La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

III Circolo Didattico di Piacenza Scuola Pietro Giordani Classe 3^ C Anno scolastico 2010/2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "III Circolo Didattico di Piacenza Scuola Pietro Giordani Classe 3^ C Anno scolastico 2010/2011."— Transcript della presentazione:

1 III Circolo Didattico di Piacenza Scuola Pietro Giordani Classe 3^ C Anno scolastico 2010/2011

2

3 Le avventure di un giovane scudiero Ovvero:

4 Cera una volta un re, Alberto II,

5 che viveva in un maestoso castello,

6 su una collina, ai margini di una lussureggiante, ma pericolosa foresta.

7 Il re era giusto e generoso, amato da tutti i suoi sudditi, ma invidiato ed odiato dal suo fratello minore, Giosuè, che avrebbe voluto essere sul trono al posto suo. Il trono deve essere mio!

8 Giosuè dichiarò guerra ad Alberto, proprio per rubargli il trono. Ti dichiaro guerra e ti ruberò il trono!

9 Durante una battaglia, il re lasciò cadere lo scudo magico che aveva avuto in eredità dai suoi antenati e che gli permetteva di regnare.

10 Subito il suo giovane scudiero, di nome Renzotto, corse per recuperarlo, ma l invidioso Giosuè colpì lo scudiero e si appropriò dello scudo. Ah, ah! Ora che lo scudo è mio, diventerò re!

11 Il re tornò al suo castello senza lo scudo: era in preda al panico perché temeva che senza di esso, avrebbe perso il regno.

12 Disperato, cercò una soluzione e si rivolse al suo giovane scudiero, Renzotto, particolarmente abile nel cercare indizi e prove. Sono Renzotto, scudiero del re, e vado subito sul campo di battaglia.

13 Che cosa troverà il nostro prode Renzotto? Se credi che trovi una…. freccia magica, premi sul disegno qui sopra. Se credi che trovi le…. le impronte degli zoccoli di un cavallo, premi sul disegno qui sopra.

14 Lo scudiero, cercando tracce, notò delle strane impronte di zoccoli. Il ragazzo si ricordò che quelle orme appartenevano al destriero del fratello del Re ed incominciò a seguirle.

15 Con il calar della sera Renzotto cominciò ad essere molto assetato e stanco.

16 Giunse ad una radura e, assonnato comera, non si accorse di unotre piena zeppa dacqua che pendeva dal ramo di un albero.

17 Però ad un tratto sentì un tintinnio e vide un omino piccolo e brutto che si rivolse a lui dicendo: <> In realtà era dispettosissimo e continuò… Cè unotre piena d acqua! Bevi ti aiuterà questacqua!

18 Renzotto si mise a bere in modo così vorace che non si accorse di una squadra di folletti che voleva legarlo ad un tronco.

19 Svenne e quando si risvegliò si ritrovò legato allalbero, mentre i folletti dispettosi ridevano a crepapelle. Renzotto cercò di liberarsi, ma inutilmente.

20 Gli venne unidea: sfilò la spada e con un colpo netto tagliò la corda. Notando che Renzotto aveva ripreso i sensi e si era liberato, i folletti fuggirono tutti quanti. Fermatevi! Vi catturerò!

21 Infatti il ragazzo li catturò e li costrinse a svelargli la strada per andare al castello. Loro, per riavere la libertà, gli mostrarono una mappa indicante il percorso per giungere al castello.

22 Renzotto, grazie alla mappa riprese il suo cammino verso il castello, ma ad un tratto fu assalito da alcuni lupi affamati.

23 Il giovane scudiero prima si spaventò, poi prese le sue scorte di cibo e le lanciò in mezzo al sentiero. I lupi si fermarono a mangiare e Renzotto proseguì il cammino.

24 Cammina e cammina, arrivò al castello di Giosuè. Andiamo, mio fido destriero: dobbiamo portare a termine il nostro compito !

25 Renzotto superò i coccodrilli del fossato ed entrò nel castello passando sul ponte levatoio.

26 Appena entrato nel cortile del castello, si trovò davanti uno spaventoso ratto gigante, pronto a sbranarlo.

27 Come farà il giovane Renzotto a sconfiggere il ratto? Schiaccia sul pulsante e lo saprai!

28 Arrivato là, vide per terra una freccia speciale che avevano solo le persone reali e che era in grado di indicare la strada per raggiungere il suo proprietario, cioè Giosuè.

29 Renzotto ricordò che il re, affidandogli lincarico, gli aveva spiegato che suo fratello abitava in un castello, nella foresta Mansueta, che di mansueto non aveva nulla.

30 Per questo, prese il suo cavalmucca, raccolse la freccia, la indirizzò verso la foresta e si lasciò guidare da lei.

31 Fu così che, dopo un lungo cammino nella foresta, la freccia indicò una caverna. Renzotto capì che doveva entrare là.

32 Però cera un grande e feroce orco che stava di guardia alla caverna.

33 Lorco lo vide e chiamò altri orchi i quali presero le frecce e incominciarono a lanciargliele contro.

34 Egli cercò di evitarle, ma a un certo punto gli orchi sparirono. Allora si diresse verso la caverna, ma, appena fece un passo, finì in una trappola che gli orchi avevano preparato.

35 Vide una radice lunga e robusta e la usò come corda per uscire dalla trappola. Uscito tornò verso la caverna e vi entrò.

36 Trovò un tunnel che si divideva: da una parte cera un cancello chiuso, dallaltra un sentiero che sembrava un paradiso. Renzotto scelse quello che sembrava un paradiso e si trovò ….

37 in un labirinto e non gli restò altro da fare che cercare la strada per uscirne. Il labirinto diventava sempre più pauroso.

38 Ad un tratto, si scagliò conto di lui una banconota vivente velenosa. Renzotto la colpì sul numero 500, che era il suo punto debole, e proseguì.

39 Lungo il tragitto trovò anche un bruco gigantesco, carino, ma pericoloso per le sue antenne velenose. Lo sconfisse colpendolo alle zampe, che erano il suo punto debole, e proseguì.

40 Finalmente uscì dal labirinto e si trovò davanti al castello di Giosuè. Superò i coccodrilli del fossato ed entrò.

41 Dopo poco fu assalito da un vero mostro: un panino vivente assassino.

42 Come farà il giovane Renzotto a sconfiggere il panino? Schiaccia sul pulsante e lo saprai!

43 Renzotto stava per essere aggredito dal mostro, quando sentì un caldo intenso alle spalle e si vide passare sopra la testa una… fiamma che incenerì il mostro.

44 Si voltò e vide un gigantesco drago Non aver paura, sono qui per aiutarti. Prendi questo vaso: aprilo quando ti senti in pericolo! Uscirà una mia fiamma che ti aiuterà!

45 Renzotto si inoltrò lungo corridoi tapezzati di scheletri,

46 Attraversò saloni pieni di ragni e pipistrelli e infine…..

47 … giunse alla sala di Giosuè il quale lo aspettava armato da capo a piedi. Renzotto, senza pensarci due volte, aprì il vaso: la fiamma uscì ed incenerì Giosuè.

48 Non restò altro che un mucchietto di cenere in terra.

49 Renzotto si avvicinò, soffiò su quel mucchietto e, sotto la cenere, ecco cosa comparve…

50 Renzotto lo portò a re Alberto II il quale, per premio, gli diede in moglie la sua adorata figlia. Gli sposini vissero felici e re Alberto regnò, saggiamente, per molti anni.

51 Non hai visto il percorso…… della freccia, clicca sul disegno sopra e lo vedrai. delle impronte degli zoccoli, clicca sul disegno sopra e lo vedrai. Per uscire clicca qui

52 Gli autori Angelica Albertazzi Giulia Belloni Simone Bergonzi Tommaso Bonatti Carolina Bottazzi Maddalena Cabras Davide Casana Irene Cattivelli Saverio Cavazzi Alice Chiozza Di Nunno Michael Paolo Fermi Giacomo Fullin Letizia Lamoure Alessandro Luongo Fabrizio Lombardi Adriano Magrelli Arianna Pinzon Luce Senaldi Marco Spadaro Jacopo Uccelli Chiara Viappiani Coordinati dalle maestre Elda e Danila


Scaricare ppt "III Circolo Didattico di Piacenza Scuola Pietro Giordani Classe 3^ C Anno scolastico 2010/2011."

Presentazioni simili


Annunci Google