La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RICERCA ANNUALE – PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RICERCA ANNUALE – PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013."— Transcript della presentazione:

1 RICERCA ANNUALE – PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013

2 LINCIDENZA DEI CONFIDI ITALIANI NEL CONTESTO EUROPEO CONTESTO EUROPEO DI RIFERIMENTO Imprese socieGaranzie in essereFondi propri Italia 46,6% Totale altri Paesi e Ismea 53,4% Italia 28,2% Totale altri Paesi e Ismea 71,8% Italia 28,3% Totale altri Paesi e Ismea 71,7%

3 LE GARANZIE IN ESSERE NEI PRINCIPALI PAESI SOCI DI AECM Italia 45,1% (Assoconfidi e Ismea) Francia 20,2% Germania 7,4% Spagna 7,0% Portogallo 3,8% Totale altri Paesi 16,5% CONTESTO EUROPEO DI RIFERIMENTO

4 IL RAPPORTO TRA GARANZIE IN ESSERE DEI CONFIDI E PIL CONTESTO EUROPEO DI RIFERIMENTO

5 LE CRITICITÀ E I PUNTI DI ATTENZIONE Aree di criticità e punti di attenzione per il sistema dei Confidi Economici e patrimoniali OrganizzativiDi mercatoCongiunturali Equilibrio instabile dovuto alla crescita delle sofferenze con patrimoni costanti e attività in contrazione Struttura organizzativa complessa e gravata da adempimenti spesso duplicati Ambito di attività ristretto e disintermediazione da parte delle banche Forte contaminazione delle difficoltà dal sistema imprenditoriale Necessità di ricercare le condizioni per la sostenibilità attuale e prospettica del sistema dei Confidi affinché possano continuare a sostenere il tessuto produttivo del Paese con efficienza ed efficacia e ottimizzando lutilizzo delle risorse pubbliche insieme a quelle private

6 LA PRESENTAZIONE DEI DATI DELLA RICERCA ANNUALE 4 chiavi di lettura Analisi strutturale 2012 Trend Focus dimensionale Focus congiunturale al 30 giugno 2013

7 LA DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI CONFIDI FEDART STRUTTURALE

8 IL TREND DEI CONFIDI ASSOCIATI TREND

9 LA DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DEI CONFIDI "107" STRUTTURALE

10 LA DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DEI CONFIDI "106 STRUTTURATI" STRUTTURALE

11 LA DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DEI CONFIDI "106 SOTTO LA DIMENSIONE MINIMA FUNZIONALE" STRUTTURALE

12 LE IMPRESE ASSOCIATE STRUTTURALE imprese associate (+2% rispetto allanno precedente) imprese associate non artigiane

13 IL GRADO DI PENETRAZIONE NELLARTIGIANATO STRUTTURALE Italia: 36%

14 LE IMPRESE ASSOCIATE DIMENSIONALE

15 LE IMPRESE ASSOCIATE TOTALI E ARTIGIANE DIMENSIONALE

16 LA PREDISPOSIZIONE DELLE DOMANDE DI FINANZIAMENTO 90,5% (21,7% nel 2011) (23,6% nel 2011) (28,4% nel 2011) (15,2% nel 2011) (5,9% nel 2011) (2,1% nel 2011) (1,7% nel 2011) STRUTTURALE

17 IL SOGGETTO CHE HA FAVORITO IL PRIMO CONTATTO CON LE IMPRESE 87,0% (28,9% nel 2011) (27,3% nel 2011) (23,1% nel 2011) (2,9% nel 2011) (3,9% nel 2011) (4,2% nel 2011) (3,7% nel 2011) (1,2% nel 2011) STRUTTURALE

18 IL TREND DEI FINANZIAMENTI GARANTITI NELLANNO TREND

19 I FINANZIAMENTI GARANTITI STRUTTURALE -15% al 30 giugno 2013

20 I FINANZIAMENTI GARANTITI CONCESSI NELLANNO DIMENSIONALE

21 LA DURATA MEDIA DEI FINANZIAMENTI STRUTTURALE

22 IL TREND DEI FINANZIAMENTI GARANTITI ALLE IMPRESE ARTIGIANE TREND

23 IL TREND DEI FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE ARTIGIANE TREND

24 I FONDI ANTIUSURA: I FINANZIAMENTI DELIBERATI E EROGATI DAL SISTEMA ITALIANO DEI CONFIDI ANTIUSURA

25 I FONDI ANTIUSURA ANTIUSURA 70 mln. euro i nuovi contributi nel Confidi Fedart su 220 Confidi totali 38 mln. euro di finanziamenti attivati dai Confidi Fedart su 80 mln. euro complessivi nel 2012

26 LA QUOTA DI GARANZIA STRUTTURALE

27 LE GARANZIE DELIBERATE ED EROGATE STRUTTURALE

28 IL PATRIMONIO NETTO 866 mln. (875 mln. nel 2011) STRUTTURALE

29 IL COEFFICIENTE DI SOLVIBILITÀ STRUTTURALE

30 IL COEFFICIENTE DI SOLVIBILITÀ PER REGIONE STRUTTURALE

31 GLI EFFETTI DELLA CRISI STRUTTURALE

32 IL TASSO DI SOFFERENZA STRUTTURALE Imprese garantite dai Confidi Media: 9,3% Imprese artigiane Media: 12,9%

33 IL TASSO LORDO DI SOFFERENZA DIMENSIONALE +14% al 30 giugno 2013

34 IL TREND DEL TASSO DI SOFFERENZA TREND

35 LA PERDITA DI ESERCIZIO BILANCIO CONFIDI "107"

36 LE COMMISSIONI NETTE E LE RETTIFICHE BILANCIO CONFIDI "107"

37 LE COMMISSIONI ANNUE DI GARANZIA STRUTTURALE

38 SUSSIDIARIETÀ La "chiave" per la sostenibilità del sistema SUSSIDIARIETÀ Contribuzione dei soggetti pubblici Risorse private delle imprese

39 I CONFIDI E IL MERCATO DI RIFERIMENTO STRUTTURALE

40 LA SOSTENIBILITÀ DEL SISTEMA DEI CONFIDI SOSTEGNO PUBBLICO + PRIVATO DELLE IMPRESE AL SISTEMA DEI CONFIDI Quale modalità indiretta di sostegno alle PMI Azioni straordinarie Politiche pubbliche strutturali e continuative Evoluzione della normativa di settore ABC

41 LA SOSTENIBILITÀ DEL SISTEMA DEI CONFIDI AZIONI STRAORDINARIE Per far fronte a un contesto di straordinaria difficoltà Patrimonializzazione a valere sulle risorse di FCG per consentirne loperatività Patrimonializzazione diretta dei fondi di garanzia (200 mln. nel ) Tranched Cover sulle garanzie in essere (500 mln.) A

42 LA SOSTENIBILITÀ DEL SISTEMA DEI CONFIDI POLITICHE PUBBLICHE STRUTTURALI E CONTINUATIVE In quanto i Confidi sono strumenti di politica industriale Riordino e semplificazione della filiera della garanzia Controgaranzia FCG per portafogli dei Confidi Riserva 50% risorse FCG per controgaranzia con i Confidi Copertura FCG 90% per controgaranzia con i Confidi B

43 LA SOSTENIBILITÀ DEL SISTEMA DEI CONFIDI EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA DI SETTORE Verso un quadro normativo unitario e coerente Legge Delega a sancire alcuni principi fondamentali per il sistema Principi di proporzionalità e specificità Carattere accessorio della garanzia Eliminazione delle duplicazioni C

44 FONDO STRAORDINARIO PATRIMONIALIZZAZIONE CONFIDI: IMPATTI DELLA PROPOSTA FEDART-ASSOCONFIDI SIMULAZIONE Fondo Straordinario Anno mnl. a valere su FCG Δ Patrimonio netto ~ +7% Δ Nuove garanzie ~ 500 mln. Δ Nuovi finanziamenti ~ mln. Δ Patrimonio netto 66 mln. Fondo Straordinario Anno mnl. a valere su FCG Fondo Straordinario Anno mnl. a valere su FCG Proposta Impatto sui Confidi (1% Garanzie in essere) A

45 FONDO STRAORDINARIO PATRIMONIALIZZAZIONE CONFIDI: IMPATTI DEL MAXIEMENDAMENTO LEGGE DI STABILITÀ SIMULAZIONE Fondo Straordinario Anno mnl. Su FCG + CCIAA Δ Patrimonio netto ~ +3,5% Δ Nuove garanzie ~ 250 mln. Δ Nuovi finanziamenti ~ 550 mln. Δ Patrimonio netto 33 mln. Fondo Straordinario Anno mnl. Su FCG + CCIAA Fondo Straordinario Anno mnl. Su FCG + CCIAA Proposta Impatto sui Confidi (1% Garanzie in essere) A

46 I CONTRIBUTI EROGATI DALLE CAMERE DI COMMERCIO DATI UNIONCAMERE Anno 2012

47 SIMULAZIONE SUL NUOVO VOLUME DI ATTIVITÀ FINANZIARIA DEI CONFIDI "107" D.M. IN CONSULTAZIONE SU RIFORMA T.U.B. SIMULAZIONE > 75 mln.> 125 mln.> 150 mln. N. Confidi25149 N. Imprese associate Finanziamenti in essere11,6 mld.9,2 mld.7,6 mld. C

48 Il sistema dei Confidi che opera da oltre 50 anni a supporto delle imprese è giunto ad una fase di svolta Stanno venendo meno i presupposti per un corretto funzionamento di un sistema di garanzia Lunica via di uscita possibile è una vera sinergia pubblico privato che caratterizza ogni sistema di garanzia nel mondo CONCLUSIONI

49 Sono ormai esauriti gli spazi di attesa per un intervento straordinario di sostegno e per un progetto di riordino mirato e lungimirante del Sistema Da Governo e Parlamento riceviamo un primo importante segnale dalla Legge di Stabilità Attendiamo ora un intervento concreto che rimetta al centro delle politiche industriali il ruolo del sistema di garanzia quale indispensabile supporto per laccesso al credito delle imprese e quindi per la tenuta del sistema produttivo del Paese CONCLUSIONI

50 GRAZIE PER LATTENZIONE Leonardo Nafissi


Scaricare ppt "RICERCA ANNUALE – PRIME EVIDENZE 17 a EDIZIONE ANNO 2013 Leonardo Nafissi Roma, 28 novembre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google