La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sorveglianza sanitaria e primo soccorso in edilizia 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sorveglianza sanitaria e primo soccorso in edilizia 1."— Transcript della presentazione:

1 Sorveglianza sanitaria e primo soccorso in edilizia 1

2 INFORTUNI MORTALI 1° POSTO MALATTIE PROFESSIONALI RICONOSCIUTE 2° POSTO 2

3 MORTALITÀ PER INFORTUNI MESOTELIOMA PLEURICO PATOLOGIA CRONICO-DEGENERATIVA DELLAPPARATO LOCOMOTORE DERMATITI DA CONTATTO 3

4 SORDITÀ DA RUMORE BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE E ASMA PROFESSIONALE DERMATITI DA CONTATTO PATOLOGIA DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI, DA POSTURA E DA MOVIMENTI RIPETITIVI PATOLOGIA DA STRUMENTI VIBRANTI PATOLOGIA TUMORALE (MESOTELIOMI, EPITELIOMI) PRINCIPALI MALATTIE PROFESSIONALI IN EDILIZIA PRINCIPALI MALATTIE PROFESSIONALI IN EDILIZIA 4

5 5

6 6

7 POLVERI SCLEROGENE: possono causare gravi ed irreversibili malattie polmonari anche quando lesposizione sia cessata SILICE Rischio maggiore per i lavori in galleria Silicosi e Silico/TBC Perforazione ad umido con sistemi aspiranti SOSTANZALAVORAZIONE POSSIBILI EFFETTI SULLA SALUTE PREVENZIONE TECNICA AMIANTO Opere di rimozione Opere di demolizione Asbestosi Vedere Sostanze Cancerogene POLVERI MISTE (polveri di silicati) Alto contenuto di silice libera (>5%) Modesto contenuto di silice libera (1 5%) Basso contenuto di silice libera (<1%) Broncopneumopatia cronica ostruttiva Maschere antipolvere 7

8 SOSTANZALAVORAZIONE POSSIBILI EFFETTI SULLA SALUTE PREVENZIONE TECNICA AMIANTO Opere di rimozione Opere di demolizione Mesotelioma Pleurico Cancro Polmonare Mesotelioma Peritoneale Asbestosi Aspirazione e ricambio dellaria con filtri assoluti Indumenti mono-uso Respiratori personali con casco aerato Locali di decontaminazione OLII MINERALI Disarmo dei casseri (possono contenere IPA, PCB e NITROSAMMINE) Dermatiti Neoplasie Cutanee Neoplasie Polmonari Vietarne luso Quando per ragioni di sveltimento del disarmo si devono utilizzare comunque: - Vietare luso degli olii esausti - Usare olii privi di PCB, nitrosammine e a basso contenuto di IPA Maschere con filtro P2 Guanti di gomma BITUMI E CATRAME Asfaltatura strade Imperm. coperture Congiuntiviti Neoplasie Cutanee Neoplasie Polmonari Respiratori personali con casco aerato Maschere con filtro P2 POLVERI DI LEGNO Carpenteria in legno Posa pavimenti in legno Tumori Naso-Sinusali Asma Bronchiale Sistemi di aspirazione Mascherina antipolvere 8

9 SOSTANZA PRODOTTO LAVORAZIONE POSSIBILI EFFETTI SULLA SALUTE PREVENZIONE TECNICA FUMI DI SALDATURA Lavori di carpenteria in ferro Lavori per impianti idraulici Congiuntiviti Irritazione prime vie respiratorie BPCO Luoghi ben ventilati Aspiraz. localizzata D.P.I. (lenti attiniche, casco, grembiuli, guanti, maschere per gas tossici o nocivi) VERNICI IMPREGNANTI SIGILLANTI/PRIMERS MASTICI COLLANTI/ADESIVI MALTA PER FUGHE Rischio per presenza di: Solventi (benzolo, stirolo, xilolo, toluolo, aldeide formica, eteri, chetoni) Diluenti (acetone, alcool, nitrodiluente) Resine (poliuretaniche, epossidiche) Pigmenti (cromati, metalli di piombo, cadmio e zinco) Disturbi S.N.C. (cefalea, vertigini, ecc.) Sensibilizzazione cutanea e respiratoria (isocianati, cromo, cobalto) Luoghi ben ventilati Aspirazione localizzata Maschere con filtro a carbone attivo MALTE/CEMENTI Presenza di sali di cromo e di cobalto Eczema del muratore Guanti in crosta con sottoguanti in cotone Creme barriera LANA DI ROCCIA LANA DI VETRO Dispersione più elevata nelle operazioni di taglio e nelle demolizioni Irritazioni cutanee da contatto, con prurito Irritazione prime vie aeree Guanti Maschere con filtro P3 9

10 Si tratta dellesposizione a microrganismi quali virus, batteri, ecc. che possano infettare e provocare danni alle persone esposte - Il rischio biologico nei cantieri edili è rappresentato soprattutto dalla presenza nel terriccio o sul materiale sporco della Spora Tetanica che, penetrando nellorganismo, può provocare il tetano, una grave malattia anche mortale. La semplice vaccinazione con i dovuti richiami (ogni 10 anni) è sufficiente per evitare il rischio. In base alla legge 292/63 per i lavoratori edili tale vaccinazione è obbligatoria. - Le condizioni climatiche del lavoro allaperto possono concorrere allinsorgenza di malattie infettive sia nei mesi invernali, per il freddo e lumidità, sia nei mesi estivi per lesposizione a calore eccessivo. La prevenzione si attua soprattutto facendo uso di un vestiario idoneo e con una buona organizzazione del lavoro alternando, quando le condizioni climatiche sono sfavorevoli (troppo freddo o troppo caldo), i lavori faticosi con periodi di riposo. RISCHI BIOLOGICI 10

11 VACCINAZIONI ANTITETANICA- obbligatoria per tutti ANTIEPATITE A e ANTILEPTOSPIROSI- per lavoratori impiegati in lavori nei canali o fogne ANTIEPATITE B- per il personale addetto al primo soccorso 11

12 La seconda causa più frequente di malattia professionale nei lavoratori edili sono le dermatiti da contatto. Il meccanismo può essere di tipo irritativo oppure allergico (in questo caso oltre al potere sensibilizzante della sostanza risulta determinante anche la predisposizione individuale del lavoratore). La Dermatite irritativa è in genere causata da agenti chimici e il danno sulla cute avviene con meccanismo diretto e nella sede di contatto. Le sostanze acide ed alcaline sono quelle più spesso implicate in questa malattia professionale. La Dermatite allergica da contatto (DAC) può essere causata da metalli, quali cromo, cobalto, nichel (molto comuni in edilizia, in quanto questi metalli sono presenti sotto forma di sali nel cemento), oppure da materie plastiche (es.: resine epossidiche). Altre sostanze quali gli oli minerali esercitano lazione dannosa con altri meccanismi (hanno potere cheratogeno) e possono indurre la formazione di acne e comedoni. SOSTANZE NOCIVE PER CONTATTO 12

13 La prevenzione per queste patologie cutanee si basa principalmente sulluso costante di guanti adatti o di creme barriera per evitare il contatto con gli agenti in causa. E importante evitare di tenere a lungo a contatto con la pelle stracci o indumenti sporchi e lavarsi accuratamente le mani utilizzando acqua e sapone oppure le apposite paste lavamani (mai solventi). 13

14 SORVEGLIANZA SANITARIA Art.2 comma 1 lettera m del D. Lgs. 81/08 insieme degli atti medici finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione allambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dellattività lavorativa Visite mediche specialistiche in medicina del lavoro Questionari clinici Esami strumentali Indagini di laboratorio Indagini diagnostiche Consulenze specialistiche Compatibilità tra condizioni di salute e compiti lavorativi Effetti precoci sulla salute correlati allesposizione professionale Verifica delle misure di prevenzione dei rischi 14

15 Articolo 41 - Sorveglianza sanitaria La sorveglianza sanitaria comprende: a) visita medica preventiva; b) visita medica periodica. La periodicità di tali accertamenti, qualora non prevista dalla relativa normativa, viene stabilita, di norma, in una volta lanno. c) visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi professionali o alle sue condizioni di salute; d) visita medica in occasione del cambio della mansione; e) visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro nei casi previsti dalla normativa vigente; e-bis) visita medica preventiva in fase preassuntiva; e-ter) visita medica precedente alla ripresa del lavoro, a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore ai sessanta giorni continuativi, al fine di verificare lidoneità alla mansione. 15

16 SORVEGLIANZA SANITARIA Art.41 comma 2 del D. Lgs. 81/08 Accertamenti medici preventivi e periodici Accertamenti medici su richiesta del lavoratore (dopo prolungato periodo di assenza dovuto a malattia comune, malattia professionale, infortunio sul lavoro o grave incidente) Accertamenti medici alla cessazione del rapporto di lavoro Accertamenti medici in occasione del cambio di mansione 16

17 SORVEGLIANZA SANITARIA Art.2 comma 1 lettera m del D. Lgs. 81/08 per accertare stati di gravidanza per verificare stati di sieropositività per HIV che espongano a rischi (radiografie o esami invasivi) se non esiste precisa indicazione clinica NON deve includere accertamenti sanitari: finalizzati a verificare il possesso di particolari requisiti e non correlati ai rischi cui il lavoratore è esposto su richiesta del datore di lavoro per controllare lidoneità fisica o le assenze per infermità del lavoratore problemi alcol-correlati assunzione sostanze psicotrope e stupefacenti Esclusi: 17

18 GIUDIZIO DI IDONEITÀ Art.41 comma 6 del D. Lgs. 81/08 Idoneità Idoneità parziale, temporanea o permanente Inidoneità, temporanea o permanente Avverso il giudizio del medico competente è ammesso ricorso, entro trenta giorni dalla data di comunicazione del giudizio medesimo, allorgano di vigilanza territorialmente competente (art. 41, comma 9). con prescrizioni con limitazioni il medico competente informa per iscritto il datore di lavoro e il lavoratore (art.41, comma 8) 18

19 19

20 20

21 21

22 22

23 23

24 24

25 SOPRALLUOGO IN AZIENDA Art. 25, comma 1, lettera l) del D.Lgs 81/08 Il medico competente visita gli ambienti di lavoro almeno una volta allanno o con cadenza diversa in base alla valutazione dei rischi Lindicazione di una periodicità diversa deve essere comunicata al datore di lavoro e annotata nel documento di valutazione dei rischi Nei cantieri temporanei o mobili può essere sostituito o integrato con la visione dei piani di sicurezza per i cantieri cui la durata presunta dei lavori è inferiore ai 200 giorni lavorativi ed il medico abbia già effettuato sopralluogo in altri cantieri aventi caratteristiche analoghe e gestiti dalla stessa impresa (art 104 comma 2) Non è previsto lobbligo di sopralluogo congiunto con il responsabile del servizio di prevenzione 25

26 VERIFICA DI ASSENZA DI ASSUNZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI O PSICOTROPE D.Lgs.81/08, PROVVEDIMENTO CONFERENZA STATO REGIONI 30 Ottobre 2007 Visite specialistiche in medicina del lavoro con anamnesi mirata Test di screening su urina Verifica positiva: giudizio di inidoneità temporanea alla mansione Invio ai SERT n) addetti alla guida di macchine di movimentazion e terra e merci. S.S. finalizzata alla verifica di assenza di condizioni di alcol dipendenza e di assunzione di sostanze psicotrope e stupefacenti (art.41, comma 4) 26

27 VERIFICA DI ASSENZA USO DI ALCOOL D.Lgs.81/08, Legge 125 del 30 marzo 2001 Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano - Provvedimento 16 marzo MANSIONI A RISCHIO 10) lavoratori addetti ai comparti della edilizia e delle costruzioni e tutte le mansioni che prevedono attività in quota, oltre i due metri di altezza; 14) tutte le mansioni che si svolgono in cave e miniere. Test alcolimetrico effettuato dal medico competente o dal medico dellOrgano di Vigilanza Se test positivo: invio ai SERT SUL LAVORATORE CON SOSPETTA INTOSSICAZIONE ALCOLICA ACUTA SEGNALATO DALLAZIENDA DIVIETO di assunzione e di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche 27


Scaricare ppt "Sorveglianza sanitaria e primo soccorso in edilizia 1."

Presentazioni simili


Annunci Google