La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA Avv. Stefano ARDAGNA. ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA Tutte le forme di cattiva cura fisica e affettiva, di abusi sessuali,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA Avv. Stefano ARDAGNA. ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA Tutte le forme di cattiva cura fisica e affettiva, di abusi sessuali,"— Transcript della presentazione:

1 MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA Avv. Stefano ARDAGNA

2 ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA Tutte le forme di cattiva cura fisica e affettiva, di abusi sessuali, di trascuratezza o di trattamento trascurante, di sfruttamento commerciale o altre che comportano un pregiudizio reale o potenziale per la salute del bambino, la sua sopravvivenza, il suo sviluppo o la sua dignità nel contesto di una relazione di responsabilità, di fiducia o di potere.

3 IV SEMINARIO CRIMINOLOGICO CONSIGLIO DEUROPA Atti e carenze che turbano i bambini e le bambine, attentano alla loro integrità corporea, al loro sviluppo fisico, affettivo, intellettivo e morale, le cui manifestazioni sono la trascuratezza e/o le lesioni di ordine fisico e/o psichico e/o sessuale da parte di un familiare o di terzi.

4 ……MA CE DI PIU..\Documents\I bam bini che assistono ad un atto di violenza lo subiscono_(720p).mp4

5 VIOLENZA ASSISTITA IN AMBITO FAMILIARE Fare esperienza da parte del bambino di qualsiasi violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica, su figure di riferimento o su altre figure affettivamente significative adulte e minori. Si includono le violenze messe in atto da minori su altri minori e/o su altri membri della famiglia, e gli abbandoni e i maltrattamenti ai danni degli animali domestici. Il bambino può fare esperienza di tali attività direttamente (quando avvengono nel suo campo percettivo), indirettamente (quando il minore ne è a conoscenza) e/o percependone gli effetti. CISMAI (Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e lAbuso allinfanzia)

6 ISTAT 6 milioni 743 mila Violenza fisica, sessuale, psicologica o di stalking 2 milioni 938 mila Violenza dal partner o marito Avevano figli al momento della violenza e il 62% figli testimoni di uno o più episodi

7 93% dei casi di violenza domestica NON SONO STATI DENUNCIATI!!!

8 BAMBINI MALTRATTATI SOTTOSEGNALATI SCARSA CONSAPEVOLEZZA DEI SEGNI DI MALTR. DISINFORMAZIONE SULLE MODALITA DI SEGNALAZIONE PERCEZIONE CHE LA SEGNALAZIONE PORTI PU DANNI CHE BENEFICI

9 LA DENUNCIA DI UN REATO PROCEDIBILE DUFFICIO ATTO OBBLIGATORIO CARABINIERI QUESTURA AUTORITA GIUDIZ.

10 REATI IN DANNO AI MINORI PIU DIFFUSI ABUSO DEI MEZZI DI CORREZIONE MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA LESIONI PERSONALI CON PROGNOSI SUP. 20 GIORNI ABBANDONO DI PERSONE MINORI O INCAPACI

11 Linsegnante assolve al proprio obbligo di denuncia Segnalazione scritta e senza ritardo DIRIGENTE SCOLASTICO

12 ART. 331 C.P.P. OBBLIGO DI DENUNCIA PER I REATI PROCEDIBILI DUFFICIO DA PARTE DI UN PUBBLICO UFFICIALE O DELLINCARICATO DI UN PUBBLICO SERVIZIO Il dirigente e linsegnante proprio per la loro qualifica di pubblico ufficiale hanno lobbligo di denuncia

13 STATO DI SOFFERENZA MANCANZA DI CURE SEGNALAZIONE SERVIZI SOCIALI PROCURA T.M. INTERVENTI DI PROTEZIONE CIVILE

14 ZONE GRIGIE MANCANZA DI CURE POVERTA DEI GENITORI SOFFERENZA DEI BAMBINI Problematica familiare o vero e proprio reato magari procedibile dufficio??????

15 Consultazione informale SERVIZIO SOCIALE FORZE DELLORDINE

16 CHI FA UNA SEGNALAZIONE/ DENUNCIA: NON DEVE AVERE LA PROVA CERTA DEL REATO O DEL PREGIUDIZIO; NON DEVE FARE DELLE INDAGINI (che spettano alla polizia giudiziaria) NON DEVE PREOCCUPARSI DELLACCERTAMENTO DEL REATO; NON SARA MAI SOTTOPOSTO A PROCEDIMENTO PER CALUNNIA (reato che prevede la consapevolezza dellinnocenza della persona accusata)

17 PRIVACY LEGGE N. 675 SE IL DIRITTO CHE DEVE ESSERE GARANTITO CONSISTE NELLA TUTELA IN SEDE GIUDIZIARIA DELLA PERSONA MINORE LA TRASMISSIONE DEI DATI, SIA COMUNI SIA SENSIBILI, RELATIVI AL MINORE STESSO E ALLA SUA FAMIGLIA, NON INCONTRA IL LIMITE DELLOBBLIGO DELLINFORMAZIONE E DEL CONSENSO (Art. 10 comma IV, art. 12 lett. H, art. 20 lett. G)

18 PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI Organo propulsore di iniziativa, di indagine e di raccordo con i servizi. Collettore di tutte le segnalazioni di abuso e di maltrattamento; TUTTI POSSONO SEGNALARE ALLA PROCURA

19 Art. 1 L. 216 del Attribuisce questo potere generale di segnalazione ai fini del collocamento dei minori abusati fuori dalle loro famiglie a Servizi sociali Enti locali Istituzioni scolastiche Autorità di pubblica sicurezza

20 ART. 403 C.C. Quando il minore è MORALMENTE o MATERIALMENTE abbandonato o allevato in locali insalubri o pericolosi, oppure da persone per negligenza, immoralità, ignoranza o per altri motivi incapaci di provvedere alleducazione di lui, la pubblica autorità, a mezzo degli organi di protezione dellinfanzia, lo colloca in luogo sicuro, sino a quando si possa provvedere in modo definitivo alla sua protezione.

21 Grazie dellattenzione


Scaricare ppt "MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA Avv. Stefano ARDAGNA. ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA Tutte le forme di cattiva cura fisica e affettiva, di abusi sessuali,"

Presentazioni simili


Annunci Google