La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Machiavelli Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio (1513-1519) forza Studia la storia per dimostrare che che, se nella fase matura la costituzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Machiavelli Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio (1513-1519) forza Studia la storia per dimostrare che che, se nella fase matura la costituzione."— Transcript della presentazione:

1 Machiavelli Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio ( ) forza Studia la storia per dimostrare che che, se nella fase matura la costituzione ideale di uno stato è quella repubblicana fondata sulle leggi, gli stati vengono però fondati con la forza Il principe (1515) dei principati nuovi La forza è lelemento costitutivo dei principati nuovi. Ora studia gli uomini. Cesare Borgia Francesco Sforza Ferdinando il Cattolico

2 Cesare Borgia del quale lo scrittore aveva potuto osservare la politica spregiudicata, dalle decisioni rapide ed estremistiche, volpe ma anche leone, da Francesco Sforza che «per li debiti mezzi e con una gran virtù, di privato diventò duca di Milano; e quello che con mille affanni aveva acquistato, con poca fatica mantenne»; da Ferdinando il Cattolico, che da vero maestro della politica, «non predica mai altro che pace e fede, e dell'una e dell'altra è inimicissimo; e l'una e l'altra, quando e'l'avessi osservata, li arebbe più volte tolto o la riputazione o lo stato».

3 Come osservare la realtà? Verità effettuale o immagine Bene Male

4 Relismo politico - Purga Lutilizzo politico di questa parola fu introdotto dai Puritani inglesi, per indicare la necessità di eliminare il male dal corpo politico. Prendono lespressione da libro di Ezechiele, dove il profeta racconta la storia dellEsodo, quando Mosè afferma purgherò da voi quanti si sono staccati da me (Uccido in nome di Dio) Mosè ragionò tra sé e sé e disse in cuor suo: se io dico agli Israeliti, ognuno uccida suo fratello, essi mi risponderanno: con che diritto tu ammazzi tremila uomini in un giorno? Egli perciò invocò il nome dellAltissimo e disse Ha detto il Signore Dio dIsraele (Uccido servendomi di Dio) La lettura di Machiavelli: Mosè ragionò tra sé e sé e disse in cuor suo: se io dico agli Israeliti, ognuno uccida suo fratello, essi mi risponderanno: con che diritto tu ammazzi tremila uomini in un giorno? Egli perciò invocò il nome dellAltissimo e disse Ha detto il Signore Dio dIsraele (Uccido servendomi di Dio)

5 Erasmo da Rotterdam, Leducazione del Principe cristiano Se vuoi mostrarti ottimo principe cerca la magnanimità, la temperanza, lonestà. … non far del male a nessuno, non depredare nessuno, non vendere magistrature, non lasciarti corrompere dai doni (1515) Machiavelli, Il principe (1513) avere fatto gran cose che della fede hanno tenuto poco conto Quanto sia laudabile in un principe mantenere la fede, e vivere con integrità e non con astuzia, ciascun lo intende: non di manco si vede per esperienza, ne nostri tempi quelli principi avere fatto gran cose che della fede hanno tenuto poco conto

6 Princeps Imago Dei – scritto per Carlo V Rifletteva il chiuso mondo di intellettuali (poche centinaia di persone che riconoscevano la loro patria dovunque si parlasse latino) che credevano che sentimenti e considerazioni astratte potessero piegare la logica brutale del potere. Luomo figmentum malum Il riordinare una città al vivere politico presuppone un uomo buono, e il diventare per violenza principe di una repubblica presuppone un uomo cattivo, per questo raramente accade che un uomo buono voglia divenire principe e che un criminale, divenuto principe, voglia operare bene

7 Antropologia del Principe Savonarola Trattato circa il reggimento e governo della città di Firenze Superbo, volendo esaltarsi sopra i suoi eguali e sopra i migliori si sé Invidioso, si contrista della gloria degli altri Lussurioso Avaro e ladro ruba al principato e a tutto il popolo per soddisfare i propri piaceri

8 Capovolgimento dellantropologia di Aristotele Lantropologia di Machiavelli Luomo è per natura spinto a opprimere perché è invidioso, ambizioso, ingrato, scontento, rapace… desidera tutto ma non può avere tutto Luomo non possiede quindi alcuna inclinazione culturale verso la bontà, semmai è incline la male Egoista e narcisista (ama solo se stesso Vuole solo per sé Desiderio Perché? Desiderio Desidera tutto, ma non può avere tutto

9 Lantropologia di Machiavelli "La cagione è perché la natura ha creato gli uomini in modo che possono desiderare ogni cosa e non possono conseguire ogni cosa: talché essendo sempre maggiore il desiderio che la potenza dello acquistare, ne risulta la mala contentezza di quello che si possiede e la poca soddisfazione d'esso"

10 E lamore? Lamore per i genitori? Vi è unaffezione naturale dei genitori per i figli e viceversa, ma laffezione naturale dei figli per le proprietà dei genitori non è meno forte della loro affezione per i genitori…

11 E un delinquente di mezza tacca Gli uomini non sono mai totalmente cattivi perché sono incostanti e codardi anche nel fare il male Malleabilità individuale Instabilitàbilità istituzionale

12 Caratteri della politica l'instabilità ("sendo tutte le cose degli uomini in moto e non potendo stare ferme) La malattia politica è la consunzione: allinizio facile a curarsi, ma difficile a riconoscersi; poi difficile a curarsi, ma facile a riconoscersi il successo (il principe deve imparare "a essere non buono" e a usare o non usare la crudeltà secondo la necessità) rendere permanente, ma legale il conflitto (?) Teoria del governo misto.

13 Conflitto come dinamica fondamentale della politica Sendo tutte le cose degli uomini in moto e non potendo stare salde … quelle inimicizie intra l popolo et il senato nascono, tollerarle, pigliandole per uno inconveniente necessario a pervenire alla romana grandezza Si dà onde sfogare a quelli omori che crescono nelle cittadi… e quando questi omori non hanno come sfogarsi ordinariamente, ricorrono a modi istariordinarii che fanno rovinare tutta una repubblica Principato = meccanica della forza

14

15 Desideri = propellente della vita Hobbes, Leviatano: La felicità è un continuo progresso da un oggetto a un altro, dove il raggiungimento del primo non è altro che la via per il raggiungimento del secondo La frugalità, anche se è una virtù nei poveri, rende inadatti a compiere quelle azioni che richiedono la forza di molti uomini riuniti, perché indebolisce la capacità dazione

16 Larte politica Compito dellarte politica sta nel plasmare le passioni e gli umori in modo da indirizzarli bene comune Lo Stato è una struttura di oppressione, criminale quanto è necessaria per condizionare gli uomini a diventare buoni contro la loro natura e le loro inclinazioni

17 Verità effettuale Realismo politico Instabilità - conflitto Successo forza Intrare nel male necessitato Colui che lascia quello che si fa per quello che si dovrebbe fare, impara piuttosto la ruina che la preservazione sua… Onde è necessario a uno principe, volendosi mantenere, imparare a poter essere non buono …secondo la necessità

18 La gloria può essere acquistata sia col delitto e sia malgrado il delitto Cè differenza tra un abile sovrano criminale (Agatocle) e un abile sovrano non criminale (Cesare)? Profeta armato (Mosé) e profeta disarmato (Savonarola) Cosa cambia? La quantità di carica oppressiva, ma non la qualità (la natura) del potere

19 La pietà è impossibile E meglio essere temuti o essere amati? Solo la forza può indurre luomo a pensare oltre il proprio interesse Legalizzare il conflitto

20 E meglio il governo delle leggi o il governo degli uomini? Corruzione Dissoluzione della legge La città corrotta è quella in cui le "leggi bene ordinate non giovano". La Repubblica non ha rimedi legislativi alla sua crisi. Ecco la necessità del principe: "uno uomo che di nuovo surga, quando fa le nuove legge e li nuovi ordini trovati da lui". La redenzione della Repubblica nasce "dalla semplice vertù d'un uomo senza dependere da alcuna legge". Da qui l'alternativa: o principato, o libertà, o licentia

21 Radici democratiche A chi si rivolge ? Ai tiranni, ma anche al popolo. Le regole che servono a mantenere il potere, servono anche a conquistarlo Secondo Gramsci, Machiavelli insegna proprio questo Quale forma di governo? Ideale della politica: Repubblica e teoria del governo misto. Libere sono le città"consuete a vivere con le loro leggi". Se gli uomini sono più forti delle leggi la città non si può chiamare libera.

22 HOBBES Behemoth 1679 –Leviathan 1651 Mia madre era colma, per effetto della guerra civile, di tale paura da dare alla luce due gemelli me e, insieme a me, la paura

23 Libro di Giobbe Chi scoprirà al di sopra della sua corazza? Chi entrerà nel mezzo della sua gola? Chi aprirà la porta della sua faccia? Attorno alla sue zanne sta il terrore; il suo corpo è come di scudi fusi e coperto di squame benm serrate insieme… Non vi è sulla terra potenza simile a lui che fu fatto per non avere paura di nessuno

24 Epistemologia scientifica Scienza è luso pianificato della ragione per la conoscenza delle cause e delle conseguenze, della dipendenza di un fatto da un altro Poiché il pensiero non è altro che laggiungere o il sottrarre rappresentazioni, è possibile stabilire delle regole matematicamente esatte per i suoi processi. Scienza Conoscenza di conseguenze Politica o Filosofia civile Conoscenza di conseguenze Dei corpi artificiali Filosofia naturale Conoscenza di conseguenze dei corpi naturali

25

26 Corpo umano Cos è il cuore se non una molla? I nervi sono cinghie, le articolazioni rotelle? Corpo politico Il sovrano è lanima artificiale, magistrati le articolazioni, le ricompense e le punizioni, sono i nervi, la proprietà e la ricchezza sono i muscoli (la forza), lequità e le leggi sono la ragione e la volontà, la concordia è la salute, la sedizione la malattia, la guerra civile la morte

27 LA MALATTIA Sterilità, avvelenamento, scabbia, sangue caldo (noi diremmo ipertensione?), epilessia, idrofobia, bulimia, letargia, tumore, consunzione… non cè malattia del corpo che non abbia il suo corrispettivo in una malattia dello Stato fino a quella infezione mortale che è la guerra civile

28 ESEMPI I malati di sangue caldo a cui viene la scabbia si graffiano con le loro unghie. Similmente gli uomini sono portati dal gusto della novità o dalla speranza di un miglioramento a cercare di cambiare la propria forma di governo Quando una monarchia viene morsa dal vivo dagli scrittori democratici che ringhiano contro il regime è come quando il corpo viene morso da un cane rabbioso e si ammala di hydrophobia

29

30 La divisione dei poteri (governo misto) Quando il potere di raccogliere denaro dipende da unassemblea, il potere di dirigere e comandare da un uomo solo, il potere di fare le leggi dallaccordo accidentale non solo tra codesti due ma anche da un terzo. Tale governo non è un governo, ma la divisione dello Stato in tre fazioni. Non so a quale malattia del corpo possa corrispondere questa anomalia, ma ho visto un uomo che aveva un altro uomo che gli spuntava da un fianco con testa, braccia, petto e stomaco propri.

31

32 Scienze indimostrabili (fisica) Le cui cause non dipendono dalluomo Naturali ??????

33 Scienze dimostrabili (geometria) Le cui cause sono prodotte dalluomo Artificiali Conoscenza delle conseguenze dallIstituzione di Stati per i diritti e i doveri del corpo politico o sovrano Conoscenza delle conseguenze dallIstituzione di Stati per i diritti o doveri dei sudditi

34

35 Connessione delle conseguenze Desiderio Passioni Passione per il potere Conflitto Uguaglianza nei desideri e nella capacità di dare la morte Paura Ragione Artificio ---- società civile Contratto sociale Stato : monopolio della forza LIBERTALIBERTA NATURANATURA

36 Passioni La più forte di tutte le passioni è quella per il potere. Il potere (power) è limpiego di tutti i mezzi per il conseguimento di un bene futuro. Libertà Assenza di impedimenti (uso della forza) Ragione Difenditi con ogni mezzo Cerca la pace

37 Desideri = propellente della vita Leviatano: La felicità è un continuo progresso da un oggetto a un altro, dove il raggiungimento del primo non è altro che la via per il raggiungimento del secondo La frugalità, anche se è una virtù nei poveri, rende inadatti a compiere quelle azioni che richiedono la forza di molti uomini riuniti, perché indebolisce la capacità dazione

38 Stato di natura In una condizione di questo genere ciascuno ha diritto a tutto anche al corpo di un altro. Perciò finché dura questo diritto naturale di ciascuno a tutto, nessuno può avere la sicurezza, per quanto forte o saggio sia, di vivere per tutto il tempo che la natura solitamente consente di vivere agli uomini. Nello stato di natura deve ritenersi come un vero e proprio miracolo che qualcuno, anche vigorosissimo, finisca la propria vita consunto degli anni e dalla vecchiaia

39 corporis affectiones (passioni) Cupiditates Idee Cupiditates Idee (Hobbes) (Spinoza) (Hobbes) (Spinoza) Beni esclusivi conflitto Beni inclusivi coesistenza

40 A)Beni esclusivi (materiali) B) Beni inclusivi (spirituali) A) Per usufruire dei beni esclusivi devo inevitabilmente privarne gli altri (Hobbes) B) I Beni inclusivi presuppongono necessariamente la presenza dellaltro per essere attuati (Spinoza) Se io ho una moneta e tu hai una moneta e le mettiamo assieme, abbiamo due monete. Se io ho unidea e tua hai unidea e le mettiamo assieme, abbiamo quattro idee.

41 Conoscenza I beni esclusivi implicano la solitudine I beni inclusivi implicano la coesistenza Finché un uomo è solo nel sapere qualcosa, non sarà mai sicuro di saperla veramente. Lunico modo per verificare le nostre opinioni consiste nel farle riconoscere (Spinoza - Massa e Moltitudine)

42 Stato = Assenza di libertà Stato = Somma di libertà HOBBESSPINOZAHOBBESSPINOZA

43 Paura: società naturale bellum omnium contra omnes

44 Paura di tutti Paura di uno solo Contratto sociale - imperium stato

45 Società civile Società naturale contratto

46 Dò autorizzazione e cedo il mio diritto di governare me stesso a questuomo, o a quest assemblea di uomini, a questa condizione che tu, nella stessa maniera, gli ceda il tuo diritto e ne autorizzi tutte le azioni

47 Chi stipula il contratto sociale? Tutti (Soggetti). Prima di stipulare il contratto siamo liberi poi non lo siamo più siamo... sudditi (soggetti)

48 Paura E dimostrato dunque che lorigine delle più grandi e delle più durature società non viene dalla reciproca e durevole benevolenza, ma dal muto timore che gli uomini hanno gli uni degli altri Se gli uomini fossero privati della paura sarebbero più inclini alla sopraffazione che alla società

49 Hobbes Paura di tutti Stato (common wealth – civitas) monopolio della forza Sovranità Paura di uno solo

50 Stato Somma di forze = Assenza di libertà individuale (o la vita o la libertà) E meglio il potere, qualunque potere, che lassenza di potere e la libertà individuale è assenza di potere

51 Fuori dello Stato, è il dominio delle passioni, la guerra, la paura. lincuria, la povertà, lisolamento, la barbarie, lignoranza, la bestialità. Nello Stato, è il dominio della ragione, della pace, della sicurezza. della ricchezza, della decenza, della raffinatezza, della scienza, della benevolenza

52 La legge fondamentale è in ogni stato quella che ove venga abolita, lo Stato cade e si dissolve completamente … Questa legge è che i sudditi sono tenuti a sostenere ogni potere dato al sovrano – o monarca o assemblea – senza il quale lo Stato non possa sussistere Il potere o è assoluto o non è potere

53 Diritto (ordine artificiale) Auctoritas Veritas Auctoritas Veritas Esterno Interno Esterno Interno Uomo Dio Uomo Dio Volontà forza potere- sicurezza Opinione -caos conflitto - paura

54 Diritto Stato CONFLITTO CAOS ius Law

55 Stato- auctoritas facit legem Diritto soggetto

56 Lex facit legem Il diritto naturale deve diventare legge dello Stato qualità leggiLa legge naturale si contengono reciprocamente e sono di pari estensione. Infatti le leggi di natura consistenti nellequità, nella giustizia, nella gratitudine e nelle altre virtù morali da questa dipendenti nello stato di natura … non sono propriamente leggi, ma qualità che rendono gli uomini inclini alla pace e allubbidienza. Realmente leggi esse divengono solo quando viene istituito lo Stato – non prima- in quanto sono comandi dello Stato e con ciò anche leggi civili: è infatti il potere del sovrano che obbliga gli uomini a rispettarle (lex facit legem)

57 La law è inglobata nel ius Il giudice deve sapere che le proprie sentenze debbono essere conformi alla ragione del sovrano, ed essendo questa coincidente con lequità (ius) a questultima è vincolato dalla legge di natura. Lintento del legislatore si suppone sempre che sia lequità perchp sarebbe altamente offensivo che un giudice pensasse diversamente dal sovrano

58 Esistono limiti al potere dello Stato? Religione – Morale? Il Sovrano risponde a Dio del suo comportamento? Nellaltra vita, qui, in terra, risponde solo agli uomini.Diritto? Senza il Sovrano, non cè diritto: quindi non esistono diritto che preesistono e che possono essere fatti valere. Non ha alcun obbligo. Legibus solutus

59 Se il sovrano fosse sottoposto alle leggi civili sarebbe necessario un giudice che lo giudichi, il quale ultimo diverrebbe sovrano, e dunque a sua volta sottoposto alle leggi e quindi a un altro giudice… Il sovrano non è neppure vincolato al contratto sociale perché non lha stipulato

60 Legge La legge è il comando di colui o di coloro che hanno il potere sovrano, dato a coloro che sono a lui o a loro soggetti (subjects), dichiarando pubblicamente e chiaramente cosa ciascuno di loro può fare e cosa devono astenersi da fare Dialogo tra un filosofo e uno studente di Common Law 1670

61 Nel conflitto tra i giudici e il sovrano: chi deve prevalere? In nome di che cosa i giudici si possono opporre al Sovrano (ius quia iussum)? A) In nome della ragione B) In nome del diritto e in particolare del diritto naturale (ius quia iustum)

62 Quale ragione? Il diritto è meno razionale della matematica? Io (il filosofo con cui si identifica Hobbes) non sostengo questo, ma che i grandi maestri di matematica non sbagliano così spesso quanto sbaglia un professore di diritto. Di fronte alla Magna Carta io non debbo vedere quanto è razionale, ma se devo ubbidire se vi sono ragioni sufficienti che giustificano la mia obbedienza (Auctoritas facit legem)

63 Diritto positivo – diritto naturale Lobiezione che muove il giurista a questa visione è che esiste anche lequity (ius) che si basa sulla legge naturale o meglio sulla legge della ragione. E iniqua la legge (law) in contrasto con la legge naturale? Se la law è in contrasto con la legge della ragione: quale legge deve applicare il giudice?

64 Ruolo del giudice Il giudice deve ubbidire alla legge della ragione se fosse certo di non sbagliare: ma, siccome può sbagliare, deve applicare la legge del sovrano perché è compito del sovrano riparare i torti dellignoranza o della corruzione dei giudici

65 COAZIONE Potere Come luomo muove luomo Forza violenza (regola)

66 Teoria del male politico Antropologia negativa (Cupiditates beni esclusivi) Conflitto-dualità (bellum omnium contra omnes) Stato = monopolio della forza Law = legge volontà del sovrano Ius = volontà del sovrano e del giudice Ius vitae ac necis Paura (fisica della morte)

67 Stato = Assenza di libertà (o la vita o la libertà) La pena di morte è compatibile con quetsa visione dello Stato? HOBBESHOBBES

68 Nessuno può essere vincolato per patto a non resistere alla violenza e conseguentemente e non si può intendere che abbia concesso ad altri il diritto di far violenza alla sua persona e a lui soltanto Il diritto di punire non fu dato, ma lasciato a lui e a lui soltanto e così interamente (ad eccezione dei limiti impostigli dalle leggi di natura) come era nelle condizioni e di guerra di ognuno contro il suo simile

69 Il potere o è assoluto o non è potere Pluralità delle opinioni=Pluralità delle opinioni= conflitto conflitto Ritorno al diritto naturale Ritorno al diritto naturale Diritto internazionale = guerra – Ritorno al diritto di naturaDiritto internazionale = guerra – Ritorno al diritto di natura Diritto di resistenza =Diritto di resistenza = Guerra civile Ritorno al diritto di natura

70 Stato- auctoritas facit legem Diritto soggetto

71 Carlo II dInghilterra di cui Hobbes era sto precettore dice del Leviatano I never read a book with contained so much sedition, treason and impiety

72 Diritto VolontàVolontà del sovrano MonopolioMonopolio della forza PositivoPositivo : ius quia iussum CoincidenzaCoincidenza tra diritto e Stato – monismo UguaglianzaUguaglianza Law:Law: lex + ius Lex (ciò che mi obbliga ) Ius diritto soggettivo (la libertà concessami dalla legge) VisioneVisione laica dello Stato CostruttivismoCostruttivismo pratico


Scaricare ppt "Machiavelli Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio (1513-1519) forza Studia la storia per dimostrare che che, se nella fase matura la costituzione."

Presentazioni simili


Annunci Google