La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 2 3 4 Ciao sono una goccia dACQUA, vi terrò compagnia per tutte le lezioni, vi raccomando state molto attenti. Mi muovo sempre perché altrimenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 2 3 4 Ciao sono una goccia dACQUA, vi terrò compagnia per tutte le lezioni, vi raccomando state molto attenti. Mi muovo sempre perché altrimenti."— Transcript della presentazione:

1

2 1

3 2

4 3

5 4 Ciao sono una goccia dACQUA, vi terrò compagnia per tutte le lezioni, vi raccomando state molto attenti. Mi muovo sempre perché altrimenti rischio di sporcarmi.

6 5 Lacqua è la sostanza più comune e più diffusa nellambiente; la presenza di acqua sulla Terra è una condizione essenziale per lo sviluppo e il sostentamento della vita. Oltre ad essere utilizzata come fonte di vita per vegetali e animali, viene impiegata nelle fabbriche e nelle industrie.

7 6 Lacqua può svolgere le sue numerose funzioni (diluire le sostanze, trasportare, ecc.) solo se fluisce in continuazione. Per fare ciò esiste un meccanismo naturale detto ciclo dellacqua, che vedremo insieme….. Ma prima un po di chimica….

8 7 La molecola dellacqua si chiama IDROGENO OSSIGENO

9 8 infiltrazione lago Ghiacciaio fiume sorgente acqua falde acquifere sotterranee scorrimento nel sottosuolo (fiume sotterraneo) scorrimento in superficie vapore acqueo evaporazione Traspirazione delle piante Formazione delle nuvole vento neve Pioggia - grandine mare IL CICLO DELLACQUA

10 9 Il nostro pianeta è composto per il 71% di acqua ( cioè su 510 milioni di Km² di superficie 364 sono occupati dallacqua). Guardando questa immagine potremmo definire la Terra il Pianeta Acqua.

11 10 La suddivisone dellAcqua presente sul nostro pianeta: Acqua salata. Acqua dolce composta da ghiacciai, fiumi, falde sotterranee, laghi, vapore acqueo. Questa viene usata dalluomo per i più disparati scopi. Lacqua è una risorsa limitata e vulnerabile, essenziale per la vita non solo delluomo ma anche di tutti gli ecosistemi presenti in natura ed è fondamentale per lo sviluppo economico e sociale. Riusciremmo a sopravvivere alla mancanza di cibo per settimane, ma a quella di acqua solo per pochi giorni.

12 11 lacqua sulla terra si trova allo stato: SOLIDO, LIQUIDO e GASSOSO Si trova sotto forma di pioggia, rugiada ma soprattutto nei fiumi, laghi, mari, oceani e negli esseri viventi. È presente come nebbia e vapore ed è il principale costituente delle nuvole. Lacqua diventa vapore alla temperatura di 100°.

13 12 Disponibilità dellacqua sulla terra in proporzione Volume totale delle acque dolci e salate. Volume totale delle acque dolci. Volume totale delle acque utilizzabili.

14 13 Il corpo umano e lacqua Il nostro corpo è composta da acqua, almeno per più della metà, anche se questa è distribuita in modo non uniforme. Tutti gli organismi dipendono dallacqua e ne contengono in quantità elevate. Si può davvero dire che senza acqua non cè vita e che dalla qualità dellacqua dipende la qualità della vita.

15 % 88% 75%

16 % 30-40% 12%

17 16 Agricoltura usa acqua di superficie e le falde acquifere Settore Industriale Settore dei servizi – Consumo privato nelle case

18 17 Uso potabile Uso non potabile potabile : spegnimento incendi, giardinaggio Igiene Settore dei servizi Consumo privato nelle case

19 18 Per produrre quanto occorre per la nostra alimentazione bisogna consumare grandissime quantità di acqua; facciamo qualche esempio : 1 mela 70 litri per ogni mela 190 litri di acqua 1 bicchiere di succo di mela (200 ml) 1 Kg. di orzo 1300 litri di acqua 1 Kg. di riso 3400 litri di acqua Nellindustria dellallevamento ci impiega 3 anni prima che un animale venga macellato per produrre circa 200 Kg. di carne per uso domestico. Lanimale così consuma 1300 Kg. di fieno secco, 31 mc di acqua per bere e di servizio. Per 1 Kg. di carne viene consumato quindi 6,5 Kg. di grano, 36 Kg. di granaglie e 155 litri di acqua, ciò equivale a litri di acqua. Per un Kg. di carne vaccina ne occorrono circa litri.

20 19 Per una fetta di pane occorrono circa 40 litri. Alla produzione per un Kg. di pane occorrono circa 1300 litri di acqua, valori che cambiano per tipo di pane. Per una tazza di caffè da 125 ml occorrono circa 140 litri. Per 1 Kg. di caffè tostato occorrono circa litri di acqua, in media per una tazza si consumiamo 7 g di caffè. Per un litro di latte consumiamo litri, per un bicchiere di latte da 200 ml ne occorrono 20. Per un bicchiere di succo darancia consumiamo 190 litri.

21 20 L'acqua in quanto indispensabile alla vita è da considerarsi un bene comune, a cui tutti devono avere diritto di accesso. A causa della crescita delle attività umane, la disponibilità di acqua potabile per persona sta diminuendo e a moltissime persone è negato il diritto allacqua. Allinizio del terzo millennio si calcolava che oltre un miliardo di persone non avesse accesso allacqua potabile e che il 40% della popolazione mondiale non potesse permettersi il lusso dell'acqua dolce per una minima igiene.

22 21 Nel 2006, 1,3 miliardo di persone non avevano accesso allacqua potabile sicuro. 2,5 miliardi di persone, non possiedono sufficienti servizi igienici. 5 milioni di persone, principalmente donne e bambini, muoiono ogni anno per malattie relative alla qualità dellacqua (ogni minuto dieci persone).

23 22 Per sensibilizzare lopinione pubblica su questo tema, lOnu ha stabilito che il 22 marzo di ogni anno si tenga la Giornata mondiale dellacqua, giunta nel 2008 alla quinta edizione.

24 23

25 24

26 25 La parola inquinamento proviene dal verbo latino inquinare, che significava sporcare, rendere sudicio.

27 26 uso civile agricolo industriale termico idrocarburi piogge acide

28 27 Nellagricoltura abbiamo due tipi di inquinamento delle acque: Negli allevamenti, gli escrementi vengono lavati via con lacqua, i liquami così ottenuti vengono in parte utilizzati come fertilizzanti, in parte invece riversati nei fiumi.

29 28 Le numerose sostanze utilizzate in agricoltura non restano solo sul suolo o sulle piante. Quando la pioggia dilava il terreno, una parte di essa finisce sui canali di scolo e da qui ai fiumi e poi al mare. Quando lacqua piovana filtra nel terreno, rilascia lentamente unaltra parte di queste sostanze in profondità, fino alle falde acquifere da cui si prende lacqua da bere, che potrebbe divenire non potabile a causa dei fertilizzanti e pesticidi.

30 29 Alcuni tipi di industrie, per esempio quelle alimentari, scaricano materiale organici direttamente nei fiumi. Le industrie si liberano dei rifiuti tossici derivanti dalle diverse lavorazioni attraverso discariche speciali. Tuttavia alcuni tipi di rifiuti finiscono nei fiumi, con i liquami di fogna. Alcuni esempi: - I metalli pesanti: mercurio (usato spesso come fungicida) – piombo (usato nelle batterie, nei proiettili, nelle vernici e nelle benzine; -il cromo: usato per la cromatura dei metalli, nella lavorazione di pelli e nelle acque di raffreddamento delle industrie.

31 30 La maggior parte dei mari del mondo è inquinata da petrolio. Questo proviene da attività che si svolgono a terra, cioè dagli scarichi delle industrie e dalle raffinerie di petrolio. Altre fonti sono i versamenti dalle petroliere, che avvengono normalmente durante il lavaggio dei serbatoi oppure nel caso di incidenti. Il petrolio galleggia sullacqua formando uno strato che isola lacqua dallaria, impedendo gli scambi di gas. Limpoverimento dossigeno causato fa morire molti organismi marini. Con il passare dei mesi la parte più leggera di questa sostanza evapora o viene distrutta da microrganismi o reazioni chimiche. Quella più pesante, lentamente affonda, e vengono attaccate a poco a poco da batteri o da reazioni chimiche. Prima di scomparire, però, distruggono anche gli organismi che vivono sui fondali.

32 31 Questo si verifica quando le industrie riversano nel mare o nei fiumi tonnellate di acqua calda usata per le loro lavorazioni. Laumento della temperatura porta a una variazione dei processi vitali e alla morte della flora batterica, tanto utile nei processi di auto-depurazione dellacqua. Nei casi più gravi si verificano una moria di pesci e/o lallontanamento di quelli che non sopportano temperature elevate.

33 32 evaporazione

34 33 I liquami che si trovano nelle fogne contengono grandi quantità di escrementi umani, perciò dovrebbero passare attraverso impianti di depurazione prima di essere scaricati nei fiumi purtroppo, in Italia meno della metà degli scarichi vengono depurati. I liquami fognari possono contenere micro-organismi che provocano alcune malattie (colera, salmonellosi, ecc.). Una persona rischia di ammalarsi se ingerisce questi organismi (può capitare facendo il bagno nel fiume o mangiando molluschi contaminati).

35 34 Capacità dellacqua di distruggere agenti patogeni depurazionepotabilizzazione Acqua per uso agricolo ed industriale Acqua per uso potabile

36 35 Nelle acqua si trovano dei microrganismi che si nutrono dei composti organici provenienti da organismi morti, liquami, ecc. e li trasformano in minerali non inquinanti. Le sostanze che possono essere distrutte da questi organismi sono dette BIODEGRADABILI. Oggi però, con laumento dellinquinamento rispetto a qualche decina di anni fa, le sostanze biologiche sono presenti in quantità tale da superare la naturale capacità di autodepurazione; inoltre riversando sostanze non biodegradabili, lautodepurazione non ha alcun effetto, le acque dolci rimangono perciò inquinate.

37 36 L'acqua può subire diversi trattamenti per la rimozione di inquinanti e per la correzione di alcune caratteristiche chimico-fisiche Vasca di depurazione biologica delle acque reflue Depurazione industriale

38 37 Il trattamento delle acque reflue prevede una serie di operazioni di tipo chimico-fisico e biologico oltre ad una serie di operazioni specifiche per il trattamento dei fanghi. I reflui depurati sono generalmente riversati in acque superficiali e devono rispettare i valori limiti di emissione stabiliti dal decreto legislativo n.152/2006, in relazione agli obiettivi di qualità dei corpi idrici riceventi. Lo scarico di un depuratore, infatti, non deve contenere sostanze inquinanti in concentrazioni tali da interferire con la naturale capacità autodepurativa del corpo idrico né compromettere la vitalità e la biodiversità delle comunità biotiche degli ecosistemi acquatici.

39 38 Con raggi ultravioletti, biossido di cloro possono essere riutilizzati soprattutto per un uso industriale o irriguo.

40 39 Impianto di potabilizzazione delle acque

41 40 A carbone attivo I trattamenti di potabilizzazione si applicano ad acque superficiali naturali, o provenienti da invasi artificiali, con lo scopo di ottenere acque idonee all'uso umano, che rispettino le norme di qualità stabilite dal Decreto legislativo n.31/2001; questi trattamenti comprendono le operazioni di: A fanghi attiviA d osmosi inversa

42 41 Città Impianti di depurazione Centrale termica industrie paesi Aziende agricole raffinerie

43 42

44 43

45 44 Fogne Le acque di scarico passano attraverso griglie che trattengono gli oggetti più voluminosi, stracci, foglie … Lacqua passa, quindi in una vasca, dove particelle più leggere salgono in superficie, mentre la sabbia, più pesante, si deposita sul fondo. Lacqua viene fatta posare per tre-quattro ore. In questo modo oltre metà della sporcizia si deposita sul fondo. Nellacqua così trattata si immettono dei batteri che consumano gran parte delle sostanze inquinanti rimaste. Lacqua viene separata dai batteri e può essere riversata pulita nel fiume Alcune città e industrie si trovano sul mare e spesso immettono direttamente nellacqua i loro scarichi. Le zone costiere, inoltre, subiscono linquinamento portato dai fiumi e prodotto da milioni di persone che vanno in vacanza al mare. Non trasformiamo il mare in una pattumiera!

46 45 L'acqua pulita è quotata come il petrolio del futuro. Ogni abitante dei Paesi ricchi del pianeta oggi consuma mediamente il doppio di acqua rispetto allinizio del Novecento e il consumo mondiale è decuplicato nellultimo secolo. A causa della crescita delle attività umane, la disponibilità di acqua potabile per persona sta notevolmente diminuendo. Allinizio del terzo millennio si calcolava che oltre un miliardo di persone non avesse accesso allacqua potabile e che il 40% della popolazione mondiale non potesse permettersi il lusso dell'acqua dolce per una minima igiene Nei prossimi vent'anni la quantità d'acqua disponibile per ogni persona diminuirà del 30%.

47 46 La Commissione mondiale per lacqua indica in 40 litri al giorno a persona la quantità minima per soddisfare i bisogni essenziali:

48 47 Fabbisogno medio giornaliero La maggior parte degli abitanti dei paesi del terzo mondo è costretta ad utilizzare in media circa due litri di acqua al giorno La maggior parte degli abitanti dei paesi del mondo occidentale consuma in media litri di acqua al giorno (la maggior parte della quale va sprecata)

49 48 Consumo medio nei paesi ad alto reddito Consumo medio nei paesi a basso reddito Gli esperti delle Nazioni Unite indicano che entro il 2025 due terzi della popolazione mondiale vivrà in Paesi con una moderata oppure rilevante scarsità di risorse idriche.

50 49 Il consumo medio giornaliero di acqua in Italia è di circa 200 litri a persona, ossia circa 5 volte in più della quantità necessaria indicata dalla Commissione mondiale per lacqua Di questi però ne beviamo solo circa 3 litri e la maggior parte viene sprecata.

51 50 Bisogna inoltre calcolare gli sprechi dovuti alle perdite della rete idrica. Il Comitato di vigilanza sulluso delle risorse idriche ha reso noto che la dispersione dellacqua nella rete in Italia è pari circa al 40%. Media dispersione in Italia Media dispersione provincia CB Per la provincia di Campobasso i dati sono ancora più preoccupanti; la dispersione equivale addirittura al 56% del totale dellacqua immessa. Si è parlato giustamente di reti colabrodo.

52 51 Controlliamo limpianto idrico domestico; un rubinetto che perde consuma circa 4000 litri di acqua in un anno. Quando si va in vacanza chiudere la valvola centrale dellacqua.

53 52 Se invece perde un water si arriva a circa 100 litri di acqua al giorno. Il 30% dei consumi domestici se ne va con lo sciacquone del water. Un sistema a quantità differenziata per lo scarico del water (a seconda dei nostri bisogni….), permette di risparmiare da a litri di acqua ogni anno.

54 53 Per lavare lauto si possono arrivare ad usare fino a 800 litri di acqua (POTABILE), se invece di una pompa si usa un secchio si possono risparmiare circa 500 litri. Meglio ancora è portare lauto allautolavaggio che, per legge, deve essere dotato di impianti di depurazione, così evitiamo di scaricare detergenti, oli minerali e idrocarburi in fiumi e mari.

55 54 Il bagno richiede lutilizzo del triplo di acqua rispetto alla doccia: con questa si risparmia circa un centinaio di litri per volta

56 55 Per lavarsi i denti, non serve tenere il rubinetto aperto, facendo scorrere lacqua. I dentisti consigliano uno spazzolamento dei denti a secco riservando lacqua per il solo risciacquo. Lavati i denti…ma lacqua non devi sprecaaaar

57 56 Per la rasatura è sufficiente utilizzare un po di acqua nel lavandino chiuso col tappo, per poi lasciarla scorrere sola alla fine

58 57 Quando si lavano frutta e verdura anziché sciacquarle sotto lacqua corrente, lasciale a mollo così facendo si risparmiano circa 4000 litri/anno per famiglia. Inoltre lacqua del lavaggio raccolta, è ricca di residui minerali, e può essere utilizzata per annaffiare le piante. Far sempre funzionare sia la lavatrice che la lavastoviglie a pieno carico, in questo modo si risparmiano in un anno dagli 8000 agli litri di acqua potabile. Anche i gradi fanno la differenza, con una temperatura bassa es 30 gradi si consuma circa il 50% di acqua in meno di una temperatura di 90 gradi.

59 58


Scaricare ppt "1 2 3 4 Ciao sono una goccia dACQUA, vi terrò compagnia per tutte le lezioni, vi raccomando state molto attenti. Mi muovo sempre perché altrimenti."

Presentazioni simili


Annunci Google