La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto Innovascuola a.s. 2009/10 e matematica: Esperienze in classe 5^ Scuola Primaria di Urbisaglia Ins. Roberta Picucci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto Innovascuola a.s. 2009/10 e matematica: Esperienze in classe 5^ Scuola Primaria di Urbisaglia Ins. Roberta Picucci."— Transcript della presentazione:

1 Progetto Innovascuola a.s. 2009/10 e matematica: Esperienze in classe 5^ Scuola Primaria di Urbisaglia Ins. Roberta Picucci

2 In più di un anno di lavoro con la LIM, numerose sono state le attività di matematica svolte con questo motivante strumento digitale (individuazione di punti su un piano cartesiano -numeri relativi-, realizzazioni di grafici di vario tipo, ricostruzione del testo impazzitodi un problema, …). Per la presentazione di un prodotto finale del Progetto Innovascuola ho inserito delle attività di geometria, perché è soprattutto in questo ambito della matematica che secondo me la LIM è stata un ottimo strumento per insegnare e per apprendere.

3 Si tratta di una raccolta di alcune attività svolte per lacquisizione (o il rinforzo)di concetti geometrici. In modo sintetico si cerca di spiegare in quale fase del lavoro linsegnante è ricorsa allausilio del sistema interattivo.

4 Un breve sommario Costruzione di angoli di vario tipo e visualizzazione dellampiezza (Geonext) Stima dellampiezza (gioco) Disegno di alcuni poligoni (Geonext e Geogebra) Calcolo di perimetri e aree (Geonext) Scoperta della equivalenza di alcuni poligoni (Cabrì geometre) Effettuazione di traslazioni e rotazioni(Geogebra) Disegno di poligoni regolari (Geogebra) Disegni con le circonferenze (Geogebra) Inviluppo di rette (Geogebra)

5 Giochiamo con gli angoli Un alunno disegna un angolo con il programma Geonext. Indica se è convesso (e quindi acuto o ottuso) oppure se è concavo. I compagni stimano lampiezza dellangolo disegnato. … naturalmente vince chi si avvicina di più allampiezza reale dellangolo, evidenziata poi con la funzione segna angolo.

6

7 Poligoni … a non finire! Con i programmi Geonext e Geogebra gli alunni disegnano vari tipi di poligoni, scegliendo: il numero dei lati le dimensioni il colore Inoltre possono operare sia su foglio bianco, sia utilizzando come sfondo lopzione griglia. In questo caso si calcolano area e perimetro della figura disegnata, utilizzando il quadretto come unità di misura.

8 Scopriamo le formule per il calcolo dellarea dei poligoni Al fine di scoprire le formule per il calcolo dellarea di un poligono i bambini lavorano prima a livello manipolativo, poi grafico ed intuiscono la formula per il calcolo dellarea, grazie allequivalenza della figura con le altre studiate.

9 Un esempio: il TRAPEZIO 1.Con righello squadra e compasso gli alunni disegnano su carta colorata non quadrettata due trapezi isosceli congruenti, poi li uniscono formando un parallelogramma. 2.In seguito trasformano il trapezio in un triangolo ad esso equiesteso.

10 3. A questo punto si utilizza il programma Cabrì Géometrè per visualizzare meglio il procedimento seguito e sperimentarlo non su carta, ma sulla LIM.

11 Rotazioni e traslazioni La rotazione Si elencano i movimenti rotatori (in senso orario o antiorario) che si svolgono nella vita quotidiana: per temperare una matita per aprire e chiudere un rubinetto per avvitare o svitare un tappo per aprire o chiudere a chiave una porta …

12 Preso un orologio, si osservano: il centro di rotazione il verso di rotazione delle lancette langolo di rotazione formato dalle lancette che si muovono Facendo ruotare un triangolo intorno ad un punto (con laiuto di uno spillo), otteniamo un pentagono!

13 A questo punto si utilizza la LIM. Con il programma Geogebra i bambini disegnano un poligono e scelgono: il punto intorno a cui effettuare la rotazione i gradi dellangolo di rotazione se la rotazione deve essere in senso orario o antiorario Marco Andrea Mylena

14 Daniele Badr Xheni Julian Sara Nicola Raoul Federico

15 La traslazione Premesso che la traslazione è uno spostamento che mantiene la stessa direzione e considerate le mosse dei pezzi del gioco degli scacchi, i bambini intuiscono quali mosse possono essere considerate delle traslazioni e quali delle rotazioni. Giochiamo spostando i pezzi … … e cliccando sulla LIM!

16 Successivamente con la LIM gli alunni disegnano un poligono e poi un vettore che indica: direzione verso distanza Scegliendo la funzione trasla di un vettore, verrà effettuata magicamente la traslazione del poligono disegnato.

17 Marco Daniele Raoul Sara Julian Xheni Andrea Nicola Badr Mylena Federico

18 Dopo aver imparato a disegnare poligoni regolari con luso di compasso, goniometro e righello, gli alunni si divertono a creare poligoni regolari sulla LIM scegliendo il numero dei lati. Ci si accorge che, più il numero dei lati aumenta, più la figura assomiglia ad un cerchio! Dai poligoni regolari al cerchio

19 Interrogazione alla lavagna … senza gessetto Ciascun bambino ha disegnato una circonferenza sulla lavagna digitale e ha scritto le varie parti che compongono il cerchio. Ecco un esempio:

20 Fiori e stelle … con le circonferenze Usando il compasso e il righello gli alunni si divertono a creare delle figure; molte assomigliano a dei mandala …

21 Lo stesso lavoro non con il compasso, ma con la LIM e ilnostro Geogebra Badr Raoul Marco Xheni Mylena Andrea Sara Julian Daniele Nicola Federico

22 Una sfida: costruire un cerchio senza compasso … ma con il righello! Qualcuno cè riuscito nel quaderno attraverso un inviluppo di rette. Lo stesso inviluppo sulla LIM, ovviamente con la griglia sullo sfondo.

23 Attraverso lesperienza maturata lavorando con la lavagna digitale, concludo sostenendo che ci sono almeno 6 buoni motivi per usare la LIM in classe:

24 Hanno collaborato gli alunni della classe 5^ B della Scuola Primaria di Urbisaglia e lins. Roberta Picucci


Scaricare ppt "Progetto Innovascuola a.s. 2009/10 e matematica: Esperienze in classe 5^ Scuola Primaria di Urbisaglia Ins. Roberta Picucci."

Presentazioni simili


Annunci Google