La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. Progettare il seguente DataBase in relazione ai due esempi presenti in piattaforma, Modulo 4, esempi 1 e 2: Considerare le informazioni per la gestione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. Progettare il seguente DataBase in relazione ai due esempi presenti in piattaforma, Modulo 4, esempi 1 e 2: Considerare le informazioni per la gestione."— Transcript della presentazione:

1 1. Progettare il seguente DataBase in relazione ai due esempi presenti in piattaforma, Modulo 4, esempi 1 e 2: Considerare le informazioni per la gestione dei prestiti di una biblioteca personale. Il proprietario presta libri ai suoi amici, che indica semplicemente attraverso il nome o il soprannome (per evitare omonimie) e fa riferimento ai libri attraverso i titoli (non possiede libri con lo stesso titolo). Quando presta un libro prende nota della data prevista di restituzione. Definire uno schema di relazione per presentare queste informazioni, individuando opportuni domini per i vari attributi e mostrarne unistanza in forma tabellare; indicare la chiave (o le chiavi) della relazione. Valutare le eventuali esigenze di rappresentazione dei valori nulli, con i benefici e le difficoltà connesse. STUDENTE: TORTOSA NICLA MATRICOLA: CDL: CONSULENZA PROFESSIONALE PER LE AZIENDE

2 AMICI LIBRI PRESTITI 1 : N N : 1 N N SCHEMA ENTITÁ - RELAZIONI

3 PROGETTAZIONE CONCETTUALE In questo caso sono state individuate due entità: - AMICI - LIBRI

4 PROGETTAZIONE CONCETTUALE AMICI PER LENTITÀ AMICI SONO STATI INDIVIDUATI I SEGUENTI ATTRIBUTI: - Id amico: codice identificativo dellamico - Soprannome: nome che identifica univocamente lamico - Indirizzo: indirizzo dellamico - Numero di telefono: recapito telefonico dellamico

5 PROGETTAZIONE CONCETTUALE LIBRI PER LENTITÀ LIBRI SONO STATI INDIVIDUATI I SEGUENTI ATTRIBUTI: - Id libro: codice identificativo del libro - Titolo: titolo del libro - Autore: autore del libro - Genere: genere letterario - Numero pagine: numero delle pagine del libro

6 PROGETTAZIONE LOGICA DEFINIZIONI DELLE RELAZIONI AMICILIBRI 1 : N N : 1 N : N PRESTITI

7 PROGETTAZIONE LOGICA DEFINIZIONI DELLE RELAZIONI - Un amico può prendere in prestito più libri - Un libro può essere preso in prestito da diversi amici in diversi momenti

8 PROGETTAZIONE LOGICA DEFINIZIONI DELLE RELAZIONI Dalla relazione N : N deriva una ulteriore entità (PRESTITI) i cui attributi sono i seguenti: - Id prestito: codice identificativo del prestito - Data restituzione: data in cui il libro verrà restituito - Campo link alla tabella AMICI: definisce lamico che ha prelevato il libro - Campo link alla tabella LIBRI: definisce il libro prelevato dallamico

9 PROGETTAZIONE LOGICA DEFINIZIONI DELLE CARATTERISTICHE DEGLI ATTRIBUTI NOME CAMPOTIPO CAMPODIMENSIONEVINCOLINOTE Id AmicoNumericoIntero lungoPrimary Key SoprannomeTesto20Not null IndirizzoAlfanumerico30Not null Numero di telefonoAlfanumerico10 TABELLA AMICI

10 PROGETTAZIONE LOGICA DEFINIZIONI DELLE CARATTERISTICHE DEGLI ATTRIBUTI TABELLA LIBRI NOME CAMPOTIPO CAMPODIMENSIONEVINCOLINOTE Id LibroNumericoIntero lungoPrimary Key TitoloTesto20Not null AutoreTesto30Not null GenereTesto10Not null Numero pagineNumerico5Not null

11 PROGETTAZIONE LOGICA DEFINIZIONI DELLE CARATTERISTICHE DEGLI ATTRIBUTI PRESTITI NOME CAMPOTIPO CAMPODIMENSIONEVINCOLINOTE Id PrestitoNumericoIntero lungoPrimary Key Data restituzioneData20 FkAmicoPrestitoNumericoIntero lungoForeign KeyLink alla tabella amici FkLibroPrestitoNumericoIntero lungoForeign KeyLink alla tabella prestito

12 Istanza in forma tabellare Id AmicoSoprannomeIndirizzoNumero di telefono 1PolpettaVia de Rossi RagnoVia del mare VespaCorso Italia BassottoVia Giovinazzo MontagnaVia Trani Id libroTitoloAutoreGenereNumero pagine 1La coscienza di Zeno SvevoRomanzo800 2Cime tempestose BronteRomanzo400 3PinocchioCollodiRomanzo300 4Mille splendidi soli HosseiniRomanzo300 5Piccole donne AustenRomanzo1000

13 Id PrestitoData restituzioneFkAmicoPrestitoFkLibroPrestito Istanza in forma tabellare

14 Il valore nullo denota lassenza di un valore del dominio. Nel data base creato lunico attributo in cui può avere un senso inserire un valore nullo, è lattributo numero di telefono dellentità AMICI. Un altro caso si potrebbe verificare nel caso di un interrogazione al data base con cui si chieda la data restituzione di un libro e in realtà quel libro non è oggetto di prestito di conseguenza linterrogazione non restituirà alcun valore.

15 2. Si faccia il download della base di dati (figura pdf) scaricabile al link "Base dati Ospedale" che è presente nella sezione "Compiti". Individuare le chiavi ed i vincoli di integrità referenziale che sussistono nella base di dati in figura e che è ragionevole assumere siano soddisfatti da tutte le basi di dati sullo stesso schema. Individuare anche gli attributi sui quali possa essere sensato ammettere valori nulli. NOME CAMPO TIPO CAMPODIMENSIONEVINCOLINOTE Codalfanumerico4Primary key CognomeTesto20Not null NomeTesto20Not null PAZIENTI

16 REPARTI NOME CAMPO TIPO CAMPODIMENSIONEVINCOLINOTE Codtesto2Primary key NomeTesto20Not null PrimarionumericoIntero lungoForeign key Link alla tabella MEDICI NOME CAMPO TIPO CAMPODIMENSIONEVINCOLINOTE Matrnumerico4Primary key NomeTesto20Not null Cognometesto20Not null Repartotesto2Foreign key Link alla tabella REPARTI MEDICI

17 RICOVERI NOME CAMPO TIPO CAMPODIMENSIONEVINCOLINOTE PazienteAlfanumerico4Foreign key Link alla tabella PAZIENTI Iniziodata10Not null finedata10 Repartotesto2Foreign key Link alla tabella REPARTI Non vi sono a mio parere attributi che potrebbero ammettere valore nullo, lunico potrebbe essere lattributo Fine della tabella RICOVERI nel caso in cui il paziente registrato non sia stato ancora dimesso.


Scaricare ppt "1. Progettare il seguente DataBase in relazione ai due esempi presenti in piattaforma, Modulo 4, esempi 1 e 2: Considerare le informazioni per la gestione."

Presentazioni simili


Annunci Google