La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI IN FALEGNAMERIA. Gli incidenti sul lavoro in Italia negli ultimi anni hanno causato più morti della seconda Guerra del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI IN FALEGNAMERIA. Gli incidenti sul lavoro in Italia negli ultimi anni hanno causato più morti della seconda Guerra del."— Transcript della presentazione:

1 LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI IN FALEGNAMERIA

2 Gli incidenti sul lavoro in Italia negli ultimi anni hanno causato più morti della seconda Guerra del Golfo: i militari della coalizione che hanno perso la vita sono stati 3.520, mentre i morti sul lavoro sono stati In Italia muoiono in media persone allanno per infortuni sul lavoro. L'età media di chi perde la vita sul lavoro si aggira sui 37 anni. Tutti gli infortuni costano ogni anno alla comunità 50 miliardi di euro.

3 COSÈ UN INFORTUNIO ? Linfortunio è un evento che si manifesta violentemente e in modo improvviso Provoca un danno alla salute del lavoratore ed è di unentità tale da essere registrato Quando non viene registrato è definito un semplice incidente

4 COS È UNA MALATTIA PROFESSIONALE? Una malattia professionale è dovuta al continuo contatto con le esalazioni nocive di alcuni prodotti industriali La malattia professionale agisce con lentezza e di conseguenza i sintomi si manifestano con il tempo La gravità di una malattia professionale è legata alla concentrazione delle sostanze e alla durata dellesposizione. Queste determinano lesioni di tipo lievi, gravi e gravissime

5 LA PREVENZIONE INFORTUNI La prevenzione infortuni è uno dei principali compiti che lo Stato deve assumersi Occorre fare prevenzione nei luoghi di lavoro, individuare ed eliminare i pericoli e le cause che potrebbero compromettere lintegrità psicofisica del lavoratore In particolare si devono ottimizzare i sistemi di qualità, ambiente e sicurezza aziendale PER EVITARE INFORTUNI SUL LAVORO LO STATO HA EMANATO......

6 ... IL D.L. 626\94 La legge si applica a tutti i settori di attività, privati o pubblici, in cui siano adibiti lavoratori subordinati. Il Decreto legislativo 626 del 19 settembre 1994 recepisce in Italia otto direttive della CEE finalizzate a promuovere la salute e la sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro. Ciascun lavoratore deve avere un'informazione adeguata dei rischi in cui può incorrere nellambiente di lavoro in cui si trova. MA NONOSTANTE QUESTO...

7 …GLI INFORTUNI DEI FALEGNAMI NON CALANO Nonostante i numerosi sviluppi positivi degli ultimi tempi, i falegnami devono fare i conti con la possibilità di incorrere in un infortunio ogni sei anni. Gli infortuni che coinvolgono i falegnami sono soprattutto a carico degli arti superiori, in particolare le mani. Ferite,contusioni,fratture,schiacciamenti, distorsioni lussazioni e amputazioni sono i principali infortuni in cui incorre il falegname. OLTRE A QUESTI INFORTUNI TROVIAMO ANCHE...

8 LE MALATTIE DEL FALEGNAME

9 Si tratta di quadri clinici caratterizzati, nei casi semplici, da arrossamenti o fine desquamazione lamellare e, nei casi più gravi, dalla comparsa di vescicole o di bolle. Gli agenti chimici presenti nelle colle e nelle vernici e alcune polveri di legno possono determinare dermatiti da contatto di tipo irritante o di tipo allergico. Le sedi interessate sono le mani, in particolare, e gli avambracci; il sintomo peculiare è il bruciore. DERMATITI

10 Gli agenti chimici e le polveri di legno possono penetrare nellorganismo anche attraverso le vie inalatorie e quindi determinare effetti patologici a carico dellapparato respiratorio. Lasma bronchiale si manifesta con crisi respiratorie dovute allostruzione delle vie aeree sia per lo spasmo dei bronchi sia per la secrezione di muco. PATOLOGIE DELLAPPARATO RESPIRATORIO La bronchite viene chiamata cronica quando si tossisce espellendo il muco per molti giorni al mese, per tre mesi allanno e per due anni.

11 Lipoacusia da rumore è una sordità bilaterale causata dalla continua e prolungata esposizione al rumore. Il rumore, agendo sulla coclea (parte dellorecchio a forma di chiocciola), può determinare sordità transitoria o permanente. IPOACUSIA DA RUMORE Il deficit uditivo diventa grave quando un segnale acustico a un certo livello di intensità non è udito affatto, ma basta un incremento di pochi DB perché venga percepito forte e fastidioso.

12 I tumori ai seni paranasali sono abbastanza rari, ma si tratta di patologie di estrema gravità Non è chiaro se i tumori maligni derivino dal contatto prolungato con il legno, sembrano essere più rischiosi i legni più duri, quelli che, lavorati, portano ad una più fine polverizzazione del prodotto. TUMORI MALIGNI DEL NASO E DEI SENI PARANASALI Si tratta di una neoplasia molto rara; in determinate categorie lavorative, quali i falegnami, lincidenza è maggiore, infatti il rapporto è di 5-9 casi ogni lavoratori.

13 Un esempio di atteggiamento di una posizione non fisiologica è rappresentato dalle fasi lavorative in cui il soggetto usa strumenti manuali o esegue operazioni di montaggio e mantiene il tronco per lungo tempo flesso in avanti. Le operazioni di spostamento, se eseguite scorrettamente, possono provocare lesioni dorso-lombari. PATOLOGIA DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Con il termine di movimentazione manuale si intendono tutte quelle operazioni di trasporto come sollevare, deporre, spingere, tirare, portare un carico.

14 PER NON DANNEGGIARE LA NOSTRA SALUTE......

15 .... UTILIZZIAMO I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

16 I DPI per proteggere l'udito sono obbligatori quando non è possibile ridurre il rumore con misure tecniche e quando esso supera i 90 decibel istantanei o gli 85 decibel medi giornalieri. Essi sono cuffie e tappi auricolari. PROTEZIONE DELLUDITO

17 PROTEZIONE DEI PIEDI La protezione dei piedi è importante sia per la loro incolumità sia per garantire una buona stabilità del lavoratore.

18 PROTEZIONE DEL CAPO Il dispositivo di protezione per il capo è uno solo: lelmetto. Esso è composto dalle seguenti parti: calotta di protezione, bardatura, fascia antisudore. Deve avere una sufficiente resistenza alla perforazione, un adeguato grado di assorbimento agli urti e una buona aerazione.

19 PROTEZIONE DEGLI OCCHI Gli occhi sono soggetti a diversi rischi: schegge, materiali roventi, caustici o corrosivi, che possono portare a tre tipi di lesioni: meccaniche, ottiche e termiche. Per proteggere questi organi delicati si usano occhiali, maschere, visiere e schermi.

20 PROTEZIONE DELLAPPARATO RESPIRATORIO I DPI a protezione delle vie respiratorie servono a proteggere il lavoratore da sostanze aeriformi potenzialmente nocive (gas, polveri, vapori). Gli addetti alla verniciatura e alla levigatura utilizzano maschere con filtro per proteggere le vie respiratorie dalle polveri del legno e dalle esalazioni nocive delle vernici.

21 CONCLUDENDO… … siamo noi i primi garanti del nostro diritto alla salute!


Scaricare ppt "LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI IN FALEGNAMERIA. Gli incidenti sul lavoro in Italia negli ultimi anni hanno causato più morti della seconda Guerra del."

Presentazioni simili


Annunci Google