La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Capitolo 8a Aggiornamento ILCOR 2010 Laboratorio Analisi e Sviluppo FORMAZIONE SOCCORRITORI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Capitolo 8a Aggiornamento ILCOR 2010 Laboratorio Analisi e Sviluppo FORMAZIONE SOCCORRITORI."— Transcript della presentazione:

1 Capitolo 8a Aggiornamento ILCOR 2010 Laboratorio Analisi e Sviluppo FORMAZIONE SOCCORRITORI

2 Obiettivi H

3 PBLS il PBLS comprende

4 Cause di ACC nel Bambino

5 La catena della sopravvivenza H

6

7 VALUTAZIONE del RISCHIO AMBIENTALE

8

9 Valutazione dello stato di COSCIENZA

10 Valutazione del RESPIRO

11 CARATTERISTICHE: Respiro NON NORMALE

12 se vittima INCOSCIENTE con RESPIRO ASSENTE o NON NORMALE

13

14 Tecnica a due mani Tecnica ad una mano (a due mani se necessario) INFANTE Tecnica a due dita BAMBINO PUNTO DI REPERE Compressioni Toraciche Esterne

15

16

17 Apertura delle VIE AEREE Estensione del capo e sollevamento del mento nel BAMBINO Posizione neutra del capo nellINFANTE

18 SVUOTAMENTO CAVO ORALE SOLO SE SONO EVIDENTI CORPI ESTRANEI SOLIDI O IN CASO DI STORIA DI SOSPETTO CORPO ESTRANEO SVUOTAMENTO CAVO ORALE SOLO SE SONO EVIDENTI CORPI ESTRANEI SOLIDI O IN CASO DI STORIA DI SOSPETTO CORPO ESTRANEO Pervietà delle vie aeree CONSIDERA ASPIRATORE

19 Ventilazione

20 Ventilazione

21 Ventilazione O 2 aria ambiente: 21% O 2 con reservoir: 90%

22 Facilita il rigurgito Rischio di inalazione Eleva il diaframma Ventilazione RACCOMANDAZIONI

23 Rianimazione Cardiopolmonare

24 BLSD

25 Algoritmo PBLSD

26 Defibrillazione in età pediatrica LUTILIZZO DELLE PLACCHE PEDIATRICHE E POSSIBILE SOLO su BAMBINI fino a 8 ANNI di età e con un PESO NON SUPERIORE ai 25 Kg.

27 Sternale: sottoclavicolare, parasternale destra Apicale: centro della piastra sulla linea ascellare media 5° spazio intercostale POSIZIONE degli ELETTRODI 3 cm

28 Posizioni ALTERNATIVE degli ELETTRODI OGNUNA delle POSIZONI è ACCETTABILE per la DEFIBRILLAZIONE

29 Analisi SEQUENZA BLSD Shock ON

30 SEQUENZA BLSD SICUREZZASICUREZZA

31 SICUREZZASICUREZZA

32 SICUREZZA

33 SEQUENZA BLSD DURANTE LANALISI Durante lutilizzo, NON guardare il DAE ma il paziente ! CONTROLLO VISIVO

34 COSCIENZA e RESPIRO Preparare il DAE Apertura le vie aeree Apertura le vie aeree Applicare DAE > 1 anno Applicare DAE > 1 anno RCP 15:2 Analisi DAE Analisi DAE Garantire la sicurezza Controllare se la vittima risponde: chiamare ad alta voce e scuotere delicatamente le spalle della vittima Contemporaneamente rapida osservazione del torace alla ricerca di assenza di respiro (o respiro non normale) SE NON RISPONDE e NON RESPIRA (o respiro non normale) INIZIARE C T E (vittima supina) preparare il DAE APPENA POSSIBILE APPLICARE D A E Contattare la COEU 118 Continuare con RCP (15:2) ESEGUIRE RCP SEMPRE CON PALLONE AUTOESPANDIBILE E OSSIGENO 12 L/min. Garantire la sicurezza Controllare se la vittima risponde: chiamare ad alta voce e scuotere delicatamente le spalle della vittima Contemporaneamente rapida osservazione del torace alla ricerca di assenza di respiro (o respiro non normale) SE NON RISPONDE e NON RESPIRA (o respiro non normale) INIZIARE C T E (vittima supina) preparare il DAE APPENA POSSIBILE APPLICARE D A E Contattare la COEU 118 Continuare con RCP (15:2) ESEGUIRE RCP SEMPRE CON PALLONE AUTOESPANDIBILE E OSSIGENO 12 L/min. Algoritmo PBLSD Soccorritori CTE IMMEDIATE Contatto con COEU

35 Shock non consigliato Shock non consigliato Shock consigliato Shock consigliato MSA IN ARRIVO Algoritmo shock consigliato (rosso) Continua ad applicare lalgoritmo fino allarrivo del MSA, seguendo le indicazioni del DAE Se il DAE comunica shock non consigliato passa allalgoritmo corrispondente (verde) Algoritmo shock non consigliato (verde) Continua ad applicare lalgoritmo fino allarrivo del MSA, seguendo le indicazioni del DAE Se il DAE comunica shock consigliato passa allalgoritmo corrispondente (rosso) MSA IN ARRIVO Algoritmo shock consigliato (rosso) Continua ad applicare lalgoritmo fino allarrivo del MSA, seguendo le indicazioni del DAE Se il DAE comunica shock non consigliato passa allalgoritmo corrispondente (verde) Algoritmo shock non consigliato (verde) Continua ad applicare lalgoritmo fino allarrivo del MSA, seguendo le indicazioni del DAE Se il DAE comunica shock consigliato passa allalgoritmo corrispondente (rosso) Analisi del ritmo Uno shock Uno shock RCP 15:2 per 2 minuti RCP 15:2 per 2 minuti RCP 15:2 per 2 minuti RCP 15:2 per 2 minuti MSA NON IN ARRIVO Algoritmo shock consigliato (rosso) Completa 3 analisi ed esegui il trasporto Dopo la terza analisi eroga lo shock se consigliato, riprendi RCP 15:2, spegni il DAE ed esegui il trasporto Algoritmo shock non consigliato (verde) Completa 3 analisi ed esegui il trasporto Dopo la terza analisi eroga lo shock se consigliato, riprendi RCP 15:2, spegni il DAE ed esegui il trasporto MSA NON IN ARRIVO Algoritmo shock consigliato (rosso) Completa 3 analisi ed esegui il trasporto Dopo la terza analisi eroga lo shock se consigliato, riprendi RCP 15:2, spegni il DAE ed esegui il trasporto Algoritmo shock non consigliato (verde) Completa 3 analisi ed esegui il trasporto Dopo la terza analisi eroga lo shock se consigliato, riprendi RCP 15:2, spegni il DAE ed esegui il trasporto

36 Evoluzione

37 SITUAZIONI PARTICOLARI

38 Vittima da TRAUMA

39 CANNULA OROFARINGEA

40 Rapporto CTE / ventilazioni

41 SEQUENZA BLSD SICUREZZA

42 Monitor Display Modulo Nastro Carta magnetica Connettore Batteria Shock Accensione

43 Caratteristiche del DAE

44 Controllo del DAE

45

46 Conclusioni


Scaricare ppt "Capitolo 8a Aggiornamento ILCOR 2010 Laboratorio Analisi e Sviluppo FORMAZIONE SOCCORRITORI."

Presentazioni simili


Annunci Google