La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SENTIERO Le mete presentazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SENTIERO Le mete presentazione."— Transcript della presentazione:

1

2 OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SENTIERO

3

4

5 Le mete presentazione

6

7

8 Un osservatorio permanente sul sentiero …

9 perché?

10 perché? Breve lettura, anche per i reparti non coinvolti

11 Per capire quanto la dinamica del Sentiero riesca ad essere vera pratica di progettualità

12 Perché ogni E/G possa essere e divenire sempre più protagonista del proprio Sentiero Per capire quanto la dinamica del Sentiero riesca ad essere vera pratica di progettualità

13 Dal monitoraggio sul Sentiero attuato dopo la modifica del Regolamento metodologico di Branca e dall'osservazione dei nostri Reparti sono emersi 4 elementi che vorremmo approfondire. Perché vediamo che non funzionano come avremmo pensato, perché sono leve su cui puntare con forza e che vorremmo affinare:

14 BA

15 BA Il ruolo del capo sq. nel sentiero

16 Dal monitoraggio sul Sentiero attuato dopo la modifica del Regolamento metodologico di Branca e dall'osservazione dei nostri Reparti sono emersi 4 elementi che vorremmo approfondire. Perché vediamo che non funzionano come avremmo pensato, perché sono leve su cui puntare con forza e che vorremmo affinare: BA Il ruolo del capo sq. nel sentiero Le mete

17 Dal monitoraggio sul Sentiero attuato dopo la modifica del Regolamento metodologico di Branca e dall'osservazione dei nostri Reparti sono emersi 4 elementi che vorremmo approfondire. Perché vediamo che non funzionano come avremmo pensato, perché sono leve su cui puntare con forza e che vorremmo affinare: BA Il ruolo del capo sq. nel sentiero Le mete Il brevetto

18 Dal monitoraggio sul Sentiero attuato dopo la modifica del Regolamento metodologico di Branca e dall'osservazione dei nostri Reparti sono emersi 4 elementi che vorremmo approfondire. Perché vediamo che non funzionano come avremmo pensato, perché sono leve su cui puntare con forza e che vorremmo affinare: BA Il ruolo del capo sq. nel sentiero Le mete Il brevetto

19 In questa fase vogliamo approfondire gli ASPETTI CRITICI DEL MECCANISMO METE-IMPEGNI:

20 In questa fase vogliamo approfondire gli ASPETTI CRITICI DEL MECCANISMO METE-IMPEGNI: Non tutti sono necessariamente legati alle modifiche al regolamento, erano già pre-esistenti.

21 In questa fase vogliamo approfondire gli ASPETTI CRITICI DEL MECCANISMO METE-IMPEGNI: Non tutti sono necessariamente legati alle modifiche al regolamento, erano già pre-esistenti. Ci interrogano sulle modifiche al Sentiero e sui cambiamenti nella società di oggi.

22 In questa fase vogliamo approfondire gli ASPETTI CRITICI DEL MECCANISMO METE-IMPEGNI: Non tutti sono necessariamente legati alle modifiche al regolamento, erano già pre-esistenti. Ci interrogano sulle modifiche al Sentiero e sui cambiamenti nella società di oggi. Si vuole approfondire la criticità delle mete, ovvero la difficoltà dei nostri E/G a progettarsi per rendere il metodo sempre più calato nella concretezza di quanto un ragazzo e una ragazza sono in grado di fare o quanto possono imparare autonomamente

23 nuovo Sentiero rispetto al meccanismo METE/IMPEGNI, così come dalle modifiche al Regolamento:

24 Punti di forza - Più chiaro il meccanismo mete- impegni che mete-obiettivi- impegni - Aiutano un approccio pratico al Sentiero - Aiutano il protagonismo E/G - Occasione per verificare la capacità di progettare e stimolo ad alzare il tiro nuovo Sentiero rispetto al meccanismo METE/IMPEGNI, così come dalle modifiche al Regolamento:

25 Punti di forza - Più chiaro il meccanismo mete- impegni che mete-obiettivi- impegni - Aiutano un approccio pratico al Sentiero - Aiutano il protagonismo E/G - Occasione per verificare la capacità di progettare e stimolo ad alzare il tiro Punti di debolezza: - Spesso necessario grande intervento dei capi nella definizione delle Mete, soprattutto nelle prime fasi del Reparto, perché difficile per l'E/G progettare un cambiamento su di sé - A volte le Mete sono teoriche, poco raggiungibili - Scarsa fantasia nel porsele - Difficile perseguirle nel tempo lungo della Tappa - Difficile per lo staff averle tutte presenti nuovo Sentiero rispetto al meccanismo METE/IMPEGNI, così come dalle modifiche al Regolamento:

26 La meta, intesa come capacità di progettare se stessi, è intesa in due modi antagonisti:

27 nuovo Sentiero rispetto al meccanismo METE/IMPEGNI, così come dalle modifiche al Regolamento: La meta, intesa come capacità di progettare se stessi, è intesa in due modi antagonisti: Sovrastruttura e sforzo innaturale che proponiamo agli E/G; Appesantimento del semplice e naturale impegno

28 nuovo Sentiero rispetto al meccanismo METE/IMPEGNI, così come dalle modifiche al Regolamento: La meta, intesa come capacità di progettare se stessi, è intesa in due modi antagonisti: Sovrastruttura e sforzo innaturale che proponiamo agli E/G; Appesantimento del semplice e naturale impegno vs

29 nuovo Sentiero rispetto al meccanismo METE/IMPEGNI, così come dalle modifiche al Regolamento: La meta, intesa come capacità di progettare se stessi, è intesa in due modi antagonisti: Sovrastruttura e sforzo innaturale che proponiamo agli E/G; Appesantimento del semplice e naturale impegno Difficile, ma utile esercizio per imparare ad avere una visione di sé e ad immaginarsi diversi (migliori) vs

30

31

32 OBIETTIVI OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SENTIERO

33 -Leggere come vivere al meglio la progettualità all'interno del Sentiero

34 OBIETTIVI OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SENTIERO -Leggere come vivere al meglio la progettualità all'interno del Sentiero -Verificare se la difficoltà nel vivere le Mete sia intrinseca alla Meta, anzi le dia valore come sforzo del progettarsi o se invece tale difficoltà stia a indicare come la Meta, oggi, forse sia da superare

35 OBIETTIVI OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SENTIERO -Leggere come vivere al meglio la progettualità all'interno del Sentiero -Verificare se la difficoltà nel vivere le Mete sia intrinseca alla Meta, anzi le dia valore come sforzo del progettarsi o se invece tale difficoltà stia a indicare come la Meta, oggi, forse sia da superare -Individuare quali strumenti, oggi, permettono ai nostri Reparti di vivere-leggere-progettare al meglio il cambiamento di ogni singolo/a ragazzo/a

36 OBIETTIVI OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SENTIERO -Leggere come vivere al meglio la progettualità all'interno del Sentiero -Verificare se la difficoltà nel vivere le Mete sia intrinseca alla Meta, anzi le dia valore come sforzo del progettarsi o se invece tale difficoltà stia a indicare come la Meta, oggi, forse sia da superare -Individuare quali strumenti, oggi, permettono ai nostri Reparti di vivere-leggere-progettare al meglio il cambiamento di ogni singolo/a ragazzo/a -Ipotizzare strade nuove e diverse o valorizzare le strade fino ad oggi intraprese

37 OBIETTIVI OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SENTIERO -Leggere come vivere al meglio la progettualità all'interno del Sentiero -Verificare se la difficoltà nel vivere le Mete sia intrinseca alla Meta, anzi le dia valore come sforzo del progettarsi o se invece tale difficoltà stia a indicare come la Meta, oggi, forse sia da superare -Individuare quali strumenti, oggi, permettono ai nostri Reparti di vivere-leggere-progettare al meglio il cambiamento di ogni singolo/a ragazzo/a -Ipotizzare strade nuove e diverse o valorizzare le strade fino ad oggi intraprese - Coinvolgere i Capi nella riflessione al riguardo della progettualità in Reparto e nel Sentiero in particolare

38 Modalità

39 Modalità Coinvolgimento di Reparti Sentinella

40 Modalità Coinvolgimento di Reparti Sentinella in un percorso nell'anno

41 Modalità Ai Reparti individuati in regione è affidato il compito di:

42 Modalità -Progettare in staff lutilizzo delle Mete secondo la modalità di Reparto Sentinella assegnata

43 Modalità -Condividere in zona e in regione le riflessioni e le proposte emerse, confrontandosi ed eventualmente coinvolgendo i Reparti vicini nelle proprie valutazioni

44 Modalità -Progettare in staff lutilizzo delle Mete secondo la modalità di Reparto Sentinella assegnata -Condividere in zona e in regione le riflessioni e le proposte emerse, confrontandosi ed eventualmente coinvolgendo i Reparti vicini nelle proprie valutazioni -Attuare la proposta di Sentiero secondo le indicazioni nate con il confronto (incontri con gli altri Reparti, stimoli in Zona/Regione, ecc.)

45 Modalità -Progettare in staff lutilizzo delle Mete secondo la modalità di Reparto Sentinella assegnata -Condividere in zona e in regione le riflessioni e le proposte emerse, confrontandosi ed eventualmente coinvolgendo i Reparti vicini nelle proprie valutazioni -Attuare la proposta di Sentiero se secondo le indicazioni nate con il confronto (incontri con gli altri Reparti, stimoli in Zona/Regione, ecc.) -Fare riferimento al livello regionale e nazionale per riflessioni, criticità, questioni rilevanti che emergono via via attraverso i canali a disposizione (incontri di Zona/Regione, news e forum sul sito AGESCI, ecc.)

46 Modalità -Progettare in staff lutilizzo delle Mete secondo la modalità di Reparto Sentinella assegnata -Condividere in zona e in regione le riflessioni e le proposte emerse, confrontandosi ed eventualmente coinvolgendo i Reparti vicini nelle proprie valutazioni -Attuare la proposta di Sentiero se secondo le indicazioni nate con il confronto (incontri con gli altri Reparti, stimoli in Zona/Regione, ecc.) -Fare riferimento al livello regionale e nazionale per riflessioni, criticità, questioni rilevanti che emergono via via attraverso i canali a disposizione (incontri di Zona/Regione, news e forum sul sito AGESCI, ecc.) -Non applicheranno un Sentiero diverso ma quello attuale ponendo l'attenzione su particolari aspetti, con una prospettiva diversa

47 TIPOLOGIE DEI REPARTI SENTINELLA:

48 3 diverse proposte da vivere nei Reparti Sentinella:

49 TIPOLOGIE DEI REPARTI SENTINELLA: 3 diverse proposte da vivere nei Reparti Sentinella: 1) Come prima più di prima

50 TIPOLOGIE DEI REPARTI SENTINELLA: 3 diverse proposte da vivere nei Reparti Sentinella: 1) Come prima più di prima 2) Il ribaltone

51 TIPOLOGIE DEI REPARTI SENTINELLA: 3 diverse proposte da vivere nei Reparti Sentinella: 1) Come prima più di prima 2) Il ribaltone 3) Un po' per volta

52 TIPOLOGIE DEI REPARTI SENTINELLA: 3 diverse proposte da vivere nei Reparti Sentinella: 1) Come prima più di prima 2) Il ribaltone 3) Un po' per volta Per ciascuna un commento diverso, con attenzioni diverse agli articoli significativi del regolamento e con traccia di domande specifiche sugli aspetti-chiave

53

54 MODALITA' OSSERVATORIO:

55 -Reparti Sentinella per ogni regione, coordinati da referente regionale/IIRR

56 MODALITA' OSSERVATORIO: -Reparti Sentinella per ogni regione, coordinati da referente regionale/IIRR -Ogni Reparto dovrà preparare una relazione, focalizzandosi su interrogativi nei 3 ambiti a cui dare risposta:

57 MODALITA' OSSERVATORIO: -Reparti Sentinella per ogni regione, coordinati da referente regionale/IIRR -Ogni Reparto dovrà preparare una relazione, focalizzandosi su interrogativi nei 3 ambiti a cui dare risposta: Progettualità

58 MODALITA' OSSERVATORIO: -Reparti Sentinella per ogni regione, coordinati da referente regionale/IIRR -Ogni Reparto dovrà preparare una relazione, focalizzandosi su interrogativi nei 3 ambiti a cui dare risposta: Progettualità Cambiamento

59 MODALITA' OSSERVATORIO: -Reparti Sentinella per ogni regione, coordinati da referente regionale/IIRR -Ogni Reparto dovrà preparare una relazione, focalizzandosi su interrogativi nei 3 ambiti a cui dare risposta: Progettualità Cambiamento Verifica (capacità di rileggere il Sentiero fatto)

60 TEMPI (passaggi fondamentali) : QuandoCosaChi Entro giugno 2011Individuazione dei Reparti Sentinella (RepS) IIRR Fine giugno 2011Incontro nazionale dei RepSRepS, IIRR, Patt. Nazionale, Commissione Mete Entro settembre 2011Individuazione referente regionale IIRR, Pattuglie regionali Entro settembre 2011Evento start regionaleIIRR, Referenti regionali, RepS (IABZ) Settembre 2011–Settembre 2012 Attuazione del percorsoRepS (con il supprto di referente regionale, IIRR, Commissione Mete, IABZ) Gennaio/Febbraio/Giugno 2012 Passaggi di verifica con riscontri da IIRR e RepS IIRR, Pattuglia Nazionale, RepS, Commissione Mete, referenti regionali Settembre 2012Incontro nazionale di verifica RepS, IIRR, Referenti regionali, Commissione Mete, Patt. Nazionale Anno scout In base alle valutazioni di staff, Zona, Regione e livello nazionale, gli staff concordano e decidono se continuare a vivere secondo la modalità proposta RepS, IIRR, Referenti regionali, Commissione Mete, Patt. Nazionale (IABZ)

61 ELEMENTI IMPORTANTI: -Ci sarà un Referente Regionale che potrà essere lo stesso IIRR - Comunicazione continua di positività e criticità lungo tutto lanno, attraverso il sito - News e Forum

62 Il tempo è propizio: non lasciamocelo sfuggire!

63 Il tempo è propizio: non lasciamocelo sfuggire! Ilaria, Nicola e don Luca incaricati e A.E. Nazionali di Branca EG Giovanni, Lorenzo, Marco, Marco Commissione Mete


Scaricare ppt "OSSERVATORIO PERMANENTE SUL SENTIERO Le mete presentazione."

Presentazioni simili


Annunci Google