La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare.Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare. La cosa difficile è conoscere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare.Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare. La cosa difficile è conoscere."— Transcript della presentazione:

1 Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare.Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare larmonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è unorchestra che prova la stessa sinfonia da Diario di Scuola di Daniel Pennac Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare.Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare larmonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è unorchestra che prova la stessa sinfonia da Diario di Scuola di Daniel Pennac

2 Lalunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI CURA DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI CURRICOLO PERSONALIZZATO CURRICOLO PERSONALIZZATO DIVERSIFICAZIONE DELLE PROPOSTE DIDATTICHE DIVERSIFICAZIONE DELLE PROPOSTE DIDATTICHE Lalunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI CURA DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI CURRICOLO PERSONALIZZATO CURRICOLO PERSONALIZZATO DIVERSIFICAZIONE DELLE PROPOSTE DIDATTICHE DIVERSIFICAZIONE DELLE PROPOSTE DIDATTICHE

3 Una scuola accogliente e inclusiva ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI CON DISABILITA ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI CON DISABILITA ATTENZIONE ALLE SITUAZIONI DI DISAGIO ATTENZIONE ALLE SITUAZIONI DI DISAGIO ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI Una scuola accogliente e inclusiva ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI CON DISABILITA ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI CON DISABILITA ATTENZIONE ALLE SITUAZIONI DI DISAGIO ATTENZIONE ALLE SITUAZIONI DI DISAGIO ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI

4 Flessibilità organizzativa e didattica MODIFICA DELLE UNITA DI LAVORO MODIFICA DELLE UNITA DI LAVORO SUPERAMENTO DELLUNITARIETA DEL GRUPPO CLASSE SUPERAMENTO DELLUNITARIETA DEL GRUPPO CLASSE IMPIEGO PIU FUNZIONALE DELLE RISORSE PROFESSIONALI IMPIEGO PIU FUNZIONALE DELLE RISORSE PROFESSIONALI DIDATTICA MODULARE DIDATTICA MODULARE Flessibilità organizzativa e didattica MODIFICA DELLE UNITA DI LAVORO MODIFICA DELLE UNITA DI LAVORO SUPERAMENTO DELLUNITARIETA DEL GRUPPO CLASSE SUPERAMENTO DELLUNITARIETA DEL GRUPPO CLASSE IMPIEGO PIU FUNZIONALE DELLE RISORSE PROFESSIONALI IMPIEGO PIU FUNZIONALE DELLE RISORSE PROFESSIONALI DIDATTICA MODULARE DIDATTICA MODULARE

5 Continuità educativa e didattica INIZIATIVE DI CONOSCENZAINIZIATIVE DI CONOSCENZA DELLA STRUTTURA E DEL MODO DI FARE SCUOLA ATTIVITA DIDATTICHE IN COMUNEATTIVITA DIDATTICHE IN COMUNE TEST DI INGRESSO CONDIVISITEST DI INGRESSO CONDIVISI FREQUENTI CONTATTIFREQUENTI CONTATTI E GRUPPI DI LAVORO MISTI DI DOCENTI Continuità educativa e didattica INIZIATIVE DI CONOSCENZAINIZIATIVE DI CONOSCENZA DELLA STRUTTURA E DEL MODO DI FARE SCUOLA ATTIVITA DIDATTICHE IN COMUNEATTIVITA DIDATTICHE IN COMUNE TEST DI INGRESSO CONDIVISITEST DI INGRESSO CONDIVISI FREQUENTI CONTATTIFREQUENTI CONTATTI E GRUPPI DI LAVORO MISTI DI DOCENTI

6 Star Bene a Scuola CREAZIONE DI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO RILASSATICREAZIONE DI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO RILASSATI SUPPORTO DEGLI EDUCATORI COMUNALISUPPORTO DEGLI EDUCATORI COMUNALI FLESSIBILITA ORARIAFLESSIBILITA ORARIA ATTIVITA IN PICCOLI GRUPPIATTIVITA IN PICCOLI GRUPPI SPORTELLO DI ASCOLTOSPORTELLO DI ASCOLTO INTERVENTI DI ESPERTI ESTERNIINTERVENTI DI ESPERTI ESTERNI

7 Obiettivi educativi Obiettivi educativi Obiettivi cognitivi Obiettivi cognitivi Rilevazione in ingressoRilevazione in ingresso Progettazione degli interventiProgettazione degli interventi Monitoraggio in itinereMonitoraggio in itinere Verifica e valutazioneVerifica e valutazione Obiettivi educativi Obiettivi educativi Obiettivi cognitivi Obiettivi cognitivi Rilevazione in ingressoRilevazione in ingresso Progettazione degli interventiProgettazione degli interventi Monitoraggio in itinereMonitoraggio in itinere Verifica e valutazioneVerifica e valutazione

8 Intercultura A scuola per crescere come cittadini del mondo P rima A lfabetizzazione Per i nuovi arrivati Per i nuovi arrivati S econda A lfabetizzazione Per chi riesce a comunicare Per chi riesce a comunicare S ostegno alla L ingua dello S tudio Per proseguire Per proseguire I niziative c ulturali Per lintegrazione Per lintegrazione

9 Curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE CURRICOLO VERTICALE DEFINIZIONE DEI TRAGUARDI DI COMPETENZE DEFINIZIONE DEI TRAGUARDI DI COMPETENZE TRAGUARDI ESSENZIALI E SUCCESSO FORMATIVO TRAGUARDI ESSENZIALI E SUCCESSO FORMATIVO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PROVA NAZIONALE PROVA NAZIONALE UNA BUONA PREPARAZIONE IN: UNA BUONA PREPARAZIONE IN: Italiano, Matematica, Lingua inglese, Scienze Curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE CURRICOLO VERTICALE DEFINIZIONE DEI TRAGUARDI DI COMPETENZE DEFINIZIONE DEI TRAGUARDI DI COMPETENZE TRAGUARDI ESSENZIALI E SUCCESSO FORMATIVO TRAGUARDI ESSENZIALI E SUCCESSO FORMATIVO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PROVA NAZIONALE PROVA NAZIONALE UNA BUONA PREPARAZIONE IN: UNA BUONA PREPARAZIONE IN: Italiano, Matematica, Lingua inglese, Scienze

10 VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Voti numerici espressi in decimi riportati in lettere sulla scheda Sono ammessi alla classe successiva gli alunni un voto non inferiore a 6/10 in tutte le discipline Le scuole si impegnano, in presenza di carenze di preparazione, a migliorare lefficacia dellapprendimento (Patto formativo, lezioni di recupero, ecc.) In caso di ammissione allanno successivo con carenze negli apprendimenti deliberata dal Consiglio di classe, nel documento di valutazione è inserita una nota che riporta i contenuti delle lacune e il lavoro da svolgere per recuperarle Agli allievi che devono recuperare è offerta la possibilità di lezioni di recupero la settimana prima dellinizio della scuola

11 VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO … La votazione sul comportamento è attribuita collegialmente dal Consiglio di Classe e concorre con le altre discipline alla determinazione della media complessiva dei voti in tutti i casi previsti dalla norma. La scuola stabilisce degli ambiti di osservazione del comportamento: Partecipazione, impegno, collaborazione, rispetto delle persone e rispetto dellambiente scolastico. Questi vengono osservati e valutati in ingresso (ottobre) Alla fine del I quadrimestre Alla fine dellanno Ai genitori è consegnata una scheda informativa del comportamento dei propri figli

12 Cittadini di oggi e di domani CITTADINANZA E COSTITUZIONE PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

13 il Dirigente Scolastico, il genitore/tutore e lalunno …………………………………………………………………… Visto lart. 3 del DPR 235/2007; Preso atto che la formazione e leducazione sono processi complessi e continui che richiedono la cooperazione, oltre che degli allievi, della scuola, della famiglia e dellintera comunità scolastica e che il Piano dellOfferta Formativa si può realizzare solo attraverso la partecipazione responsabile di tutte le sue componenti; sottoscrivono il seguente Patto Educativo di Corresponsabilità

14 1) Valorizzazione della persona La scuola si impegna a garantire un piano formativo volto a promuovere il benessere, la valorizzazione della persona e la realizzazione umana. La famiglia prende visione con i ragazzi della proposta educativa della scuola e ne fa oggetto di attenta discussione. Lo studente si impegna a condividere con gli insegnanti e la famiglia il piano formativo della scuola. 2) Formazione culturale La scuola si impegna a garantire una formazione culturale qualificata, aperta alla pluralità delle idee e nel rispetto dei tempi di crescita di ognuno. La famiglia valorizza listituzione scolastica e collabora con i docenti, nel rispetto delle scelte educative e didattiche condivise. Lo studente si impegna a garantisce lattenzione e la partecipazione, assolve ai propri impegni di studio, rispettando i tempi programmati, favorisce in modo positivo lo svolgimento dellattività didattica e formativa.

15 3) Valorizzazione delle potenzialità La scuola si impegna a valorizzare le potenzialità di ognuno, promuovere lo sviluppo delle capacità individuali e a valorizzare le potenzialità di tutti gli alunni. La famiglia si impegna a riconoscere ed accogliere le effettive potenzialità di ragazzo anche in ordine al futuro orientamento. Lo studente si impegna a dare il meglio di se stesso sia in funzione del risultato, sia, soprattutto, in funzione della maturazione personale globale. 4) Accoglienza e integrazione La scuola favorisce la piena integrazione di ognuno nel rispetto della sua unicità e a proporre percorsi mirati alla riduzione dello svantaggio e alla promozione di pari opportunità La famiglia si impegna a favorire e a valorizzare gli aspetti positivi di ciascuno. Lo studente si impegna ad accettare rispettare aiutare gli altri e i diversi da sé impegnandosi a comprendere le ragioni dei loro comportamenti.

16 5) Risoluzione dei conflitti La scuola si impegna a predisporre e mettere in atto strategie di composizione dei conflitti La famiglia si impegna a stimolare una riflessione su episodi di conflitto e di criticità, finalizzata alla ricomposizione dei contrasti. Lo studente si impegna a costruire il rapporto e il rispetto tra i compagni sviluppando situazioni di integrazione e solidarietà. 6) Integrazione stranieri La scuola promuove attività di integrazione, di prima alfabetizzazione degli studenti stranieri. Le famiglie straniere si impegnano a garantire la conoscenza della lingua italiana o attraverso la frequenza di corsi predisposti dalla scuola o proposti dal territorio. Gli studenti stranieri si impegnano a frequentare i corsi di alfabetizzazione.

17 7) Sicurezza e benessere La scuola si impegna progressivamente a garantire un ambiente salubre e sicuro, a rimuovere le barriere architettoniche, a promuovere il benessere, anche psicologico e ad informare i ragazzi circa le norme di sicurezza. La famiglia si impegna a trovare spazi di riflessione sui comportamenti che mettono a rischio la sicurezza dei ragazzi. Gli studenti si impegnano responsabilmente a prestare attenzione alle norme di comportamento che garantiscono la sicurezza e a rendere accogliente lambiente scolastico 8) Strumentazione tecnologica La scuola si impegna progressivamente ad offrire allutenza unaggiornata strumentazione tecnologica. La famiglia si impegna ad educare i ragazzi al rispetto dei beni comuni messi a disposizione e, accertata la responsabilità, a risarcire eventuali danni. Gli studenti si impegnano a rispettare lattrezzatura della scuola.

18 9) Valutazione La scuola si impegna a garantire una valutazione trasparente finalizzata a migliorare i processi formativi La famiglia si impegna a farsi parte attiva nella riflessione sui processi di apprendimento Lalunno si impegna a considerare il risultato raggiunto individuando i propri punti di forza e di debolezza al fine di migliorare il proprio rendimento. 10) Informazione La scuola si impegna a comunicare alla famiglia tramite libretto o circolare landamento didattico/disciplinare dei figli e le iniziative dellIstituto. La famiglia si impegna a prendere visione regolarmente delle circolari, delle comunicazioni e delle valutazioni provenienti dalla scuola. Lalunno si impegna a far firmare lesito delle verifiche sul libretto e a riconsegnare nei tempi richiesti, tagliandi e iscrizioni.

19 11) Organi collegiali La scuola si impegna ad offrire occasioni e spazi di partecipazione. La famiglia si impegna a partecipare attivamente agli organismi collegiali e a creare una rete di comunicazione tra i genitori. Lalunno si impegna a conoscere gli ambiti della partecipazione. 13) Frequenza La scuola si impegna a comunicare alla famiglia eventuali assenze prolungate. La famiglia si impegna a rispettare listituzione scolastica, a garantire la regolare frequenza dei propri figli alle lezioni e a giustificare assenze e eventuali ritardi. Gli studenti si impegnano a presentare puntualmente le giustificazioni.

20 14) Regolamento di Istituto La scuola si impegna a stendere il Regolamento di Istituto e il Codice di Disciplina e a renderli pubblici nella prima fase dellanno scolastico. La famiglia prende visione con i ragazzi del Regolamento di Istituto e del Codice di Disciplina e ne fa oggetto di attenta discussione. Gli studenti sono tenuti ad osservare il Regolamento di Istituto e le disposizioni in esso contenute, mantenendo nei confronti del Capo di Istituto, dei Docenti, del Personale tutto della scuola e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi.

21

22 ORARIO TEMPO NORMALE 990 ORE DI LEZIONE ANNUALI (29 settimanali) 33 ORE ANNUALI (approfondimento in materie letterarie (1 ora a settimana) ORARIO TEMPO PROLUNGATO 198 ORE ANNUALI (6 ore settimanali compreso la mensa) 1188 ORE ANNUALI (36 ore settimanali)

23 Tempo normale Italiano, storia, geografia 9 ore + 1 ora approfondimento Matematica e scienze6 ore Inglese3 ore Francese 2 ore tecnologia2 ore Arte e immagine2 ore Scienze motorie e sportive2 ore Musica2 ore Religione cattolica1 ore Totale30 ore

24 Tempo prolungato Italiano, storia, geografia 9 ore + 1 ora approfondimento Matematica e scienze6 ore Inglese3 ora Seconda lingua comunitaria 2 ore tecnologia2 ore Arte e immagine2 ore Scienze motorie e sportive2 ore Musica2 ore Religione cattolica1 ore Totale30 ore Attività e laboratori di ambito letterario2 ore Attività e laboratori di ambito scientifico2 ore Approfondimenti a scelta delle scuole …….. nelle discipline del Curricolo

25 oreLunedìmartedìmercoledìGiovedìVenerdìsabato I II III interv IV V Orario con frequenza di 6 giorni Tempo Normale (30 ore)

26 oreLunedìmartedìmercoledìGiovedìVenerdìsabato I II III IV V mensa 55 minuti VI VII VIII

27 oreLunedìmartedìmercoledìGiovedìVenerdìsabato I II III interv IV V mensa VI VII

28 oreLunedìmartedìmercoledìGiovedìVenerdìsabato I II III IV V mensa 55 minuti minuti minuti VI VII VIII

29 ATTIVITA OPZIONALI Nei pomeriggi liberi (martedì e giovedì) saranno proposte attività facoltative: Attività sportive (Centro Sportivo Scolastico) Aiuto ai compiti con volontari Lingua italiana per gli stranieri Certificazione linguistica Certificazione informatica –ECDL- Le attività, a frequenza libera, potranno essere svolte da personale esterno e potranno comportare un contributo da parte delle famiglie

30 FLESSIBILITA ORARIA Le unità orarie di 55 o 50 minuti sono recuperate dagli alunni con la frequenza pomeridiana obbligatoria di 2 pomeriggi in 6 settimane a tema: - settimana della solidarietà -settimana della memoria -settimana dei Diritti Umani -settimana dellambiente -settimana della sicurezza e dei comportamenti responsabili -settimana del gemellaggio In questi periodi le attività didattiche sono orientate, ognuna con le proprie specificità di metodi e di contenuti, dalla tematica proposta.

31

32 ATTIVITA LABORATORIALI UNA DIVERSA MODALITA DI APPRENDIMENTOUNA DIVERSA MODALITA DI APPRENDIMENTO ATTIVITA SCELTE DAGLI ALUNNIATTIVITA SCELTE DAGLI ALUNNI GRUPPI PIU OMOGENEIGRUPPI PIU OMOGENEI IMPARARE DALLESPERIENZA DIRETTAIMPARARE DALLESPERIENZA DIRETTA PERCORSI PERSONALIZZATIPERCORSI PERSONALIZZATI ATTIVITA LABORATORIALI UNA DIVERSA MODALITA DI APPRENDIMENTOUNA DIVERSA MODALITA DI APPRENDIMENTO ATTIVITA SCELTE DAGLI ALUNNIATTIVITA SCELTE DAGLI ALUNNI GRUPPI PIU OMOGENEIGRUPPI PIU OMOGENEI IMPARARE DALLESPERIENZA DIRETTAIMPARARE DALLESPERIENZA DIRETTA PERCORSI PERSONALIZZATIPERCORSI PERSONALIZZATI

33 SCRITTURA CREATIVA Dalla lingua del dovere al piacere di scrivere. GIORNALISMO Conoscenza ed utilizzo dei linguaggi del giornale Area Letteraria

34 GIOCHI MATEMATICI APPROFONDIMENTO DI MATEMATICA INFORMATICA LABORATORIO SCIENTIFICO Area Matematico - scientifica

35 LABORATORIO TEATRALE ARTE STRUMENTO MUSICALE Area Espressiva

36 Imparare ad Apprendere SOSTEGNO – COMPITI SU PIU AMBITI DISCIPLINARI Potenziamento METODO DI STUDIO CLASSI APERTE PER GRUPPI DI LIVELLO

37 Inglese CONVERSAZIONE (con insegnante madre-lingua) RECUPERO POTENZIAMENTO CERTIFICAZIONE LINGUISTICA Francese GEMELLAGGIO SCAMBI CULTURALI Lingue Straniere

38 CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO MULTISPORT GIOCHI DELLA GIOVENTU Educazione Fisica, Motoria e Sportiva

39 TEMPO PROLUNGATO Classi prime 2 oreLaboratorio scientifico Studio assistito Giornalismo Classi seconde 1 orainformatica 1 oraGiochi matematici Classi terze 1 orainglese 1 oramatematica

40 TEMPO PROLUNGATO Classi prime 1 oraScrittura creativa Laboratorio teatrale 1 orainformatica Classi seconde 2 oreLaboratorio scientifico Classi terze 1 orainformatica 1 oraarte

41

42 Progetti dIstituto PROGETTI DI ACCOGLIENZA EDUCAZIONE ALLAFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA EDUCAZIONE STRADALE PROGETTI DI EDUCAZIONE ALIMENTARE EDUCAZIONE AMBIENTALE SOSTEGNO AGLI APPRENDIMENTI DI BASE

43 Nuove tecnologie e comunicazione telematica Ampliamento dotazione informatica Aula video Lavagne Interattive Multimediali Sito internet

44 PROGETTO MUSICA TASTIERA CHITARRA CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO GIOCHI DELLA GIOVENTU Attività extracurriculari

45 PROGETTO MUSICA TASTIERA CHITARRA PROGETTO Scuole Aperte CORSO DI INGLESE CORSO DI INFORMATICA Per i genitori

46 ASSEMBLEE DI CLASSE ASSEMBLEE DI PLESSO ORGANI COLLEGIALI COMITATO GENITORI VALUTAZIONE DELSERVIZIO SCOLASTICO Partecipazione

47

48

49 Ledificio è a norma per… LIMPIANTO ANTINCENDIO LIMPIANTO ELETTRICO LASEGNALETICA SULLA SICUREZZA I SERVIZI PER I DISABILI Le Strutture

50 Oltre alle aule normali sono disponibili: AULETTE PER PICCOLI GRUPPI AULA DI ARTISTICA AULA VIDEO AULA CARTONAGGIO AULA INTERCULTURA AULA BIBLIOTECA e poi … Le Aule

51 Aula di musica 1

52 Aula di musica 2

53 Aula di musica 3

54 Laboratorio di scienze

55 Aula di informatica

56 ... e altri spazi

57 ... Oltre agli spazi aperti

58 …Arrivederci a GENNAIO … per OPEN DAY laboratori … ed entro il 27 febbraio per le ISCRIZIONI!!!


Scaricare ppt "Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare.Ogni studente suona il suo strumento, non cè niente da fare. La cosa difficile è conoscere."

Presentazioni simili


Annunci Google