla Chiesa il Simbolo della fede. Celebrante: Carissimi: ascoltate le parole della fede per mezzo della quale riceverete la nuova vita in Dio. Sono poche parole, ma contengono grandi misteri. Accoglietele e conservatele con cuore sincero.

87 Il celebrante dà inizio alla recita del Simbolo, dicendo Io Credo in Dio Padre onnipotente… e prosegue solo o insieme con la Comunità dei fedeli. Nella formula detta degli Apostoli, o della Chiesa di Roma, oppure nella formula niceno-costantinopolitana. Orazione conclusiva sopra gli Eletti O Signore, sorgente di luce e di verità, ci rivolgiamo alla tua eterna e giustissima misericordia, per questi tuoi servi N. e N., rendili puri e santi; concedi loro il dono di una scienza vera, di una ferma speranza e di una dottrina santa, perché siano degni di ricevere la grazia del Battesimo. Per Cristo nostro Signore.

88 Riti immediatamente preparatori nel Sabato Santo Riconsegna del Simbolo Gli Eletti sono preparati alla professione battesimale della fede in forma dichiaratoria e sono istruiti sul dovere di annunziare la parola del Vangelo. Si situa qui il rito dell Effatà-Apriti. Effatà, cioè: Apriti, Perché tu possa professare la tua fede A lode e gloria di Dio

89 Riconsegna del Simbolo Gli Eletti professano il Simbolo nella forma dichiarativa: Io credo in Dio Padre onnipotente…

90 3° GRADO. Celebrazione dei Sacramenti delliniziazione nella Veglia della Pasqua Celebrazione del Battesimo Litanie dei Santi Benedizione dellacqua Rinunzia a satana Unzione con lolio dei catecumeni

91 La professione della fede nella forma interrogativa precede l immersione o laspersione battesimale Celebrante: N., credi in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra? Eletto: Credo Celebrante: Credi in Gesù Cristo, suo unico Figlio e nostro Signore, che nacque da Maria vergine, morì e fu sepolto, é risuscitato dai morti e siede alla destra del Padre? Eletto: Credo Celebrante: Credi nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne e la vita eterna? Eletto: Credo

92 nel Battesimo degli infanti la fede è professata nella forma dialogata Credi? - Credo! dai genitori e i padrini insieme con la comunità

93 nel battesimo per immersione Il celebrante immerge tre volte il corpo o il capo delleletto e sollevandolo altrettante volte, lo battezza, invocando una sola volta la Santissima Trinità. N., io ti battezzo nel nome del Padre prima immersione e del Figlio seconda immersione e dello Spirito Santo. terza immersione. Il padrino o la madrina o ambedue, toccano il battezzando. Dopo il Battesimo il popolo acclama. Seguono i riti esplicativi Unzione dopo il Battesimo Consegna della veste bianca Consegna del cero acceso.

94 nella Confermazione la fede è professata nella forma dialogata

95 Tempo della mistagogia I rinati nella fede - i neofiti - vengono sostenuti dalla Comunità nei loro primi passi e aiutati premurosamente e amichevolmente dai fedeli, dai padrini e dai pastori.

96 «La legge della preghiera è la legge della fede, la Chiesa crede come prega» Questo simbolo è un sigillo spirituale, è la meditazione del nostro cuore e ne è come una difesa sempre presente: senza dubbio è il tesoro che custodiamo nel nostro animo. (Ambrogio, Spiegazione del Simbolo, 1) La fede della Chiesa precede la fede del credente, che è invitato ad aderirvi. Quando la Chiesa celebra i sacramenti, confessa la fede ricevuta dagli Apostoli. Da qui l'antico adagio: «La legge della preghiera è la legge della fede, la Chiesa crede come prega», (Prospero di Aquitania, V secolo). La liturgia è un elemento costitutivo della santa e vivente Tradizione.

97 nella Veglia Pasquale la fede è professata in forma interrogativa e dialogata

98 nella tradizione dellOccidentale il Simbolo nella forma niceno-costantinopolitana con il Filioque inizia ad essere inserito nella Messa delle Chiese dellimpero dalla metà dellVIII secolo per volontà dellimperatore Carlo Magno con lintento di contrastare le eresie. La Chiesa di Roma - che non ha conosciuto in se stessa eresie - lo inserirà soltanto a partire dallXI secolo. E proclamato immediatamente dopo la proclamazione della Parola e lomelia. Il Simbolo degli Apostoli si alterna col Niceno-Costantinopolitano; in particolare, può essere adottato durante la Quaresima e il tempo di Pasqua, nonché in tutte le occasioni nelle quali la liturgia richiama il Battesimo. E seguito dalla preghiera dei fedeli

99 nella tradizione dellOriente il Simbolo nella forma niceno-costantinopolitana originaria, senza con il Filioque, inizia ad essere inserito nella Divina Liturgia dal VI secolo con il fine di dichiarare lortodossia della fede a fronte delle eresie. La fede è professata dopo i riti della presentazione dei doni. Il diacono invita: Amiamoci gli uni gli altri, per poter professare nella concordia la fede. Lassemblea risponde: Nel Padre, nel Figlio e nel Santo Spirito, Trinità consustanziale ed indivisibile seguita dalla Preghiera eucaristica

100 Nelle Esequie la fede è professata nella forma dichiarativa. Il cristiano che muore in Cristo giunge, al termine della sua esistenza terrena, al compimento della nuova vita iniziata con il Battesimo, rafforzata dalla Confermazione e nutrita dallEucaristia, Anticipazione del banchetto celeste. Il senso della morte del cristiano si manifesta alla luce della Morte e della Risurrezione di Cristo, nostra unica speranza; il cristiano che muore in Cristo Gesù, va ad abitare presso il Signore (2 Cor 5,8)

101 Recitare con fede il Credo, significa entrare in comunione con Dio, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, ed anche con tutta la Chiesa che ci trasmette la fede e nel seno della quale crediamo.

102 per approfondire J. Ratzinger, Introduzione al cristianesimo, Queriniana, Brescia R. Cantalamessa, La Pasqua della nostra salvezza. Le tradizioni pasquali della Bibbia e della Chiesa primitiva, Marietti, Genova - Milano 1984 (2007). J. N. D. Kelly, I Simboli di fede della Chiesa antica. ED, Napoli Per dire il Credo, di Bezançon Jean-Noël, Ferlay Philippe, Onfray jm, Borla Catechismo della Chiesa Cattolica, Città del Vaticano, Libr. Ed. Vaticana, Ortiz de Urbina, Storia dei concili ecumenici. I: Nicea e Costantinopoli I, Libr. Ed. Vaticana, Città del Vaticano M. Qualizza, Aspetti della dottrina trinitaria in Paolino dAquileia e in particolare nel concilio di Cividale, in XII centenario del concilio di Cividale ( ). Convegno storico-teologico. Atti, (Deputazione di storia patria per il Friuli, 26), Udine 1998, pp S. Piussi,, Il segno di Giona e la discesa agli inferi nellarte e nella liturgia aquileiese, in Cromazio di Aquileia, al crocevia di genti e religioni, catalogo della Mostra, Udine, Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo ( – ), Milano, Silvana Ed., 2009, pp


Scaricare ppt "Il Simbolo di fede nella tradizione cristiana Il Simbolo di fede nella tradizione cristiana : forme, contenuti e uso liturgico Voi dite AMEN a ciò che."

Presentazioni simili


Annunci Google