La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Saggi biochimici per la valutazione dellattività di ligandi in linee cellulari Interfase Fase G 1 : sintesi dei componenti cellulari Fase S: duplicazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Saggi biochimici per la valutazione dellattività di ligandi in linee cellulari Interfase Fase G 1 : sintesi dei componenti cellulari Fase S: duplicazione."— Transcript della presentazione:

1 Saggi biochimici per la valutazione dellattività di ligandi in linee cellulari Interfase Fase G 1 : sintesi dei componenti cellulari Fase S: duplicazione del materiale genetico Fase G 2 : sintesi dei materiali necessari alla successiva mitosi. Il ciclo cellulare è composto fondamentalmente da due parti: linterfase e la mitosi.

2 Il processo mitotico è costituito da 4 fasi:Profase, Metafase, Anafase, Telofase

3 Le cellule normali non hanno la capacità di proliferare indiscriminatamente a causa di alcuni geni ubiquitari ad azione repressiva: p53 e Rb. Il gene p53 viene così chiamato in quanto codifica per una proteina di 53 kDa associata alla cromatina e alla matrice nucleare di cellule normali e tumorali. La sua entrata nel nucleo è mediata da proteine chaperon in particolare la Hsp70 (heat shock protein).

4 A questo punto si aprono due possibilità: se la riparazione è produttiva il ciclo cellulare può riprendere e la cellula sopravvive; nel caso in cui il danno sia irreparabile, p53 promuove lapoptosi della cellula. Il gene p53 viene considerato un tumor suppressor gene in quanto la sua attività è in grado di arrestare la progressione del ciclo cellulare nella fase G 1, favorendo la riparazione del DNA danneggiato.

5 Riparazione La proteina p53 è una DNA-binding protein in grado di riconoscere un motivo simmetrico di 10 bp e di attivare la trascrizione dei geni. Linnesco dellapoptosi può avvenire mediante attivazione ligando Fas-L con il suo recettore Fas. Il recettore Fas è una proteina presente sulla membrana plasmatica appartenente alla famiglia dei recettori del TNF-NGF. Quando lega il suo ligando induce apoptosi: Fas Se la riparazione non ha successo sinnesca il meccanismo di apoptosi

6 Nelluomo i processi apoptotici sono coinvolti in: - sviluppo embrionale - sviluppo del sistema nervoso centrale - atrofia tissutale endocrino-dipendente - turn-over cellulare In numerosi processi patologici, quali infezioni virali (AIDS), tumori, e malattie autoimmuni, una deregolazione dellapoptosi può essere la base o una delle cause della patogenesi della malattia.

7 Induzione dellapoptosi - radiazioni ionizzanti - legame del recettore Fas con il suo ligando Fas-L (vedi percorso 1 e percorso 2) - rimozione dal mezzo di coltura dei fattori di crescita - riduzione della disponibilità di ATP - aumento di Ca ++ citoplasmatico

8 percorso 1 su queste proteine si aggancia la caspasi 8 che attiva a cascata le altre caspasi fino alla caspasi 3 la quale produce idrolisi dei substrati citosolici e nucleari. dopo il legame si ha oligomerizzazione del recettore Fas che provoca il reclutamento di proteine citosoliche FADD/MORT ad attività adattatrice;

9 Dallidrolisi della sfingomielina si generano i ceramidi i quali inducono apoptosi nelle cellule emopoietiche mediante il ganglioside GD3. Lapoptosi da GD3 sembra agire a valle delle caspasi in quanto non può essere bloccata da inibitori specifici delle caspasi. percorso 2 Linterazione recettoriale porta allattivazione di una fosfolipasi C specifica per la fosfatidilcolina e di una sfingomielinasi acida.

10 percorso 3 (mitocondriale) La caspasi 8 ha come substrato il bid (BH3 interacting domain death agonist). Il prodotto di idrolisi del bid indicato come t-bid entra nei mitocondri e genera oligomerizzazione dei fattori pro- apoptotici Bax e Bak che portano alla fuoriuscita dal mitocondrio del citocromo c che è il cofattore dellAPAF-1 (Apoptotic Protease Activating Factor 1) che attiva la caspasi 9 che poi porta allattivazione della caspasi 3 e al taglio dei substrati cellulari. Fattori pro-apoptotici: bax, bad, bak Fattori antiapoptotici: bcl-2, bcl-x L

11

12 Lapoptosi può essere indotta da ligandi che interagendo su recettori specifici portano allinnesco in seguito ad aumento di Ca ++ citoplasmatico. La caratterizzazione di questi recettori, la loro funzione regolatrice allinterno della cellula costituisce un metodo di valutazione dellattività di ligandi verso questi recettori.

13 Lattato Piruvato LDH NADNADH Resazzurina Resorufina Diaforasi 560 nm 590 nm Dosaggio LDH Studio Citotossicità Monitoraggio dellapoptosi

14 Dosaggio delle Caspasi Cysteinyl Aspartate Specific Proteinases ColorimetricoFluorimetrico Le caspasi sono delle cisteino-proteasi in grado di tagliare i substrati dopo un residuo di aspartato. Attualmente sono note 10 tipi di caspasi e la più studiata è la caspasi 3. La caspasi 3 è normalmente presente in forma inattiva, come pro-caspasi la quale proteoliticamente viene attivata.

15 La caspasi 3 è in grado di tagliare il poli-ADP-ribosio- polimerasi (PARP) un enzima coinvolto nella riparazione del DNA. Dalla mappatura del sito di taglio del PARP è stato identificato un tetrapeptide DEVD come sito dellattività caspasica. La coniugazione del DEVD con un residuo colorimentrico o fluorimentrico costituisce il substrato per il dosaggio della caspasi presente.

16 Induzione di apoptosi Attivazione della caspasi1 caspasi3 DEVD-AFC pNA = p-nitroanilide ; AFC = 7-ammino-4-trifluorometilcumarina DEVD-pNA DEVD -pNA-AFC DEVD rivelazione fluorimetricarivelazione colorimetrica

17 Dosaggio della Annexina V Lannexina V è una proteina con forte attività anticoagulante che ha elevata affinità calcio-dipendente per amminofosfolipidi. La fosfatidilserina è localizzata dalla parte interna della membrana cellulare, mentre mediante trasporto attivo durante lapoptosi viene a trovarsi sul lato esterno della membrana cellulare. Lannexina V in presenza di Ca ++ ha elevata affinità per la fosfatidilserina.

18 Legando allannexina V un residuo fluorescente come il fluorescein isotiocianato (FITC) è possibile misurare la quantità di fosfatidilserina presente sul lato esterno della membrana cellulare. citoplasma FICT Annexina V Ca ++ fosfatidilserina esterno interno

19 Dosaggio MTT bromuro di 3-[4,5-dimetiltiazol-2-il]-2,5-difenil tetrazolio MTT (giallo) mitocondrio Formazano Colore (azzurro) MTT


Scaricare ppt "Saggi biochimici per la valutazione dellattività di ligandi in linee cellulari Interfase Fase G 1 : sintesi dei componenti cellulari Fase S: duplicazione."

Presentazioni simili


Annunci Google