La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott.ssa Elisabetta Muccioli EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE IN ETA PEDIATRICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott.ssa Elisabetta Muccioli EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE IN ETA PEDIATRICA."— Transcript della presentazione:

1 Dott.ssa Elisabetta Muccioli EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE IN ETA PEDIATRICA

2 Dott.ssa Elisabetta Muccioli POLITRAUMA Principale causa di morte e di gravi sequele dopo il 1 anno di vita Ipossia, trauma cranico severo ed emoraggia massiva sono le + frequenti. cause di morte Stabilizzare il pz sul luogo, trasportarlo rapidamente e in sicurezza in un centro ad alta specializzazione

3 Dott.ssa Elisabetta Muccioli FISIOPATOLOGIA 1. Costituzione fisica 1. Costituzione fisica 2. Scheletro 2. Scheletro 3. Rapporto superficie/volume 3. Rapporto superficie/volume 4. Stato psicologico 4. Stato psicologico

4 Dott.ssa Elisabetta Muccioli VALUTAZIONE PRIMARIA ABCDE – MANOVRE DI STABILIZZAZIONE – A. Vie aeree - controllo colonna cervicale B. Respirazione - controllo traumi toracici C. Circolo - controllo emorragie D. Disability -Valutazione coscienza (AVPU-CGSp) E. Esposizione del paziente e controllo temperatura

5 Dott.ssa Elisabetta Muccioli A- VIE AEREE CONTROLLO COLONNA CERVICALE 1. Immobilizzare manualmente testa e collo 2. Sublussazione anteriore della mandibola 3. Valutazione pervietà vie aeree ed eventuale rimozione secrezioni, sangue, denti, CE 4. Cannula orofaringea solo a pz incosciente e con vie aeree instabili 5. Posizionare collare cervicale semirigido

6 Dott.ssa Elisabetta Muccioli B – RESPIRAZIONE – TRAUMI TORACICI OOsservaIl tipo di respiro PPalpaEmitoraci per espansione, fratture, crepitii AAuscultaMV due foci bilateralmente CContaAtti respiratori minimi SSaturimetriaAppena possibile OSSIGENO SEMPRE % 1. Valutazione GAS E ADEGUATEZZA RS

7 Dott.ssa Elisabetta Muccioli 1. Se respiro spontaneo insufficiente o assente : 2. Ventilare con maschera e AMbu + O2 100% 3. Manovra di Sellick per evitare distensione gastrica 4. Intubazione tracheale (RSI)

8 Dott.ssa Elisabetta Muccioli INDICAZIONI ALLINTUBAZIONE TRACHEALE Ossigenazione insufficiente con ventilazione manuale Ventilazione prolungata o trasporto lungo e prolungato Trauma cranico (CGS<8) o maxillo-faciale grave Lembo costale Ustioni gravi faccia e collo Inalazione fumi o sostanze tossiche Shock non responsivo ad infusione fluidi

9 Dott.ssa Elisabetta Muccioli INTUBAZIONE TRACHEALE Controllare posizione tubo Ispezione Auscultazione Capnometria Valutazione adeguatezza ventilazione Se ventilazione non adeguata DOPES DOPES

10 Dott.ssa Elisabetta Muccioli Se peggioramento clinico dopo intubazione tracheale: valutare DOPES DDislocazione tubo OOstruzione tubo PPneumotorace EEquipaggiamento SStomaco disteso

11 Dott.ssa Elisabetta Muccioli PNEUMOTORACE Rapido e progressivo deterioramento parametri vitali dopo IOT e ventilazione MV assente su tutto un emitorace Enfisema sottocutaneo collo-volto- torace PNX Iperteso DRENARE!

12 Dott.ssa Elisabetta Muccioli DECOMPRESSIONE PNX 2° spazio intercostale, emiclaveare Collegare ad agocannula G una siringa 5cc con 3ml Sol Fisio, senza stantuffo. Nel rispetto dellasepsi, introdurre agocannula sfiorando il bordo superiore della 3° costa, mantenendo 90° rispetto alla cute.

13 Dott.ssa Elisabetta Muccioli DECOMPRESSIONE PNX Quando lago entra nella pleura si apprezza un cedimento di resistenza e nella siringa gorgogliano delle bolle Introdurre il catetere nello spazio pleurico, evitando inginocchiamenti Aspirare ripetutamente con una siringa vuota, e poi collegare a un prolunga con rubinetto Aspirare periodicamente.

14 Dott.ssa Elisabetta Muccioli C – CIRCOLO CONTROLLO EMORRAGIE Valutazione FC,PA, FR, Refill, colorito cutaneo Tamponare emorragie esterne Accesso venoso sicuro MAX 90 SEC : vena periferica grosso calibro vena femorale accesso intraosseo Riempimento volemico: Ringer Lattato 20 ml/kg in max 20 min ripetibile 3 volte Se persistono tachicardia e ipotensione considerare plasmaexpander, albumina 5%, GRD 0-

15 Dott.ssa Elisabetta Muccioli D - DISABILITY Livello di coscienza : CGS, AVPU Esame pupille Segni di lato O apertura occhi V risposta verbale M risposta motoria 4. Spontanea 3. A stimoli verbali 2. Al dolore 1. Nessuna risposta 5. Parla, sorride 4. Pianto consolabile 3. Irritato dal dolore 2. Agitato per dolore 1. Nessuna risposta 6. Movimenti spontanei 5. Allontana al tatto 4. Allontana al dolore 3. Flessione anormale 2. Estensione anormale 1. Nessun movimento

16 Dott.ssa Elisabetta Muccioli E - EXPOSURE Pericolo ipotermia Coprire il paziente appena possibile

17 Dott.ssa Elisabetta Muccioli VALUTAZIONE SECONDARIA Esame CAPO-PIEDI supino, poi decubito laterale (log rolling) Capo e collo: ispezionare occhi, scalpo, orecchie, faccia - collo per enfisema turgore giugulari, abrasioni ematomi Torace: adeguatezza ventilazione, lavoro respiratorio, asimmetrie, integrità, ascoltazione cuore Addome:ispezione e palpazione accurate alla ricerca di ematomi e abrasioni. IPOTENSIONE + TRAUMA ADDOMINALE CONSULENZA CHIRURGICA Pelvi Colonna vertebrale Estremità

18 Dott.ssa Elisabetta Muccioli TRASPORTO Nei pz pediatrici con instabilità dei parametri vitali con trauma cranico e/o politrauma sono indicate minime procedure di stabilizzazione sulla scena, poi trasporto immediato (scoop and run) per raggiungere al più presto un centro con competenze diagnostiche e chirurgiche adeguate EFFICACIA E TEMPESTIVITA


Scaricare ppt "Dott.ssa Elisabetta Muccioli EMERGENZE TRAUMATOLOGICHE IN ETA PEDIATRICA."

Presentazioni simili


Annunci Google