La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LABORATORIO: IL DRENAGGIO TORACICO II anno 2010-2011 Tutor didattici: Giampiera Bulfone e Antonietta Zanini Tutor Clinico: Di Taranto Leonardo UNIVERSITÀ

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LABORATORIO: IL DRENAGGIO TORACICO II anno 2010-2011 Tutor didattici: Giampiera Bulfone e Antonietta Zanini Tutor Clinico: Di Taranto Leonardo UNIVERSITÀ"— Transcript della presentazione:

1 LABORATORIO: IL DRENAGGIO TORACICO II anno Tutor didattici: Giampiera Bulfone e Antonietta Zanini Tutor Clinico: Di Taranto Leonardo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Udine

2 Percorso Presentazione del laboratorio (obiettivi, inquadramento teorico, simulazione del tutor clinico) Presentazione del laboratorio (obiettivi, inquadramento teorico, simulazione del tutor clinico) Discussione in gruppo Discussione in gruppo Tempo a disposizione per domande Tempo a disposizione per domande

3 OBIETTIVI Conoscere: le indicazioni al posizionamento del drenaggio toracico le indicazioni al posizionamento del drenaggio toracico assistenza al paziente assistenza al paziente le complicanze e interventi da attuare per la risoluzione le complicanze e interventi da attuare per la risoluzione

4 IL DRENAGGIO TORACICO Si tratta di un catetere in plastica trasparente e radiopaco di varie dimensioni, posizionato dal chirurgo nello spazio toracico o in cavità pleurica, collegato ad un sistema di drenaggio chiuso a caduta o in aspirazione.

5 INDICAZIONI AL POSIZIONAMENTO In urgenza ed in elezione Intervento di toracotomia (es. paziente esofagectomizzato) Intervento di toracotomia (es. paziente esofagectomizzato) Pneumotorace (es. in seguito a posizionamento CVC, IAP) Pneumotorace (es. in seguito a posizionamento CVC, IAP) Versamento pleurico (es. toracentesi) Versamento pleurico (es. toracentesi) Pneumo-mediastino (es. Interventi CCH) Pneumo-mediastino (es. Interventi CCH)

6 Scopo del posizionamento Evacuare sostanze liquide o gassose che si possono raccogliere nello spazio pleurico. Questo per evitare la compromissione della funzione respiratoria e cardiaca

7

8 Ruolo dellinfermiere preparazione del paziente preparazione del paziente preparazione del materiale preparazione del materiale collaborazione con il chirurgo durante il posizionamento collaborazione con il chirurgo durante il posizionamento assistenza al paziente assistenza al paziente gestione del drenaggio stesso gestione del drenaggio stesso

9 Preparazione del materiale Sistema di drenaggio toracico Sistema di drenaggio toracico Guanti sterili Guanti sterili Telini sterili con foro centrale e non Telini sterili con foro centrale e non Disinfettante (betadine) Disinfettante (betadine) Siringhe Siringhe Anestetico locale Anestetico locale …………… …………… Oltre al materiale necessario per la gestione di una ferita chirurgica si richiede un controllo radiografico del torace per verificarne il corretto posizionamento

10 Preparazione sistema di raccolta Pleur-Evac o Thora -Seal Riempire la valvola ad acqua fino al livello indicato (2 cm dH2O) Riempire la valvola ad acqua fino al livello indicato (2 cm dH2O) Riempire la camera di controllo dellaspirazione (cmH2O) Riempire la camera di controllo dellaspirazione (cmH2O) Collegare il sistema di drenaggio toracico al paziente Collegare il sistema di drenaggio toracico al paziente Se prevista aspirazione collegare al sistema a muro (mmHg) Se prevista aspirazione collegare al sistema a muro (mmHg) Posizionare il sistema in posizione verticale Posizionare il sistema in posizione verticale

11

12

13 Da ricordare La procedura deve essere eseguita in modo sterile, soprattutto nel punto di collegamento del drenaggio al sistema di raccolta. Il sistema possiede una camera di raccolta graduata che può essere sostituita se si tratta di Thora - Seal.

14 Assistenza al paziente con drenaggio toracico Monitorizzare: Monitorizzare: –Parametri vitali e colorito cutaneo (f.r e SaO2) –Dispnea –Dolore –Qualità e quantità del liquido drenato

15 Complicanze Ostruzione del drenaggio (mungitura) Ostruzione del drenaggio (mungitura) Dislocazione del drenaggio Dislocazione del drenaggio Distacco del sistema di raccolta (clampaggio) Distacco del sistema di raccolta (clampaggio) Infezioni (copertura antibiotica) Infezioni (copertura antibiotica)

16 Assistenza ai bisogni di base Attenzioni in merito a: Mobilizzazione Mobilizzazione Cura della persona Cura della persona Prevenzione dei decubiti Prevenzione dei decubiti Prevenzione infezioni respiratorie Prevenzione infezioni respiratorie

17 Rimozione del drenaggio toracico Linfermiere collabora con il chirurgo, poiché si tratta di una procedura che può provocare un pneumotorace se non eseguita correttamente. Linfermiere collabora con il chirurgo, poiché si tratta di una procedura che può provocare un pneumotorace se non eseguita correttamente. Linfermiere sfila velocemente il drenaggio, mentre il chirurgo stringe la borsa di tabacco. Linfermiere sfila velocemente il drenaggio, mentre il chirurgo stringe la borsa di tabacco.


Scaricare ppt "LABORATORIO: IL DRENAGGIO TORACICO II anno 2010-2011 Tutor didattici: Giampiera Bulfone e Antonietta Zanini Tutor Clinico: Di Taranto Leonardo UNIVERSITÀ"

Presentazioni simili


Annunci Google