La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 Slide 1 MEDUSE : Metodi e tecniche optoelettroniche avanzate per lanalisi ambientale in zone ad alta densità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 Slide 1 MEDUSE : Metodi e tecniche optoelettroniche avanzate per lanalisi ambientale in zone ad alta densità"— Transcript della presentazione:

1 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 Slide 1 MEDUSE : Metodi e tecniche optoelettroniche avanzate per lanalisi ambientale in zone ad alta densità industriale Coordinatore GIOVANNA CECCHI Istituto di Fisica Applicata N.Carrara CNR - Firenze INTERREG IIIC-ECOSIND REGIONE TOSCANA - ARPAT

2 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 2 Lidea di MEDUSE Sensori optoelettronici –Applicazione al controllo dellambiente –Esperienza acquisita nellambito del progetto ITT-SERQUA Migliorare la qualità dellaria e delle acque in aree industriali attraverso lindividuazione di un sistema efficace di monitoraggio ambientale.

3 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 3 Aree ad elevata densità industriale Quadro emissivo complesso –traffico, riscaldamento, attività produttive. Elevato grado di contaminazione delle acque –attività produttive con scarichi di varia tipologia Difficoltà di controlli efficaci Necessità di controlli continui TELERILEVAMENTO E SENSORI in situ

4 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 4 SENSORI PER IL CONTROLLO AMBIENTALE Rete di sensori locali molti sensori con opportuna dislocazione per ottenere una visione significativa pochi sensori, visione globale, dati quantitativi/qualitativi Telerilevamento Parametri significativi nel contesto legislativo Individuazione di parametri ambientali significativi per proposte legislative

5 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 5 TECNICHE E METODOLOGIE In situ –Sensori a fibra ottica –assorbimento –spettroscopia laser Telerilevamento –Attivo (LIDAR) –Passivo (DOAS, spettroradiometri) –Diffusione elastica –Assorbimento differenziale –Fluorescenza Modelli integrati di previsione

6 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 6 Sensori Esperienza acquisita in questo campo –lidar a retrodiffusione elastica e a fluorescenza –sensori DOAS –sensori TDL –radiometri UV-VIS –sensori in situ a fibra ottica

7 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 7 MEDUSE: PARTENARIATO Ist. di Fisica Applicata N.Carrara CNR (IFAC) Ist. Nazionale di Ottica Applicata (INOA) Centro per la previsione di eventi meteo Università de LAquila (CETEMPS) Centro Studi Sistemi Complessi Università di Siena (CSSC) Dip.to di Ingegneria dellInformazione Università di Pisa (UNI-PI) Universitat Politècnica de Catalunya (UPC)

8 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 8 Obiettivi specifici Valutazione delle nuove tecnologie per il controllo di emissioni in atmosfera e nelle acque Analisi comparata fra nuove tecnologie e quelle più tradizionali Applicabilità delle nuove tecnologie individuate per il controllo di aree industriali Realizzazione di modelli specifici di previsione

9 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 9 MEDUSE: Organigramma CP Coordination Panel TP Technical Panel Water Working GroupAir Working Group STS Administrative and Financial Office CETEMPS IFAC-CNR INOA UPS UNI-SI CETEMPS IFAC-CNR INOA UPS UNI-PI

10 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 10 Attività proposta Studio delle problematiche connesse al quadro ambientale Individuazione delle aree a maggiore carico ambientale Realizzazione di una campagna di misura per la definizione completa ed esaustiva del quadro emissivo presente e la comparazione con i dati rilevati con la strumentazione tradizionale.

11 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 11 Risultati previsti Individuazione di nuovi metodi e tecniche per il controllo ambientale, in particolare la realizzazione di sensori per rilevamento di inquinanti specifici e/o metodologie relative, Individuazione di potenziali utenti delle nuove tecnologie e/o metodologie, sia per quanto riguarda la produzione di nuovi sensori che del loro impiego in aree industriali attrezzate, Individuazione di forme di semplificazione amministrativa e normativa in relazione alle emissioni industriali.

12 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 12 Possibili ricadute Aprire la strada ad una gestione cooperativa perspicace Buona riduzione delle spese per la gestione ambientale Controllo integrato e globalizzato delle emissioni in atmosfera e nelle acque Individuazione di parametri ambientali significativi per proposte legislative Suggerimenti per un adeguamento legislativo semplificatore dei controlli per le PMI

13 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 13 Principio Lidar TARGET LASER COLLIMATOR TELESCOPE DETECTION SYSTEM ACQUISITION SYSTEM DISPLAY STORAGE

14 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 14 Lidar a fluorescenza The FLIDAR ® OMA DETECTOR BATTERY UV LASER VIS LASER SPECTRO- METER

15 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 15 Caratteristiche del FLidar Strumento compatto Basso consumo Flessibilità Installazione su varie piattaforme Alta risoluzione spettrale (fino a 0.04 nm) Funzionamento attivo / passivo

16 Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 INTERREG IIIC-ECOSIND: REGIONE TOSCANA - ARPAT Slide 16 LIF per lambiente marino conteggi (a.u.) Lunghezza donda (nm) exc = 308 nm Fluorescenza: inquinanti materiale organico fitoplancton, alghe vegetazione di fondale Raman: calibrazione per gli spettri di fluorescenza temperatura di colonna dacqua


Scaricare ppt "Presentazione Progetto MEDUSE - 16/12/2004 Slide 1 MEDUSE : Metodi e tecniche optoelettroniche avanzate per lanalisi ambientale in zone ad alta densità"

Presentazioni simili


Annunci Google