La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott.ssa Elisabetta Muccioli TRATTAMENTO AVANZATO ARRESTO CARDIACO E URGENZE ARITMICHE IN ETA PEDIATRICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott.ssa Elisabetta Muccioli TRATTAMENTO AVANZATO ARRESTO CARDIACO E URGENZE ARITMICHE IN ETA PEDIATRICA."— Transcript della presentazione:

1 Dott.ssa Elisabetta Muccioli TRATTAMENTO AVANZATO ARRESTO CARDIACO E URGENZE ARITMICHE IN ETA PEDIATRICA

2 Dott.ssa Elisabetta Muccioli ALGORITMO PAZIENTE A RISCHIO A – Valutare lo stato di coscienza - Ristabilire e mantenere la pervietà delle vie aeree B – Valutare la frequenza respiratoria - Valutare il tipo di respiro Trattamento avanzato dellinsufficienza respiratoria CONTEMPORANEAMENTE MONITORIZZARE Sat O2 – ECG - PA APPENA POSSIBILE REPERIRE ACCESSO VENOSO

3 Dott.ssa Elisabetta Muccioli C – VALUTARE CIRCOLO e ECG Valutazione dei polsi centrali e periferici Valutazione perfusione cutanea : tempo di refill e SatO2 Valutazione pressione arteriosa Monitoraggio del ritmo cardiaco (ECG/piastre defibrillatore quick- look)

4 Dott.ssa Elisabetta Muccioli ECG E importante escludere eventuali artefatti: Distacco elettrodi possono simulare asistolia Trasmissione di vibrazioni (es. ascensore) al corpo del paziente o scosse muscolari con comparsa di onde che possono simulare la fibrillazione ventricolare Onde T particolarmente elevate (es. iperK+) possono simulare tachicardia ventricolare perché il monitor legge le onde T come QRS Mancata visualizzazione onda P se lelettrodo è perpendicolare allasse dellonda

5 Dott.ssa Elisabetta Muccioli ARRESTO CARDIACO ASISTOLIA (70%) PEA FV TV senza polso Individuare e trattare le possibili cause 4T e 4I RITMI DEFRIBILLABILI RITMI NON DEFRIBILLABILI

6 Dott.ssa Elisabetta Muccioli NB FV : fibrillazione ventricolare è rara in pediatria PEA : dissociazione elettro-meccanica, cioè attività elettrica è presente in assenza di attività meccanica cioè non cè polso in poco tempo progredisce in asistolia Nelle 4 condizioni citate da slide precedente : NON CE GITTATA SISTOLICA, cioè siamo già in arresto cardiaco!!!

7 Dott.ssa Elisabetta Muccioli Ritmi di arresto non defibrillabili Somministrare adrenalina ogni 4 minuti La 1^ somministrazione di adrenalina (0,01mg/Kg) avviene subito dopo accesso venoso o intraosseo, dopo 1 minuto di RCP e, successivamente, ogni 4 minuti BLS,OSSIGENO,MONITOR Asistolia /PEA RCP 15:2 per 2 minuti Rivalutare ritmo o polso ogni 2 minuti VIA VENOSA MAX 120

8 Dott.ssa Elisabetta Muccioli ADRENALINA (beta-stimolante) Preparazione: Fiale da 1 ml = 1 mg (1:1000) Dose e vie di somministrazione 0,01 mg/Kg (10y/Kg) ev, io, im (0,1 ml/Kg della diluizione 1:10.000) 0,1 mg/Kg (100y/Kg) et 0,1-0,3 mg/Kg in volume di 3-5ml aerosol La somministrazione di adrenalina può essere ripetuta ogni 3-5min, con lo stesso dosaggio o, nel bambino, a dosi incrementate fino a un massimo di 0,1 mg/Kg ev, io, se necessario

9 Dott.ssa Elisabetta Muccioli NB In una siringa da 10 metto 1 cc di adrenalina con 9 cc di soluzione fisiologica Ottengo adrenalina : 1 fiala portata a 10 (diluizione 1:10000) in modo che 1 cc per ogni 10 Kg del paziente Gamma = 1 millesimo di mg Cioè adrenalina 10 gamma = 0,01 mg/Kg

10 Dott.ssa Elisabetta Muccioli VALUTARE E CORREGGERE 4 I IPOSSIA IPOTERMIA IPO-IPERPOTASSEMIA IPOVOLEMIA 4 T TAMPONAMENTO CARDIACO PNEUMOTORACE TROMBOEMBOLIA POLMONARE TOSSICI

11 Dott.ssa Elisabetta Muccioli SOCCORSO AVANZATO In paziente con asistolia così grave Assistilo per 45 minuti poi STOP È morto e basta … è inutile continuare la rianimazione cardiopolmonare

12 Dott.ssa Elisabetta Muccioli Ritmi defibrillabili FV/ TV senza polso 1° shock (4J/Kg) e subito RCP 15:2 per 2 minuti Valutazione ritmo e polso se ancora FV/TV senza polso 2° shock (4J/Kg) e subito RCP 15:2 per 2 minuti Adrenalina* 0,01mg/Kg e 3° shock (4Joule/Kg) e subito RCP 15:2 per 2 minuti * Si ripete ogni 4 minuti oppure ogni 2 cicli BLS,OSSIGENO.MONITOR Valutazione ritmo e polso se ancora FV/TV senza polso

13 Dott.ssa Elisabetta Muccioli Defibrillatore Il defibrillatore semiautomatico può essere usato nei bambini al di sopra dellanno di vita con la raccomandazione di utilizzare un attenuatore dellenergia erogata (50-75J), e la connessione a piastre adesive pediatriche POSIZIONE DELLE PIASTRE (diametro piastre 4,5 cm ciascuna) Necessaria per resettare attività elettrica cardiaca con la scarica defibrillante Sinistra : sulla punta del cuore Destra : sottoclavicolare Distanti una dallaltra!!! Devono essere ben adese alla pelle per permettere un buon contatto Quando si defibrilla è meglio avere meno aria nei polmoni

14 Dott.ssa Elisabetta Muccioli URGENZE ARITMICHE ….. IN COSTRUZIONE ….

15 Dott.ssa Elisabetta Muccioli BRADICARDIA ….. IN COSTRUZIONE ….

16 Dott.ssa Elisabetta Muccioli ATROPINA Preparazione Atropina solfato fiale 0,5 mg = 1ml 1 mg = 1ml Dose e vie di somministrazione 0,02 mg/Kg ev, io, et dose massima: 0,5mg nel bambino; 1mg adolescente e adulto Ripetibile una volta Effetto massimo dopo min e durata dazione di 2-6 ore

17 Dott.ssa Elisabetta Muccioli TACHICARDIA SINUSALE …. IN COSTRUZIONE ….

18 Dott.ssa Elisabetta Muccioli TACHICARDIA PAROSSISTICA SOPRAVENTRICOLARE … IN COSTRUZIONE ….

19 Dott.ssa Elisabetta Muccioli ADENOSINA Rallenta la conduzione attraverso il nodo AV o un bypass anomalo attorno al nodo AV. INDICAZIONI Tachicardia sopraventricolare con segni di scarsa perfusione non secondaria a ipossia PREPARAZIONE: Krenosin fiale 6mg = 2ml Dose e vie di somministrazione Dose iniziale: 0,1 mg/Kg ev, io in bolo rapido (dose massima 6 mg) Dosi successive: 0,2 mg/Kg ev, io in bolo rapido (dose massima 12mg) NOTA: dosi successive solo se non cè risposta alla prima dose Leffetto della adenosina è di 10 sec: va infusa rapidamente attraverso un accesso venoso vicino al cuore; il bolo va fatto seguire da un lavaggio rapido con 5 ml di SF. Utilizzare solo in pz con monitoraggio ECG bradiaritmia, asistolia.

20 Dott.ssa Elisabetta Muccioli TACHICARDIA PAROSSISTICA SOPRAVENTRICOLARE … IN COSTRUZIONE …

21 Dott.ssa Elisabetta Muccioli 4I 4T ARRESTO CARDIACO


Scaricare ppt "Dott.ssa Elisabetta Muccioli TRATTAMENTO AVANZATO ARRESTO CARDIACO E URGENZE ARITMICHE IN ETA PEDIATRICA."

Presentazioni simili


Annunci Google