La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Insegnamento dellautocateterismo: il ruolo cruciale dellinfermiere L. Cindolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Insegnamento dellautocateterismo: il ruolo cruciale dellinfermiere L. Cindolo."— Transcript della presentazione:

1 Insegnamento dellautocateterismo: il ruolo cruciale dellinfermiere L. Cindolo

2 CATETERISMO INTERMITTENTE Garantisce uno svuotamento completo e regolare della vescica Non danneggia né luretra né la vescica anche se praticato più volte al giorno e per lungo tempo

3 CATETERISMO INTERMITTENTE Evacuativo Di complemento Autocateterismo Cateterismo gestito da terzi

4 CATETERISMO INTERMITTENTE Steril Intermittent Catheterization (S.I.C.) sec. Guttman Clean Intermittent Catheterization (C.I.C.) sec. Lapides

5 Prevenzione delle infezioni ] In Ospedale (SIC) Rischio molto elevato Rispettare i protocolli della cateterizzazione ] A Domicilio (CIC) Rischio nullo Ricerca di soluzioni semplici

6 URORIABILITARE I PAZIENTI

7 SCOPI DELLA URORIABILITAZIONE Preserva il serbatoio vescicale e lalta via escretrice Previene le infezioni Evita il ristagno e assicura la continenza

8 OBIETTIVI DELLURO-RIABILITAZIONE Risoluzione del problema iniziale (non più perdita di urina) Risoluzione di episodi febbrili (benessere del paziente) Scelta delle soluzioni ottimali (lavoro/tipo di vita) Precoce reinserimento (casa-lavoro -società) Formazione del paziente

9 Krankenpfl Soins Infirm. 2003;96(1):24-6. Intermittent self catheterization. Compassionate nursing care is the beginning of success di Rita Willener

10 Lautocateterismo intermittente. Le premurose cure infermieristiche sono il principio di un successo. di Rita Willener 2003 [Articolo in tedesco]

11 FORMAZIONE DEL PAZIENTE Accettazione del C.I. (può essere paragonata a qualsiasi altro utilizzo protesico, rassicurare) Informazioni corrette sullautogestione e informazioni precise a chi prende in carico il paziente (spiegare con dovizia la tecnica, le possibili evenienze) Reinserimento sociale (consigliare di riprendere subito le attività quotidiane: scuola, lavoro, casa)

12 FORMAZIONE DEL PAZIENTE Descrizione del materiale (differenze di cateteri, ad es. riscaldare i cateteri se sono troppo rigidi) Norme igieniche (consigliare non più di un bidet al giorno, alvo il più possibile regolare) Controllo delle infezioni urinarie (eseguire esami urine e urinocolture mensili, ma trattare solo le infezioni giudicate critiche dal medico!)

13 FORMAZIONE DEL PAZIENTE Definire tempi e modalità dei controlli (ricordare che il cateterismo è autogestito ma è sotto il controllo del medico) Diario delle minzioni (ricordare che il cateterismo è efficace solo se rispecchia un preciso schema minzionale) Schema di idratazione (ricordare di assumere liquidi piuttosto durante le ore di luce che quelle di buio per ridurre nicturia, incontinenza o risveglio per il cateterismo).

14 RACCOMANDAZIONI Non eseguire il C.I. prima del tempo stabilito Non sospendere il C.I. senza indicazione medica Non allarmarsi per piccole perdite di sangue nelle urine Eseguire mensilmente esami di urinocoltura Controllo specialistico periodico

15

16

17 CATEGORICAMENTE Valutare minuziosamente (ossessivamente) come e quando il paziente esegue il cateterismo Chiedere del dolore al passaggio della sonda Pesare limpatto psicologico del cateterismo (violazione della schema corporeo) Vedere (se possibile insieme!!) la videocassetta didattica

18

19 FACOLTATIVAMENTE Chiedere se provare un nuovo dispositivo Dare prova della scorrevolezza del lubrificante Fornire supporto legale per la erogazione dei dispositivi da parte delle ASL

20 CONCLUSIONI Il corretto ed immediato approccio medico ed infermieristico Il coinvolgimento del paziente e dei suoi familiari Lutilizzo di presidi idonei

21 Queste realtà sono sempre più raggiungibili


Scaricare ppt "Insegnamento dellautocateterismo: il ruolo cruciale dellinfermiere L. Cindolo."

Presentazioni simili


Annunci Google