La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PEDAGOGIA E DIDATTICA Corsi TFA – RAVENNA – 8 settembre 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PEDAGOGIA E DIDATTICA Corsi TFA – RAVENNA – 8 settembre 2011."— Transcript della presentazione:

1 PEDAGOGIA E DIDATTICA Corsi TFA – RAVENNA – 8 settembre 2011

2 PEDAGOGIA: QUALCHE DEFINIZIONE Disciplina che studia le finalità, i metodi e i problemi inerenti alleducazione delluomo in generale e in particolare dei fanciulli e dei giovani Materia dinsegnamento scolastico e universitario Indirizzo, pratica educativa.

3 PEDAGOGIA: QUALCHE DEFINIZIONE Pedagogia come scienza dellistruzione, SAPERE DEI SAPERI che si occupa di istruzione. E un sapere pratico e teorico che attraverso il contributo di altri saperi (scienze delleducazione) affronta problemi legati alla crescita, alleducazione ed alla formazione delle nuove generazioni In quanto sapere di saperi non può essere autoreferenziale, ma è inserita in un arcipelago di discipline scientifiche: antropologia, psicologia, sociologia, biologia, storia Si occupa anche dei rapporti tra il singolo soggetto e la sua comunità

4 L A PEDAGOGIA : ALCUNE CARATTERISTICHE Scienza soft Scienza associata ad altre discipline di studio Scienza sfuggente scienza dimenticata Pedagogia – didattica ed economia PLASMARE – EDUCARE – FORMARE : quando usare un termine implica fare scelte

5 IL RUOLO DELLEDUCAZIONE Rendere ciascuno il miglior se stesso possibile Rendere possibile e concreto quanto previsto allart. 3 della carta Costituzionale Rendere un obiettivo concreto ed una finalità valoriale crescere generazioni che, nellessere i migliori se stessi possibili, portino alla società ed alla Nazione il loro fattivo contributo al bene comune

6 PEDAGOGIA E NUOVI SCENARI Società liquida, società complessa Innovazione tecnologica e nativi digitali Neuroscienze e acquisizione del sapere Globalizzazione, interculturalità e società multirazziale Identità – alterità e sviluppo personale

7 P EDAGOGIA E SOCIETA COMPLESSA Periodo di transizione e mutamento sociale Globalizzazione Densità del sapere e accesso al sapere generalizzato La società dei padri mancanti Mancanza, di fatto, di un modello pedagogico diffuso Ricollocazione sistema valoriale Ricollocazione valore apprendimento Ruolo famiglia Costruzione propria identità Ricollocazione ruolo e valore incontro con laltro da sè

8 PEDAGOGIA E NATIVI DIGITALI Generazioni da non un giorno senza internet Accesso alle informazioni rapido Sovraesposizione di informazioni Intelligenza iconica sovrastimolata Funzioni multitasking Tempi immediati di reazione Gestione più processi cognitivi Utilizzo veloce delle tecnologie Creazione interfaccia fra le notizie ed il sapere Ma…

9 VERSO UNA MATURITA TECNOLOGICA No rielaborazione No capacità di approfondimento Necessaria capacità di sintesi Necessaria educazione a focalizzazione sul compito – cosa mi serve – cosa sto facendo No rielaborazione dei vissuti Possibile allontanamento contesto reale di interfaccia sociale Scuola e tecnologie: un dialogo doveroso

10 PEDAGOGIA E GLOBALIZZAZIONE Confronto immediato e quotidiano con altre culture Approccio e visione globale dellinformazione Perdita dei confini identitari – non costruzione Ulisse e la costruzione di sé dal confronto con laltro Dialogo, confronto e culture personali Valori condivisi, valori globali e ruolo democratico della scuola

11 I N SINTESI … CHI AVRETE A SCUOLA ? Alunni tendenzialmente Vivaci – iperattivi? Svogliati – magari dislessici? Chiusi – o maleducati – esagerati comunque nei conflitti Polemici – contestatori - Distratti – annoiati Convinti di venire a scuola per stare con gli amici Divisi fra libri (che non leggono) quaderni, lezioni e i-pod, pc, youtube e facebook

12 LA DIDATTICA: QUALCHE DEFINIZIONE Parte della pedagogia che ha per oggetto di studio i metodi di insegnamento Metodo adattato e applicato allinsegnamento di una specifica disciplina

13 IL CUORE DELLA DIDATTICA IL PROCESSO di INSEGNAMENTO - APPRENDIMENTO come cuore della didattica Due assi congiunti, interconnessi, ugualmente bisognosi di attenzione e di progettazione Pedagogia e apprendimento Professionalità / funzione docente e didattica

14 QUANDO LAPPRENDIMENTO E EFFICACE - 1 Quando il contenuto e percepito dallo studente come rilevante per soddisfare i propri bisogni Ma.. Lapprendimento che implica un cambiamento della percezione del sé è vissuto come una minaccia e quindi crea resistenza Ridotta la percezione della minaccia (ambiente di apprendimento ) lapprendimento può essere promosso RELAZIONE COME VIABILITA DELLA CONOSCENZA

15 QUANDO LAPPRENDIMENTO E EFFICACE -2 Quando nasce dallesperienza e dal fare, quando lo studente è parte attiva del processo di insegnamento/apprendimento Ma… Va educata la capacità di lavorare per un obiettivo comune Vanno sperimentate tecniche diverse di conduzione del gruppo classe Va ridefinita strutturalmente la regia educativa

16 QUANDO LAPPRENDIMENTO E EFFICACE - 3 Lapprendimento più duraturo e pervasivo è quello che, auot-promosso ed auto-gestito, coinvolge oltre che lintelletto anche la sfera emozionale e il sentimento Ma… La scuola ha il compito di coinvolgere ed educare anche le sfere emozionali e del sentimento La relazione fra pari va educata e finalizzata al lavoro comune

17 QUANDO LAPPRENDIMENTO E EFFICACE - 4 Lapprendimento diventa duraturo e formativo quando si base sulla capacità di autovalutazione e sulla gestione metacognitiva del proprio apprendere Ma… Va rivista la didattica in ordine alla focalizzazione sul processo di apprendimento/insegnamento più che sul contenuto Va ricalibrato il ruolo del docente come sostegno – guida nel processo di apprendimento

18 COSA DOVREBBE SVILUPPARE LA SCUOLA NEI GIOVANI? 1. Perseveranza 2. Motivazione 3. Gestione del rischio 4. Stima di sé 5. Capacità di autocontrollo 6. Coscienziosità e comportamento lungimirante J.J.Heckman – Nobel in Economic sciences 2000

19 COSA CI VIENE CHIESTO DI SVILUPPARE CURRICOLO PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE ATTRAVERSO CONOSCENZE ED ABILITA

20 COMPETENZE E RACCOMANDAZIONE EUROPEA indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; sono descritte in termini di responsabilità e autonomia (Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio dellUnione Europea del 23 aprile 2006 sulla costituzione del Quadro Europeo delle Qualifiche per lapprendimento permanente)

21 Q UADRO E UROPEO C OMPETENZE C HIAVE 18 DICEMBRE 2006 C OMPETENZE CHIAVE D.M.139/07 Imparare ad imparare Progettare Comunicare: comprendere e rappresentare Collaborare e partecipare Agire in modo autonomo e responsabile Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire e interpretare linformazione Comunicare nella madrelingua Comunicare nelle lingue straniere Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia Competenza digitale Imparare ad imparare Competenze interpersonali,intercultura li e sociali e competenza civica Imprenditorialità Espressione culturale i S&g

22 EFFICACIA DELLINSEGNAMENTO E PROFESSIONALITA DOCENTI Le competenze necessarie per insegnare

23 ORGANIZZARE E ANIMARE SITUAZIONI DI APPRENDIMENTO Conoscere i contenuti da insegnare e la loro traduzione in obiettivi di apprendimento essenziali Lavorare a partire dalle rappresentazioni degli alunni Lavorare a partire dagli errori e dagli ostacoli dellapprendimento (epistemologia disciplinare) Costruire e pianificare sequenze di apprendimento (esposizione e potenziamento cognitivo) Impegnare gli alunni in attività di ricerca

24 GESTIRE LA PROGRESSIONE DEGLI APPRENDIMENTI Ideare e gestire situazioni-problema adeguati al livello ed alle possibilità degli alunni (esposizione- potenziamento – aree prossimali di sviluppo) Progettare tenendo conto della dimensione longitudinale degli obiettivi e dellunitarieta del sapere Individuare i contenuti essenziali e le abilità irrinunciabili allo sviluppo di competenze Strutturare una didattica ricorsiva che potenzi tali aspetti (overlearning)

25 Osservare e valutare gli alunni in diverse situazioni di apprendimento, secondo un approccio formativo centrato sul processo di apprendimento oltre che al risultato Stabilire bilanci periodici di competenze e riprogettare Rivalutare periodicamente landamento delle attività didattiche e riprogettare Progettare per cicli di apprendimento – didattica modulare Differenziare e gestire in modo autonomo e creativo la dimensione tempo Curare lambiente di apprendimento - anche sul piano della strutturazione dello spazio

26 COINVOLGERE GLI ALUNNI NEL LORO APPRENDIMENTO E NEL LORO LAVORO Suscitare il desiderio di imparare, esplicitare il rapporto con il sapere, il senso del lavoro scolastico Sviluppare capacità di autovalutazione dellalunno Utilizzare una comunicazione assertiva e una differente regia educativa a seconda del contesto di apprendimento Offrire attività di apprendimento opzionali e lasciare margine per la capacità di lavoro autonomo Sostenere il senso di autoefficacia Favorire la definizione di un progetto personale di formazione

27 IDEARE E FAR EVOLVERE DISPOSITIVI DI DIFFERENZIAZIONE Gestire leterogeinità del gruppo classe Praticare il sostegno integrato, favorire il lavoro di gruppo ed il tutoring Definire processi e modalità di lavoro che incrocino le difficoltà di apprendimento Sviluppare forme di cooperazione e di rispetto reciproco fra gli alunni

28 SERVIRSI DELLE TECNOLOGIE NELLA DIDATTICA Utilizzo di più approcci: LIM – diapositive – appunti e schemi di lavoro Registrazione delle lezioni e traduzione in file mp3 Utilizzo forme di comunicazione a distanza per differenziare il lavoro e seguire il lavoro dei ragazzi Favorire ed integrare nel percorso e negli elaborati degli alunni i media e il loro utilizzo Utilizzo consolidato di computer per produrre elaborati e testi

29 A PROPOSITO DEL WEB … educare e strutturare percorsi di ricerca che sostengano le capacità di : Selezione delle informazioni in termini di attendibilità e non / utilità o meno rispetto al lavoro Utilizzo informazioni selezionate e rielaborazione personale – oltre il cut and paste generazionale.. Fornire occasioni di discussione e confronto sui rischi dellutilizzo del web sul piano sociale e giuridico

30 COINVOLGERE E INFORMARE ALUNNI E GENITORI Animare riunioni di informazione e di dibattito con la comunità classe Curare in modo particolare i colloqui con i ragazzi (orientamento continuo) e i genitori Coinvolgere i genitori nella costruzione dei saperi e nel processo di insegnamento

31 TEORIA E PRATICA DELLA DIDATTICA: ALCUNE QUESTIONI APERTE Curricolo e progettazione Progettazione didattica e unità di apprendimento Analisi e tenuta sotto controllo del processo di apprendimento –La collegialità Conoscenze – abilità – competenze Certificazione e Valutazione INVALSI e PISA


Scaricare ppt "PEDAGOGIA E DIDATTICA Corsi TFA – RAVENNA – 8 settembre 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google