La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GESTIONE E PREPARAZIONE DEL SOGGETTO POLITRAUMATIZZATO GESTIONE E PREPARAZIONE DEL SOGGETTO POLITRAUMATIZZATO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GESTIONE E PREPARAZIONE DEL SOGGETTO POLITRAUMATIZZATO GESTIONE E PREPARAZIONE DEL SOGGETTO POLITRAUMATIZZATO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO."— Transcript della presentazione:

1 GESTIONE E PREPARAZIONE DEL SOGGETTO POLITRAUMATIZZATO GESTIONE E PREPARAZIONE DEL SOGGETTO POLITRAUMATIZZATO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

2 BIBLIOGRAFIA: American College of Surgeons Committee on Trauma: ATLS Advanced Trauma Life Support 1997 Renzo Dionigi: CHIRURGIA Ed. Masson 1994 Meeting Regionale La lesione midollare dallemergenza alla fase acuta G.Carannante, R.Busch, L.Caruso, P.Cinnella,A.Coniglio, S.Megaterio Azienda Ospedaliera C.T.O. - C.R.F - ICORMA TORINO Giugno 2002

3 PRIORITA: VALUTAZIONE GLOBALE LESIONI RESPIRATORIE LESIONI EMORRAGICHE LESIONI NEUROCHIRURGICHE LESIONI ORTOPEDICHE E ALTRO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

4 ALLERTAMENTO E PREPARAZIONE SALA OPERATORIA ASSISTENZA INFERMIERISTICA PREOPERATORIA ASSISTENZA INFERMIERISTICA PERIOPERATORIA ASSISTENZA INFERMIERISTICA POSTOPERATORIA 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

5 TRAUMI TORACICI PNEUMOTORACE IPERTESO PNEUMOTORACE IPERTESO LEMBO COSTALE LEMBO COSTALE EMOTORACE MASSIVO EMOTORACE MASSIVO TAMPONAMENTO CARDIACO TAMPONAMENTO CARDIACO PNEUMOTORACE SEMPLICE PNEUMOTORACE SEMPLICE EMOTORACE EMOTORACE 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

6 CONTUSIONE POLMONARE CONTUSIONE POLMONARE ROTTURA TRACHEO-BRONCHIALE ROTTURA TRACHEO-BRONCHIALE TRAUMA CARDIACO CHIUSO TRAUMA CARDIACO CHIUSO ROTTURA TRAUMATICA DI AORTA ROTTURA TRAUMATICA DI AORTA LACERAZIONE DI DIAFRAMMA LACERAZIONE DI DIAFRAMMA FERITA TRAPASSANTE DEL MEDIASTINO FERITA TRAPASSANTE DEL MEDIASTINO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

7 TRAUMI TORACICI MORTALITA 10% MENO DEL 10% DEI TRAUMI CHIUSI E CIRCA IL 15 – 30% DELLE LESIONI PENETRANTI RICHIEDONO UNA TORACOTOMIA 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

8 LESIONI TRAUMATICHE DELLADDOME TRAUMI CHIUSI TRAUMI PENETRANTI (DA TAGLIO E/O DA ARMA DA FUOCO) (DA TAGLIO E/O DA ARMA DA FUOCO) 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

9 LESIONI TRAUMATICHE DELLADDOME (TRAUMI CHIUSI) MILZA 26,6% RENE 24,4% FEGATO 16,2% INTESTINO 15,2% PARETE ADDOMINALE 3,6% EMATOMA RETROPERITONEALE 2,7% MESENTERE 2,5% PANCREAS 1,4% DIAFRAMMA 1,1% ALTRO 6,3% 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

10 TRAUMA CRANICO PIU PEL 50% DEI PZ. CON TRAUMA CRANICO CRANICO GRAVE HA UN POLITRAUMA ASSOCIATO ASSOCIATO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

11 TRAUMI CRANICI COMMOZIONE CEREBRALE CONTUSIONE CEREBRALE EMATOMA SUB-DURALE EMATOMA EXTRA-DURALE 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

12 TRAUMI DELLA COLONNA PREVALENZA TRATTO DORSALE 40-45% TENDENZA ALLAUMENTO NEL CORSO DEGLI ULTIMI ANNI DEI TRAUMI A CARICO DEL SEGMENTO CERVICALE 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

13 TRAUMI DELLA COLONNA MIELICA INCOMPLETA PARZIALE PRESENZA DELLA SENSIBILITA PARZIALE PRESENZA DELLA SENSIBILITA SENSO DELLA POSIZIONE SENSO DELLA POSIZIONE MOVIMENTI VOLONTARI A LIVELLO AA.II. MOVIMENTI VOLONTARI A LIVELLO AA.II. RISPARMIO SACRALE RISPARMIO SACRALE MIELICA COMPLETA NON FUNZIONI MOTORIE E SENSITIVE NON FUNZIONI MOTORIE E SENSITIVE NON RISPARMIO SACRALE NON RISPARMIO SACRALE POSSIBILE PRESENZA DEI RIFLESSI POSSIBILE PRESENZA DEI RIFLESSI 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

14 IL SOGGETTO CON SOSPETTO DI TRAUMA DELLA COLONNA DEVE GIUNGERE IN SALA OPERATORIA S E M P R E SU UNA TAVOLA SPINALE 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

15 TRAUMI DI NATURA ORTOPEDICA FRATTURE ARTI SUPERIORI FRATTURE ARTI INFERIORI FRATTURE DI BACINO SPESSO ASSOCIATE A FRATTURE DI ARTO POSSONO ESSERE PRESENTI LESIONI VASCOLARI IMPORTANTI QUALI RECISIONE DI AA. OMERALE – RADIALE – FEMORALE E TIBIALE 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

16 ALLERTAMENTO PREPARAZIONE SALA OPERATORIA PREPARAZIONE MATERIALE NECESSARIO ALLINTUBAZIONE TRACHEALE (LARINGOSCOPIO – TUBI ENDOTRACHEALI – ETC.) (LARINGOSCOPIO – TUBI ENDOTRACHEALI – ETC.) CHECK LIST RESPIRATORE AUTOMATICO CHECK LIST MONITOR MULTIPARAMETRICO (SaO2/ECG e FC/NIBP/PA invasive) (SaO2/ECG e FC/NIBP/PA invasive) PREPARAZIONE KIT MONITORAGGIO PA CRUENTA E PVC PREDISPOSIZIONE LETTINO OPERATORIO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

17 CONTROLLO ASPIRATORE PER LIQUIDI ED EVENTUALE APPARECCHIATURA PER RECUPERO EMATICO INTRAOPERATORIO ACCENSIONE E CONTROLLO ELETTROBISTURI PREPARAZIONE LIQUIDI PER TERAPIA INFUSIONALE (EVENTUALE RISCALDATORE PER LIQUIDI) (EVENTUALE RISCALDATORE PER LIQUIDI) PREPARAZIONE DI CATETERE VESCICALE E SONDINO NASO-GASTRICO CON RISPETTIVE SACCHE DI RACCOLTA SCELTA FERRI CHIRURGICI E SUTURE CHIRURGICHE PREPARAZIONE DEL MATERIALE CHIRURGICO CON METODICHE STERILI NECESSARIO ALLINTERVENTO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

18 ASSISTENZA INFERMIERISTICA PREOPERATORIA ACCOGLIENZA PAZIENTE DOCUMENTAZIONE CLINICA SPOGLIO DEI BENI 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

19 ASSISTENZA INFERMIERISTICA INTRAOPERATORIA POSIZIONAMENTO DEL PZ. SUL LETTO OPERATORIO MONITORAGGIO DEI PARAMETRI VITALI CONTROLLO CATETERE VESCIACALE E SONDINO NASOGASTRICO ED EV. BILANCIO IDRICO CONTROLLO DI EV. STATO DI IPOTERMIA ASSISTENZA AD EVENTUALE POSIZIONAMENTO CVC POSIZIONAMENTO DELLA PLACCA DELLELETTROBISTURI 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

20 ASSISTENZA ALL A.G.. POSIZIONAMENTO DEFINITIVO DEL PAZIENTE SUL LETTO OPERATORIO SUL LETTO OPERATORIO CONTEGGIO GARZE E STRUMENTARIO CHIRURGICO MEDICAZIONE FERITA 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

21 ASSISTENZA INFERMIERISTICA POSTOPERATORIA CONTROLLO PARAMETRI VITALI (FC/PA/PVC) CONTROLLO STATO DI COSCIENZA DIURESI E BILANCIO IDRICO CONDIZIONI RESPIRATORIE MEDIANTE CONTROLLO FR E PERVIETA VIE RESPIRATORIE (CIANOSI/TIRAGE) CONTROLLO FERITA E DRENAGGI 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO

22 Ringraziamo i Colleghi per la loro attenzione sperando che dopo questa relazione non pensino di metterci alla prova buttandosi giù dal BIGO.


Scaricare ppt "GESTIONE E PREPARAZIONE DEL SOGGETTO POLITRAUMATIZZATO GESTIONE E PREPARAZIONE DEL SOGGETTO POLITRAUMATIZZATO 25/10/2003 Rosaria CAPASSO Mario MERELLO."

Presentazioni simili


Annunci Google