La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Emissioni dei Porti in Puglia Anno 2007 Riunione INEMAR Bari, 5-6 ottobre 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Emissioni dei Porti in Puglia Anno 2007 Riunione INEMAR Bari, 5-6 ottobre 2010."— Transcript della presentazione:

1 Emissioni dei Porti in Puglia Anno 2007 Riunione INEMAR Bari, 5-6 ottobre 2010

2 Classificazione delle attività portuali considerate per la stima 08 Macrosettore 08 Altre sorgenti mobili 04 Settore 04 Trasporto marittimo Attività Traffico marittimo nazionale Traffico marittimo internazionale SNAP

3 Le fasi operative considerate Le emissioni stimate, originate dai porti, riguardano le attività di: stazionamento manovra stazionamento La stima delle emissioni è stata effettuata sulla base della metodologia internazionale Methodology for Estimate air pollutant Emission from Transport (EEA-MEET)

4 I porti pugliesi considerati I porti pugliesi considerati per la stima delle emissioni: Bari, Barletta, Bisceglie, Brindisi, Gallipoli, Giovinazzo, Manfredonia, Molfetta, Taranto e Trani. Tra questi, i più importanti per volumi di traffico merci/passeggeri sono da considerare i porti di Bari, Brindisi e Taranto (V. ISPRA, Rapporto 95/2009).

5 I sub-sistemi territoriali portuali pugliesi (Fonte: Piano Attuativo regionale )

6 Metodologia Il modulo porti di INEMAR stima nel livello di massimo dettaglio l'emissione Eijklmn secondo lalgoritmo: E i = SOMMA jklmn * E ijklmn (1) dove: Ei = emissione totale dell'inquinante i [kg, t, o Kt, unità di misura dipendente dall'inquinante] i = inquinante j = carburante k = tipo di imbarcazione l= tipo di motore m = fase operativa n = numero di imbarcazioni Eijklmn = emissione totale dell'inquinante i dall'uso del carburante j sulle n imbarcazione di tipo k con motore l nella fase m

7 Metodologia L'emissione totale Eijklmn è calcolata: Eijklmn = Sjkm * tjklm * Fijlm * Njklm* (2) dove: Sjkm Sjkm = consumo giornaliero [t/giorno] di carburante j, nell'imbarcazione k, nella fase m (calcolato come indicato in seguito in funzione della stazza lorda, chiamata GT nella metodologia MEET) Sjkm = Cjk * pkm C jk= ajk+ bjk*GT + cjk*GT 2 + djk*GT 3 + ejk*GT 4 tjklm tjklm = giorni medi di navigazione dell'imbarcazione k con motore l (e specifica stazza lorda) e usando carburante j nella fase m Fijlm Fijlm = fattore di emissione medio dell'inquinante i, per il carburante j e motore l nella fase m [mg, g, kg/t], a seconda del tipo di inquinanti, Njklm Njklm = numero imbarcazioni k, con motore l e carburante j (e specifica stazza lorda).

8 Consumi, FE, fasi operative e tipologia di navi considerate nella stima

9 Fasi del lavoro Fase 1 - Analisi e presa visione della tematica sulla stima delle emissioni dai porti Fase 2 - Analisi dei dati necessari per la stima delle emissioni e relativa raccolta Fase 3 - Predisposizione delle tabelle (excel/access) per INEMAR Fase 4 - Lancio procedura INEMAR per la stima delle emissioni del modulo Porti Fase 5 - Elaborazione dei risultati

10 Fonte dati Fonte dati per stima emissioni da attività portuali nei porti pugliesi DATIFONTE 1. Tipi di imbarcazione e stazza lorda Capitanerie di Porto Pugliesi (Autorità portuali) 2. Consumo giornaliero di carburante Metodologia dettagliata MEET – Trozzi, Vaccaro 3. Giorni di permanenza delle imbarcazioni in ogni fase Capitanerie di Porto Pugliesi (Autorità portuali) 4. Fattori di emissione per inquinante, in funzione del tipo di nave e della fase in cui si trova European Commission – Quantification of emissions from ships associated with ship movements between ports in the european community – luglio 2002

11 Questionario predisposto Questionario predisposto Capitanerie di porto e Autorità portuali

12 INEMAR - modulo porti Per poter utilizzare il modulo Porti in INEMAR è stato necessario preliminarmente predisporre e popolare le specifiche tabelle, con i dati relativi allindicatore utilizzato (consumo di combustibile) sviluppati secondo la metodologia MEET e i relativi FE.

13 RISULTATI Generali Emissioni in atmosfera - Generale emissioni da porti - Puglia (2007) Tipo di emissione (cod. SNAP)U.M.InquinanteEmissione PO e 04Mg/aSO ,88 PO e 04Mg/aNOx14.933,77 PO e 04Mg/aCOVNM1.170,43 PO e 04Mg/aCO ,34 PO e 04Mg/aPTS1.832,95 Fonte: Inventario Regionale delle emissioni in atmosfera – INEMAR Puglia 2007 SO2 NOx NMCOV CO2 PTS Descrizione delle emissioni da porti a livello regionale, provinciale e per singoli porti con particolare riferimento ai seguenti inquinanti SO2 NOx NMCOV CO2 PTS

14 RISULTATI Traffico nazionale e internazionale Emissioni in atmosfera da porti Puglia (2007): traffico nazionale ed internazionale Tipologia SO 2 NO x COVNMCO 2 PTS Mg/a% % % % % Traffico nazionale (399) 6.819,5350, ,9349,89586,4950, ,8850,10922,2150,31 Traffico internaziona le (401) 6.805,3549, ,8450,11583,9549, ,4649,90910,7449,69 Totale13.624, , , , ,95100 Fonte: Inventario Regionale delle emissioni in atmosfera – INEMAR Puglia 2007

15 RISULTATI Emissioni per fasi operative Emissioni in atmosfera da porti Puglia (2007): fasi operative considerate Fase operativa SO 2 NO x COVNMCO 2 PTS Mg/a% % % % % Manovra 590,224,33632,474,2474,336, ,154,45112,166,12 Stazionamento ,6695, ,3195, ,1193, ,1995, ,7993,88 Fonte: Inventario Regionale delle emissioni in atmosfera – INEMAR Puglia 2007

16 RISULTATI Emissioni totali provinciali Emissioni in atmosfera a livello provinciale – Porti Puglia (2007) InquinanteSO2 NOx COVNM CO2 PTS ProvinciaU.M.Mg/a% % % % % BARI1.691,7212, ,3111,88152,4513, ,1713,16252,7513,79 BRINDISI1.833,3913, ,8413,15181,3815, ,2813,82287,3015,67 FOGGIA281,262,06314,982,1127,632, ,082,0341,132,24 LECCE 89,230,65102,100,687,510, ,200,6511,350,62 TARANTO9.729,2771, ,5472,18801,4668, ,6170, ,4267,67 Totale Regionale13.624, , , , ,95100 Fonte: ARPA Puglia - Inventario Regionale delle emissioni in atmosfera – INEMAR Porti Puglia 2007

17 RISULTATI Analisi per inquinanti SO2

18 NOx RISULTATI Analisi per inquinanti

19 NMCOV RISULTATI Analisi per inquinanti

20 CO2 RISULTATI Analisi per inquinanti

21 PTS RISULTATI Analisi per inquinanti

22 Emissioni in atmosfera a livello dei singoli porti considerati – Porti Puglia (2007) SO 2 NO x COVNMCO 2 PTS Mg/a Bari 1.243, ,36113, ,85194,24 Barletta377,78429,2633, ,3650,27 Bisceglie2,312,520,08136,190,16 Brindisi1.833, ,84181, ,28287,30 Gallipoli89,23102,107,515254,2011,35 Giovinazzo0,200,210,0111,540,01 Manfredonia281,26314,9827, ,0841,13 Molfetta56,0961,253,903301,966,30 Taranto9.729, ,54801, , ,42 Trani11,7411,701,03777,271,77 Totale13.624, , , , ,95 RISULTATI Emissioni dei singoli porti

23 RISULTATI Relazione tra movimentazioni e emissioni nei porti considerati

24 Conclusioni Alla luce di quanto rilevato si può concludere che: La principale fonte emissiva nei porti è data dalla fase di stazionamento delle navi Il traffico nazionale e quello internazionale si equivalgono in termini di emissioni Le attività di pesca e diportistica contribuiscono in misura minore alle emissioni totali I dati emissivi riscontrati riflettono le capacità di movimentazione e trasporto merci/persone dei tre principali porti pugliesi e lo sviluppo avuto negli ultimi anni

25 Sviluppi e perfezionamenti della stima Verificare la possibilità di considerare le emissioni di tutte quelle attività portuali a terra: movimentazione merci e container, materiali Verificare la possibilità di stimare le em. dei veicoli (sbarco/imbarco, trasferimenti nellarea portuale, ecc..) Considerare la stima di emissioni della fase di crociera delle navi (definendone rotte, ambiti territoriali, ecc.)?

26 Sviluppi e perfezionamenti della stima Considerare la possibilità di focalizzare lattenzione sui dati reali di consumo di carburante, sulla tipologia di carburante e motori delle imbarcazioni (come recuperare dette info?) FE (v. recente Corinair guidebook) da aggiornare di conseguenza

27 Sviluppi e perfezionamenti della stima Da: Pinat Tommaso Oggetto: criticità porti I dati vanno richiesti alle capitanerie che spesso non li hanno in formato informatico Il dettaglio dei dati è farraginoso perché mentre il numero di movimenti è presente, molto spesso non viene registrato (o tenuto memoria) il tipo di motore dellimbarcazione e, molto peggio, il tipo di combustibile utilizzato. Il modulo è pensato per sopperire alla mancanza di dati inserendo il codice 99 che significa non definito che da risultati che però potrebbero non essere realistici in quanto peggiorativi Non tutti i tipi di movimenti (fasi operative) sono fornite. Nel nostro caso solo stazionamento e manovra. Non abbiamo il rifornimento e i sistemi ausiliari. Invece la fase di crociera può essere abbastanza ignorato perché non abbiamo, salvo per il porto più piccolo, lunghe percorrenze allinterno del porto stesso

28 Sviluppi e perfezionamenti della stima Da: Laura Susannetti Oggetto: criticità porti I punti critici: stante così il modulo (ovvero se non va modificato con le nuove linee guida CORINAIR), è importante ottenere una classificazione movimento per movimento (spesso migliaia) del tipo nave. Questa cosa è di competenza di Capitaneria o Autorità Portuale. Riscontro, in termini dei consumi che escono dal modulo ed eventuali statistiche sui carburanti usati dalle navi che dovessero essere disponibili ad es. c/o ISPRA magari dal Bilancio Energetico Nazionale (?).

29 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Emissioni dei Porti in Puglia Anno 2007 Riunione INEMAR Bari, 5-6 ottobre 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google