La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Carlo Alberto firma lo Statuto Albertino, 4 marzo 1848.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Carlo Alberto firma lo Statuto Albertino, 4 marzo 1848."— Transcript della presentazione:

1 Carlo Alberto firma lo Statuto Albertino, 4 marzo 1848

2 Con il Congresso di Vienna, lo sappiamo, le monarchie europee cacciate via da Napoleone tornarono a sedere sui rispettivi troni. Tuttavia, i popoli, ormai, erano stanchi di essere oppressi dal potere assoluto dei sovrani, prepotenti opprimenti e sordi di fronte alle richieste del popolo, che invece chiedeva meno tasse, più giustizia e un maggiore benessere per tutti, non solo per i nobili e il clero Ad ogni modo, capitava che ad accendere i focolai della rivolta, spesso, più che la gente semplice, erano personaggi importanti della politica, della cultura, persino dellesercito

3 Sullesempio di alcune sommosse già sorte in Spagna, due ufficiali dellesercito borbonico affiliati alla Carboneria, Michele Morelli e Giuseppe Silvati, promossero nel 1820 a Nola, vicino Napoli, un moto insurrezionale, cui prese parte anche il generale Guglielmo Pepe. La rivolta ben presto si diffuse in tutto il Sud, fino in Sicilia, la quale voleva lindipendenza da Napoli. Impaurito dai tumulti, re Ferdinando I concesse una Costituzione, ma al tempo stesso, nel marzo 1821, chiedeva aiuto agli Austriaci, che scesero a Napoli e sbaragliarono le truppe napoletane liberali. Tornato lordine, il re revocò la Costituzione e concentrò nuovamente tutto il potere nelle sue mani. Guglielmo Pepe fu esiliato, Morelli e Silvati furono processati e impiccati

4 Gli eventi di Spagna e Regno delle Due Sicilie si ripercossero anche in Piemonte, dove nel marzo del 1821 si ammutinarono le guarnigioni di intere città, Torino compresa. Lanziano re Vittorio Emanuele I abdicò a favore del fratello Carlo Felice. Essendo questi a Modena, la rivolta fu affrontata dal nipote del re Carlo Alberto, che non esitò a firmare una Costituzione, nella speranza di allentare le tensioni sociali. Ma Carlo Felice, immediatamente chiamò in suo aiuto gli Austriaci e in aprile tornò a Torino per ripristinare lantico regime. Intanto, lAustria interveniva anche nel Lombardo-Veneto, dove molti personaggi politici, militari e intellettuali subirono processi e condanne. Tra questi, lo scrittore Silvio Pellico, autore de Le mie prigioni

5 La grecia, approfittando dei segni di declino dellimpero ottomano che la opprimeva, nel 1821 tentò di proclamare la sua indipendenza. La reazione turca fu immediata e spietata, tanto che Russia, Inghilterra e Francia accorsero in aiuto dei Greci. Dopo una lunga e drammatica lotta, con lAccordo di Londra, del 1830, le potenze europee imposero sul trono di Atene il principe tedesco Ottone di Baviera, nel 1832.

6 Anche in America Latina scoppiano numerose rivolte che portano via via le colonie a rendersi indipendenti dalla madrepatria, dopo sanguinose battaglie, nel caso delle colonie spagnole, o con più pacifici accordi, come nel caso delle colonie portoghesi. Restava grave però il problema delle masse sempre più immiserite e dellaristocrazia sempre in conflitto per contendersi il potere tramite continui colpi di stato.

7 Nel 1830, lultimo re Borbone di Francia, Carlo X, è costretto alla fuga e cede il trono a Luigi Filippo dOrléans, più aperto alla volontà del Parlamento Nel 1831, il Belgio, ribellatosi al predominio olandese, ottiene lindipendenza Nello stesso anno anche la Polonia tentava lindipendenza dalla Russia, ma non ottenne lappoggio francese e la rivolta fu repressa dallesercito zarista. Triste epilogo anche per i rivoluzionari di Bologna, Parma e Mantova, anchessi delusi dallastensione francese. Tra i patrioti più attivi, Ciro Menotti, un commerciante di Carpi, condannato a morte e impiccato con altri congiurati. Intanto, Giuseppe Mazzini, proprio nel 1831 fondava la Giovane Italia e nel 1834 la Giovane Europa. Le insurrezioni da lui promosse, non ebbero esito molto felice, ma contribuirono ad aprire in Italia una stagione di riforme e di Statuti, - importanti quelli concessi da Ferdinando II di Napoli e da Carlo Alberto di Savoia, entrambi del 1848, - con i quali in sostanza i sovrani riconoscevano ai sudditi il diritto di eleggere un Parlamento


Scaricare ppt "Carlo Alberto firma lo Statuto Albertino, 4 marzo 1848."

Presentazioni simili


Annunci Google