La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VALUTAZIONE URODINAMICA nell INCONTINENZA URINARIA SERVIZIO DI URODINAMICA E RIABILITAZIONE FUNZIONALE NEUROUROLOGICA Clinica Urologica L.GIULIANI A.O.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VALUTAZIONE URODINAMICA nell INCONTINENZA URINARIA SERVIZIO DI URODINAMICA E RIABILITAZIONE FUNZIONALE NEUROUROLOGICA Clinica Urologica L.GIULIANI A.O."— Transcript della presentazione:

1 VALUTAZIONE URODINAMICA nell INCONTINENZA URINARIA SERVIZIO DI URODINAMICA E RIABILITAZIONE FUNZIONALE NEUROUROLOGICA Clinica Urologica L.GIULIANI A.O. San Martino – GENOVA -

2 ESAME URODINAMICO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI TECNICA DIAGNOSTICA PER LA DOCUMENTAZIONE DEI DISTURBI MINZIONALI CON IL FINE DI STUDIARNE LA NATURA E RIPRODURNE I SINTOMI ATTRAVERSO DEI TEST DI PROVOCAZIONE

3 VALUTAZIONI PRE-URODINAMICHE Anamnesi accurata Esame obiettivo (visita urologica/ginecologica) Visione urinocoltura

4 INDAGINI URODINAMICHE Uroflussometria Cistomanometria Profilo pressorio uretrale

5 INDAGINI URODINAMICHE UROFLUSSOMETRIA Quantità di urina espulsa dalluretra nellunità di tempo. Viene espressa in ml/s

6 INDAGINI URODINAMICHE CISTOMANOMETRIA Studio dellattività del detrusore, della sensibilità, della capacità, della compliance e del controllo del processo della minzione.

7 INDAGINI URODINAMICHE PROFILO PRESSORIO URETRALE Studio atto a verificare, qualificare e quantificare un eventuale deficit uretrale.

8 CATETERISMO INTERMITTENTE METODICA PLURIGIORNALIERA PER UN REGOLARE SVUOTAMENTO VESCICALE

9 OBIETTIVI CATETERISMO INTERMITTENTE OBIETTIVI Raggiungere la continenza vescicale Evitare il ristagno di urina Diminuire il rischio di infezioni delle basse ed alte vie urinarie

10 AUTOCATETERISMO CATETERISMO INTERMITTENTE ESEGUITO DAL PAZIENTE IN MODO AUTONOMO Definito anche CIC CIC ( Clean Intermittent Catheterization) = Cateterismo Intermittente Pulito

11 OBIETTIVI AUTOCATETERISMO OBIETTIVI Raggiungere la continenza vescicale Evitare il ristagno di urina Diminuire ulteriormente il rischio di infezioni delle basse ed alte vie urinarie Migliorare la qualità di vita del paziente (senza dipendere da terzi)

12 PROGRAMMA TERAPEUTICO DI URO-RIABILITAZIONE TIPOLOGIA DEL PAZIENTE PREPARAZIONE PSICOLOGICA DEL PAZIENTE PREPARAZIONE TECNICA DEL PAZIENTE SCELTA DEL CATETERE PREPARAZIONE DEL CATETERE

13 TIPOLOGIA DEL PAZIENTE PROGRAMMA TERAPEUTICO DI URO-RIABILITAZIONE TIPOLOGIA DEL PAZIENTE Pazienti con disturbi a carico della minzione Pazienti che hanno subito interventi chirurgici uro-ginecologici Pazienti neurologici

14 PREPARAZIONE PSICOLOGICA DEL PAZIENTE PROGRAMMA TERAPEUTICO DI URO-RIABILITAZIONE PREPARAZIONE PSICOLOGICA DEL PAZIENTE Tranquillizzare il paziente mettendolo a proprio agio Evidenziare ogni beneficio dellautocateterismo Pazientemente approciarlo alla tecnica dellautocateterismo Se necessario coinvolgere un familiare

15 PREPARAZIONE TECNICA DEL PAZIENTE PROGRAMMA TERAPEUTICO DI URO-RIABILITAZIONE PREPARAZIONE TECNICA DEL PAZIENTE Accennare in maniera chiara e semplice allanatomia uretrale Con laiuto di uno specchio (se paziente donna) mostrare lorifizio uretrale Spiegare come preparare il catetere Spiegare la tecnica di inserimento del catetere Assistere il paziente mentre prova a cateterizzarsi

16 SCELTA DEL CATETERE PROGRAMMA TERAPEUTICO DI URO-RIABILITAZIONE SCELTA DEL CATETERE Cateteri idrofili autolubrificanti = Atraumatici riducono del 90-95% le complicanze uretrali Atossici

17 PREPARAZIONE DEL CATETERE PROGRAMMA TERAPEUTICO DI URO-RIABILITAZIONE PREPARAZIONE DEL CATETERE -1 - Lavarsi le mani prima di ogni cateterizzazione

18 PREPARAZIONE DEL CATETERE PROGRAMMA TERAPEUTICO DI URO-RIABILITAZIONE PREPARAZIONE DEL CATETERE -2 - Aprire l estremità superiore della confezione sigillata del catetere, tirando leggermente le estremità dei due lembi in modo da separarli tra loro di 5-6 cm.

19 PREPARAZIONE DEL CATETERE PROGRAMMA TERAPEUTICO DI URO-RIABILITAZIONE PREPARAZIONE DEL CATETERE -3 - Versare dellacqua allinterno della confezione fino ad immergere completamente il catetere nel liquido. N.B. Si può utilizzare semplice acqua di rubinetto!!!

20 PREPARAZIONE DEL CATETERE PROGRAMMA TERAPEUTICO DI URO-RIABILITAZIONE PREPARAZIONE DEL CATETERE -4 - Lasciare il catetere immerso nel liquido per almeno 30, quindi estrarlo dallinvolucro e procedere con lautocateterismo.

21 ATTENZIONE!!!!!! Nellambito dellautocateterismo lInfermiere Professionale dovrà necessariamente svolgere un ruolo di: EDUCATORE SUPPORTO CONFIDENTE Ciò è fondamentale per una buona riuscita di questa pratica sempre più in uso!

22


Scaricare ppt "VALUTAZIONE URODINAMICA nell INCONTINENZA URINARIA SERVIZIO DI URODINAMICA E RIABILITAZIONE FUNZIONALE NEUROUROLOGICA Clinica Urologica L.GIULIANI A.O."

Presentazioni simili


Annunci Google