La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SISTEMI ENERGETICI. I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dellenergia chimica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SISTEMI ENERGETICI. I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dellenergia chimica."— Transcript della presentazione:

1 SISTEMI ENERGETICI

2 I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dellenergia chimica ( trasformazione dei cibi ) in energia meccanica ( movimento ). LATP, presente in tutte le cellule dellorganismo, costituisce lintermediario tra lenergia fornita dagli alimenti e lenergia necessaria alla contrazione muscolare. La struttura dellATP si compone di 3 elementi principali: ladenina, il ribosio, e 3 molecole di fosfato inorganico. Il legame tra i suoi 2 ultimi radicali fosforici è un legame altamente energetico la cui rottura, od IDROLISI, libera energia pari a 7.2 cal per mole di ATP. LATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato). Non è possibile stoccare (depositare) grandi quantità di ATP a livello muscolare quindi diventa necessaria una continua ricarica dellATP. Esistono dei meccanismi di ripristino immediato dellATP consumato. LE FONTI ENERGETICHE MUSCOLARI

3 Meccanismo ANAEROBICO ALATTACIDO Meccanismo ANAEROBICO LATTACIDO Meccanismo AEROBICO CAPACITA => è la quantità totale di energia POTENZA=> percentuale di energia nellunità di tempo MECCANISMI ENERGETICI

4 E il meccanismo energetico in sforzi di massima intensità e permette di risintetizzare ATP partendo dall ADP prodotto. E il sistema di ripristino energetico più semplice ed immediato e si basa sullutilizzo della fosfocreatina (PCr). La rottura del legame fosforico del PCr (reazione di Lohman) permette di ricostituire lATP secondo la seguente reazione: PC C + Pi Pi + ADP = ATP Le riserve di ATP e PCr contribuiscono al rifornimento energetico durante i primi 3-15 sec. di esercizio. Un ulteriore fonte di ripristino è costituita dalla presenza di un enzima, miocinasi, il quale in presenza di una grande quantità di ADP può rigenerare ATP da due molecole di ADP Questo meccanismo è un sistema di ripristino energetico che può fornire MOLTA POTENZA ma una CAPACITA LIMITATA. MECCANISMO ANAEROBICO ALATTACIDO

5 Fornisce energia senza utilizzare ossigeno e senza formare acido lattico; lenergia per ricostruire lATP viene fornita dalla fosfocreatina (CP) che è una molecola con un legame altamente energetico. Questo meccanismo fornisce ATP quando gli sforzi sono brevi, alta potenze e capacità limitata. CP + ADP = ATP + C ANAEROBICO ALATTACIDO

6 E un meccanismo che possiede ancora una elevata potenza ma anche una capacità notevolmente superiore rispetto al meccanismo anaerobico alattacido. E il sistema che permette di resintetizzare lATP a partire dalla degradazione del glicogeno ed è chiamato anche SISTEMA GLICOLITICO o GLICOLISI. Il GLUCOSIO rappresenta il 99% di zucchero circolante nellorganismo, ed è stoccato sotto forma di glicogeno sia nel fegato che nei muscoli. Il meccanismo limitante della glicolisi è lacido lattico (lattato), infatti il lattato accumulato durante una esercitazione molto intensa provoca unacidificazione del muscolo, inibendo il rilascio degli ioni calcio molto importanti nellattività contrattile del muscolo. Il lattato prodotto a livello muscolare deve essere metabolizzato o al termine dello sforzo, oppure nei momenti di minore intensità di lavoro. Lacido lattico si scompone in 2 ioni: ione lattato (La - ) e lo ione idrogeno (H + ). MECCANISMO ANAEROBICO LATTACIDO

7 Non si utilizza ossigeno, ma la demolizione dello zucchero (GLICOLISI), per costruire ATP; arriva fino alla produzione di ACIDO LATTICO. Questo meccanismo ci permette di fornire ATP attraverso la demolizione anaerobica degli zuccheri per circa un minuto, ma lacido lattico avvelena prima i muscoli e poi il sangue provocando fatica e confusione neuro muscolare. ADP + Energia = ATP ZUCCHERO = ENERGIA + ACIDO LATTICO ANAEROBICO LATTACIDO

8 Il nuovo sistema è il meccanismo aerobico o sistema ossidativo. E un processo in cui la cellula degrada i substrati, prevalentemente lipidi e carboidrati, in presenza appunto di ossigeno. Il meccanismo ossidativo ha un rendimento enorme e costituisce quindi la fonte primaria di energia durante gli sforzi di lunga durata. La produzione per via ossidativa dellATP consiste in 3 processi: - glicolisi - il ciclo di Krebs - catena di trasporto degli elettroni GLICOLISI: questo processo resta identico sia in presenza che in assenza di ossigeno, la presenza di O2 determina solo che il suo prodotto ultimo acido piruvico si trasforma in Acetil-coenzima A. CICLO di KREBS: lacetil-coenzima A entra nel ciclo dellacido citrico (Krebs) dove una serie di reazioni chimiche ne permette lossidazione completa. Alla fine del ciclo si avrà 2 moli di ATP e lidrato di carbonio sarà degradato in C (carbonio) e H (idrogeno); il C si combina con O 2 per formare CO 2 che attraverso il sangue raggiungerà i polmoni dai quali verrà espulsa. CATENA DI TRASPORTO DEGLI ELETTRONI: gli ioni H + formatisi dalla glicolisi e dal ciclo di Krebs vengono a formare una serie di reazioni chiamate catena di trasporto degli elettroni con la quale lH + si lega a 2 enzimi il NAD ed il FAD i quali trasportano lH + verso questa catena dove si lega con lO 2 per formare H 2 O prevenendo in tal modo lacidificazione dellambiente cellulare. Alla fine di questo processo il sistema fornisce 34 moli di ATP. Alla fine di queste 3 tappe il sistema ossidativo fornisce 39 moli di ATP. APPROFONDIMENTI DEL MECCANISMO AEROBICO

9 I grassi sono stoccati (depositati) sotto forma di trigliceridi nei muscoli. Per poter essere utilizzato a fine energetico un trigliceride deve essere scisso nei suoi composti fondamentali quali, una molecola di glicerolo e 3 molecole di acidi grassi liberi (AGL). LIPOLISI processo che degrada 1 trigliceride in 3 moli di AGL e 1 mole di glicerolo. Gli AGL sono trasportati in tutto il corpo attraverso il circolo sanguigno, penetrano nel muscolo. Utilizzato l AGL verrà convertito in acetil-CoA. A questo punto il metabolismo dei grassi segue quello dei carboidrati; lacetil-CoA entra nel ciclo di Krebs e gli ioni idrogeno liberati passano alla catena di trasporto degli elettroni, formando come prodotti finali ATP, H 2 O e CO 2, come nellossidazione degli zuccheri. Una molecola di O 2, produce 5.6 moli di ATP ossidando grassi, contro le 6.3 prodotte durante lossidazione degli idrati di carbonio. OSSIDAZIONE DEI LIPIDI

10 Fornisce ATP attraverso la combustione di zuccheri e grassi per mezzo dellossigeno. Questo meccanismo aiuta la resintesi di ATP attraverso la demolizione di zuccheri e grassi con lausilio dellossigeno, la potenza di questultimo processo è nettamente inferiore a quella dei due precedenti, ma la quantità di benzina che è in grado di fornire è nettamente superiore. Per tutti i meccanismi quando si parla di fornire ATP si deve intendere fornire lenergia per ricostruire ladenosintrifosfato (ATP) partendo da adenosindifosfato (ADP) più il fosfato inorganico (P). (ADP + P). ZUCCHERO + GRASSI + O 2 = ENERGIA + H 2 O + CO 2 MECCANISMO AEROBICO

11 Il DEBITO di OSSIGENO ALATTACIDO viene pagato molto rapidamente, in qualche minuto; in soggetti non allenati il 50% della riserva si ricostituisce in 30; in individui ben allenati questo tempo è ancora inferiore. Il DEBITO di OSSIGENO LATTACIDO viene pagato in un tempo molto più lungo di quello alattacido (circa unora) questo è dovuto allo smaltimento di acido lattico, cioè allutilizzo del meccanismo glicolitico anaerobico. Si ha uneliminazione del 50% della quantità di acido lattico prodotta, in 15 per soggetti non allenati e di tempi quasi dimezzati per atleti allenati a questo tipo di sforzo. Per DEBITO di OSSIGENO si deve intendere la quantità di O 2 che il nostro organismo richiede per ristabilire un suo equilibrio metabolico. Si hanno due forme di DEBITO di OSSIGENO, quello ALATTACIDO e quello LATTACIDO. IL DEBITO DI OSSIGENO

12 SISTEMI ENERGETICI E TEMPO DI PRESTAZIONE

13 CARATTERISTICHE DEI SISTEMI ENERGETICI


Scaricare ppt "SISTEMI ENERGETICI. I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dellenergia chimica."

Presentazioni simili


Annunci Google