La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DOTT. EGIDIO GHILARDOTTI LA VALUTAZIONE DELL ACUFENE IN AMBITO I.N.A.I.L.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DOTT. EGIDIO GHILARDOTTI LA VALUTAZIONE DELL ACUFENE IN AMBITO I.N.A.I.L."— Transcript della presentazione:

1 DOTT. EGIDIO GHILARDOTTI LA VALUTAZIONE DELL ACUFENE IN AMBITO I.N.A.I.L

2 ACUFENE IN AMBITO I.N.A.IL = ACUFENE IN AMBITO I.N.A.IL = IPOACUSIA DA RUMORE IPOACUSIA DA RUMORE

3 Gli effetti uditivi del rumore Il problema dellinquinamento ambientale da rumore, pur essendo attualissimo, non è certo di recente interesse: probabilmente un problema vecchio quanto lumanità. Il problema dellinquinamento ambientale da rumore, pur essendo attualissimo, non è certo di recente interesse: probabilmente un problema vecchio quanto lumanità. Già nel VII sec. a.C. nella città di Sibari era proibito entro le mura il lavoro di artigiani che adoperassero il martello, non solo, ma era proibito tenere galli che disturbassero il sonno o che un calderaio abitasse nella stessa strada di un filosofo; inoltre alcune strade della città erano chiuse al traffico dei carri Cicerone e Seneca raccontano come molti abitanti della valle del Nilo avessero ludito compromesso per il rumore delle cascate del fiume. Plinio si fece costruire una camera da letto a doppie pareti per non sentire gli schiamazzi degli schiavi ed il rumore delle onde o dei tuoni.

4 Ipoacusia da rumore: rilevanza del fenomeno Negli USA, 1/3 dei soggetti con difetto uditivo (circa 10 milioni), hanno sviluppato lipoacusia in seguito ad esposizione a rumore sul posto di lavoro o in attivita ricreative. In Europa, dati della European Environment Agency mostrano che circa 113 milioni sono esposti a livelli di rumore >65dBA e circa 10 milioni a livelli >75dBA. Stime allargate a tutto il mondo suggeriscono che sono circa 127 milioni i soggetti con deficit uditivo di almeno 45 dBA e circa 39 milioni quelli con deficit di almeno 65 dBA.

5 L'ipoacusia da rumore di natura professionale è certamente la malattia più frequentemente indennizzata dall'INAIL L'ipoacusia da rumore di natura professionale è certamente la malattia più frequentemente indennizzata dall'INAIL SIA NEL SETTORE INDUSTRIA E SERVIZI : SU UN TOTALE DI MALATTIE PROFESSIONALE NE TECNOPATIE DA RUMORE SONO IL 39% SIA NEL SETTORE AGRICOLTURA: SU 553 CASI RICONOSCIUTI LE TECNOPATIE DA RUMORE SONO IL 36% SU 553 CASI RICONOSCIUTI LE TECNOPATIE DA RUMORE SONO IL 36%

6 Ipoacusia e sordita da rumore Silicosi Mal. Cutanee causate da catrame, bitume, pece, fuligine e antracene anno n. assoluto di casi registrati Ipoacusia e sordita da rumore ISPESL (1999) Ipoacusia da rumore in Italia: epidemiologia 1990 Malattie professionali

7 IPOACUSIE DA RUMORE IN AMBITO INAIL

8 Gli effetti uditivi del rumore Il notevole sviluppo tecnologico europeo, non è stato prontamente seguito dall`adozione di soluzioni idonee a ridurre la rumorosità dell`ambiente di lavoro; inoltre è andata aumentando progressivamente anche quella dell`ambiente extra-lavorativo, causata dal traffico (automobilistico, ferroviario ed aereo), dallesercizio di attività produttive nonché dalle varie estrinsecazioni della vita di relazione. Basti pensare che anche alcuni svaghi o passatempi si accompagnano ad elevati livelli di rumorosità (discoteche, caccia, tiro a segno, uso di motociclette, motoscafi ecc.).

9 IPOACUSIA E SETTORI TECNOLOGICI IPOACUSIA E SETTORI TECNOLOGICI Quattro macrosettori produttivi, hanno originato nel decennio il massimo dei casi di ipoacusia, superando ciascuno le 3000 unità, si tratta: Quattro macrosettori produttivi, hanno originato nel decennio il massimo dei casi di ipoacusia, superando ciascuno le 3000 unità, si tratta: dellindustria metalmeccanica (oltre casi) dellindustria metalmeccanica (oltre casi) di quella delle costruzioni (oltre 6500 casi) di quella delle costruzioni (oltre 6500 casi) di quella estrattiva (oltre 4000 casi), di quella estrattiva (oltre 4000 casi), di quella del legno (oltre 3000 casi), di quella del legno (oltre 3000 casi), per un totale che rappresenta per un totale che rappresenta l80% dellintera casistica. l80% dellintera casistica.

10 RUMORE 1.Suono non desiderato o comunque fastidioso 2.Da un punto di vista fisico e una successione di variazioni (oscillazioni) di pressione che si propagano in un mezzo elastico e possono essere percepite dallorecchio umano come sensazione sonora

11 RUMORE E emesso da una sorgente (corpo in vibrazione) Si propaga in un mezzo elastico (solido,liquido, gassoso) E percepito da un ricevitore (orecchio) E una oscillazione che non trasporta materia ma energia meccanica

12 Caratteristiche del rumore - RUMORE STABILE o STAZIONARIO: le variazioni di intensità non superano 3 dB; - RUMORE FLUTTUANTE: le variazioni superano i 3 dB; - RUMORE INTERMITTENTE: un rumore di durata superiore a 1 sec. cade bruscamente in più riprese durante il periodo di osservazione; - RUMORE IMPULSIVO: rumori di alta intensità e durata inferiore ad 1 sec.

13 Fonti di rumore

14 Effetti del rumore Fattori favorenti : -Sesso (le donne sono meno colpite) -Età (effetti dellinvecchiamento) -Danni allorecchio medio -Sostanze tossiche o farmaco ototossici (antibiotici, gentamicina, streptomicina, acetilsalicilico, benzene, piombo, tricloroacetilene )

15 Rumore Età Assunzione farmaci ototossici Traumi Infezioni Esposizione a sostanze tossiche (Solventi, metalli etc.) Fattori genetici

16 Auditory Effects of Occupational Exposure to Solvents Prof. Mariola Sliwinska-Kowalska, MD., Ph.D., Nofer Institute of Occupational Medicine, Lodz, Poland

17 Manifestazioni cliniche del danno da rumore Danno da stimolo acustico intenso e di breve durata Danno da prolungata esposizione a stimoli acustici di intensità variabile Fatica uditiva (I Fase) Latenza (II Fase) III Fase IV Fase Trauma acustico

18 Manifestazioni cliniche del danno da rumore Danno da prolungata esposizione a stimoli acustici di intensità variabile Fatica uditiva (I Fase) Può comparire dopo gg di esposizione a rumore (fastidi generici: acufeni, senso di stordimento) Latenza (II Fase) Innalzamento permanente della soglia uditiva (4000 Hz) III Fase Deficit permanente esteso anche alle frequenze 2000 e 6000 IV Fase Ulteriore incremento del danno uditivo

19 Effetti del rumore - STS

20 1.storia di esposizione a rumore: 100 dB o 83 dB(A) per 50 anni di vita (esposizione equivalente); 2.criteri audiometrici: ipoacusia neurosensoriale non unilaterale con difetto della soglia uditiva a 500 Hz inferiore ai 50 dB di perdita e almeno con una media di 15 dB di differenza fra le soglie ad alta e bassa frequenza in soggetti di eta inferiore ai 50 anni. ASPETTI DIAGNOSTICI DELLIPOACUSIA DA RUMORE (OMS, 1997 )

21 LAllegato VII (criteri per lesecuzione dellesame della funzione uditiva) del D.Lgs. 277/91 specifica che ogni esame, effettuato conformemente alle indicazioni della Medicina del Lavoro, deve comprendere almeno unotoscopia ed un controllo audiometrico con audiometria tonale liminare in conduzione aerea che copra anche la frequenza di 8000 Hz. L'otoscopia e l'audiometria tonale liminare sono patrimonio consolidato dell'attività del Medico Competente sia per quanto riguarda il giudizio di idoneità specifica al lavoro, sia per i controlli sanitari periodici.

22 Manifestazioni cliniche del danno da rumore Deficit percettivo, iniziale e prevalente a 4000 Hz Bilaterale e simmetrico Irreversibile

23 Eta (anni) Frequenza (Hz) Intensita (dB) Ipoacusia da rumore: fasi evolutive

24 Ipoacusia da trauma acustico cronico La perdita uditiva, acquisita prima per intervento di una azione lesiva esterna, come il trauma acustico cronico, diviene comunque col tempo pari a quella della sola socioacusia, senza nessuna somma dei due fenomeni lesivi, non potendo cause insistenti sulla stessa popolazione sommare il danno Ciò è confermato dall'osservazione della minore lesività del rumore nell'anziano

25 Ipoacusia da trauma acustico cronico Statistiche basate su rilievi clinici, sottraendo dalla soglia dei soggetti negli anni i valori di presbiacusia (si ottiene così la quota riferibile unicamente al trauma acustico cronico) ( NIPTS- Noise Induced Permanent Threshold Shift) confermano tale evoluzione nel tempo

26 Ipoacusia da trauma acustico cronico Audiometricamente landamento del deficit può così essere riassunto: Il danno uditivo si evidenzia già nel primo anno espositivo, raggiunge il 90% dellampiezza attorno al 5° anno, crescendo infine con andamento asintotico tendente ai 60 dB fino ai 10 anni circa Andamento teorico nel tempo del danno acustico da esposizione cronica a rumori compresi fra 85 e 115 dBA, in soggetti sensibili, desumibile dalle osservazioni anatomopatologiche ed elettrofisiologiche.

27 Ipoacusia da trauma acustico cronico Il danno uditivo da trauma acustico cronico potrà quindi giustificare una perdita uditiva corrispondente al più a 60 dB HTL Eventuali perdite maggiori devono forzatamente essere attribuibili unicamente a danno contemporaneo delle cellule cigliate interne e quindi non essere attribuibili al trauma acustico cronico (Patuzzi Arslan e Orzan 1995).

28 Andamento del deficit acustico globale soggetto da 20 a 80 anni, fatto 0 dB HTL la soglia a 20 anni allinizio espositivo, supposta una esposizione costante per 40 anni ad un livello > di 85 dB(A)Lep per 8 ore giornaliere per 40 ore settimanali, supposto che nellintera vita il soggetto non abbia altre cause di ipoacusia oltre alla presbiacusia. 21a 25a 30a 40a 50a 60a 70a 80a Ipoacusia da trauma acustico cronico

29 La sede del danno da rumore. Va distinto: un danno da esposizione prolungata ad intensità inferiore ai 115 dBA un danno da esposizione, anche breve, ma a livelli espositivi maggiori. Logicamente i riscontri anatomo-patologici sperimentali da assordamento nei piccoli mammiferi mostrano i danni causati da tale ultimo tipo di stimolo, più semplice da sperimentare. Tale tipo di danno evidenzia una distruzione che interessa massivamente le cellule cigliate interne e meno le esterne, con danno maggiore a carico della fila più interna Ipoacusia da trauma acustico cronico

30 Per avere descrizioni anatomo-patologiche di danni cocleari da esposizione prolungata per anni e da stimoli superiori a 85 dBA e inferiori a 115 dBA bisogna rivolgersi a riscontri autoptici. Vengono descritte in base allenergia dello stimolo in anamnesi, danni con lesioni diverse. Sono però le sole cellule ciliate esterne in caso di esposizione prolungata ai livelli considerati ad essere danneggiate (Spoendlin 1976 – Mc Gill e Schuknecht 1976 – Lim e Melnick 1971). Ipoacusia da trauma acustico cronico

31 Il movimento dei liquidi crea la formazione di unonda che si propaga alla membrana basilare sulla quale si trovano i recettori sensoriali chiamati cellule ciliate che trasformano lenergia meccanica con cui si è propagato fino a loro il suono, in energia elettrica. Le cellule ciliate, per la loro peculiarità, sono i primi veri analizzatori e codificatori dellenergia sonora, per cui la loro lesione provoca non solo una perdita uditiva, ma anche un deficit di analisi acustica e quindi un deficit discriminativo ( neurosensoriale ).

32 La membrana basilare La sezione longitudinale semplificata, della coclea srotolata rende chiaramente visibile la membrana basilare. Questa membrana consente al nostro orecchio di discriminare le varie frequenze. Quando si ascolta un tono puro, la membrana basilare produce una vibrazione trasversale la cui ampiezza varia lungo la lunghezza della membrana e raggiunge il suo massimo in un punto particolare che dipende dalla frequenza. Esiste quindi un legame tra la frequenza e la posizione del massimo dell'ampiezza della vibrazione. In ogni caso ciò non spiega completamente perché il nostro orecchio è così selettivo in frequenza.

33 Danno da rumore IL DANNO DA RUMORE SI ESPLICA QUASI COSTANTEMENTE SULLE CELLULE SENSORIALI DEPUTATE ALLA RICEZIONE DELLE FREQUENZE KHZ. IL DANNO DA RUMORE SI ESPLICA QUASI COSTANTEMENTE SULLE CELLULE SENSORIALI DEPUTATE ALLA RICEZIONE DELLE FREQUENZE KHZ. CIO E TEORICAMENTE GIUSTIFICABILE COLLIPOTESI CAUSALE CHE IL DEFICIT UDTIVO E CONSEGUENTE ALLEFFETTO DI RISONANZA DEL CUE SULLE FREQUENZE 2-3 KHZ; CIO E TEORICAMENTE GIUSTIFICABILE COLLIPOTESI CAUSALE CHE IL DEFICIT UDTIVO E CONSEGUENTE ALLEFFETTO DI RISONANZA DEL CUE SULLE FREQUENZE 2-3 KHZ; TALE AMPLIFICAZIONE, DI CIRCA 15 DB, DETERMINA UN DANNO SELETTIVO DI ½ OTTAVA SOPRA LA FREQUENZA DI RISONANZA DEL CONDOTTO E CIOE FRA 3 e 6 khz. TALE AMPLIFICAZIONE, DI CIRCA 15 DB, DETERMINA UN DANNO SELETTIVO DI ½ OTTAVA SOPRA LA FREQUENZA DI RISONANZA DEL CONDOTTO E CIOE FRA 3 e 6 khz. (GIORDANO, ALBERA BEATRICE 2003) (GIORDANO, ALBERA BEATRICE 2003)

34 LA LOCALIZZAZIONE ELETTIVA DEL DANNO DA RUMORE NELLA MEMBRANA BASILARE DEPUTATA AI AI 4096 HZ, SAREBBE DOVUTA ALLA PARTICOLARE TENSIONE DI TALE ZONA, PER CUI TALE ZONA E SOTTOPOSTA A DEI VORTICI, CHE NEL CASO DEL TRAUMA CUSTICO SONO GENERATI DA SUONI COMPLESSI, ED ASSUMEREBBERO OPPOSTA DIREZIONE IN CORRISPONDENZA DI QUESTA ZONA. LA LOCALIZZAZIONE ELETTIVA DEL DANNO DA RUMORE NELLA MEMBRANA BASILARE DEPUTATA AI AI 4096 HZ, SAREBBE DOVUTA ALLA PARTICOLARE TENSIONE DI TALE ZONA, PER CUI TALE ZONA E SOTTOPOSTA A DEI VORTICI, CHE NEL CASO DEL TRAUMA CUSTICO SONO GENERATI DA SUONI COMPLESSI, ED ASSUMEREBBERO OPPOSTA DIREZIONE IN CORRISPONDENZA DI QUESTA ZONA. (RUEDI) (RUEDI)

35

36 IL DANNO DA RUMORE DETERMINA UN AUMENTO DI SOGLIA PER I 400HZ, PERSISTENDO LESPOSIZIONE VENGONO INTERESSATI I 6000 E 8000 HZ. IL DANNO DA RUMORE DETERMINA UN AUMENTO DI SOGLIA PER I 400HZ, PERSISTENDO LESPOSIZIONE VENGONO INTERESSATI I 6000 E 8000 HZ. ED IN SECONDO TEMPO I 2000 E 1000 HZ. ED IN SECONDO TEMPO I 2000 E 1000 HZ.

37 Danno cellule ciliate da rumore 1) aumento di volume per verosimile alterazione dell equilibrio osmotico 1) aumento di volume per verosimile alterazione dell equilibrio osmotico 2) lesione delle stereociglia 2) lesione delle stereociglia 3)lesione della porzione distale delle fibre nervose, verosimilmente con meccanismo eccitotossico da massiva liberazione di glutammato nella fessura sinaptica. 3)lesione della porzione distale delle fibre nervose, verosimilmente con meccanismo eccitotossico da massiva liberazione di glutammato nella fessura sinaptica.

38 Stereociglia

39 Per avere descrizioni anatomo-patologiche di danni cocleari da esposizione prolungata per anni e da stimoli superiori a 85 dBA e inferiori a 115 dBA bisogna rivolgersi a riscontri autoptici. Per avere descrizioni anatomo-patologiche di danni cocleari da esposizione prolungata per anni e da stimoli superiori a 85 dBA e inferiori a 115 dBA bisogna rivolgersi a riscontri autoptici. Vengono descritte in base allenergia dello stimolo in anamnesi, danni con lesioni diverse. Vengono descritte in base allenergia dello stimolo in anamnesi, danni con lesioni diverse. Sono però le sole cellule ciliate esterne Sono però le sole cellule ciliate esterne in caso di esposizione prolungata ai livelli considerati in caso di esposizione prolungata ai livelli considerati ad essere danneggiate ad essere danneggiate (Spoendlin 1976 – Mc Gill e Schuknecht 1976 – Lim e Melnick 1971 (Spoendlin 1976 – Mc Gill e Schuknecht 1976 – Lim e Melnick 1971 LE CELL. CILIATE ESTERNE SON IN TOTALE CIRCA LE CELL. CILIATE ESTERNE SON IN TOTALE CIRCA MENTRE QUELLE INTERNE SONO CIRCA 3400 MENTRE QUELLE INTERNE SONO CIRCA 3400 (DURANT E LOVRINIC) (DURANT E LOVRINIC)

40 Lelettrofisiologia ci mostra che una distruzione totale delle cellule cigliate esterne interessa solo la componente iniziale delle risposte cocleari (fase L del grafico intensità/ampiezza/latenza del potenziale dazione cocleare (AP) sec Yoshie), riducendo la soglia elettrofisiologica. Ipoacusia da trauma acustico cronico

41 Appaiono imputabili alle connessioni delle vie acustiche con aree del SNC diverse dalla corteccia uditiva quali LA FORMAZIONE RETICOLARE connessa con lipotalamo e attraverso vie discendenti coi meccanismi che regolano la motilita volontaria, i riflessi spinali (e il sistema neurovegetativo). Effetti extrauditivi del rumore DISTURBI DEL SONNO RIDOTTA CAPACITA DI CONCENTRAZIONE ANSIA E IRRITAZIONE RIDUZIONE DEL RENDIMENTO LAVORATIVO AUMENTO DELLA FREQUENZA CARDIACA E DELLA PRESSIONE ARTERIOSA AUMENTO DELLA SECREZIONE GASTRICA

42 Effetti extrauditivi

43 CAUSE DI ACUFENE OREGON TINNITUS DATA ARCHIVE OREGON TINNITUS DATA ARCHIVE 60% EZIOLOGIA IGNOTA 60% EZIOLOGIA IGNOTA 20% TRAUMI ACUSTICI 20% TRAUMI ACUSTICI 9% TRAUMI CRANICI 9% TRAUMI CRANICI 7% OTOSCLEROSI E M. DI MENIERE 7% OTOSCLEROSI E M. DI MENIERE 2% FARMACI OTOTOSSICI 2% FARMACI OTOTOSSICI EGGERMONT 2003 EGGERMONT 2003

44 ACUFENE DA RUMORE QUALE MODELLO DI ACUFENE. GLI STUDI DEGLI ULTIMI 5-6 ANNI DIMOSTRANO CHE: GLI STUDI DEGLI ULTIMI 5-6 ANNI DIMOSTRANO CHE: IL TINNITUS SI CORRELA BENE CON FENOMENI DI IPEREATTIVITA 0 DISREATTIVITA NEURALE E NEURONALE SOPRACOCLEARE IL TINNITUS SI CORRELA BENE CON FENOMENI DI IPEREATTIVITA 0 DISREATTIVITA NEURALE E NEURONALE SOPRACOCLEARE IL CENTRO NERVOSO INTERESSATO IN MANIERA PRIORITARIA E IL NUCLEO COCLEARE DORSALE (DCN), DA CUI PARTE LA DISREATTIVITA E LE CONSEGUENTI ALTERAZIONI PLASTICHE CHE SI TRASMETTONO AI CENTRI SUPERIORI, COLLICOLARI, SOTTOCORTICALI E CORTICALI, INNESCANDO UN FEEDBACK DI MODIFICHE ANATOMO FUNZIONALI BIDIREZIONALI FORWARD- BACKWARD IL CENTRO NERVOSO INTERESSATO IN MANIERA PRIORITARIA E IL NUCLEO COCLEARE DORSALE (DCN), DA CUI PARTE LA DISREATTIVITA E LE CONSEGUENTI ALTERAZIONI PLASTICHE CHE SI TRASMETTONO AI CENTRI SUPERIORI, COLLICOLARI, SOTTOCORTICALI E CORTICALI, INNESCANDO UN FEEDBACK DI MODIFICHE ANATOMO FUNZIONALI BIDIREZIONALI FORWARD- BACKWARD ALLA BASE DI QUESTA CATENA VI E QUASI SEMPRE UN DANNO ANATOMICO E/O FUNZIONALE. DELLA COLCLEA ALLA BASE DI QUESTA CATENA VI E QUASI SEMPRE UN DANNO ANATOMICO E/O FUNZIONALE. DELLA COLCLEA

45 MECCANISMO DI INSORGENZA DELLACUFENE LA PERDITA DI RECETTORI PERIFERICI DETERMINA: LA PERDITA DI RECETTORI PERIFERICI DETERMINA: DIRETTAMENTE (C.CILIATE INT) DIRETTAMENTE (C.CILIATE INT) INDIRETTAMENTE (C.CILIATE EST) INDIRETTAMENTE (C.CILIATE EST) UNA RIDUZIONE DELLA FREQUENZA DI SCARICA DELLE CORRISPONDENTI FIBRE NERVOSE, CON UNA DISCONTINUITA DELLO SPETTRO DI ATTIVITA DELLE FIBRE STESSE. UNA RIDUZIONE DELLA FREQUENZA DI SCARICA DELLE CORRISPONDENTI FIBRE NERVOSE, CON UNA DISCONTINUITA DELLO SPETTRO DI ATTIVITA DELLE FIBRE STESSE. TALE DISCONTINUITA E IL PUNTO CRUCIALE, RAPPRESENTA UNA SORTA DI SEGNALE DI ERRORE CHE CONDIZIONA UNA MODIFICAZIONE DELLATTIVITA DEI CENTRI NERVOSI, LA COSIDDETTA : TALE DISCONTINUITA E IL PUNTO CRUCIALE, RAPPRESENTA UNA SORTA DI SEGNALE DI ERRORE CHE CONDIZIONA UNA MODIFICAZIONE DELLATTIVITA DEI CENTRI NERVOSI, LA COSIDDETTA : NEUROPLASTICITA NEUROPLASTICITA

46 LALTERAZIONE DELLIMPUT PERIFERICO MODIFICA IN TOTO IL SITEMA UDITIVO E LE SUE COMPONENTI : SISTEMA LEMNISCALE: SISTEMA LEMNISCALE: RIDUZIONE DELLA FREQUENZA DI SCARICA DELLE CORRISPONDENTI FIBRE NERVOSE RIDUZIONE DELLA FREQUENZA DI SCARICA DELLE CORRISPONDENTI FIBRE NERVOSE SISTEMA EXTRALEMNISCALE: SISTEMA EXTRALEMNISCALE: AUMENTO DELLA FREQUENZA DI SCARICA IN PARTICOLARE DEL NUCLEO ESTERNO DEL COLLICOLO INF E DEL CORPO GENICOLATO MEDIALE. AUMENTO DELLA FREQUENZA DI SCARICA IN PARTICOLARE DEL NUCLEO ESTERNO DEL COLLICOLO INF E DEL CORPO GENICOLATO MEDIALE.

47 MODIFICAZIONI DEL NUCLEO COCLEARE DORSALE LAUMENTO DI ATTIVITA DEL NUCLEO COCLEARE DORSALE AVVIENE DOPO DIVERSI GIORNI DAL TRAUMA ACUSTICO ACUTO,(ALLINIZIO RIDUCE ANCHESSO LA SUA ATTIVITA) E QUINDI NON SEMBRA INDOTTO DALLA RIDUZIONE DELLIMPUT, QUANTO PIUTTOSTO AD UN INCREMENTO DELLATTIVITA DI STRUTTURE NERVOSE APPARTENENTI AL SISTEMA EXTRALEMNISCALE CHE PROIETTANTO IN VIA RETROGRADA A QUESTO NUCLEO. LAUMENTO DI ATTIVITA DEL NUCLEO COCLEARE DORSALE AVVIENE DOPO DIVERSI GIORNI DAL TRAUMA ACUSTICO ACUTO,(ALLINIZIO RIDUCE ANCHESSO LA SUA ATTIVITA) E QUINDI NON SEMBRA INDOTTO DALLA RIDUZIONE DELLIMPUT, QUANTO PIUTTOSTO AD UN INCREMENTO DELLATTIVITA DI STRUTTURE NERVOSE APPARTENENTI AL SISTEMA EXTRALEMNISCALE CHE PROIETTANTO IN VIA RETROGRADA A QUESTO NUCLEO.

48 COINVOLGIMENTO CORTECCIA UDITIVA, SISTEMA CORTICOFUGO ED AMIGDALA LA PERDITA DI IMPUT PERIFERICO DA ORIGINE ATTRAVERSO IL LOOP TALAMO CORTICALE, ANCHE AD UNA IPEREATTIVITA DELLA CORTECCIA UDITIVA COME TENTATIVO MALDESTRO DI COMPENSAZIONE FUNZIONALE. LA PERDITA DI IMPUT PERIFERICO DA ORIGINE ATTRAVERSO IL LOOP TALAMO CORTICALE, ANCHE AD UNA IPEREATTIVITA DELLA CORTECCIA UDITIVA COME TENTATIVO MALDESTRO DI COMPENSAZIONE FUNZIONALE. CONTEMPORANEAMENTE SI ORIGINA UNIPERCCITABILITA DEL SISTEMA LIMBICO ED IN PARTICOLARE DEL NUCLEO CENTRALE DELLAMIGDALA, SEROTONINOSENSIBILE, COME E OSSERVABILE NELLE COMUNI CONDIZIONI DI STRESS. CONTEMPORANEAMENTE SI ORIGINA UNIPERCCITABILITA DEL SISTEMA LIMBICO ED IN PARTICOLARE DEL NUCLEO CENTRALE DELLAMIGDALA, SEROTONINOSENSIBILE, COME E OSSERVABILE NELLE COMUNI CONDIZIONI DI STRESS.

49 Apparato nocicettivo

50 Nocicettori 1° Neurone Giunzione 1°-2° Neurone Via Lemniscale Via Lemniscale 2° Neurone Via extralemniscale Via extralemniscale 3° Neurone 4° Neurone

51 Il secondo neurone collega il midollo spinale e il tronco encefalico al talamo. Distinguiamo: il secondo neurone collegato ai nervi spinali Via nocicettiva afferente primaria (lemnisco spinale) Vie extralemniscali Vie nocicettive afferenti accessorie il secondo neurone collegato ai nervi cranici

52 REGISTRAZIONI ELETROFISIOLOGICHE RIDUZIONE FREQ. BASALE DI SCARICA: RIDUZIONE FREQ. BASALE DI SCARICA: 1. NUCLEO COLCEARE VENTRALE 1. NUCLEO COLCEARE VENTRALE 2.NUCLEO DEL COLLICOLO INFERIORE 2.NUCLEO DEL COLLICOLO INFERIORE 3.PORZ. VENTRALE CORPO GENICOLATO MEDIALE 3.PORZ. VENTRALE CORPO GENICOLATO MEDIALE AUMENTO FREQ. BASALE DI SCARICA: AUMENTO FREQ. BASALE DI SCARICA: 1. NUCLEO COLEARE DORSALE 1. NUCLEO COLEARE DORSALE 2. NUCLEO EST. COLLICOLO INFERIORE 2. NUCLEO EST. COLLICOLO INFERIORE 3. CORTECCIA UDITIVA SECONDARIA 3. CORTECCIA UDITIVA SECONDARIA 4. AMIGDALA 4. AMIGDALA

53 MODIFICAZIONI INDOTTE SULLA CORTECCIA UDITIVA PRIMARIA 1) INCREMENTO SULA FREQUENZA BASALE DI SCARICA 1) INCREMENTO SULA FREQUENZA BASALE DI SCARICA 2) SMASCHERAMENTO DELLE RISPOSTE LATENTI (AREA DENERVATA E EDGE FREQUENCIES – 2) SMASCHERAMENTO DELLE RISPOSTE LATENTI (AREA DENERVATA E EDGE FREQUENCIES – (ACUFENE E DISTORSIONI) (ACUFENE E DISTORSIONI) 3) INCREMENTO DEL SINCRONISMO DI SCARICA 3) INCREMENTO DEL SINCRONISMO DI SCARICA

54 MODIFICAZIONI CORTECCIA UDITIVA PRIMARIA LAUMENTO DELLA FREQUENZA BASALE DI SCARICA DEI NEURONI DELLA CORTECCIA UDITIVA PRIMARIA DERIVA, MOLTO VEROSIMILMENTE, DAL RIDOTTO EFFETO ECCITATORIO DELLIMPUT PERIFERICO SUI CIRCUITI GABAERGICI INTRACORTICALI LAUMENTO DELLA FREQUENZA BASALE DI SCARICA DEI NEURONI DELLA CORTECCIA UDITIVA PRIMARIA DERIVA, MOLTO VEROSIMILMENTE, DAL RIDOTTO EFFETO ECCITATORIO DELLIMPUT PERIFERICO SUI CIRCUITI GABAERGICI INTRACORTICALI (JONES 1990) (JONES 1990)

55 RIORGANIZZAZIONE DELLA CORTECCIA UDITIVA PRIMARIA 1) A BREVE TERMINE : 1) A BREVE TERMINE : RIARRANGIAMENTO DEL PATTERN DI SCARICA RIARRANGIAMENTO DEL PATTERN DI SCARICA 2) A LUNGO TERMINE : 2) A LUNGO TERMINE : REINNERVAZIONE DELLAREA CORTICALE DEPRIVATA. REINNERVAZIONE DELLAREA CORTICALE DEPRIVATA. LACUFENE SAREBBE UN ILLUSIONE PERCETTIVA, ANALOGA A QUELLA DELLARTO FANTASMA NEL CASO DEL SISTEMA SOMATOSENSORIALE LACUFENE SAREBBE UN ILLUSIONE PERCETTIVA, ANALOGA A QUELLA DELLARTO FANTASMA NEL CASO DEL SISTEMA SOMATOSENSORIALE

56 ACUFENE E NEUROPLASTICITA (GRUPPO DI Wayne State univ. Detroit usa ) 1) STIMULUS DEPENDENT TINNITUS: 1) STIMULUS DEPENDENT TINNITUS: ACUFENI E MODIFICHE NEUROPLASTICHE CAUSATE DA STIMOLAZIONI ACUSTICHE, MA CHE SI MANIFESTANO AL CESSARE DELLA STIMOLAZIONE. ACUFENI E MODIFICHE NEUROPLASTICHE CAUSATE DA STIMOLAZIONI ACUSTICHE, MA CHE SI MANIFESTANO AL CESSARE DELLA STIMOLAZIONE. 2)MODULATORY TINNITUS: 2)MODULATORY TINNITUS: LACUFENE E LE MODIFICAZIONI NEUROPLASTICHE SONO IL RISULTATO DELLATTIVAZIONE DI VIE E MECCANISMI NON UDITIVI. LACUFENE E LE MODIFICAZIONI NEUROPLASTICHE SONO IL RISULTATO DELLATTIVAZIONE DI VIE E MECCANISMI NON UDITIVI.

57 ACUFENE E NEUROPLASTICITA 3)INJURY – INDUCED TINNITUS: 3)INJURY – INDUCED TINNITUS: ACUFENI E MOFICAZIONI NEUROPLASTICHE INDOTTI DALLA DEAFFERENTAZIONE OD IPOAFFERENTAZIONE DEI NUCLEI COCLEARI A CAUSA DI PERDITA DI IMPUT PER DANNO ANATOMICO E/O FUNZIONALE PERIFERICO COLCEARE. ACUFENI E MOFICAZIONI NEUROPLASTICHE INDOTTI DALLA DEAFFERENTAZIONE OD IPOAFFERENTAZIONE DEI NUCLEI COCLEARI A CAUSA DI PERDITA DI IMPUT PER DANNO ANATOMICO E/O FUNZIONALE PERIFERICO COLCEARE. 4)TEMPORAL PLASTICITY TINNITUS: 4)TEMPORAL PLASTICITY TINNITUS: ACUFENI E.FENOMENI NEUROPLASTICI CHE SI MODIFICANO NEL TEMPO. ACUFENI E.FENOMENI NEUROPLASTICI CHE SI MODIFICANO NEL TEMPO.

58 INJURY INDUCED TINNITUS 3)INJURY – INDUCED TINNITUS: 3)INJURY – INDUCED TINNITUS: ACUFENI E MOFICAZIONI NEUROPLASTICHE INDOTTI DALLA DEAFFERENTAZIONE OD IPOAFFERENTAZIONE DEI NUCLEI COCLEARI A CAUSA DI PERDITA DI IMPUT PER DANNO ANATOMICO E/O FUNZIONALE PERIFERICO COClEARE: ACUFENI E MOFICAZIONI NEUROPLASTICHE INDOTTI DALLA DEAFFERENTAZIONE OD IPOAFFERENTAZIONE DEI NUCLEI COCLEARI A CAUSA DI PERDITA DI IMPUT PER DANNO ANATOMICO E/O FUNZIONALE PERIFERICO COClEARE: A) da perdita uditiva (deafferentazione funzionale) A) da perdita uditiva (deafferentazione funzionale) B) danno delle OHC B) danno delle OHC C) danno neurale C) danno neurale D) iperstimolazione neurale (eccitotossicita) D) iperstimolazione neurale (eccitotossicita)

59 INJURY – INDUCED TINNITUS INJURY – INDUCED TINNITUS: INJURY – INDUCED TINNITUS: ACUFENI E MOFICAZIONI NEUROPLASTICHE INDOTTI DALLA DEAFFERENTAZIONE OD IPOAFFERENTAZIONE DEI NUCLEI COCLEARI A CAUSA DI PERDITA DI IMPUT PER DANNO ANATOMICO E/O FUNZIONALE PERIFERICO COCLEARE: ACUFENI E MOFICAZIONI NEUROPLASTICHE INDOTTI DALLA DEAFFERENTAZIONE OD IPOAFFERENTAZIONE DEI NUCLEI COCLEARI A CAUSA DI PERDITA DI IMPUT PER DANNO ANATOMICO E/O FUNZIONALE PERIFERICO COCLEARE: A) da perdita uditiva ( deafferentazione funzionale). Lacufene puo innescarsi per una perdita uditiva di qualsiasi tipo, ma il fenomeno e evidente nelle ipoacusie trasmissive, non si tratta delleffetto del mancato mascheramento, perche questo non induce modificazioni plastiche, ma della riduzione di imput verso i nuclei e le strutture centrali, anche in assenza di danno od alterazione anatomo-funzionale periferica; un fattore potenziante il trigger tinnito puo essere la presenza di discontinuita o forte pendenza della curva audiometrica. A) da perdita uditiva ( deafferentazione funzionale). Lacufene puo innescarsi per una perdita uditiva di qualsiasi tipo, ma il fenomeno e evidente nelle ipoacusie trasmissive, non si tratta delleffetto del mancato mascheramento, perche questo non induce modificazioni plastiche, ma della riduzione di imput verso i nuclei e le strutture centrali, anche in assenza di danno od alterazione anatomo-funzionale periferica; un fattore potenziante il trigger tinnito puo essere la presenza di discontinuita o forte pendenza della curva audiometrica.

60 PERDITE CONSISTENTI DI OHC SENZA PERDITA DI IHC (CISPLATINO) PERDITE CONSISTENTI DI OHC SENZA PERDITA DI IHC (CISPLATINO) DETERMINANO UNA MAGGIORE IPERATTIVITA DEI NEURONI DEL DCN: DETERMINANO UNA MAGGIORE IPERATTIVITA DEI NEURONI DEL DCN: IN TALE IPERATTIVITA NUCLEARE E CONSEGUENTE AUMENTO DELLATTIVITA ELETTRICA SPONTANEA POTREBBE ESSERE LORIGINE DELLACUFENE. IN TALE IPERATTIVITA NUCLEARE E CONSEGUENTE AUMENTO DELLATTIVITA ELETTRICA SPONTANEA POTREBBE ESSERE LORIGINE DELLACUFENE. (BROZOSKI ET AL 2000,KALTENBACK ET AL 2002, 2004, RACHEL ET AL 2002 ) (BROZOSKI ET AL 2000,KALTENBACK ET AL 2002, 2004, RACHEL ET AL 2002 )

61

62

63 Album foto di

64

65

66

67 I.N.A.I.L E LACUFENE DANNO BIOLOGICO DANNO BIOLOGICO D.M 12 LUGLIO 2000 ( PUBBL SUL S.O ALLA G.U N.172 DEL 25 LUGLIO 2000) D.M 12 LUGLIO 2000 ( PUBBL SUL S.O ALLA G.U N.172 DEL 25 LUGLIO 2000) GLI ACUFENI SONO COMPRESI NEL DANNO IPOACUSICO TABELLATO E NON DANNO LUOGO AD INDENIZZO QUALORA CONCORRANO NELLA FORMA ORDINARIA. GLI ACUFENI SONO COMPRESI NEL DANNO IPOACUSICO TABELLATO E NON DANNO LUOGO AD INDENIZZO QUALORA CONCORRANO NELLA FORMA ORDINARIA. PER TALI ESITI PUO ESSERE PREVISTA UNA PERCENTUALE PARI A 1-2 % QUALORA ESSI NON ACCOPAGNINO UNIPOACUSIA GIA VALUTATA E SIA POSSIBILE DOCUMENTARE LA LORO ECCEZIONALE PERSISTENZA A DISTANZA DI UNO O DUE ANNI DAL TRAUMA. PER TALI ESITI PUO ESSERE PREVISTA UNA PERCENTUALE PARI A 1-2 % QUALORA ESSI NON ACCOPAGNINO UNIPOACUSIA GIA VALUTATA E SIA POSSIBILE DOCUMENTARE LA LORO ECCEZIONALE PERSISTENZA A DISTANZA DI UNO O DUE ANNI DAL TRAUMA.

68 CIRCOLARE INAIL DEL 30/7/ 2008 REGOLAMENTO PER LEROGAZIONE DI PRESTAZIONI DI ASSITENZA PROTESICA AGLI INVALIDI DEL LAVORO. NEL CASO DI ACUFENI CLINICAMENTE ACCERTATI E CHE PRESENTINO CARATTERISTICHE TALI DA INTERFERIRE CON LA QUALITA DI VITA POSSONO ESSERE EROGATI, NEL CONTESTO DI UN PROGRAMMA RIABILITATIVO PERSONALIZZATO, GENERATORI DI RUMORE A SCOPO DI ADATTAMENTO (HABITUATION). NEL CASO DI ACUFENI CLINICAMENTE ACCERTATI E CHE PRESENTINO CARATTERISTICHE TALI DA INTERFERIRE CON LA QUALITA DI VITA POSSONO ESSERE EROGATI, NEL CONTESTO DI UN PROGRAMMA RIABILITATIVO PERSONALIZZATO, GENERATORI DI RUMORE A SCOPO DI ADATTAMENTO (HABITUATION).

69 SICURO DI AVER CATTURATO IL VOSTRO INTERESSE, VI RINGRAZIO PER LA VOSTRA PAZIENZA


Scaricare ppt "DOTT. EGIDIO GHILARDOTTI LA VALUTAZIONE DELL ACUFENE IN AMBITO I.N.A.I.L."

Presentazioni simili


Annunci Google