La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott.ssa Elena Campanini Psicologa psicoterapeuta Cattedrra di Psicologia Sociale della Salute Facoltà di Psicologia Università Vita-Salute San Raffaele.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott.ssa Elena Campanini Psicologa psicoterapeuta Cattedrra di Psicologia Sociale della Salute Facoltà di Psicologia Università Vita-Salute San Raffaele."— Transcript della presentazione:

1 Dott.ssa Elena Campanini Psicologa psicoterapeuta Cattedrra di Psicologia Sociale della Salute Facoltà di Psicologia Università Vita-Salute San Raffaele Milano Aspetti psicologici e motivazionali nei soggetti con problemi metabolici

2 Sindrome metabolica Patologia multifattoriale Fattori genetici Fattori psicologiciFattori sociali

3 Lèquipe...

4 Composizione dellèquipe Medico specialista Medico specialista Medico sportivo Medico sportivo Operatore metabolico Operatore metabolico Psicologo sport/salute Psicologo sport/salute

5 Le competenze psicologiche Psicologia della salute Psicologia dello sport Soggetto metabolico

6 Psicologia della salute Psicologia dello sport Modificazione di comportamenti non salutari Mental training Raggiungimento degli obiettivi Mantenimento della motivazione Le competenze psicologiche

7 Differenze fra un atleta e un metabolico È motivato È motivato Lavora per obiettivi Lavora per obiettivi È sistematico È sistematico Ha un rapporto peculiare con il suo corpo Ha un rapporto peculiare con il suo corpo Il movimento è divertimento Il movimento è divertimento È demotivato È demotivato Lavora per prescrizione Lavora per prescrizione È incostante È incostante Il suo corpo è una scomoda appendice Il suo corpo è una scomoda appendice Il movimento è fatica e sofferenza Il movimento è fatica e sofferenza È demotivato È demotivato Lavora per prescrizione Lavora per prescrizione È incostante È incostante Il suo corpo è una scomoda appendice Il suo corpo è una scomoda appendice Il movimento è fatica e sofferenza Il movimento è fatica e sofferenza

8 Il soggetto metabolico Soggetto

9 La motivazione fattore dinamico del comportamento animale e umano che attiva e dirige un organismo verso la meta... (U. Galimberti)

10 La motivazione...è la regolazione interna, energetica e direzionale del comportamento... Laspetto energetico e direzionale sono i costitutivi primi di ogni motivazione... Lambiente può motivare con stimoli o incentivi positivi o negativi

11 compliance Il grado in cui il comportamento del paziente coincide con la prescrizione del medico (Haynes,1979)

12 Il concetto di aderenza non implica soltanto ladesione alla prescrizione farmacologica, ma anche la messa in atto di comportamenti adattivi e funzionali alla cura

13 Aderenza Entrare in un programma di trattamento e portarlo avanti con continuità (persistency) Entrare in un programma di trattamento e portarlo avanti con continuità (persistency) Rispettare gli appuntamenti per le visite di controllo Rispettare gli appuntamenti per le visite di controllo Assumere i farmaci in modo corretto Assumere i farmaci in modo corretto Attuare appropriati cambiamenti nello stile di vita Attuare appropriati cambiamenti nello stile di vita Gestire correttamente i regimi terapeutici domiciliari Gestire correttamente i regimi terapeutici domiciliari Evitare comportamenti a rischio per la salute Evitare comportamenti a rischio per la salute

14 Lanon compliance propone una valutazione negativa del paziente, poiché gli attribuisce la completa responsabilità della mancata adesione alla terapia

15 Caratteristiche psicologiche Bassi livelli fiducia Bassi livelli fiducia Bassa autostima Bassa autostima Bassa novelty seeking Bassa novelty seeking Ansia/depressione Ansia/depressione Difficoltà di cambiamento Difficoltà di cambiamento difficoltà a cambiare stile di vita difficoltà a cambiare stile di vita difficoltà a prendersi cura di sè

16 Schema corporeo e movimento Quando la conoscenza del nostro corpo è incompleta o difettosa, saranno difettose anche tutte le azioni per le quali essa è assolutamente necessaria. Abbiamo bisogno dellimmagine corporea per iniziare i movimenti, particolarmente quando le azioni che vogliamo eseguire riguardano il corpo. Quando la conoscenza del nostro corpo è incompleta o difettosa, saranno difettose anche tutte le azioni per le quali essa è assolutamente necessaria. Abbiamo bisogno dellimmagine corporea per iniziare i movimenti, particolarmente quando le azioni che vogliamo eseguire riguardano il corpo. (P. Schilder: op. Cit.)

17 Limmagine del corpo...il quadro mentale che ci facciamo del nostro corpo, vale a dire il modo in cui appare a noi stessi... Tale immagine è costantemente soggetta ad un continuo processo di strutturazione - destrutturazione ed è in perenne evoluzione... (P. Schilder: Immagine di sé e schema corporeo)

18 Percezione dello schema corporeo Lo schema corporeo è limmagine tridimensionale che ognuno ha di se stesso... Non è semplicemente una percezione, sebbene ci giunga attraverso i sensi, ma comporta schemi e rappresentazioni mentali... (P. Schilder: Immagine di sé e schema corporeo)

19 La percezione del corpo ipocinesia A-percezione Dispercezione dello schema corporeo Immagine di sè negativa Analfabetismo corporeo Analfabetismo corporeo

20 Analfabetismo corporeo Percezione del corpo sincretica Percezione del corpo sincretica Disattenzione ai segnali cinestesici, propriocettivi, enterocettivi. Disattenzione ai segnali cinestesici, propriocettivi, enterocettivi. Scoordinazione movimenti Scoordinazione movimenti Disinvestimento Disinvestimento

21 Difficoltà di riconoscere i segnali del proprio corpo Ansia stress fame Ipertensione/infarto Ipoglicemia/iperglicemia

22 = Relativo alla prestazione Raggiungimento ottimale di una prestazione o di un lavoro fisico Relativo alla salute Fattori della salute influenzati favorevolmente dallattività fisica regolare (Bouchard et al. 1985)

23 Prestazione agonistica Raggiungimento buono stato di salute Stabilizzazione o eliminazione di fattori di rischio

24 divertente aerobico Fitness metabolico media intensità non competitivo fitness come...

25 Cosa fare... Centralità del soggetto Centralità del soggetto Trattamento individualizzato Trattamento individualizzato Sedute in piccoli gruppi Sedute in piccoli gruppi Relazione positiva Relazione positiva Prevalenza lavoro a corpo libero Prevalenza lavoro a corpo libero Evitare gli specchi (solo fini correttivi postura) Evitare gli specchi (solo fini correttivi postura) Mental training Mental training

26 Evitare... Esercizi ripetitivi Esercizi ripetitivi Allenamento in solitudine Allenamento in solitudine Troppi macchinari Troppi macchinari

27 Annoiano Annoiano Demoralizzano Demoralizzano Diminuzione Diminuzione della propriocezione Perdità della centralità Perdità della centralità Perchè...

28 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Dott.ssa Elena Campanini Psicologa psicoterapeuta Cattedrra di Psicologia Sociale della Salute Facoltà di Psicologia Università Vita-Salute San Raffaele."

Presentazioni simili


Annunci Google