La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I difetti della vista U 3 Carate Brianza Educazione alla salute Dr. M.Pisani.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I difetti della vista U 3 Carate Brianza Educazione alla salute Dr. M.Pisani."— Transcript della presentazione:

1 I difetti della vista U 3 Carate Brianza Educazione alla salute Dr. M.Pisani

2 I difetti della vista Miopia Ipermetropia Astigmatismo Presbiopia Ambliopia

3 Visione Il nostro sistema visivo funziona più o meno come una cinepresa. La messa a fuoco è assicurata dall'insieme di due lenti naturali, la cornea ed il cristallino, che rappresentano lobiettivo e l'oculare; tra le due lenti agisce l'iride, l'anello colorato che delimita la pupilla al centro e che, come il diaframma automatico della telecamera, regola la quantità di luce che entra dentro l'occhio.

4

5 Visione In un occhio normale i raggi luminosi, nella visione da lontano, convergono sullo strato pigmentato della retina per formare un'immagine a fuoco. L'immagine viene letta dalla nostra retina con un numero infinito di cellule sensoriali puntiformi e quindi trasmessa attraverso il nervo ottico (che fa da cavo) al cervello che elabora le informazioni visive provenienti dai due occhi unendole in un'unica impressione visiva.

6 Vie ottiche

7 Accomodazione Fino al 40° anno di età il cristallino presente nell'occhio è in grado di regolarsi in modo tale da consentirci una visione distinta sia da vicino che da lontano. Questo processo è noto come accomodazione.

8 0-1 mese Presta attenzione alla luce; limitata capacità di fissazione. 1-2 mesi Segue oggetti e luci in movimento; presta attenzione a stimoli nuovi e complessi. 2-3 mesi. Matura la capacità di convergenza, di fissazione e di focalizzazione. 3-4 mesi. Movimenti oculari più lineari ed aumento dell'acuità visiva; osserva e manipola oggetti 4-5 mesi. Sposta lo sguardo dagli oggetti alle parti del corpo; tenta di raggiungere e spostarsi verso gli oggetti; riconosce visi e oggetti familiari. 5-6 mesiRaggiunge e afferra gli oggetti. Come si forma la vista

9 Dopo i 6 mesi 6-7 mesi Movimenti oculari completi e coordinati; sposta lo sguardo da un oggetto all'altro. 7-8 mesi.Manipola gli oggetti guardandoli mesi.Manipola gli oggetti guardandoli mesi.Tutte le funzioni visive giungono a maturazione mesi.Appaia oggetti, imita azioni mesi. Appaia colori e forme; esplora visivamente oggetti distanti mesi. Appaia forme geometriche; disegna rudimentali cerchi mesi Buona percezione della profondità; riconosce molte forme.

10 Ipermetropia Non si vede bene da vicino Si vede abbastanza da lontano Si stanca molto locchio

11 Ipermetropia L'occhio ipermetrope è troppo corto. I raggi incidenti convergono in un punto dietro la retina, e qui si forma l'immagine, che viene percepita come annebbiata.

12 Miopia Non si riesce a vedere da lontano!!!! Si vede bene da vicino!!! E progressiva nelletà scolare Ereditaria

13 Miopia Si tratta in generale, di una condizione dovuta ad un'aumentata lunghezza dell'occhio oppure ad una eccessiva curvatura della cornea o del cristallino.

14 Miopia I raggi incidenti convergono in un punto davanti alla retina, dove viene a formarsi l'immagine. Dato che l'immagine non raggiunge la retina, viene percepita un'immagine più o meno annebbiata.

15 LAstigmatismo Difetto di curvatura della cornea o cristallino Si vedono le cose un po schiacciate e confuse Si presenta già alla nascita Non peggiora

16 Astigmatismo Nellastigmatismo la cornea, la parte più anteriore dellocchio, invece di avere una conformazione di tipo sferico ha più alla forma di un uovo, è cioè più curva in alcuni settori e meno in altri. L'immagine si forma contemporaneamente davanti e dietro la retina.

17 Astigmatismo Poiché sulla retina giunge un'immagine deformata, il soggetto percepisce un'immagine più o meno annebbiata.

18 Presbiopia Diminuisce la capacità contrattile del muscolo Non si vede da vicino dopo i 45 anni Si tende ad allontanare il foglio E un segno di invecchiamento!!!

19 Presbiopia Il potere di accomodazione, massimo nell'infanzia dove è pari a circa 14 diottrie, si riduce progressivamente con l'età (a trentasei anni è pari circa a 7 diottrie, cioè dimezzato) e si esaurisce del tutto tra i sessanta e sessantacinque anni. Questa progressiva perdita del potere di accomodazione è nota come presbiopia, essa è dunque dovuta al fatto che il cristallino non è più in grado di modificare la sua curvatura a causa del suo progressivo indurimento e ingrossamento (con conseguente allentamento delle fibre zonulari), nonché dell'indebolimento del muscolo ciliare.

20

21 Presbiopia Tutto questo si traduce clinicamente in un progressivo allontanamento del cosiddetto punto prossimo, cioè il punto più vicino che si riesce a mettere a fuoco con il massimo potere di accomodazione. Il punto prossimo, a 10 anni è a circa 7-8 centimetri dall'occhio, a 45 anni a 25 centimetri ed a 60 anni è a circa 1 metro.

22 Presbiopia Molto importante da tener presente è il fatto che ogni apparente miglioramento della presbiopia dopo il 65 anni deve sempre far pensare ad una miopizzazione dovuta ad una variazione dell'indice di rifrazione del cristallino che si verifica nella cataratta (malattia caratterizzata dalla progressiva opacizzazione del cristallino, che in condizioni normali è trasparente).

23 Cataratta nucleare Dottore sa che vedo meglio da lontano se tolgo gli occhiali?!?

24 Ambliopia – occhio pigro Locchio sembra normale ma non vede!!! Bisogna scoprire il difetto nei primi anni di vita E necessario chiudere temporaneamente locchio migliore

25 Ambliopia L'ambliopia (comunemente "occhio pigro"), può essere definita una "diminuzione mono o bilaterale dell'acuità visiva, senza causa apparente, che con terapia idonea può essere risolta". In tale definizione compaiono due aspetti fondamentali della patologia in questione: l'eziopatogenesi, che non è ancora completamente nota e la possibilità di un'adeguata terapia, se intrapresa precocemente.

26 Ambliopia Perché si manifesti un'ambliopia è necessario che la causa che la provoca agisca nel periodo cosiddetto plastico dello sviluppo visivo, che, nell'uomo, si è visto estendersi dalla nascita fino ai 7-8 anni di vita.

27 Forme ambliopia strabica, in cui l'ambliopia è la conseguenza e non la causa della deviazione, in quanto l'ambliopia rappresenta un meccanismo di difesa da parte del cervello, per evitare diplopia e confusione

28 Forme ambliopia anisometropica, causata da una notevole differenza di refrazione tra i due occhi, il che comporta un'incapacità della corteccia occipitale a fondere immagini retiniche di diversa grandezza.

29 Trattamento dei difetti visivi Occhiali Lenti a contatto Chirurgia Esercizi ortottici (ambliopia)

30 Occhiali Devono essere grandi per aumentare il campo visivo Calzare bene sul naso e sulle orecchie Ne troppo pesanti ne troppo leggeri Per i bimbi lenti infrangibili

31

32 Lenti a contatto Morbide Semi-rigide Rigide A curvatura inversa (per la notte)

33 Correzione chirurgica dei difetti visivi Laser ad Eccimeri Laser a Femtosecondi Facoemulsificazione e sostituzione del cristallino Inserti intra-corneali

34 Correzione della miopia Occhiali Lenti a contatto Laser Eccimeri Sostituzione del cristallino Anelli intra-corneali

35 Correzione della miopia Occhiali Per tutte le età Tutte le diottrie Scomoda lattività sportiva

36 Correzione della miopia Lenti a contatto Mai prima dei anni Ottime per attività sportive e per il tempo libero Morbide sono molto confortevoli Rigide danno una qualità della visione superiore Tutte le diottrie Attenzione alle infezioni

37 Correzione della miopia Laser Eccimeri Dopo i anni di età Ottimo per le miopie medie 3-7 diottrie Risoluzione definitiva

38 Correzione della miopia Sostituzione del cristallino Dopo i anni di età Ottimo per le miopie medio- elevate diottrie Risoluzione definitiva Tecnica invasiva

39 Correzione della miopia Anelli intra-corneali Per le basse diottrie Procedura reversibile Non indebolisce la cornea perchè non toglie tessuto

40 Correzione della ipermetropia Occhiali Lenti a contatto Laser ad Eccimeri

41 Correzione della ipermetropia Occhiali Per tutte le età Tutte le diottrie Cambiano lestetica del viso (occhi grandi)

42 Correzione della ipermetropia Lenti a contatto Mai prima dei anni Ottime per attività sportive e per il tempo libero Morbide sono molto confortevoli Rigide danno una qualità della visione superiore Tutte le diottrie Attenzione alle infezioni

43 Correzione della ipermetropia Laser Eccimeri Dopo i 40 anni di età Ottimo per le diottrie medie 2-4 Risoluzione non definitiva regressione del difetto

44 Correzione della ipermetropia Sostituzione del cristallino Dopo i anni di età Ottimo per le diotttrie medio- elevate 5-7 diottrie Risoluzione definitiva Tecnica invasiva

45 Correzione dellastigmatismo Occhiali Lenti a contatto Laser Eccimeri

46 Correzione dellastigmatismo Occhiali Per tutte le età Tutte le diottrie Attenzione allasse e alla centratura Mai di forma rotonda

47 Correzione dellastigmatismo Lenti a contatto Solo lenti semirigide o rigide danno unottima visione Quelle morbide solo per le basse diottrie

48 Correzione dellastigmatismo Laser Eccimeri Dopo i 20 anni di età Ottimo per le medie diottrie Risoluzione definitiva

49 Correzione della presbiopia Occhiali Lenti a contatto Laser a Eccimeri o Femtosecondi Sostituzione del cristallino Inserti corneali Cheratoplastica conduttiva Modificazioni sclerali

50 Correzione della presbiopia Occhiali Per tutti Bifocali Mutifocali o progressivi Tecnica reversibile Adeguata ad ogni esigenza

51

52 Correzione della presbiopia Lenti a contatto Solo per le forme iniziali con poca carenza di accomodazione Reversibile Ottime per tempo libero Attenzione alle infezioni

53 Correzione della presbiopia Laser a Eccimeri o Femtosecondi Incisioni anulari intracorneali di alta precisione concentriche 2-4 mm.dallasse visivo Tecnica nuovissima Migliora di poco la capacità visiva da vicino senza occhiali Monovisione: un occhio corretto per lontano e uno per vicino

54 Laser a Femtosecondi

55 Correzione della presbiopia Sostituzione del cristallino Cristallini artificiali multifocali Tolgono la dipendenza dagli occhiali Possono dare aloni in certe condizioni luminose (guida notturna) Possono correggere tutte le diottrie

56 Correzione della presbiopia Cheratoplastica conduttiva a radiofrequenza, con laser Holmium Yag, CO2 laser, a Diodi Riscaldamento della cornea in vari punti Regressione del difetto Per basse diottrie Non toglie tessuto Non incide sullasse visivo Modifica le fibre della cornea con singoli spot a formare un anello

57 Correzione della presbiopia Modificazioni sclerali con laser In fase di studio Tecnica che aumenta la capacità contrattile del muscolo ciliare

58 Correzione della presbiopia Inserti corneali Anelli intra-corneali Occhio dominante per lontano Inserti lenticolari hydrogel occhio non-dominante Procedura reversibile

59 Conclusioni ipermetropiamiopiaastigmatismopresbiopia occhiali Occhiali Lenti a contatto Laser Faco Laser Faco

60 Grazie per lattenzione Dr. M. Pisani Ambulatorio a Sovico Ospedale Niguarda CaGranda


Scaricare ppt "I difetti della vista U 3 Carate Brianza Educazione alla salute Dr. M.Pisani."

Presentazioni simili


Annunci Google