La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sicuri… Sicuri? Progetto per le diffusione in ambito scolastico della cultura della sicurezza e salute sul lavoro POR CRO 2007/2013 Fondi ex Accordo Stato-Regioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sicuri… Sicuri? Progetto per le diffusione in ambito scolastico della cultura della sicurezza e salute sul lavoro POR CRO 2007/2013 Fondi ex Accordo Stato-Regioni."— Transcript della presentazione:

1 Sicuri… Sicuri? Progetto per le diffusione in ambito scolastico della cultura della sicurezza e salute sul lavoro POR CRO 2007/2013 Fondi ex Accordo Stato-Regioni del 20/11/2008 Presentato il 15 ottobre 2010 su Bando Regione Toscana - Cod Istituto di Istruzione Superiore Virgilio di Empoli

2 I risultati quantitativi del progetto Fase 1 : Settembre 2011 – Gennaio 2012 INTERVENTI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA A CURA DELLA ASL Rivolti a docenti, Dirigenti DS e DSGA e personale ATA Durata: 33 h complessive ( 6 h medie per gruppo) Partecipanti: 72, suddivisi in cinque gruppi, di cui: 18 personale ATA 44 docenti 10 Dirigenti Fase 2 : Ottobre 2011 – Gennaio 2012 INTERVENTI FORMATIVI METODOLOGICI + GRUPPI DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A CURA DELLASSOCIAZIONE KAPPAERRE Rivolti a docenti di Scuola dellInfanzia, Primaria, Secondaria di primo e secondo grado Durata: 45 h complessive (15 h per gruppo) Partecipanti: 44, suddivisi in tre gruppi Fase 3 : Febbraio – Maggio 2012 LABORATORI NELLE CLASSI Durata: 411 h complessive (18 h medie a classe) Partecipanti: 22 classi = 492 studenti coinvolti dalla scuola dinfanzia alle scuole secondarie di secondo grado ( n°2 classi infanzia, n° 10 primaria, n° 7 medie, n 3 ° superiori)

3 Considerazioni su fase 1 - Formazione su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro Dirigenti: contatto diretto con i referenti dellINAIL grazie allincontro ad hoc richiesto. Personale ATA: i partecipanti hanno sottolineato limportanza di momenti formativi sui temi della sicurezza in una visione dinsieme complessa, per gestire al meglio i comportamenti sicuri nella struttura scolastica. Docenti: nozioni di base necessarie al proseguimento del percorso di progettazione dei laboratori. Coinvolgimento di tutti i protagonisti della scuola secondo un approccio al tema della sicurezza non prescrittivo ma comportamentale. Il percorso formativo ha permesso uno scambio delle esperienze e una maggiore consapevolezza del ruolo che ogni soggetto svolge per la sicurezza allinterno della scuola. CRITICITÀ: Mancato coinvolgimento delle figure responsabili della sicurezza allinterno della scuola (RSPP, addetti alla sicurezza, incaricati esterni…)

4 Considerazioni su fase 2: Metodologia e programmazione didattica Nei 3 gruppi di lavoro (Infanzia/Primaria, Secondaria di 1° grado, Secondaria di 2° grado) si è lavorato alla stesura di un programma di attività incentrate sul tema della sicurezza, utilizzando metodologie didattiche innovative e lavorando prevalentemente sulla consapevolezza e la percezione del rischio. Si è valorizzato il ruolo degli insegnanti attraverso la co- progettazione degli interventi e la responsabilità educativa verso il proprio gruppo classe. Gli insegnanti si sono messi in gioco per primi e hanno potuto così sviluppare con i ragazzi il tema della sicurezza con percorsi formativi differenziati. CRITICITÀ: Nelle scuole secondarie lorganizzazione scolastica non facilita lintegrazione tra docenti di discipline diverse, largomento è stato preso in carico da singoli docenti.

5 Considerazioni su fase 3: I Laboratori con i ragazzi Ottimi risultati in termini di coinvolgimento dei ragazzi (quasi 500 studenti hanno partecipato alle attività di laboratorio) e, in alcuni casi, di tutto il plesso scolastico e delle famiglie (scuole dellinfanzia e primarie) Produzione di lavori (grafici, video, libro dei giochi sicuri, cartellonistica) che restano patrimonio condiviso anche per le classi non direttamente coinvolte dal progetto. Breve la durata dei laboratori nelle scuole medie per il raggiungimento degli obiettivi, gradito lintervento di educatori esterni Valutazione del percorso, con incontri di verifica e restituzione e la condivisione degli spunti per la continuità

6 Spunti di continuità per la sostenibilità degli interventi sui temi di sicurezza nelle scuole Importanza del ruolo dei Dirigenti come stimolo al lavoro continuo sulla sicurezza, per un maggiore coinvolgimento di tutti gli attori della scuola. Opportunità di dare seguito al progetto/attività con i ragazzi, a partire dagli insegnanti che hanno già partecipato, valorizzando i lavori prodotti dai ragazzi e i percorsi svolti (insegnanti e ragazzi potrebbero farsi promotori della sicurezza per lanno scolastico successivo, es. scuola primaria). Opportunità di diffondere comportamenti e stili di vita sicuri a partire dalla consapevolezza del rischio anche in presenza di pericoli strutturali degli edifici scolastici. Conciliare e integrare gli obblighi di legge che riguardano la sicurezza con interventi formativi e attività da inserire nei POF, in modo che i due aspetti procedano di pari passo. Istituire una settimana/ giorni della sicurezza con attività da concordare con la ASL – Dipartimento Sicurezza e prevenzione, Società della Salute, Circondario Empolese Valdelsa, Amministrazione Conunale, INAIL, Vigili del Fuoco e Associazioni Mutilati e invalidi del lavoro per tutti gli istituti scolastici del territorio dellEmpolese Valdelsa.


Scaricare ppt "Sicuri… Sicuri? Progetto per le diffusione in ambito scolastico della cultura della sicurezza e salute sul lavoro POR CRO 2007/2013 Fondi ex Accordo Stato-Regioni."

Presentazioni simili


Annunci Google