La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

- Quando Dove Come - Capire quando un vetro deve avere caratteristiche di sicurezza Capire quali caratteristiche di sicurezza deve avere Capire come intervenire.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "- Quando Dove Come - Capire quando un vetro deve avere caratteristiche di sicurezza Capire quali caratteristiche di sicurezza deve avere Capire come intervenire."— Transcript della presentazione:

1 - Quando Dove Come - Capire quando un vetro deve avere caratteristiche di sicurezza Capire quali caratteristiche di sicurezza deve avere Capire come intervenire sui vetri esistenti FILTRASOLE Copyright Abires Copyright Abires Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

2 Quadro Normativo Guida pratica Azioni dintervento Caratteristiche della pellicola Caratteristiche dellinstallazione Leggere e capire un certificato di conformità Come eseguire un collaudo Come redigere un capitolatoINDICE Esplorazione guidata 9min. – Clicca qui Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

3 Vetrazioni in edilizia e relativo rischio antinfortunistico Legislazione e norme di riferimento - Quadro generale - Il D.lgs 626 definisce il seguente quadro generale parlando di vetro in edilizia: Se le superfici trasparenti o traslucide delle porte e dei portoni non sono costituite da materiali di sicurezza e cè il rischio che i lavoratori possano rimanere feriti in caso di rottura di dette superfici, queste devono essere protette contro lo sfondamento Le pareti trasparenti o traslucide, in particolare le pareti completamente vetrate, nei locali o nelle vicinanze dei posti di lavoro e delle vie di circolazione, devono essere chiaramente segnalate e costituite da materiali di sicurezza, fino allaltezza di un metro dal pavimento, ovvero essere separate dai posti di lavoro e dalle vie di circolazione succitati, in modo tale che i lavoratori non possano entrare in contatto con le pareti, ne rimanere feriti qualora esse vadano in frantumi. Nel caso in cui vengano utilizzati materiali di sicurezza fino allaltezza di un metro dal pavimento, tale altezza è elevata quando ciò è necessario in relazione al rischio che i lavoratori rimangano feriti qualora esse vadano in frantumi. Le finestre, i lucernai e i dispositivi di ventilazione devono poter essere aperti, chiusi regolati e fissati dai lavoratori in tutta sicurezza. Le finestre i lucernai e le pareti vetrate devono essere tali da evitare un soleggiamento eccessivo dei luoghi di lavoro, tenendo conto del tipo di attività e della natura del luogo di lavoro. Ritorna allindice Clicca per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

4 - Norme di riferimento - UNI EN ISO (Norma Europea che definisce i criteri costruttivi del vetro stratificato per edilizia) Vetro per edilizia Vetro stratificato e vetro stratificato di sicurezza Punto 3 - RESISTENZA ALLIMPATTO Il vetro stratificato di sicurezza si distingue dal vetro stratificato per la prova del pendolo ed i suoi requisiti. Quando viene sottoposto a prova in conformità con il prEN 12600, deve raggiungere come minimo la classe 3B. Commento: In passato la UNI 7172, ora sostituita dalla UNI EN ISO 12543, non faceva alcuna distinzione tra i vetri stratificati perché tutto il vetro stratificato doveva anche essere di sicurezza e quindi superare la prova del pendolo almeno per il livello più basso. Ora la distinzione è molto chiara e quindi un qualsiasi vetro stratificato senza certificazione prEN 12600:2002 (attuale prova del pendolo) non è più un vetro di sicurezza, indipendentemente dalla composizione o dallo spessore totale; con tutte le implicazioni che ne derivano per gli aspetti antinfortunistici. Vetrazioni in edilizia e relativo rischio antinfortunistico Clicca per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

5 Vetrazioni in edilizia e relativo rischio antinfortunistico - Norme di riferimento - prEN (Norma Europea, conosciuta come prova del pendolo, che testa la resistenza dei diversi tipi di vetro) (alla data in cui scriviamo mancano pochi giorni allattesa pubblicazione in lingua italiana che finalmente trasforma la sigla prEN in EN…) Vetro per edilizia: Prova del pendolo Descrizione e scopo Questa Norma Europea costituisce il metodo per classificare i diversi tipi di vetro piano usati in edilizia a seconda dellenergia dimpatto e del tipo di rottura, con lo scopo di ridurre le ferite e le lesioni alla persona. Vengono identificate tre classi, corrispondenti a differenti valori di energia trasmessi dallimpatto di una persona. Commento: Viene definito e classificato anche il vetro normale con pellicola adesiva applicata su un lato. Questa definizione toglie finalmente ogni dubbio interpretativo sulla conformità della pellicola di sicurezza. La classe 1 è la più severa fra le tre e viene applicata quando cè anche il rischio di caduta nel vuoto in conseguenza alla rottura della lastra. Sono previste tre tipologie di rottura delle lastre: A,B,C. Il tipo A è quello del vetro normale: fratture diffuse e pezzi separati con bordi taglienti e pericolosi. Il tipo B è quello del vetro laminato ( stratificato o con pellicola anche su un solo lato): fratture diffuse ma pezzi tenuti insieme e non staccati. Il tipo C è quello del vetro temperato: disintegrazione della lastra in molti piccoli pezzi relativamente poco pericolosi. Clicca per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

6 Vetrazioni in edilizia e relativo rischio antinfortunistico - Norme di riferimento - UNI 7697:2002 (Norma Italiana che definisce i criteri di scelta del vetro per edilizia onde garantire la sicurezza dellutenza) Descrizione e scopo: Stabilisce una guida molto dettagliata per scegliere il tipo di vetro in relazione al luogo e allentità del rischio conseguente alla rottura. Il rischio può essere costituito dalla rottura accidentale del vetro, con potenziali ferite alla persona. In questo caso parliamo di antinfortunio. Diversamente il rischio può riguardare rotture dei vetri non accidentali. In questo caso parliamo di antivandalismo. Nel presente documento si troveranno dettagli e riferimenti solamente per i vetri che comportano rischi antinfortunistici. La presente normativa prevede al punto 8 una dettagliata tabella con specifiche minime correlate alla posizione/dimensione dei vetri, con riferimento alla classificazione stabilita dalla EN In tal senso suggeriamo la consultazione specifica. Commento: Citiamo qualche caso tra i più frequenti. I vetri interni per asili, scuole ed ospedali devono rispondere come minimo alla classe B2 secondo la EN Vetri in ambienti aperti al pubblico adibiti ad attività sportive o ricreative ed/o frequentate da giovani, indipendentemente dallaltezza del piano di calpestio, devono rispondere come minimo alla classe B1 secondo la EN Clicca per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

7 Guida pratica per capire se i vetri esistenti sono corretti o vanno adeguati: - Classificazione del vetro secondo la sua posizione e il conseguente rischio - Fasi di approccio e analisi per risolvere la conformità dei vetri: 1.Focalizzare il vetro in questione; 2.Rilevare se esistono rischi per le persone; 3.Stabilire il tipo di rischio e la conseguente classe di resistenza che dovrà avere il vetro; 4.Verificare il vetro esistente e la sua conformità alla classe di riferimento appena stabilita nella fase 3; 5.Intervenire per rendere conforme il vetro qualora mancassero i requisiti (stabiliti nella fase 3). Clicca per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Ritorna allindice

8 Guida pratica per capire se i vetri esistenti sono corretti o vanno adeguati: - Classificazione del vetro secondo la sua posizione e il conseguente rischio - Figura esplicativa per le casistiche 1, 2, 3 del vetro in caso di rottura con rischio di caduta nel vuoto: -Situzione con rischio di caduta nel vuoto – Casistica semplificata: 1 vetro fino a 100 cm. da pavimento 2 vetro oltre i 100 cm. da pavimento 3. 1 vetro interamente oltre i 100 cm da pavimento ma ancora in posizione di eventuale contatto diretto con la persona 3.2 come sopra ma fuori dalleventuale contatto diretto con la persona Clicca per proseguire FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

9 Guida pratica per capire se i vetri esistenti sono corretti o vanno adeguati: - Classificazione del vetro secondo la sua posizione e il conseguente rischio - Figura esplicativa per le casistiche 1, 2, 3 del vetro in caso di rottura ma senza caduta nel vuoto: -Situzione senza rischio di caduta nel vuoto – 1 vetro fino a 100 cm. da pavimento 2 vetro oltre i 100 cm. da pavimento 3.1 vetro interamente oltre i 100 cm da pavimento ma ancora in posizione di eventuale contatto diretto con la persona 3.2 come sopra ma fuori dalleventuale contatto diretto con la persona Clicca qui per proseguire FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

10 1.Cambio il vetro Oppure.. 2.Applico una pellicola di sicurezza (casistica prevista dalla EN12600, quindi pienamente entro il quadro normativo vigente) Cosa comporta il cambio del vetro esistente con uno stratificato di sicurezza: · Aumento di spessore · Aumento di peso · Movimentazione di vetri con relativo ingombro / rischi Cosa comporta lapplicazione di una pellicola di sicurezza sul vetro esistente: · Nessun cambiamento del vetro esistente; · Posa relativamente veloce; · Operazioni non ingombranti e nessun pericolo. Clicca qui per proseguire FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Opzioni possibili quando un vetro non è di sicurezza Ritorna allindice

11 Come riconoscere una buona pellicola? Come scegliere il giusto installatore? Come interpretare il giusto prezzo? Questo documento tenterà di darvi alcuni piccoli suggerimenti per meglio capire le pellicole di sicurezza. - Pochi e basilari - Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

12 Tipi di vetro esistenti: Vetro comune (float) trasparente o colorato, temperato, stratificato, retinato, U-Glass, stampato, vetrocamera. Tutti questi vetri possono avere spessori diversi, indipendentemente dal loro spessore solamente il vetro stratificato di sicurezza è approvato per la prevenzione antinfortunistica con classificazione EN12600 classe 1B-2B-3B. Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Il Vetro

13 Sul mercato esistono molti tipi di pellicole. Solo quelle definite di sicurezza hanno spessori ed adesivo capaci di offrire prestazioni antinfortunio. Si possono facilmente riconoscere in quanto lo spessore minimo di queste ultime è da 100 micron in su. Parti fondamentali di una pellicola di sicurezza: Schema semplificato Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax La Pellicola Ritorna allindice

14 Caratteristiche della pellicola: · Stabilità allultravioletto; · Elevatissima trasparenza; · No distorsione; · Resistenza elastica; · Resistenza meccanica Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Caratteristiche fondamentali delladesivo: · Tenere la pellicola saldamente attaccata al vetro; · Assorbire parte dellenergia durto; · Mantenere la trasparenza; · Non invecchiare (perdita di trasparenza ed aggrappaggio) Caratteristiche dellantigraffio: · Resistenza al graffio e alla pulizia periodica; · Trasparenza; · Durata

15 Caratteristiche dellistallazione: La non corretta installazione compromette ladesione e comporta scarsa performance della pellicola stessa. Linstallazione è una fase molto importante per garantire alla pellicola applicata sul vetro le prestazioni dichiarate dal fornitore. Osservate la tabella e il grafico sottostante! Capirete facilmente perché ogni produttore di pellicole permette solo agli installatori autorizzati di corredare la pellicola applicata con la garanzia ufficiale. Peeling test: Pellicola di sicurezza – prestazioni del film sul vetro: Metodo dinstallazioneResistenza al distacco g/25mm% Corretto % Senza pulizia con appropriato additivo % Spatolatura con poca pressione % Solo una spatolatura % Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Ritorna allindice

16 Conclusioni: istallazione non corretta = consistente perdita di prestazioni istallazione non corretta = consistente perdita di prestazioni = NON CONFORMITA Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

17 Pellicole di sicurezza e relativa durata nel tempo: Per testare la durata nel tempo le pellicole vengono sottoposte a test di invecchiamento accelerato I test di invecchiamento accelerato utilizzano: 1.Alta dose di ultravioletti (il poliestere e ladesivo vengono degradati dagli UV); 2.Alta percentuale di umidità 95% (ladesivo è degradato da alte percentuali di umidità); 3.Alta temperatura (fino a 70°). Conclusione: un test dinvecchiamento così condotto riesce dopo 2000 ore a simulare un invecchiamento nelluso normale corrispondente a 5 anni. Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

18 Reazione allinvecchiamento delle pellicole di sicurezza Llumar: Pellicola campione SCL SR PS4 ADESIVO: Dopo 2000 ore dinvecchiamento ladesivo risulta avere il 105% del valore iniziale di resistenza (le norme Ansi americane richiedono un valore non inferiore al 90%) Ladesivo usato da Llumar supera ampiamente il requisito minimo richiesto dalle norme americane. PELLICOLA: Dopo 2000 ore dinvecchiamento la pellicola risulta avere il 90% del valore iniziale (le norme Ansi americane richiedono un valore non inferiore al 75%) Ladesivo usato da Llumar supera ampiamente il requisito minimo richiesto dalle norme americane. In ultima analisi: tutti i valori citati in questa sintetica relazione sono riferiti alle pellicole Llumar, e sono il frutto di un continuo lavoro di miglioramento. Ovviamente questi valori e valutazioni tecniche potrebbero non essere trasferibili a pellicole provenienti da altri fornitori, se lo standard qualitativo non è di buon livello. Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax

19 Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Conclusioni Come riconoscere un vetro di sicurezza? Semplice! Deve essere certificato secondo la norma EN Quindi solo se possiede il certificato è di sicurezza! - Costituisce elemento di prova inconfutabile la marcatura all'origine del vetro -

20 Come riconoscere una pellicola di sicurezza? Semplice! Deve essere certificata secondo la norma EN Quindi solo se possiede il certificato è di sicurezza! Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Costituisce elemento di prova inconfutabile la marcatura all'origine della pellicola -

21 Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Ritorna allindice Come leggere un certificato Ente certificatore Produttore del Film Tipo di Film testato Spessore e tipo di vetro su cui viene effettuato il test Classe ottenuta e riferimento normativo

22 A) Componenti visibili; B) Componenti tecniche A.1) Non devono essere visibili imperfezioni / bolle / inclusioni oltre i 2 mm di diametro; A.2) I bordi devono essere tagliati senza imperfezioni e non distare più di 2 mm dal serramento; B) Lunica prova che determina oggettivamente la corretta installazione è il peeling test – prova di distacco - che può essere eseguita a campione in relazione alla dimensione totale del lavoro. E una prova semplice e univoca. E suggeribile per i lavori medio / grandi (oltre i 100 mq), in quanto prevede il distacco di una striscia di pellicola dal vetro dopo circa 30 giorni dallinstallazione. Si tratta quindi di una prova distruttiva, in quanto poi servirà rieseguire linstallazione della pellicola. Si esegue una doppia incisione sulla pellicola già applicata ricavando una striscia larga 25 mm. Su questa striscia viene applicato il peso campione e si misura il distacco ottenuto entro il periodo di tempo stabilito. Questo è lunico metodo per collaudare contemporaneamente le caratteristiche delle pellicole e la correttezza di posa in opera da parte della ditta installatrice. Maggiori informazioni sono disponibili attraverso il nostro servizio di assistenza. Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Collaudo: come determinare la corretta installazione di un film di sicurezza: Ritorna allindice

23 Oggetto del capitolato Applicazione di pellicole di sicurezza ai vetri esistenti per ladeguamento degli stessi alle normative antinfortunistiche (D.L. 626/94 e sue successive integrazioni). Il lavoro in oggetto è così descritto: scuole, edifici... Esempio 1 – Pellicola trasparente di sicurezza Specifiche della pellicola Per adeguamento dei vetri alla classe 1B (rischio di caduta nel vuoto) Si richiedono pellicole di sicurezza, tipo completamente trasparente certificate da Istituto accreditato secondo prEN per la classe 1B su vetri da 3mm (4mm, 6mm) di spessore. Costituirà elemento di preferenza una marcatura allorigine sulla pellicola che la renda riconoscibile. In tal caso la marcatura deve identificare la pellicola esattamente come riportato nelle certificazioni. La marcatura della pellicola dovrà essere visibile su ogni vetro trattato. Non saranno ritenuti altrettanto validi allo scopo adesivi o marcature applicate dallinstallatore. Inoltre la pellicola dovrà avere resinatura antigraffio e garanzia ufficiale del costruttore di 10 anni. Oggetto del Capitolato – Specifiche della Pellicola – Specifiche dellIstallatore - Collaudo Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Ritorna allindice Come fare un capitolato? - Elementi Essenziali -

24 Specifiche dellinstallatore: La ditta che si candida per eseguire linstallazione dovrà documentare di avere esperienza specifica dimostrando referenze sui lavori e liscrizione alla C.C.I.A.A. con descrizione esplicita nel suo oggetto sociale Installazione pellicole di sicurezza. Collaudo Sopra i 100 mq di pellicola installata verrà testata entro 30 giorni dallinstallazione, un vetro a campione ogni 100 lastre trattate, mediante peeling test. Il valore minimo dovrà essere non inferiore a… pena il rifacimento del lavoro a totale onere della ditta installatrice. Esempio 2 – Pellicola di sicurezza termoriflettente Per adeguamento dei vetri alla classe 1B (rischio di caduta nel vuoto) e contemporanea protezione dallirraggiamento solare. Si richiedono pellicole di sicurezza, tipo riflettente argento, certificate da Istituto accreditato secondo prEN per la classe 1B. Costituirà elemento di preferenza una marcatura allorigine sulla pellicola che la renda riconoscibile. In tal caso la marcatura deve identificare la pellicola esattamente come riportato nelle certificazioni. La marcatura della pellicola dovrà essere visibile su ogni vetro trattato. Non saranno ritenuti validi allo scopo adesivi o marcature applicate dallinstallatore. Inoltre la pellicola dovrà avere resinatura antigraffio ed energia solare respinta non inferiore al 79% e garanzia ufficiale del costruttore non inferiore ad anni 5. Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Come fare un capitolato? - Elementi Essenziali -

25 Esempio 3 Per adeguamento dei vetri alla classe 2B (rischio di ferimento diretto) Si richiedono pellicole di sicurezza, tipo trasparente, certificate da Istituto accreditato secondo prEN per la classe 2B. Costituirà elemento di preferenza una marcatura allorigine sulla pellicola che la renda riconoscibile. In tal caso la marcatura deve identificare la pellicola esattamente come riportato nelle certificazioni. La marcatura della pellicola dovrà essere visibile su ogni vetro trattato. Non saranno ritenuti validi allo scopo adesivi o marcature applicate dallinstallatore. Inoltre la pellicola dovrà avere resinatura antigraffio e garanzia ufficiale del costruttore non inferiore a 10 anni. Esempio 4 Per adeguamento dei vetri alla classe 2B (rischio di ferimento diretto) e contemporanea protezione alla visuale (privacy). Si richiedono pellicole di sicurezza, tipo opaco bianco, certificate da Istituto accreditato secondo prEN per la classe 2B. Costituirà elemento di preferenza una marcatura allorigine sulla pellicola che la renda riconoscibile. In tal caso la marcatura deve identificare la pellicola esattamente come riportato nelle certificazioni. La marcatura della pellicola dovrà essere visibile su ogni vetro trattato. Non saranno ritenuti validi allo scopo adesivi o marcature applicate dallinstallatore. Inoltre la pellicola dovrà essere di colore bianco e lasciar passare la luce visibile per almeno il 69% e garanzia ufficiale del costruttore di 5 anni. Altre specifiche di capitolato sono disponibili su Vostra richiesta, questi sono soltanto gli esempi più frequenti. Clicca qui per proseguire Copyright Abires Copyright Abires FILTRASOLE Via Francesco Crispi, Catania Tel-Fax Come fare un capitolato? - Elementi Essenziali -


Scaricare ppt "- Quando Dove Come - Capire quando un vetro deve avere caratteristiche di sicurezza Capire quali caratteristiche di sicurezza deve avere Capire come intervenire."

Presentazioni simili


Annunci Google