La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support. Lezioni Addestramento Valutazione finale Teoriche pratico su manichino con skill test e quiz a risposta multipla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support. Lezioni Addestramento Valutazione finale Teoriche pratico su manichino con skill test e quiz a risposta multipla."— Transcript della presentazione:

1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support

2 Lezioni Addestramento Valutazione finale Teoriche pratico su manichino con skill test e quiz a risposta multipla Corso di B.L.S. esecutore

3 Acquisire le conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento Secondo le linee guida I.L.C.O.R. Obbiettivo corso BLS

4 ACC = evento letale se non trattato Italia = 1:1000 / anno In Italia ogni 3-4una Persona viene colta da Attacco cardiaco: 1 su 4 nuore prima di Arrivare in ospedale. RCP- BLS in Italia

5 I primi interventi rianimatori possono essere messi in atto da chiunque, ovunque, senza lausilio di mezzi speciali Comunità = estrema unità coronarica RCP-BLS Primo Intervento

6 Ruolo del Soccorritore Laico Prevenzione primaria Condotta di vita prudente Prevenzione secondaria Rapido accesso al 118 RCP RCP-BLS

7 Catena della Sopravvivenza

8 Adult basic life support UNRESPONSIVE? South for help Open airway NOT BREATHING NORMALLY? Call chest compression 2 rescue breaths 30 compressions Algoritmo internazionale del BLS

9 Linsieme di conoscenze e di abilità manuali che ci permette di: -Riconoscere i sintomi premonitori oppure lACC conclamato. - Applicare lABC senza attrezzature specifiche. BLS- Definizione

10 Prevenire i danni anossici cerebrali nel soggetto in cui risultano compromesse una o più funzioni vitali: - Non è cosciente - Non respira - Non ha polso BLS - Scopo

11 - Inizia dopo 4-6 di assenza di circolo - Dopo circa 10 si hanno lesioni cerebrali irreversibili. 10 Morte biologica 4 Morte clinica Danno Anossico Cerebrale

12 Ostruzione delle vie aeree da: - Caduta della lingua nel soggetto incosciente corpi estranei. -Intossicazione da fermaci, overdose da oppiacei. -Annegamento. - Elettrocuzione, folgorazione. -Trauma. -Arresto cardiaco. Cause di arresto respiratorio

13 - Dolore o peso retrosternale - Possibile irradiazione del dolore a: - Braccio sinistro, spalle, epigastrio, mandibola - Altri sintomi: - Sudorazione, nausee e dispnea - Insorgenza: - Sotto sforzo, stress emotivo o anche a riposo Segni di allarme dellattacco cardiaco

14 - Stato di incoscienza - Assenza di respiro o gasping - Assenza di polso. DIAGNOSI DI ACC (Soccorritore Professionisti)

15 - Stato di incoscienza - Assenza di respiro o gasping - Assenza di segni di circolo ( aspetto cadaverico, assenza di tosse, movimenti, ecc.) Fatta la diagnosi di ACC non cè tempo da perdere! Ogni secondo che passa diminuiscono le possibilità di recupero della vittima Diagnosi di ACC (Soccorritori Professionisti)

16 Airway Pervietà delle vie respiratorie Breathing Respirazione Circulation Circolazione Fasi del BLS ABC della RCP

17 Stato di coscienza Attività respiratoria Segni di circolazione N.B. Nessuno deve subire procedure di RCP se prima non è stata stabilita la necessità di tale intervento. Azione A Azione B Azione C Valutazioni Ogni azione deve essere preceduta da una valutazione

18 Accertamento dello stato di coscienza

19 BLS-A Apertura delle vie aeree (1)

20 BLS-A Apertura delle vie aree (3) Cannule orofaringee

21 - Rilevare lattività respiratoria eseguendo il: - Guarda (espansione toracica) - Ascolta (rumori, rantolii ecc. dovuti a microrespirazione) - Sento (variazioni termiche) - Per non più di 10 secondi BLS-B Valutazione della respirazione

22 Attività Respiratoria G.A.S. Respiro Assente Respiro Presente Iperestendi il capo Mantieni pervietà Vie aeree se Necessario PLS BLS-B Attività Respiratoria

23 BLS-B Valutazione della respirazione

24 - Ventilazione artificiale - Senza mezzi aggiuntivi: - Bocca / bocca - Bocca / naso - Con mezzi aggiuntivi: - Bocca / maschera - Pallone / maschera BLS-B Ventilazione Artificiale

25 BLS-B Ventilazione (bocca-bocca)

26 BLS-B Ventilazione (bocca-maschera)

27 Pallone + O 2 Pallone Pallone + O 2 + Reservoir 21% 40 /50% 80 /90% BLS-B Percentuali di ossigeno

28 -Rilevare lattività cardiaca ricercando Segni di circolo (movimenti,tosse, respiro) : Ventila, 10 atti al minutoCompressioni toraciche CT Presente Assente BLS-C Valutazione della presenza di circolo

29 Incompleta aderenza Della maschera. Insufficiente Iperestensione del capo Insufflazioni troppo Rapide o brusca Ipoventilazione Distensione gastrica Complicanze o Ventilazione Inefficace

30 BLS-C Polso carotideo

31 Individuazione del punto di compressione al centro del torace BLS-C

32 Compressione Toracica BLS-C

33 2 30 BLS-C

34 Cause più frequenti di lesioni e / o inefficacia Punto di compressione scorretto. Compressioni troppo Intense o brusche Compressioni troppo superficiali Fratture sternali o costali Lesioni organi interni (polmoni, fegato, milza) Circolo insufficiente Compressione Toracica

35 RCP Polso Respiro Presente controlla il respiro per 10 Assente riprendi M C E per 30 :2 Presente mantieni pervietà vie aeree Assente ventila 10 atti / minuto Rivalutazione dellefficacia della

36 Iniziare la RCP senza tenere conto - Età apparente - Aspetto cadaverico - Midriasi - Temperatura corporea Aspetti medico legali(1)

37 -Fino allarrivo di un medico e / o ALS -Fino ad esaurimento fisico dei soccorritori N.B. non esiste un tempo predefinito oltre il quale è lecito interrompere la RCP Aspetti medico legali Per quanto tempo

38 Ci sono segni evidenti di morte biologica - Maciullamento. - Decomposizione tissutale. - Carbonizzazione. - Decapitazione. Aspetti medico legali(3) Non iniziare la RCP se……

39 Tra l80% e il 90% dei casi il ritmo di insorgenza è la fibrillazione ventricolare (FV) o la tachicardia ventricolare (TV), che tende a convertirsi in asistolia dopo pochi minuti Ritmi di insorgenza dellACC

40 La terapia elettrica è lunico trattamento efficace per la FV / TV, e la speranza di rianimazione è tanto maggiore quanto più precoce è lintervento Defibrillazione

41 Consiste nel far attraversare il cuore da un flusso di corrente continua in pochi millisecondi. Il passaggio dellenergia determina una interruzione di tutta la caotica attività cardiaca, dando la possibilità al cuore di ristabilire la corretta sequenza delattivazione elettrica, con ripresa del circolo. Defibrillazione

42 (Tempo in minuti) La probabilità di successo della defibrillazione diminuisce rapidamente nel tempo: 7-10% ogni minuto in assenza di RCP % Sopravvivenza

43 Il suo utilizzo è riservato al personale medico - è uno strumento in grado di registrare e visualizzare la traccia elettrocardiografia del paziente e fornire terapia elettrica secondo diverse modalità. - funzioni di Monitor ECG - Defibrillatore e Pace-Maker - E in grado di erogare scariche sincronizzate per cardiovertire tachiaritmie che non necessitano della fibrillazione IL DEFIBRILLATORE MANUALE

44 - Per la defibrillazione elettrica lenergia di scarica consigliata è di 360 joules - Per i defibrillatori monofasici e di 200 joules per i bifasici (se non diversamente indicato dalla casa produttrice)

45 - Il DAE è un dispositivo semiautomatico che guida - loperatore nella eventuale erogazione dello shock elettrico. - il dispositivo solleva completamente il soccorritore dallonere del riconoscimento del ritmo cardiaco. IL DEFIBRILLATORE SEMIAUTMATICO ESTERNO (DAE)

46 Nellutilizzo del DAE è fondamentale il rispetto delle norme di sicurezza: durante le fasi di analisi ed erogazione dello shock nessuno, operatore compreso,deve essere a contatto con corpo della vittima.

47 - Acc Testimoniato direttamente dal soccorritore procedere direttamente con la defribillazione (Possibile con defibrillatore manuale ) - ACC non testimoniato prima di procedere con la defibrillazione è necessario eseguire un ciclo di RCP 30:2 (circa 2 minuti). SEQUENZA OPERATIVA 1 ACCENDERE IL DAE

48 - Un elettrodo va posto sotto la clavicola destra del paziente, mentre laltro al di sotto delaerea mammaria sinistra lungo la linea ascellare anteriore, facendoli aderire perfettamente alla cute. 2 COLLEGARE GLI ELETTRODI

49 - Si invitano con decisione tutti gli astanti ad allontanarsi. - Il rispetto delle norme di sicurezza è fondamentale ed è responsabilità diretta del soccorritore garantirne la corretta attuazione. 3 RISPETTARE LE NORME DI SICUREZZA

50 - VIA IO; VIA TU; VIA TUTTI assicurandosi che nessuno sia a contatto col paziente e, continuando ad osservare la scena, eroga lo shock premendo il pulsante di scarica. - La scarica non va in nessun caso erogata - se vi sia sospetto per la sicurezza (ad esempio contatto con una pozza dacqua o superficie elettroconduttrice). 4 EROGARE LO SHOCK SE INDICATO

51 5 SEGUIRE LA SEQUENZA - Dopo lerogazione una sola scarica il DAE invita a riprendere immediatamente la RCP. Il soccorritore deve quindi eseguire per 2 minuti la RCP 30:2 (circa 5 cicli)

52 - Dopo 2 minuti dalla scarica il DAE procede - in questa fase la RCP può essere momentaneamente interrotta per non interferire con il DAE. - se il DAE comunica shock consigliato si procede come al punto 4. -Nel caso di un ripristino di ritmo elettricamente corretto o evoluzione in asistolia il DAE indica shock non consigliato ed invita a riprendere immediatamente le manovre di RCP 30:2 per 2 minuti. 6 ANALISI DEL RITMO

53 7 VALUTAZIONE DELLA RIPRESA DEL CIRCOLO E INTERRUZIONE DEL CICLO DI RCP - I cicli di RCP non vanno mai interrotti se non per consentire lanalisi del ritmo al DAE o in presenza di chiari segni ripresa del circolo (il paziente riprende a respirare) – anche dopo una defibrillazione efficace (ripristino di un ritmo valido) è necessario circa 1 minuto prima che il cuore sia in grado di generare un polso valido ed un adeguato circolo. – durante questo periodo, se non si sostiene il circolo con lRCP, lipossiemia può determinare una rapida ricaduta del ritmo in fibrillazione ventricolare. – inoltre è dimostrato che il massaggio cardiaco di per sé non induce a fibrillazione ventricolare e non è pericoloso anche in presenza di circolo spontaneo.

54 SE LA VITTIMA INZIA A RESPIRARE NORMALMENTE POSIZIONALA IN SICUREZZA

55

56 Algoritmo duso del DAE Privo di coscienza Chiedi aiuto agli astanti Apri le vie aree Non respira normalmente Manda a prendere il DAE Chiama il 118 RCP 30:2 finché il DAE non è collegato Il DAE valuta il ritmo Shock non consigliato Shock consigliato Riprendi immediatamente RCP 30:2 per 2 minuti 1 shock Riprendi immediatamente RCP 30:2 per 2 minuti Continua finché la vittima Non riprende a respirare normalmente

57 BLS-D: SITUAZIONI RIANIMATORIE PARTICOLARI - ICTUS CEREBRALE: può presentarsi in modi molto diversi (alterazioni del movimento, della parola,della vista, della coscienza, convulsioni). In caso di alterazione dello stato di coscienza,la pervietà delle vie aeree può risultare compromessa. Nessuna variazione è richiesta nel caso necessiti una RCP.

58 - Dobbiamo spostare lutero dal centro delladdome mediante linserimento di un cuneo ( es. una coperta ) posto sotto il fianco destro della paziente, in modo da ruotare la donna sul fianco sinistro( è necessario rialzare il fianco destro di gradi). - Non vi è alcuna evidenza che le scariche del defibrillatore abbiano un effetto negativo sul feto. DONNA IN GRAVIDANZA

59 ELETTROCUZIONE- FOLGORAZIONE: - lesposizione a correnti elettriche può provocare arresto cardiaco immediato o arresto respiratorio e successivamente cardiaco. In questi casi è ancora più importante del solito assicurare lauto protezione del soccorritore (accertarsi che la rete elettrica sia stata sconnessa) prima di iniziare le manovre di BLS.

60 ANNEGAMENTO - Trarre a riva più velocemente possibile la vittima, mantenendo prioritaria la nostra autoprotezione - Non appena è disponibile un DAE accenderlo ed applicare le piastre dopo aver asciugato accuratamente la cute del paziente ed averlo allontanato dal bagnasciuga. - Se il paziente è ipotermico limitare il numero di scariche a 3 e somministrare le eventuali successive scariche solo dopo aver riscaldato la vittima ad una temperatura >30 0 c - Non ritardare la ventilazione nel tentativo di liberare i polmoni dallacqua aspirata: infatti è presente solo in minime quantità nel polmone per uno spasmo immediato delle corde vocali e, comunque, è impossibile farla uscire

61 RCP IN BAMBINI -La RCP per adulti va bene anche per i bambini - Compressioni1/3 della profondità del torace

62 AED IN BAMBINI - Età > 8 anni Usa placche per adulti - Età 1-8 anni usa placche pediatriche - Età <1 anno usa solo placche indicate come sicure

63 OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE DA CORPO ESTRANEO Algoritmico algoritmo di gestione della ostruzione delle vie aeree Valutazione della severità Ostruzione Severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) Privo di coscienza Inizia RCP CoscienteIncoraggia a tossire 5 Colpi interscapolari 5 compressioni addominali Continua valutare leventuale Comparsa di tosse inefficace o Fino alla risoluzione

64 OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE DA CORPO ESTRANEO - OSTRUZIONE PARZIALE: INCORAGGIARE LINFORTUNATO A TOSSIRE ED A RESPIRARE SPONTANEAMENTE

65 OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE DA CORPO ESTRANEO - OSTRUZIONE COMPLETA LA VITTIMA NON RIUSCIRA A RESPIRARE, PARLARE E TOSSIRE

66 OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE DA CORPO ESTRANEO - SE LA VITTIMA E COSCIENTE: - COLPISCI 5 VOLTE SUL DORSO DELLA VITTIMA TRE LE SCAPOLE - SE I COLPI NON HANNO EFFETTO ESEGUE LA MANOVRA DI HEIMILICH

67 MANOVRA DI HEIMILICH - IL SOCCORRITORE SI PONE ALE SPALLE DEL PAZIENTE - CINGE LA VITA DEL PAZIENTE - POSIZIONA UNA MANO CHIUSA A PUGNO SOPRA LOMBELICO E CON LALTRA STRINGE IL POLSO DELLA PRIMA - ESERCITA BRUSCHE COMPRESSIONI SULLADDOME DA BASSO VERSO LALTO

68 Manovra di HEIMILICH Colpi dorsali Compressioni addominali (manovra di heimilich) Ripetere sino a espulsione del corpo estraneo o perdita di coscienza

69 DISOSTRUZIONE NEL SOGGETTO NON COSCIENTE -INIZIARE PROTOCOLLO BLS

70 CONTROLLO DELLE EMORRAGIE - LA PRINCIPALE TECNICA EFFETTUATA DA SOCCORRITORI NON PROFESSIONALI E LA COMPRESSIONE DIRETTA DEL FOCOLAIO EMORRAGICO

71 COMPRESSIONE DIRETTA - SI EFFETTUA ALLINIZIO SOLO MANUALMENTE -VA SUCCESSIVAMENTE COMPLETATA CON UN PACCHETTO DI GARZE BLOCCATO DA UNA FASCIATURA COMPRESSIVA CON UNA BENDA ELASTICA

72 TURNIQUET E LACCIO - VA APPLICATO ALLA RADICE DELARTO EMARRAGICO SLO IN CASO DI AMPUTAZIONE E DI EMORRAGIE NON CONTROLLABILE CON LA PRESSIONE DIRETTA

73 In caso di ustioni lievi - Lavare con acqua fredda la parte interessata

74 Algoritmo riassuntivo sequenza BLS-D Aggiornamento linee guida il COR 2000 allarrivo sul posto VALUTA IL RISCHIO AMBIENTALE e, immediatamente dopo LO STATO DI COSCIENZA Se coscienza assente CHIAMA AIUTO E CHIEDI IL DAE (118) ALLINEA IL PAZIENTE- SCOPRI IL TORACE GARANTISCI LA PERVIETA DELLE VIE AEREE VALUTA PRESENZA DELLATIVITA RESPIRATORIA SE ASSENTE VENTILA DUE VOLTE VALUTA IL POLSO CAROTIDEO E LA PRESENZA DEI SEGNI DI CIRCOLO se assenti CHIAMA LALS (118) ATTIVA IL DAE – AVVIA LANALISI SHOCKINDICATO SHOCK NON INDICATO DEFIBRILLA FINO A 3 VOLTE RCP PER 1 MINUTO (30:2) ALTERNA 3 MSHOCK 1 MINUTO DI RCP

75 DOMANDE ?


Scaricare ppt "Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support. Lezioni Addestramento Valutazione finale Teoriche pratico su manichino con skill test e quiz a risposta multipla."

Presentazioni simili


Annunci Google