La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CPSE Govoni Laura Chirurgie Polispecialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CPSE Govoni Laura Chirurgie Polispecialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara."— Transcript della presentazione:

1 CPSE Govoni Laura Chirurgie Polispecialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara

2 TRACHEOTOMIATRACHEOSTOMIA Si definisce tracheotomia lapertura temporanea della parete tracheale e della cute, con conseguente comunicazione tra la trachea cervicale e lambiente esterno, che consenta un passaggio di aria atto a garantire un efficace respirazione. La tracheostomia è, invece, la creazione di unapertura permanente della trachea, mediante abboccamento della breccia tracheale alla cute cervicale creando un contatto diretto con lambiente esterno.

3 Esistono diversi modelli di protesi tracheale; essi si differenziano per materiale: metallo,silicone,pvc e composizione in base agli scopi alle quali sono destinate. Possono essere: rigide (silicone o pvc) o flessibili (armate o non armate)

4 Il set della cannula comprende: Cannula tracheale parte esterna della cannula inserita nella trachea Mandrino o otturatore tubo inserito allinterno della cannula tracheale che serve ad introdurre la stessa senza lesionare la mucosa endotracheale; lotturatore viene rimosso subito dopo lintroduzione CT e al suo posto viene introdotta la controcanula Controcannula tubo inserito allinterno della CT; serve ad evitare che questultima si ostruisca con le secrezioni Flangia della cannula placca di arresto della cannula che impedisce la totale penetrazione della stessa nello stoma al quale vengono legati i dispositivi di fissaggio intorno al collo.

5 Le cannule possono essere: CUFFIATE dotate di un palloncino gonfiabile che circonda il 3° distale della cannula. Viene gonfiato per evitare unab ingestis ed aspirazione di secrezioni. In alcuni casi viene anche utilizzato per sanguinamenti nei distretti faringo laringei. NON CUFFIATA utilizzata nel post operatorio di interventi cervico facciali con tracheotomia permanente o temporanea.Utilizzate anche nello svezzamento,riducendo il calibro della cannula fino a quando non si chiude la stomia.

6 Le indicazioni al posizionamento di una cannula tracheale cuffiata sono: post operatorio LT, rischio ab ingestis, emorragie. Econsigliabile mantenere la pressione di gonfi aggio tra i 15 e 25 mm di Hg. Le complicanze di portare una cannula tracheostomica cuffiata sono la stenosi tracheale e una pressione alta della cuffia causa lestensione della stessa oltre la cannula, rischiando di bloccare del tutto il flusso daria.

7 Il malato ha un set cannula di ricambio per permettere la disinfezione di un set quando è in uso; il set non in uso deve essere conservato in un contenitore nominativo.

8 Lintervento principale è volto alligiene,alla medicazione della cute peristomale,alla pulizia della cannula ed allaspirazione delle secrezioni quotidianamente e ogni volta sia necessario.

9 Guanti Ammuchina allo 0,05%per la pulizia dello stoma Garze sterili Metallina Collarino Cannula e contro cannula di ricambio Gel lubrificante Presidi per aspirazione

10 INTERVENTO La medicazione va fatta ogni 24 ore e tutte le volte che li si ritenga necessario Preparare il materiale Informare il paziente Tenere la testiera del letto tra i 30° e 40° Lavarsi le mani Valutare se il paziente necessita di essere bronco aspirato MOTIVO Mantenere lo stoma asciutto e pulito previene la formazione di terreni di coltura in cui possono proliferare patogeni Riduce lansia del paziente Previene la formazione delle infezioni

11 INTERVENTO Indossare guanti puliti Allentare la stringa di ancoraggio,rimuovere la medicazione e cannula sporca Controllare lo stato della cute peristomale, valutandone arrossamenti,granulomi, infiltrati e secreti Pulire lo stoma con movimenti circolari utilizzando una garza sterile imbevuta di ammuchina Tamponare la superficie umida con garze sterili per asciugarla MOTIVO Previene la formazione delle infezioni La superficie umida favorisce la proliferazione dei microrganismi patogeni

12 INTERVENTO Interporre tra la cute peristomale e la flangia della contro cannula una medicazione (metallina) con taglio ad Y nel primo post operatorio,poi pratichiamo un occhiello ad un terzo di garza. Inserire la cannula pulita provvista di mandrino (previsto nelle tracheotomie e nelle ricostruttive,mentre nelle laringectomie totali non serve e viene inserita subito la controcanula),prelubrificata con gel MOTIVO Tali medicazioni hanno la capacita di assorbire sudore e secrezioni proteggendo la cute. Non utilizzare garze di cotone in quanto eventuali sfilacciamenti potrebbero essere introdotti in trachea accidentalmente

13 INTERVENTO Interporre tra la cute peristomale e la flangia della contro cannula una medicazione (metallina) con taglio ad Y nel primo post operatorio,poi pratichiamo un occhiello ad un terzo di garza. Inserire la cannula pulita provvista di mandrino (previsto nelle tracheotomie e nelle ricostruttive,mentre nelle laringectomie totali non serve e viene inserita subito la controcanula),prelubrificata con gel

14 INTERVENTO Una volta inserita togliere il mandrino e inserire la contro cannula Applicare una nuova stringa di ancoraggio;appurare che non sia troppo stretta interponendo un dito tra la stringa ed il collo Aiutare il paziente ad assumere una posizione comoda MOTIVO IL collarino è necessario perché la cannula stia ben ferma, evitando spostamenti secondari a movimenti o tosse, prevenendo così la decanulazione accidentale

15 Se abbiamo invece un paziente portatore di cannula tracheotomica,sarà cura dellinfermiere valutare quante volte sostituire la controcannula e la metallina con taglio ad Y rispetto alla quantità di secrezioni prodotte (da due a più volte die). Quindi è auspicabile che ben conservate nella stanza del nostro paziente, ci siano sempre alcune controcannule pulire in un contenitore con nominativo

16 La cannula sporca deve essere immersa in acqua corrente e con detergente enzimatico (noi utilizziamo DIALZIMA O SEPTOZYME) nella quantità di 1,5 ml per 1 litro di acqua tiepida per 5 minuti. La cannula viene quindi sciacquata (anche con laiuto di uno scovolino se molto incrostata ) e riposta in un contenitore a bagno con amuchina al 0,1% per almeno 30 minuti. Al termine la cannula deve essere sciacquata con bidistillata sterile,asciugarla e riporla preparata nel contenitore personalizzato.

17 MATERIALE OCCORRENTE aspiratore centralizzato con relativo tubo di connessione o aspiratore portatile sondino per aspirazione monouso, di calibro idoneo (ch 12/14) acqua per preparazione per il lavaggio del circuito di aspirazione, telino guanti

18 Lavarsi le mani Indossare i guanti monouso Aprire la confezione del sondino evitando contaminazioni Sfilare il sondino dalla confezione e connetterlo allaspiratore Introdurre il sondino nella cannula Azionare laspiratore, regolato ad una aspirazione massima di 120 mmhg, aspirando ad intermittenza per periodi non superiori a 10 secondi, ritirando il catetere con movimenti rotatori.

19 Pulire allesterno il sondino aspirando la soluzione che troviamo sul carrello. Chiudere il sistema di aspirazione. Valutare le condizioni del paziente, osservando la respirazione e il colore della cute, ripetere se è necessario la manovra, lasciandolo riposare tra una aspirazione e laltra. Staccare il sondino dal tubo di aspirazione Gettare il guanto e il sondino nel sacco dei rifiuti Controllare la qualitadelle secrezioni aspirate, osservando il colore, lodore e la consistenza. Sistemare il paziente in una posizione comoda e confortevole che favorisca la respirazione. Riordinare il materiale usato


Scaricare ppt "CPSE Govoni Laura Chirurgie Polispecialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara."

Presentazioni simili


Annunci Google