La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza1 Sistema uditivo umano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza1 Sistema uditivo umano."— Transcript della presentazione:

1 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza1 Sistema uditivo umano

2 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza2 L'OrecchioUmano L'Orecchio Umano Coclea Orecchio interno Struttura dellorecchio esterno e dellorecchio interno (organo del Corti)

3 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza3 Sensibilitàdellacoclea Sensibilità della coclea Sezionando la coclea si ha una specie di doppia lamina che viene sensibilizzata diversamente a seconda delle frequenze di eccitazione del segnale acustico, come avviene, ad esempio, per la corda di una frusta. Si osservi come le basse frequenze interessino la parte terminale mentre le alte frequenze la parte iniziale. Due segnali con bande sovrapposte (in tutto o in parte) si mascherano in modo tale che il segnale di maggiore intensità annulla il segnale più debole, a meno che quest'ultimo non sia di larghezza di banda sufficientemente larga.

4 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza4 Lacoclea La coclea Ad ogni punto della coclea corrisponde un valore ottimo della frequenza per il quale si ottiene la massima eccitazione. In figura si possono osservare questi valori di frequenza per la coclea umana.

5 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza5 Sistema uditivo umano: Il sistema uditivo umano presenta una sensibilità meno accentuata alle frequenze molto basse (poche decine di Hz) ed a quelle elevate (oltre i 15kHz). Per procurare la stessa sensazione sonora (phon) occorrono, a frequenze diverse, livelli di pressioni sonore diverse suoni di stessa intensità ma frequenza diversa vengono percepiti dallorecchio in modo diverso.

6 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza6 Le nuove curve ISO di equal Loudness: Nel 2003 la ISO 226 è stata revisionata. Nella nuova norma, le curve di egual sensazione sonora hanno cambiato significativamente forma: In pratica, le nuove curve sono ancora piu gobbe, per cui ora un suono di 40 dB a 1000 Hz corrisponde ad un suono di ben 65 dB a 100 Hz.

7 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza7 Filtri di ponderazione: La sensibilità dellorecchio varia al variare della frequenza. Per considerare il fatto che suoni con pari valore di SPL ma con frequenza diversa vengano percepiti dalluomo in modo diverso occorre utilizzare dei filtri di pesaturao ponderazione filtro di ponderazione A, comunemente impiegato e il cui andamento, si conforma alla risposta dellorecchio umano a livelli medio-bassi [dB(A)]. filtro di ponderazione C, impiegato per rumori molto forti o esplosioni [dB(C)].

8 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza8 Mascheramento temporale Dopo un suono forte, per un po di tempo, il sistema uditivo rimane meno sensibile, come mostrato dalla curve di mascheramento di Zwicker. La curva dipende dalla durata dellimpulso sonoro forte e dalla sua frequenza

9 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza9 Mascheramento in frequenza Un tono puro abbastanza forte crea una maschera in frequenza: un altro tono puro che stia sotto tale maschera diviene inudibile. La maschera è asimmetrica, ed ha maggior estensione a frequenze più alte del tono mascherante

10 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza10 Metodiche di analisi in frequenza

11 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza11 Composizione & analisi in frequenza: Lo spettro di un segnale sonoro è la rappresentazione della sua composizione in frequenza su un diagramma energia-frequenza, o livello sonoro-frequenza. In genere le perturbazioni sonore sono segnali complessi costituiti da un gran numero di frequenze che in alcuni casi possono dare origine ad uno spettro continuo. a)Tono puro b)Suono complesso c)Spettro Continuo d)Rumore bianco

12 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza12 Forma donda e spettro: a)Onda sinusoidale b)Onda periodica c)Onda casuale

13 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza13 Analisi in bande di frequenza: La descrizione della composizione in frequenza dei segnali sonori può essere condotta valutando il contenuto di energia sonora allinterno di prefissati intervalli di frequenze, le bande di frequenza. Ciascuna banda è caratterizzata da una frequenza di taglio superiore f s e da una frequenza di taglio inferiore f i. Lanalisi in frequenza può essere di due tipi: analisi a banda costante; analisi a banda percentuale costante da 1/1 o 1/3 di ottava.

14 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza14 Analisi a banda costante: analisi a banda costante se f = f s – f i = costante, per esempio 1 Hz, 10 Hz, ecc. Tipicamente impiegata per analisi approfondite della composizione in frequenza. Solitamente viene usata per misure nel campo delle vibrazioni delle strutture o delle macchine. Viene ottenuta con una tecnica di elaborazione matematica detta FFT (Fast Fourier Transform)

15 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza15 Analisi a banda percentuale costante: analisi a banda percentuale costante se la larghezza di banda f è una percentuale costante del valore della frequenza nominale che caratterizza la banda stessa: f s = 2 f i 1/1 ottava f s = 2 1/3 f i 1/3 ottava Tipicamente impiegata per misure acustiche. Possono essere usati banchi di 10 filtri (ottave) o 30 filtri (terzi), ottenuti con circuiti analogici o digitali (filtri IIR)

16 21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza16 Bande 1/1 e 1/3 di ottava: Bande di 1/1 ottava Bande di 1/3 ottava


Scaricare ppt "21 ottobre 2010Sistema Uditivo e Analisi in Frequenza1 Sistema uditivo umano."

Presentazioni simili


Annunci Google