La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROCEDIMENTI DISCIPLINARI - INTEGRAZIONI- FNOMCeO Ufficio Legale – Ufficio Odontoiatri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROCEDIMENTI DISCIPLINARI - INTEGRAZIONI- FNOMCeO Ufficio Legale – Ufficio Odontoiatri."— Transcript della presentazione:

1

2 PROCEDIMENTI DISCIPLINARI - INTEGRAZIONI- FNOMCeO Ufficio Legale – Ufficio Odontoiatri

3 Corte di Cassazione – Sesta Sezione Penale Sentenza 4 Gennaio 2012, n. 79 IL RICORRENTE NON È PARTE DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE «… nella condotta del Presidente del consiglio dellordine dei medici non è realizzato lindebito rifiuto di un atto dellufficio, in quanto, non essendo il ricorrente parte del procedimento amministrativo, a lui non era dovuta alcuna spiegazione ex art. 328 c.p., con la conclusione che nella specie il rifiuto non configura alcun illecito sanzionabile, così come correttamente ritenuto dal G.I.P....»

4 E A VOSTRA DISPOSIZIONE UNA LETTERA-TIPO DA INVIARE ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PER LA RICHIESTA DI INFORMAZIONE ALLA AUTORITA GIUDIZIARIA SUI PROCEDIMENTI PENALI A CARICO DEI PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI

5 Procura della Repubblica presso il Tribunale di ………………….. Quale Presidente della Commissione per gli Iscritti allAlbo degli Odontoiatri dellOrdine di …………………. Le chiedo cortesemente un incontro per affrontare congiuntamente un problema particolarmente delicato per il miglior svolgimento dei procedimenti disciplinari che ai sensi del combinato disposto di cui allart. 3 lett. f del DLCPS 233/46 e dellart. 6 della legge 24/07/1985 n. 409 sono di competenza delle Commissioni Albo Odontoiatri costituite presso ciascun Ordine provinciale. I competenti organi dellOrdine hanno necessità di ottenere informazioni sullinizio e sullesito dellazione penale nei confronti degli iscritti, in base ad una specifica disposizione normativa prevista dallart 44, 1° comma del D.P.R. 5 aprile 1950, n.221 che testualmente prevede: Fuori dai casi di radiazione, previsti dallart 42, il sanitario a carico del quale abbia avuto luogo procedimento penale è sottoposto a giudizio disciplinare per il medesimo fatto imputatogli, purché egli non sia stato prosciolto per la non sussistenza del fatto o per non averlo commesso. In base a questa normativa sarebbe necessario che le competenti giurisdizioni penali dessero costante informazione agli Ordini provinciali competenti per territorio sullinizio e sullesito dei procedimenti penali che riguardano i medici e gli odontoiatri italiani. Queste informazioni permetterebbero agli Ordini di svolgere pienamente i compiti disciplinari di competenza, attualmente resi difficoltosi proprio in carenza di un flusso di informazioni da parte delle competenti Autorità giurisdizionali. Comprendiamo pienamente lulteriore impegno che verrebbe così richiesto alle cancellerie giudiziarie, ma riteniamo che ragioni di giustizia e di equità impongano una collaborazione più stretta tra lattività degli Organi giurisdizionali penali e gli ordini provinciali dei Medici e degli Odontoiatri, al fine ultimo di garantire, attraverso il corretto esercizio dellazione disciplinare, la tutela della salute dei cittadini. Una nota su queste problematiche inviata dalla Federazione Nazionale Ordini Medici Chirurghi ed Odontoiatri al Ministero della Giustizia ha avuto risposte interessanti che alleghiamo in copia sia direttamente dal Ministero che da alcune Procure Generali cui la nota della Federazione era stata trasmessa. Segnaliamo in particolare la risposta trasmessa dal Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Venezia, Dr. Pietro Calogero. In conclusione Le chiedo lonore di poterLa incontrare per poter approfondire insieme la problematica che ho cercato di delineare nel comune interesse di permettere agli organi dellOrdine di svolgere in modo sempre più efficace le funzioni disciplinari che costituiscono laspetto forse più importante e decisivo della loro attività a tutela della salute pubblica e del decoro e della dignità della professione. Allegati vari

6 AUDIZIONE DISCIPLINARE Il Consiglio di Stato, con decisione del 2 settembre 2005, ha esteso il diritto di accesso agli atti per il sanitario sin dalla fase dellaudizione di cui allart. 39 del d.p.r. 221/1950

7 Corte di Cassazione – Terza Sezione Civile Sentenza 15 Aprile 2010, n PARTI NECESSARIE NEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE, AVENDO POTERE DI IMPUGNAZIONE, SONO, OLTRE ALLINTERESSATO, IL MINISTRO DELLA SALUTE E IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA

8 Corte di Cassazione – Sezioni Unite Civili Sentenza 8 Marzo 2006, n In caso di addebito disciplinare per i medesimi fatti contestati in sede penale, si impone la sospensione del procedimento disciplinare, ai sensi dellart. 295 cpc in quanto dalla definizione del procedimento penale dipende, ai sensi dellart. 653 cpp, quella del procedimento disciplinare.

9 Corte di Cassazione – Sezioni Unite Civili Sentenza 3 Maggio 2013, n Viene confermato che la normativa di cui allart. 2 della L. 248/2006 (cd. Legge Bersani) non consente la realizzazione della pubblicità informativa con modalità lesive della dignità e del decoro della professione. La pubblicità è realizzabile nel doveroso rispetto di precisi e specifici limiti deontologici, disciplinarmente rilevanti.


Scaricare ppt "PROCEDIMENTI DISCIPLINARI - INTEGRAZIONI- FNOMCeO Ufficio Legale – Ufficio Odontoiatri."

Presentazioni simili


Annunci Google