La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di alfabetizzazione informatica Dott. Marco Crocellà Network Administrator 7 dicembre 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di alfabetizzazione informatica Dott. Marco Crocellà Network Administrator 7 dicembre 2012."— Transcript della presentazione:

1 Corso di alfabetizzazione informatica Dott. Marco Crocellà Network Administrator 7 dicembre 2012

2 Programma Parte 1: Il computer e il Sistema Operativo Parte 2: Suite Microsoft Office Parte 3: Internet e Sicurezza Parte 4: Privacy

3 Parte 1 Il Computer e il Sistema Operativo

4 Le parti di un computer Il computer è formato da tante parti, chiamate periferiche, di input e di output: – Unità centrale – Monitor – Stampante – Etc…

5 La tastiera (input) La principale periferica di input è la tastiera Suddivisa in tre zone: – Area di scrittura – Tasti funzione – Tastierino numerico

6 Il mouse (input) Il mouse è normalmente composto da 2 (o più) tasti – Il tasto sinistro è quello di selezione, per lanciare programmi o selezionare oggetti – Il tasto destro apre il cosiddetto menù contestuale

7 Le componenti interne Le componenti interne fondamentali per il funzionamento di un computer sono: – Processore (CPU) – Memoria RAM – Hard Disk

8 Il processore Coordina in maniera centralizzata tutte le altre unità di elaborazione presenti Esegue le istruzioni dei programmi

9 Memoria RAM E volatile Immagazzina i dati e le istruzioni per permettere alla CPU di accedervi rapidamente Tempo di accesso nellordine dei ns

10 Hard Disk E un dispositivo di memoria di massa Il contenuto non è volatile Tempo di accesso nellordine dei ms

11 Altri dispositivi di archiviazione CD, DVD, Blu-Ray Penne USB Hard Disk esterni

12 Il sistema operativo E un software Gestisce lhardware Coordina il software Propone linterfaccia allutente

13 Il desktop E linterfaccia che permette ad un utente di usare un computer tramite icone e finestre

14 Cartelle e File Le cartelle sono contenitori – Possono contenere altre cartelle o file I file sono contenitori di informazioni – Licona contraddistingue il tipo di file

15 Il Drag & Drop Indica una successione di tre azioni – Cliccare su un oggetto (finestra o icona) – Trascinarlo (drag) – Rilasciarlo nella nuova posizione (drop)

16 La cancellazione dei file Premendo il tasto canc dopo aver selezionato il file Utilizzando il menù contestuale

17 Parte 2 Suite Microsoft Office

18 I componenti della famiglia Videoscrittura: Word Foglio Elettronico: Excel Presentazioni: Powerpoint Locandine: Publisher Posta elettronica: Outlook

19 Word Si può formattare il testo Funzioni di disegno di base

20 Interfaccia Ribbon

21 Interfaccia Ribbon (2)

22 Questo…..

23 … è un bottone!

24 Formattazione del testo

25 Excel Produzione e gestione dei fogli elettronici Foglio di calcolo composto da colonne e righe

26 Excel (2)

27 Excel (3) Selezionare intere colonne o righe

28 Excel (4) Associare una categoria ad una cella (o colonna, o riga)

29 Le formule La barra delle formule

30 Le formule (2)

31 Le formule (3)

32 Publisher Differisce da Word nellessere orientata più verso la grafica e laspetto estetico invece che sul testo

33 Publisher (2)

34 Publisher (3)

35 Powerpoint Programma per fare presentazioni Utilizzato per comunicare su schermo Possibilità di inserire animazioni

36 Powerpoint (2)

37 Parte 3 Internet e Sicurezza Informatica

38 Storia di Internet Arpanet (1969): finanziato dalla Defence Advanced Research Projects Agency (inglese: DARPA, Agenzia per i Progetti di ricerca avanzata per la Difesa) L'ampiezza di banda era di 50 Kbps Il servizio di posta elettronica fu inventato nel 1971

39 Storia di Internet 2 L'Italia fu il terzo Paese in Europa a connettersi in rete, dopo Norvegia e Inghilterra Nascita del World Wide Web (1991) Prima del 1995 Internet era dunque relegata ad essere una rete dedicata alle comunicazioni all'interno della comunità scientifica Dopo tale anno si assiste alla diffusione costante di accessi alla rete da parte di computer di utenti privati

40 Internet E una rete mondiale di reti di computer ad accesso pubblico Rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Protocolli comuni che costituiscono la lingua con cui i computer comunicano Ha rappresentato una rivoluzione tecnologica e sociologica

41 Internet (2) Fisicamente internet è composta da nodi interconnessi Collegamenti sia cablati che wireless Ogni dispositivo terminale connesso si chiama host

42 Internet (3) In quanto rete delle reti non possiede una topologia ben definita Collegamenti fra nodi si appoggiano fra loro secondo disponibilità e velocità

43 Internet (4) Le sottoreti componenti, le cosiddette intranet, possono essere protette Tipicamente il dispositivo di protezione è un firewall

44 La navigazione Un browser è un programma che consente di usufruire dei servizi di internet Ne esistono tantissimi e DOVREBBERO tutti rispettare degli standard di funzionamento

45 La navigazione (2)

46 I motori di ricerca

47 E un sistema automatico che analizza un insieme di dati spesso da esso stesso raccolti e restituisce un indice dei contenuti disponibili classificandoli in base a formule statistico- matematiche che ne indichino il grado di rilevanza data una determinata chiave di ricerca I motori di ricerca forniscono anche risultati sponsorizzati

48 La posta elettronica Chiunque può ricevere o inviare messaggi tramite un computer In assenza di problemi, un messaggio arriva dallaltra parte del mondo in massimo 10 minuti

49 La posta elettronica (2) Tipicamente si può usare tramite browser (web mail) o tramite programma dedicato

50 Web mail PRO – Si può controllare da qualsiasi posto del pianeta – Si ha sempre tutta la propria posta a portata di mano – Si può usare contemporaneamente da più dispositivi

51 Web mail CONTRO – Può essere soggetta a limitazioni di carattere tecnico – Non consultabile senza collegamento ad Internet – Normalmente più lenta e scomoda di un programma dedicato

52 Programma dedicato PRO – Ottime funzionalità di utilizzo – Capacità di archiviazione dipendente dal computer utilizzato (normalmente diversi ordini di grandezza maggiore rispetto alla Web mail) – Possibilità di consultazione anche senza collegamento

53 Programma dedicato CONTRO – A meno di configurazioni particolari, ununica stazione di invio/ricezione – Necessità di backup dei dati per evitarne la perdità in caso di guasto

54 Le Gli indirizzi hanno forma del tipo L'indirizzo di posta elettronica può contenere qualsiasi carattere alfabetico e numerico (escluse le accentate) e alcuni simboli come il trattino basso (_) ed il punto (.)

55 Le Un messaggio di posta elettronica è costituito da: una busta (envelope) una sezione di intestazioni (header) un corpo del messaggio (body)

56 La busta (envelope) Le informazioni a corredo del messaggio che vengono scambiate tra server, principalmente gli indirizzi di posta elettronica del mittente e dei destinatari In generale non sono interessanti per lutente Si possono paragonare al CAP di una città

57 Intestazioni (header) Oggetto: dovrebbe contenere una breve descrizione dell'oggetto del messaggio. È considerata buona educazione utilizzare questo campo per aiutare il destinatario a capire il contenuto del messaggio Da: contiene l'indirizzo di posta elettronica del mittente (generalmente informazione automatizzata)

58

59 Intestazioni (header) 2 A: contiene gli indirizzi di posta elettronica dei destinatari principali

60 Intestazioni (header) 3 Cc: contiene gli indirizzi di posta elettronica dei destinatari in copia conoscenza

61 Intestazioni (header) 4 Ccn: contiene gli indirizzi di posta elettronica dei destinatari in copia conoscenza nascosta

62 Corpo e allegati Il corpo del messaggio è composto dal contenuto informativo che il mittente vuol comunicare ai destinatari Originalmente composto di testo semplice In seguito è stata introdotta la possibilità di inserire dei file in un messaggio di posta elettronica (allegati)

63 Corpo e allegati 2

64 La Netiquette Unisce il vocabolo inglese network (rete) e quello di lingua francese étiquette (buona educazione) E un insieme di regole che disciplinano il comportamento di un utente di Internet

65 La Netiquette delle Se si manda un messaggio, è bene che esso sia sintetico e descriva in modo chiaro e diretto il problema Specificare sempre, in modo breve e significativo, l'oggetto Non scrivere in maiuscolo in un intero messaggio, poiché ciò vorrebbe dire urlare nei confronti dell'interlocutore

66 La Netiquette delle 2 Non pubblicare mai, senza l'esplicito permesso dell'autore, il contenuto di messaggi di posta elettronica Non inviare tramite posta elettronica messaggi pubblicitari o comunicazioni che non siano state sollecitate in modo esplicito Non allegare file di dimensioni eccessive Non impostare indiscriminatamente, per qualsiasi messaggio, il flag di importante e/o urgente

67 I Virus E un software che fa copie di se stesso senza essere rilevato dallutente Possono essere dannosi per il sistema operativo che li ospita Anche nel caso migliore comportano perlomeno spreco di risorse

68 Le fasi di vita di un virus Creazione: lo sviluppatore lo progetta Infezione: infetta il sistema Incubazione: presente nel sistema ma inattivo Attivazione: incomincia lazione dannosa Propagazione: il virus infetta file nella macchina e su altre macchine Rimozione: eliminazione del virus dal computer

69 I sistemi di protezione dai virus Antivirus Firewall personali LA PRUDENZA!!!

70 Il Backup Una copia di sicurezza o di riserva dei dati importanti Deve essere effettuato periodicamente I dati si devono trovare in posizioni fisicamente distinte

71 Parte 4 Privacy

72 La recente diffusione delle nuove tecnologie ha contribuito ad un assottigliamento della barriera della privacy, ad esempio la tracciabilità dei cellulari o la relativa facilità a reperire gli indirizzi di posta elettronica delle persone. In un contesto simile, mantenere lanonimato risulta spesso arduo Esiste perfino un metodo, chiamato social engineering, tramite cui i truffatori riescono a ottenere informazioni personali sulle vittime

73 Come difendersi Utilizzare password non banali e con codici alfanumerici. Evitare il più possibile di comunicare la propria password. Non aprire allegati di provenienti da utenti sconosciuti o sospetti. Utilizzo della crittografia

74 I social network Sono una piattaforma dove interagire con amici e parenti Formidabili veicoli di marketing per le aziende Sono interfacce web tecnologicamente avanzate

75 Problemi nei Social Network La linfa vitale dei Social Network sono i dati personali Gli utenti devono stare estremamente attenti nel fornire informazioni e dati personali Anche i siti social più famosi non sono esenti da insidie alla privacy

76 Privacy nei Social Network Usare le opzioni di condivisione dei dati Non lasciare i propri aggiornamenti di stato e i dati personali disponibili pubblicamente I datori di lavoro usano i Social Network per consultare i profili personali in vista di future assunzioni

77

78 Leggende metropolitane «Una bugia fa in tempo a viaggiare per mezzo mondo mentre la verità si sta ancora mettendo le scarpe.. » Mark Twain

79 La vera leggenda di Craig Shergold «Craig Shergold ha sette anni ed è un malato terminale di cancro. Il suo desiderio è di essere incluso nel Libro del Guinness dei Primati per il maggior numero di biglietti da visita mai collezionati da una persona. Craig vi sarebbe grato se voleste inviargli uno dei vostri biglietti da visita allindirizzo indicato.. Ovviamente, la velocità è essenziale... »

80 La vera leggenda di Craig Shergold il ragazzo di cui si sta parlando fortunatamente si è ripreso ed ora conduce una vita normale Lappello di cui sopra è iniziato a circolare nel 1989 in Inghilterra Il ragazzo guarì e riuscì a realizzare il suo sogno entrando nelledizione del 91 con la quota di cartoline

81 La vera leggenda di Craig Shergold La particolarità di questa storia sta nel fatto che lappello continua ancora oggi a girare Tonnellate di lettere e cartoline intasano lufficio postale di Wallington In questo caso si può sostenere che la realtà si è trasformata in leggenda metropolitana

82 Tipologie CHAIN LETTER – Possono considerarsi come un parassita nella comunicazione, un messaggio indesiderato che irrompe nella nostra routine con unaura di magia risvegliando in noi arcane paure e credenze – chiedono al lettore di essere forwardate – Fanno leva prevalentemente sui sentimenti

83 Tipologie Hoax (bufala) – Delle vere e proprie storie di solito in formato testo – Ad una persona attenta sono palesemente false – Hanno come target la persona media che non ha conoscenze specifiche dei temi trattati – Trovano terreno fertile nella nostra cultura, nel nostro sentire comune, nellinconscio collettivo

84 Tipologie Falsi Virus – Tutta una serie di allarmi riguardanti potenziali virus sempre più distruttivi – File che spierebbero il computer dellutente – Fanno leva sul fatto che ancora per molti Internet è uno strumento pieno di mistero

85 Perché hanno così tanta diffusione??? La grande facilità di utilizzo di un qualsiasi client di posta elettronica Lanonimato assicurato dallutilizzo di Internet (FALSO!) Mancanza di confini geografici La fiducia Le immagini

86

87 Esempi di testo «ATTENZIONE!!!!!! Se ricevete una intitolata "JOIN THE CREW" NON apritela! Cancellerebbe tutto dal vostro hard disk! » «PER FAVORE MANDA QUESTO MESSAGGIO A CHIUNQUE CONOSCI. » «Quando i tasti ctrl+alt+del oppure il tasto reset vengono premuti, il virus distrugge il Settore Zero, distruggendo così permanentemente lhard disk. »

88 Che male fa diffondere una bufala? Quelle che parlano di sostanze tossiche presenti nei prodotti più disparati danneggiano le aziende che li producono: questo significa danneggiare inevitabilmente anche i loro lavoratori Diffondere una bufala vi fa fare la figura degli ingenui che abboccano a qualsiasi storia senza prendersi la briga di verificarla e senza neppure chiedersi se sia plausibile

89 Che male fa diffondere una bufala? Le catene spedite dal posto di lavoro vi possono costare il lavoro! La diffusione di false notizie può portarvi in tribunale Quelle autentiche che contengono appelli per curare persone malate spesso proseguono per anni dopo la morte della persona citata

90

91 Cercare di bloccare queste catene

92 GRAZIE PER LATTENZIONE!


Scaricare ppt "Corso di alfabetizzazione informatica Dott. Marco Crocellà Network Administrator 7 dicembre 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google