La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV Sistemi Neuroevolutivi e sviluppo delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV Sistemi Neuroevolutivi e sviluppo delle."— Transcript della presentazione:

1 Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV Sistemi Neuroevolutivi e sviluppo delle abilità di letto-scrittura e calcolo: le basi neurobiologiche dei DSA Non sono stupido Non sono pigro Sono DISLESSIC O I Disturbi dellApprendimento a Scuola, tra Ricerca e Didattica Locarno, Dipartimento formazione e apprendimento (DFA) Venerdì 9 e Sabato 10 Settembre 2011

2 Sistemi Neuroevolutivi e sviluppo delle abilità di letto- scrittura e calcolo: le basi neurobiologiche dei DSA. Negli ultimi 20 anni la ricerca in neuropsicologia evolutiva ha cercato di individuare il core deficit delle diverse forme specifiche dei disturbi dellapprendimento (dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia) ma oggi si è raggiunta una comune convinzione dellorigine multifattoriale di questi disturbi, tanto da mettere in discussione il termine stesso di disturbo specifico (G. Di Filippo e P. Zoccolotti; Dislessia, vol 6, n.1, 2009). 2

3 Sistemi Neuroevolutivi e sviluppo delle abilità di letto- scrittura e calcolo: le basi neurobiologiche dei DSA 3 Nellesperienza clinica la prevalenza di situazioni in cui vi sono più disturbi dellapprendimento associati è nettamente superiore alla prevalenza di singoli quadri clinici di DSA. Dislessia : 2,5 – 4 % Discalculia : 0,5 – 1.5 % DSA : 7-10 %

4 Sistemi Neuroevolutivi e Disturbi dellapprendimento 4 Negli ultimi anni, anche nella ricerca, si è osservata una inversione di tendenza: è emersa lattenzione al problema della comorbidità dei DSA. Nicolson e Fawcett (2007) hanno criticato lottica tradizionale di differenziare sintomi centrali (core deficit) di ogni disturbo specifico e sintomi secondari ( non essenziali e condivisi nei vari DSA ). In ogni DSA sono emerse notevoli difficoltà nellindividuare i sintomi centrali con valore eziopatologico specifico.

5 Sistemi Neuroevolutivi e Disturbi dellapprendimento 5 Nella vastissima letteratura sulla dislessia evolutiva si trovano ancora oggi numerose ipotesi alternative per spiegare il disturbo specifico, senza essere giunti ad una interpretazione condivisa. Vi è una grande sovrapposizione tra i disturbi neuropsicologici individuati e questo non può non essere messo in primo piano nella costruzione di un modello interpretativo: Come possiamo trovare una spiegazione ai disturbi dellapprendimento se continuiamo a studiarli in modo indipendente, senza tenere conto della comorbilità tra essi ? Nicolson e Fawcett (2007) Procedural learning difficulties:reuniting the developmental disorder? - Trend in Neuroscience, vol.30, pp

6 Sistemi Neuroevolutivi e Disturbi dellapprendimento 6 Inoltre negli ultimi 20 anni si sono accumulati dati clinici sulla comorbilità non solo allinterno dei DSA, ma tra i DSA ed altri disturbi dello sviluppo (ADHD, DCD, Disprassia – Chaix et al, 2007; Rochelle e Talcott, 2006). Queste associazioni non possono essere spiegate solo come artefatti dei campioni clinici (dati concordanti fra studi su campioni clinici e su popolazioni - Willcut e Pennington, 2000) e come associazioni secondarie (Ipotesi della fenocopia di Pennington e Nigg et al, 2005). Le comorbilità omotipiche ed eterotipiche, tra e con i DSA, sono fenomeni reali e richiedono spiegazioni adeguate. Lautore che ha fornito maggiori contributi in tal senso è stato Bruce Pennington (il modello eziologico probabilistico multifattoriale dei DSA, 2006 – contrapposto ai modelli di ricerca basati sui singoli deficit cognitivi).

7 Sistemi Neuroevolutivi e Disturbi dellapprendimento 7 Anche in Italia è prevalsa unottica di analisi separata dei diversi DSA ma, dal dibattito che ha portato alla prima Consensus Conference del 2007 e successivamente, lattenzione sugli aspetti di comorbilità è stata sempre più ampia (DSA-ADHD, DSL-DSA, DCD-Disprassia e DSA) e nel 2008, accanto alla tradizionale AIRiPA e allAID, è nata lAIDEE. Fra i principali contributi: Continuità / discontinuità tra disturbi del linguaggio orale e scritto – Gasperini et al. Analisi di pattern di elaborazione acustica in bambini con DE con e senza pregresso DSL – Cantiani et al. Profilo neuropsicologico di ragazzi con un disturbo discalculico in comorbilità con disturbi del linguaggio scritto – Biancardi e Fiori Associazione tra DSA e disturbi emozionali - Penge

8 Dr. Carlo MUZIO - Npi - UniPV Epidemiologia dei DSA in Italia

9 Dr. Carlo MUZIO - Npi - UniPV Distribuzione dei DISTURBI PSICOPATOLOGI nei DSA Fonte: Penge, 2009

10 Un bambino che si esprime e/o si muove male sente che gli altri bambini non lo capiscono e/o hanno paura dei suoi movimenti poco controllati e tende quindi ad isolarsi o ad arrabbiarsi facilmente LINGUAGGIO e MOVIMENTO sono gli strumenti di comunicazione e di interazione con il mondo esterno Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV-

11 Dr. Carlo MUZIO -Neuropsichiatra Inf. -Psicoterapeuta; Doc. Neurolinguistica -Uni PV 11 DSL E DSA, EVOLUZIONE CLINICA ED OUTCOME DEL PERCORSO RIABILITATIVO. Muzio C. Div. NPI Univ. di Pavia; Ist. di Riabilitazione Santo Stefano, Porto Potenza P. (MC); Muzio C. Div. NPI Univ. di Pavia; Ist. di Riabilitazione Santo Stefano, Porto Potenza P. (MC); Pandolfi A.M., Quinzi C., Traini E., Vallorani F., Borraccini L., Marcantoni R., Ist. di Riabilitazione Santo Stefano, Porto Potenza Picena (MC); Pandolfi A.M., Quinzi C., Traini E., Vallorani F., Borraccini L., Marcantoni R., Ist. di Riabilitazione Santo Stefano, Porto Potenza Picena (MC); Correggia E., Studio logopedico, Camburzano (BI); Correggia E., Studio logopedico, Camburzano (BI); Bono M. Centro Attivalamente e... Il corpo, Santhia (VC). Bono M. Centro Attivalamente e... Il corpo, Santhia (VC). Giardi G., Sapuppo A., Studio logopedico (TO); Giardi G., Sapuppo A., Studio logopedico (TO); Rosiglioni R., Studio LaCometa, Ivrea (TO) Rosiglioni R., Studio LaCometa, Ivrea (TO) INDAGINE EPIDEMIOLOGICA MULTICENTRICA: Nei disturbi specifici dello sviluppo è consolidata una relazione fra i DSL e i DSA, ma vi sono pochi dati di follow up. Scopo del lavoro è una rilevazione epidemiologica ed un successivo inquadramento diagnostico dei bambini inviati in riabilitazione per difficoltà e/o ritardo del linguaggio, in epoca prescolare, e dei bambini con difficoltà di apprendimento in età successive.

12 DSL E DSA, EVOLUZIONE CLINICA ED OUTCOME DEL PERCORSO RIABILITATIVO. Al progetto di ricerca partecipano diverse realtà territoriali: i centri ambulatoriali di riabilitazione dell'istituto Santo Stefano, nella regione Marche, e studi logopedici di riabilitazione nella regione Piemonte. Raccomandazioni per la pratica clinica definite con metodo della Consensus Conference.Il materiale diagnostico e di rilevazione dei dati clinici per i DSA è stato selezionato dalle linee guida per la diagnosi dei DSA elaborate dalle associazioni AID, AIRIPA e SINPIA, confluite nelle Raccomandazioni per la pratica clinica definite con metodo della Consensus Conference. Per la definizione dei disturbi del linguaggio si è fatto riferimento ai criteri della classificazione di Rapin Allen. Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV-

13 Dr. Carlo MUZIO -Neuropsichiatra Inf. -Psicoterapeuta; Doc. Neurolinguistica -Uni PV 13 DSL E DSA, EVOLUZIONE CLINICA ED OUTCOME DEL PERCORSO RIABILITATIVO. Nell'ambito della popolazione infantile che presenta un ritardo di linguaggio quanti bambini presentano un DSL? Nell'ambito della popolazione infantile che presenta un ritardo di linguaggio quanti bambini presentano un DSL? Nella popolazione infantile che presenta un DSL quanti bambini presenteranno un DSA? Nella popolazione infantile che presenta un DSL quanti bambini presenteranno un DSA? Nell'ambito della popolazione infantile segnalata con difficolt à scolastiche, quanti bambini presen tano un DSA? Nell'ambito della popolazione infantile segnalata con difficolt à scolastiche, quanti bambini presen tano un DSA? Nella popolazione con DSA, come è distribuita la tipologia dei diversi disturbi specifici dell'apprendimento? Nella popolazione con DSA, come è distribuita la tipologia dei diversi disturbi specifici dell'apprendimento?

14 RISULTATI preliminari DIFFICOLTA DI LINGUAGGIO CATEGORIE DIAGNOSTICHENumero totaleLegenda Disturbo Specifico del Linguaggio 24 DSL DSL – Disprassia19 DISPRASSIA DMS DGS 9494 DMS DGS ADHD2 Totale n. casi58 Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV-

15 DIFFICOLTA DI LINGUAGGIO (58 casi) RISULTATI preliminari DIFFICOLTA DI LINGUAGGIO (58 casi) Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV-

16 DSL E DSA, EVOLUZIONE CLINICA ED OUTCOME DEL PERCORSO RIABILITATIVO difficoltà scolastichequanti bambini presentano un DSA? 4. nell'ambito della popolazione infantile segnalata con difficoltà scolastiche, quanti bambini presentano un DSA? come è distribuita la tipologia dei diversi disturbi specifici dell'apprendimento? 5. nella popolazione con DSA, come è distribuita la tipologia dei diversi disturbi specifici dell'apprendimento? Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV-

17 RISULTATI preliminari Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV-

18 RISULTATI preliminari 91 casi Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV-

19 Cosa può influenzare il profilo neuroevolutivo di un bambino? Fattori Familiari Fattori Familiari Valori culturali Un profilo NEUROEVOLUTIV0 Un profilo NEUROEVOLUTIV0 Fattori genetici Fattori genetici Esperienze educative Esperienze educative Salute Fattori caratteriali/ emotivi Fattori caratteriali/ emotivi Influenza dei coetanei Influenza dei coetanei Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc. di Neurolinguistica UNI. PV- Influenze ambientali Influenze ambientali 19

20 IL SISTEMA BAMBINO E DINAMICAMENTE COMPLESSO (G.Sabbadini, 1995) Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 20

21 Avere buone capacità di RELAZIONARSI con gli altri Avere buone capacità di RELAZIONARSI con gli altri essere coordinati e precisi nei MOVIMENTI essere coordinati e precisi nei MOVIMENTI ABILITÀ stare ATTENTO a lungo senza distrarsi stare ATTENTO a lungo senza distrarsi avere la capacità di ordinare le SEQUENZE avere la capacità di ordinare le SEQUENZE avere una corretta idea dello SPAZIO avere una corretta idea dello SPAZIO RICORDARE molte informazioni di diverso tipo Comprendere ed usare un LINGUAGGIO appropriato Comprendere ed usare un LINGUAGGIO appropriato Avere buone capacità LOGICHE e di risoluzione di situazioni problematiche Avere buone capacità LOGICHE e di risoluzione di situazioni problematiche La scuola richiede agli alunni tante abilità… Percezione stimoli inviati dai canali sensoriali e loro integrazione Percezione stimoli inviati dai canali sensoriali e loro integrazione 21

22 Avere buone capacità di RELAZIONARSI con gli altri Avere buone capacità di RELAZIONARSI con gli altri essere coordinati e precisi nei MOVIMENTI essere coordinati e precisi nei MOVIMENTI ABILITÀ stare ATTENTO a lungo senza distrarsi stare ATTENTO a lungo senza distrarsi avere la capacità di ordinare le SEQUENZE avere la capacità di ordinare le SEQUENZE avere una corretta idea dello SPAZIO avere una corretta idea dello SPAZIO RICORDARE molte informazioni di diverso tipo Comprendere ed usare un LINGUAGGIO appropriato Comprendere ed usare un LINGUAGGIO appropriato Sistema del PENSIERO SOCIALE Sistema del PENSIERO SOCIALE Sistema MOTORIO Sistema MOTORIO SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO Sistema LINGUISTICO Sistema LINGUISTICO Avere buone capacità LOGICHE e di risoluzione di situazioni problematiche Avere buone capacità LOGICHE e di risoluzione di situazioni problematiche Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema del PENSIERO SUPERIORE I 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento Percezione stimoli inviati dai canali sensoriali e loro integrazione Percezione stimoli inviati dai canali sensoriali e loro integrazione Sistemi PERCETTIVI Sistemi PERCETTIVI 22

23 SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI I 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento Sistemi PERCETTIVI Sistemi PERCETTIVI 23

24 Come si traggono informazioni sul mondo? informazioni (dati) nellambiente esperienza precedente REALTA FISICA discrepante conoscenza del mondo REALTA FENOMENICA (percepita dal soggetto) PERCEZIONE Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 24

25 memoria visiva riconoscimento immaginazione movimento percezione degli oggetti simultanea analisi profondità moving fast oggetti orientamento PERSONE TEMPO SPAZIO Disturbi visuocognitivi: disordini delle abilità visive complesse sottese dallanalisi e dallelaborazione dellinformazione visiva. MENTE VISIVA Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 25

26 ABILITÀ SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc. di Neurolinguistica UNI. PV- I 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento Sistemi PERCETTIVI Sistemi PERCETTIVI 26

27 Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc. di Neurolinguistica UNI. PV- Controlli dellenergia mentale Controlli della produzione Controlli della ricezione continuità vigilanza ciclo sonno-sveglia sforzo mentale selezione concentrazione elaborazione mentale soddisfazione profondità dei dettagli preventivo della qualità del ritmo del rinforzo delle azioni 27

28 Controllo dellimpulsività Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Controlli della produzione OPZIONI La capacità di valutare la previsione, e la capacità di selezionare le varie opzioni porta a controllare limpulsività. Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Controlli della produzione PREVENTIVO Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Controlli della produzione RITMO ++ = Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 28

29 Il paradosso è che la scuola forza i ragazzi a fare le cose con la maggiore rapidità possibile. Devono scrivere e pensare in fretta, ricordare allistante, rispettare il tempo assegnato per le prove nonché termini e scadenze strettissimi. I frenetici ritmi pedagogici sono lesatto contrario di quelli naturali del cervello che apprende. Mel Levine DOBBIAMO AIUTARE I NOSTRI RAGAZZI A DIVENTARE RIFLESSIVI E NON IMPULSIVI!!!!! Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 29

30 I 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- Sistemi PERCETTIVI Sistemi PERCETTIVI 30

31 Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO MEMORIA A BREVE TERMINE MEMORIA A LUNGO TERMINE MEMORIA DI LAVORO Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 31

32 i 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO Sistema LINGUISTICO Sistema LINGUISTICO Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- Sistemi PERCETTIVI Sistemi PERCETTIVI 32

33 Pragmatica Semantica Fonologia Suono Significato Contesto Lessico Morfologia Sintassi Grammatica Conversazione Funzioni comunicative Discorso Natura del linguaggio e dei suoi sottosistemi Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 33

34 I 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO Sistema LINGUISTICO Sistema LINGUISTICO Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- Sistemi PERCETTIVI Sistemi PERCETTIVI 34

35 Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE PERCEZIONE RICORDO CREAZIONE ORGANIZZAZIONE PENSIERO DI LIVELLO SUPERIORE dalla percezione degli stimoli ambientali alla rappresentazione mentale Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE 35

36 I 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento Sistema MOTORIO Sistema MOTORIO SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO Sistema LINGUISTICO Sistema LINGUISTICO Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 36

37 COGNIZIONECOGNIZIONE AZIONE PERCEZIONE IL CIRCUITO Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 37

38 Sistema MOTORIO PROGETTAZIONE dellAZIONE PROGETTAZIONE dellAZIONE SCOPO (bisogno interno) SCOPO (bisogno interno) MONITORAGGIO cognitivo MONITORAGGIO cognitivo Memoria implicita Memoria implicita FINALIZZATA FINALIZZATA aggiustamento RICHIESTA (dallesterno) RICHIESTA (dallesterno) Sistema uditivo Elaborazione linguistica Aspetti emotivi (regolazione) Sistema uditivo Elaborazione linguistica Aspetti emotivi (regolazione) Rilevazione dati fisici PIANIFICAZIONE sviluppo del programma motorio PIANIFICAZIONE sviluppo del programma motorio ANTICIPAZIONE della STRATEGIA ANTICIPAZIONE della STRATEGIA Lo scopo è pienamente raggiunto? Lo scopo è pienamente raggiunto? COGNIZIONECOGNIZIONE ATTENZIONEATTENZIONE AZIONE PERCEZIONE 38

39 FINEMOTORIO GRAFOMOTORIO OROMOTORIO (LINGUAGGIO) MOTORIO MUSICALE Sistema MOTORIO Sistema MOTORIO GROSSOMOTORIO Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 39

40 SISTEMA SOCIO AMBIENTALE E AFFETTIVO COMUNICATIVO Motivazione Ambiente Interazione Emotività SISTEMA COGNITIVO Capacità di generalizzazione e adattamento Simbolizzazione Capacità di previsione – di fare ipotesi – di immaginazione – di rappresentazione PRASSIA FUNZIONE COGNITIVA ADATTIVA STRUTTURA PROCESSANTI Recettività Percezione Memoria Azione PROCESSI DI CONTROLLO (Livello metacognitivo) Attenzione Memoria Strategie di Organizzazione Autoregolazione Capacità di integrare più abilità Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 40

41 I 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema MOTORIO Sistema MOTORIO SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO Sistema LINGUISTICO Sistema LINGUISTICO Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- Sistemi PERCETTIVI Sistemi PERCETTIVI 41

42 Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema del PENSIERO SUPERIORE Pensiero concettuale Pensiero orientato alla soluzione di problemi Pensiero critico Pensiero creativo Pensiero guidato da regole I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta. A. De Saint-Exupéry Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 42

43 I 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento Sistema MOTORIO Sistema MOTORIO SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO Sistema LINGUISTICO Sistema LINGUISTICO Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- Sistemi PERCETTIVI Sistemi PERCETTIVI Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema del PENSIERO SOCIALE Sistema del PENSIERO SOCIALE 43

44 Sistema del PENSIERO SOCIALE Sistema del PENSIERO SOCIALE CAPACITÀ DI COMPRENDERE: le intenzioni e i sentimenti degli altri le regole sociali i comportamenti codificati Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 44

45 CAPACITÀ DI COMPRENDERE: le intenzioni e i sentimenti degli altri Sistema del PENSIERO SOCIALE Sistema del PENSIERO SOCIALE Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 45

46 I 9 sistemi implicati nei processi dello sviluppo e dell apprendimento Sistema del PENSIERO SOCIALE Sistema del PENSIERO SOCIALE Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema MOTORIO Sistema MOTORIO SISTEMI NEUROEVOLUTIVI SISTEMI NEUROEVOLUTIVI Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO Sistema LINGUISTICO Sistema LINGUISTICO Sistema PERCETTIVO Sistema PERCETTIVO 46

47 Sistema del PENSIERO SOCIALE Sistema del PENSIERO SOCIALE Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema del PENSIERO SUPERIORE Sistema MOTORIO Sistema MOTORIO Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di controllo dellATTENZIONE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SEQUENZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema di Ordinamento SPAZIALE Sistema MNEMONICO Sistema MNEMONICO Sistema LINGUISTICO Sistema LINGUISTICO Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 47

48 DI FRONTE ALLE PRIME DIFFICOLTÀ SCOLASTICHE… È IMPORTANTE … AGIRE SUBITO PER SOSTENERE OGNI SINGOLO BAMBINO nella sua specificità 48

49 Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 49

50 Allargare la visione della punta delliceberg a tutti i processi sottostanti Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV- 50


Scaricare ppt "Carlo Muzio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, doc.di Neurolinguistica UNI.PV Sistemi Neuroevolutivi e sviluppo delle."

Presentazioni simili


Annunci Google