La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gestione della Tracheotomia e del paziente cannulato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gestione della Tracheotomia e del paziente cannulato."— Transcript della presentazione:

1 Gestione della Tracheotomia e del paziente cannulato

2 Valutazione del paziente tracheotomizzato Criteri locali –condizioni dello stoma (arrossamento, tumefazioni, secrezioni purulente e granulazioni) –rumori respiratori e ostruzioni della cannula Criteri generali –saturazione dellossigeno –eventuale distress respiratorio

3 Tipologie di cannula Cuffiata –dotata di palloncino gonfiabile posto al 3° distale della cannula Non cuffiata –in pazienti non sottoposti a respirazione assistita Fenestrata –Dotata di fenestratura nella porzione convessa del tratto endotracheale della cannula

4 Gestione della cuffia Mantenere la pressione di gonfiaggio tra i 15 e i 30 mm di Hg (5/8 cc daria) Mai gonfiare la cuffia quando il paziente ha una valvola fonatoria inserita nel foro esterno della cannula (pericolo di morte!) Rischio: la cuffia è la principale causa delle ischemie della mucosa tracheale

5 Tracheoaspirazione Rimozione meccanica delle secrezioni nellalbero bronchiale per mezzo di una fonte aspirante e di un sondino inserito nelle vie aeree tramite una via naturale (naso-bocca) o artificiale (stoma o protesi respiratoria).

6 Scopo Promuovere e migliorare gli scambi alveolari, la distribuzione e la diffusione dei gas; Mantenere pervie le vie aeree rimuovendo le secrezioni ed il materiale estraneo; Prevenire gli effetti dannosi delle ritenzioni delle secrezioni; Ottenere un campione per esame culturale.

7 Quando? La frequenza delle aspirazioni varia a secondo delle varie necessità e patologie presentate.

8 La valutazione Soggettiva: in base alle conoscenze, necessità ed esperienze; Oggettiva: in base a parametri concordati.

9 Valutazione Uditiva (respiro stertoroso, tosse) Visiva (dispnea, tachipnea, respiro superficiale, agitazione) Tattile (fremito tattile, tachicardia) < SpO2 > FC > FR > PA soggettiva oggettiva

10 Materiale occorrente Erogatore di O2 Carrello con portarifiuti contente: guanti monouso acqua sterile siringhe sterili da 5 o 10 ml sondini di aspirazione (il diametro non deve superare la metà del diametro interno della protesi respiratoria) garze Fonti di aspirazione (a parete o portatili) Carrello delle urgenze

11 Procedura della tracheoaspirazione 1.Valutare il livello di comprensione del paziente 2.Spiegare la procedura al paziente scopo manovra 3.Lavarsi le mani e usare i guanti 4.Ventilare eventualmente il paziente per almeno 30 secondi prima e un minuto dopo pallone tipo ambu con reservoire raccordo mount ossigeno 5.Connettere il sondino alla fonte di aspirazione 6.Inserire il sondino nella cannula tracheostomica fino a far tossire il paziente con laspirazione non attiva 7.Uscire dalla protesi con laspirazione attiva praticando movimenti rotatori 8.Per secrezioni particolarmente tenaci è possibile inserire in trachea, con una siringa, della soluz. salina e/o del mucolitico e aspirare

12 Complicanze della procedura di tracheoaspirazione Infezioni Ipossiemia Fame daria, ansia Collasso alveolare e atelectasie Stimolazione vagale Traumi della mucosa Broncospasmo

13 Assistenza della cannula tracheostomica Lavare accarutamente la controcannula quando presente Pulirla con uno spazzolino allinterno se persistono delle secrezioni Immergere in una soluzione disinfettante

14 Laria deve essere sempre umidificata. E necessario un filtro tra lambiente esterno e la cannula. Ad intervalli si può umidificare con lacquapack. Di possono utilizzare aereosol monopazienti per somministrare mucolitici collegati alla cannula o somministrare broncodilatatori servendosi sempre del distanziatore. Non è utile se non quasi nocivo lutilizzo dellumidificatore caldo umido Umidificazione

15 Sostituzione di una medicazione Spiegare la procedura Predisporre il materiale Lavarsi le mani Indossare i guanti Rimuovere la medicazione sporca Disinfettare intorno alla cannula con cura Se il pz è in grado di collaborare Evitare le contaminazioni Rimuovere le secrezioni presenti

16 Applicare la nuova medicazione apposita (o garza appositamente confezionata)avendo cura di mantenerne la sterilità Sostituire la fettuccia di fissaggio della cannula Riordinare,smaltire il materiale a perdere,lavarsi le mani Mantenere una buona igiene Attenzione a non sfilare la cannula!!!! Spesso i pz tossiscono Mantenere ligiene

17 Sostituzione della medicazione Garze sterili e non Soluzione disinfettante Fettuccia o velcro di fissaggio Guanti monouso Soluzione fisiologica Medicazione monouso

18 Rimozione della cannula positivo Consulto polispecialistico (ORL, anestesista) per valutare lefficacia della respirazione e della deglutizione negativo Si procede alla decannulazione Si valuta leventualità di sostituire la cannula Esito

19 Paziente decannulato Consulto del logopedista per impostare la riabilitazione della deglutizione e del linguaggio Rimozione del SNG Atteggiamenti posturali Stimolazione afferenze sensoriali Controllo durante lalimentazione e apporto nutrizionale efficacie

20 Nel caso in cui il paziente si decannula da solo ? Si: Chiamare il medico e non procedere No: Chiamare il medico Tentare di reinserire la cannula O2 Controllare aspetto generale: Respira spontaneamente senza presentare cianosi o difficoltà respiratoria?

21 Problematiche assistenziali Cannula pulizia e disinfezione Respirazione secrezione e aspirazione Alimentazione energia, NET, SNG Comunicazione L linguaggio Riabilitazione movimento Infermiere Logopedista Dietista FKT Infermiere


Scaricare ppt "Gestione della Tracheotomia e del paziente cannulato."

Presentazioni simili


Annunci Google