La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gruppo Comunità di pratica C3 Coordinatore: Lidio Miato Esperto: Ferruccio Cavallin.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gruppo Comunità di pratica C3 Coordinatore: Lidio Miato Esperto: Ferruccio Cavallin."— Transcript della presentazione:

1 Gruppo Comunità di pratica C3 Coordinatore: Lidio Miato Esperto: Ferruccio Cavallin

2 Sommario 1. Quando si genera il conflitto tra studenti e docenti 2. Quando si genera il conflitto tra docenti 3. Possibili cause del conflitto 4. Come intervenire a seconda della tipologia di conflitto 5. Come prevenire il conflitto

3 Quando si genera il conflitto tra studenti e docenti Non rispetto del Patto formativo (sottoscritto da docenti-alunni- genitori) Incoerenza tra dichiarato e agito (es. non sanziona chi non rispetta le regole) Percezione di non equità e giustizia (es. fa favoritismi, riprende sempre gli stessi, …) Abuso delle sanzioni (es. dà note a tutta la classe) Non chiarezza delle aspettative (es. non esplicita chiaramente cosa vuole) Mancanza di relazione positiva (es. atteggiamento troppo distaccato) Mancanza di entusiasmo (es. non si appassiona alla materia)

4 Quando si genera il conflitto tra docenti Non messa in discussione (non accettazione di critiche o proposte alternative, con il rifiuto del confronto e di trovare una sintesi) Percezione di minaccia della propria immagine (di fronte ai genitori, alunni, colleghi) Visioni educative diverse (es. ci vuole distacco e pugno di ferro, oppure occorre essere amici degli studenti) Visione individualistica, mancanza empatia (es. in classe comando solo io e non devo concordare nulla, gli altri si arrangino) Non accettazione dei ruoli asimmetrici (legati a specifici ruoli o incarichi)

5 Possibili cause del conflitto Conflitto emotivo: Il docente ce lha con me?; Fa preferenze con alcuni e penalizza altri; Mi ha preso in antipatia. Conflitto fattuale: Non abbiamo sufficienti ore di contemporaneità, Siamo in pochi, Non abbiamo abbastanza aule o laboratori, Non ci sono risorse sufficienti. Conflitto dinteresse : Non voglio i pomeriggi a scuola perché ho altri impegni; Ho bisogno del sabato libero, Non posso fermarmi al termine delle lezioni per parlare con i genitori. Conflitto strutturale : Non è compito mio o della scuola, Non è di mia competenza, spetta ad altri, E un compito della famiglia, io non centro. Conflitto valoriale: I genitori non devono dirmi come insegnare …; Sono libero di insegnare come mi pare, E con le punizioni che si capisce la correttezza comportamentale; Per quel che mi pagano lavoro anche troppo.

6 Come intervenire a seconda della tipologia di conflitto ConflittoIntervento Conflitto emotivo Consentire di salvare la faccia Conflitto fattuale Comprendere la causa reale, i vincoli e gli spazi dazione Conflitto dinteresse Far riferimento a regole imprescindibili Conflitto strutturale Individuare modelli, stili di riferimento Conflitto valoriale Trovare comportamenti organizzat. che rispettino i valori di tutti

7 Come prevenire il conflitto Agire il ruolo di mediazione da parte del Dirigente Stabilire regole chiare e condivise (es. stesura di un Patto formativo) Lavorare sulle relazioni personali (come creare una relazione positiva con lo studente Aiutare lo studente ad esprimere le proprie difficoltà in forma costruttiva Costruire lidentità del gruppo (a livello di classe, scuola, istituto)


Scaricare ppt "Gruppo Comunità di pratica C3 Coordinatore: Lidio Miato Esperto: Ferruccio Cavallin."

Presentazioni simili


Annunci Google