La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – 06127 PERUGIA Tel. 075/5010600 Fax 075/5010746

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – 06127 PERUGIA Tel. 075/5010600 Fax 075/5010746"— Transcript della presentazione:

1 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L ANNO SCOLASTICO 2011/2012 M.I.U.R

2 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L M.I.U.R LA SCUOLA PRIMARIA FORMAZIONE VALUTAZIONE FUNZIONI E INCARICHI PROGETTI LETTURA DEL TERRITORIO LA SCUOLA DELLINFANZIA UNA SCUOLA AL PASSO CON I TEMPI

3 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L LETTURA DEL TERRITORIO ISTITUZIONE SCOLASTICA Il Contesto ambientale: La scuola è inserita in un territorio dalleconomia prevalentemente incentrata sui servizi e sul terziario avanzato. Il Secondo Circolo Didattico è composto da quattro plessi, dislocati nei quartieri Bellocchio, Madonna Alta e Cortonese che costituiscono aree ad alta urbanizzazione. Gli edifici scolastici, di costruzione abbastanza recente, sono dotati di idonee strutture: palestre, laboratori, aree verdi e adeguati sistemi di sicurezza.

4 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L LETTURA DEL TERRITORIO ISTITUZIONE SCOLASTICA SCUOLA PRIMARIA COMPAROZZI Via Magno Magnini 11, tel SCUOLA DELLINFANZIA CORTONESE Via Magno Magnini,8 tel

5 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L SCUOLA PRIMARIA BELLOCCHIO Via Pievaiola, 48, tel LETTURA DEL TERRITORIO ISTITUZIONE SCOLASTICA

6 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L SCUOLA PRIMARIA VILLAGGIO KENNEDY SCUOLA PRIMARIA DON MILANI Via Cotani 1, tel SCUOLA DELL'INFANZIA VILLAGGIO KENNEDY Via Cotani 1, tel LETTURA DEL TERRITORIO ISTITUZIONE SCOLASTICA

7 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L SCUOLA DELLINFANZIA SANTUCCI (ex Pian della Genna) str. Pian della Genna, tel LETTURA DEL TERRITORIO ISTITUZIONE SCOLASTICA

8 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L BIBLIOTECA COMUNALE - Le Nuvole CENTRO DI AGGREGAZIONE: PUNTO ARLECCHINO TEATRO DISTRETTO SOCIO-SANITARIO ASILO NIDO PUBBLICO E PRIVATO LA CIRCOSCRIZIONE E IL CVA CENTRI SPORTIVI PALESTRE SOCIETA SPORTIVE LETTURA DEL TERRITORIO Strutture e servizi esterni

9 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L UNA SCUOLA AL PASSO CON I TEMPI Il presente piano dellofferta formativa (P.O.F.), è il documento che identifica la nostra istituzione scolastica e il conseguente progetto didattico. I docenti di questo circolo, di là dalle possibili opinioni differenziate sui particolari, considerando il processo dintegrazione in atto nella comunità scolastica europea, consapevoli che il bambino è un giovanissimo cittadino della nostra società, tecnologica globale, preso atto della promulgazione delle Indicazioni per il curricolo per la scuola dellinfanzia e per il primo ciclo distruzione (Roma settembre 2007) pongono al centro della propria finalità educativa la costruzione di una persona equipaggiata di: valori culturali Grazie ai quali la persona diviene capace di pensare con la propria testa valori culturali Grazie ai quali la persona diviene capace di pensare con la propria testa valori civili Che rendono la persona responsabile e consapevole della non derogabilità dei propri diritti di cittadinanza valori civili Che rendono la persona responsabile e consapevole della non derogabilità dei propri diritti di cittadinanza valori esistenziali Che rendono la persona solidale ed impegnata a costruire un mondo popolato di donne e uomini nuovi valori esistenziali Che rendono la persona solidale ed impegnata a costruire un mondo popolato di donne e uomini nuovi

10 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L GLI OBIETTIVI EDUCATIVI DELLA NOSTRA SCUOLA Rispetto dellunità psico-fisica del bambino Nella scuola di base, la formazione deve tendere ad uno sviluppo integrale e armonico della persona, mirando tanto agli aspetti cognitivi, quanto a quelli fisici, affettivi e relazionali. Sviluppo di unidentità consapevole e aperta La scuola accoglie bambini già informati, ma deve integrare la frammentazione cognitiva, riorganizzando i saperi acquisiti e i necessari collegamenti. Sviluppo delle inclinazioni personali di ogni studente La scuola deve aiutare i bambini di oggi a scoprire le proprie inclinazioni personali e a sviluppare la propria autonomia, collocando al centro dellazione educativa e formativa la persona con le sue irripetibile caratteristiche e peculiarità, (centralità della persona). Le regole del vivere e del convivere In quanto comunità educante, la scuola genera una diffusa convivialità relazionale, intessuta di linguaggi affettivi ed emotivi, ed è anche in grado di promuovere la condivisione di quei valori che fanno sentire i membri della società come parte di una comunità vera e propria. Una nuova cittadinanza Compito della scuola è far percepire al bambino che ha dentro, attorno e davanti a sé una comunità di destino europea e planetaria. Memorie e condivisione delle radici storiche sono la base individuale del sentimento di identità e di appartenenza. Atteggiamento di ricerca La scuola deve fornire ai ragazzi gli strumenti per costruirsi una propria interpretazione del mondo e della realtà da mettere, costantemente, a confronto con l'interpretazione degli altri; in questo contesto, anche l'errore diventa elemento di riflessione e discussione nell'ambito del gruppo-classe Educazione all'impegno al senso di responsabilità e di legalità Ognuno può e deve "progettare" la propria esistenza nella massima libertà possibile, ma anche con il massimo rispetto per se stesso e per gli altri, aderendo agli impegni assunti e al senso di responsabilità. Promozione della cooperazione Il gruppo-classe e la comunità scolastica rappresentano due luoghi fondamentali per la crescita. La discussione e il confronto fra pari favoriscono non solo lo sviluppo sociale e affettivo, ma anche quello cognitivo La cooperazione, anche fra gruppi, classi e scuole diverse è uno strumento per consolidare e condividere conoscenze ed esperienze. A tal fine si intende concretizzare il prendersi cura di se stessi, degli altri, dellambiente e favorire forme di solidarietà. Nelle scuole del Circolo, si opera anche per favorire il recupero dello svantaggio socio-culturale e delle difficoltà individuali.

11 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L I FATTORI DI QUALITA DEL SERVIZIO SCOLASTICO Per una qualità eccellente del servizio scolastico, noi riteniamo indispensabili i seguenti fattori: La condivisione delle scelte educative La collaborazione di tutto il personale (docente, amministrativo e ausiliario) nella gestione dei problemi organizzativi della scuola. Il lavoro collegiale degli insegnanti Lattenzione al tema della continuità. Lattenzione e il rispetto della "diversità". Lattivazione di percorsi interculturali. La suddivisione delle competenze disciplinari fra gli insegnanti nella scuola primaria. Il raccordo interdisciplinare fra i docenti come garanzia dell'unitarietà dell'insegnamento. Lindividuazione di idonee procedure dinsegnamento. Lesistenza di traguardi irrinunciabili comuni e definiti collegialmente La disponibilità degli insegnanti ad intendere la valutazione come una operazione finalizzata alla modificazione dell'intervento didattico più che alla espressione di giudizi nei confronti degli alunni. La flessibilità organizzativa. Lutilizzazione razionale degli spazi educativi. Il rapporto costante fra insegnanti e famiglie. La disponibilità degli insegnanti alla sperimentazione, allinnovazione didattica e all'aggiornamento professionale.

12 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L DIRIGENTE Dott.ssa Anna Rita MIZZI Coordinatori di plesso Bellocchio: N.Coppola Comparozzi: P.Tini Don Milani: A. Perrotta Vill.Kennedy:L.Tiberini- P.Conversini Inf.Cortonese: G.Di Girolamo Inf.Santucci: N. Pucci Inf.Kennedy:F.Farabi Funzioni Strumentali AREA 1 S.Pacioselli P.Conversini AREA 2 L.Maggiorana AREA 3 P.Di Fabio N.Coppola AREA 4 N.Cento Addetti alla sicurezza Primo Soccorso Anticendio Sede Direzione Ata: A.Merone Sede Comparozzi Doc: A.Volpe Doc: P.Tini/ Ata: F.Barbagianni Sede Don Milani Doc: R. Alimenti Ata: L.Lorenzoni Ata: C.Ferroni S.Ficola Sede Villaggio Kennedy Doc: M.Mancinelli Doc: P.Dominici Ata: L.Lorenzoni Ata: A.M.Russomanno Sede Bellocchio Doc: S. Tardioli Ata: B.Faraco Sede Infanzia Cortonese Doc: R.Perugini Ata: R.Gaccione Sede Infanzia Santucci Doc: F.Giorgetti Doc: N.Pucci Ata: C.Riganelli Sede Infanzia Kennedy Doc: I. Fogu Doc:D. Chiaraluce Ata: P.Spighetti Ata: G.Bistoni Preposti Comparozzi: Patrizia Tini Cortonese: Stefanella Muzi Bellocchio: Luciana Bacci Santucci: Floriana Giorgetti Vill. Kennedy/Don Milani: Marco Mancinelli Inf. Kennedy: Daniela Chiaraluce RSL Concetta Ferroni D.S.G.A Patrizia Rossi Ass.ti amministrativi Allegrucci Franca Merone Antonio Pascolini Simonetta Pepe Rosina ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Collaboratore Vicario Loriana Tiberini Collaboratore Adriana Perrotta Responsabili lab. informatica Vill.Kennedy/Don Milani: C. Ciri Comparozzi: P.Tini Bellocchio: S Tardioli. Tecn. Lab M, Corbelli Webmaster sito: Perrotta A.

13 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L Presiedere in sostituzione del D.S. i Consigli di Istituto; Verificare giornalmente le assenze operando le sostituzioni Curare la diffusione e conservazione delle circolari Segnalare tempestivamente le emergenze Vigilare sul rispetto del Regolamento Curare i rapporti con le famiglie Curare i rapporti con il personale ausiliario e di cucina per la qualità dei servizi di pulizia ed igiene; nonché i rapporti con il rappresentante del Comitato Mensa Genitori per la regolarità e la qualità della fornitura di beni e servizi, se è presente il servizio mensa Partecipare alle riunioni periodiche dello Staff di dirigenza Eil consegnatario dei sussidi dei quali, dopo averne preso carico, ne cura il corretto utilizzo tenendo aggiornato lapposito registro Collaborare con il D.S. nella redazione dei materiali didattici risultanti dalle attività di studio e di ricerca-azione che la scuola intende intraprendere Collaborare con il D.S. e gli insegnanti F.S. nella redazione dei documenti fondamentali della scuola relativi a verifiche, valutazione, certificazione delle competenze Controllare firme docenti alle attività collegiali programmate Curare laccoglienza dei nuovi docenti e dei supplenti Collaborare con il D.S. a redigere circolari docenti-alunni su argomenti specifici Partecipazione alle riunioni mensili di staff COLLABORATORI COORDINATORI DI PLESSO FUNZIONI E INCARICHI

14 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L AREA1 Collaborazione stesura e monitoraggio POF Revisione POF Valutazione di Istituto Tutoraggio insegnanti in formazione e tirocinanti. AREA2 Gestione piano formazione docenti Gestione procedura INVALSI e approfondimento risultati ottenuti Raccolta, condivisione, diffusione documenti. Rapporti genitori AREA3 Gestione progetti accoglienza, integrazione e alfabetizzazione alunni stranieri; rapporti con Punto Arlecchino Coordinamento docenti gruppo H e interistituzionale; integrazione disabili ed alunni con difficoltà AREA4 Coordinamento di continuità tra ordini di scuole. Progetti. Prevenzione e spegnimento degli incedi Primi interventi di pronto soccorso Evacuazione e salvataggio del personale in caso di pericolo grave ed imminente Attuare le direttive ricevute controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori esercitando, in mancanza, potere di iniziativa Segnalare tempestivamente al D.S. la deficienza dei mezzi di lavoro e dei dispositivi di protezione individuali Disponibilità a frequentare appositi corsi di formazione FUNZIONI STRUMENTALI ADDETTI ALLA SICUREZZA PREPOSTI FUNZIONI E INCARICHI

15 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L PROGETTI PROGETTO HANDICAP PROGETTO MUSICA PROGETTO CONTINUITA PROGETTO GIOCOSPORT PROGETTO CLILPROGETTO LIM PROGETTI SCUOLA DELLINFANZIA PROGETTO ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE PROGETTO MANTENIMENTO STANDARD DI APPRENDIMENTO PROGETTO ED. ALIMENTARE PROGETTO ED. AMBIENTALE PROGETTO ED. STRADALE PROGETTO DI CIRCOLO PROGETTI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO PROGETTO RECUPERO

16 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L BAMBINO SISTEMA SCUOLA AMBIENTE FAMIGLIA AMBIENTE EXTRASCUOLA Cittadinanza, Costituzione e Sicurezza, come progetto di Circolo, intende la sicurezza come un bene universale essenziale che coincide con la possibilità percepita di realizzare il benessere individuale e collettivo attraverso il soddisfacimento dei bisogni fondamentali dellessere umano, da quelli fisiologici a quelli psicologici, e la certezza dei diritti.(RISSC). Questo progetto vuole coinvolgere il sistema-scuola in un viaggio alla scoperta dei perché delluomo, secondo unipotesi di lavoro per esperienze significative di apprendimento; in tale disegno, le scuole diventano laboratori dove, a partire dallo studio delle discipline, è possibile far emergere la criticità di una serie di nodi culturali da analizzare per poi esperire, in un clima di fiducia, modelli di comportamento attivo e responsabile praticando scelte coerenti.

17 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L BAMBINO A B C A – IO E LALTRO: LA PERCEZIONE B – IO TRA GLI ALTRI: LA CONOSCENZA E LA CONDIVISIONE C – NOI NEL MONDO: LA COMPRENSIONE E LA CONSAPEVOLEZZA D- NOI CON IL MONDO: LAUTONOMIA E – NOI PER IL MONDO: LA RESPONSABILITA E LIMPEGNO D E La scuola, intende valorizzare non solo il tema della cultura e della salute fine a se stesse, ma intende coniugarle con il più ampio tema dei diritti umani contenuti nella Costituzione italiana e con riferimento al più vasto contesto della cittadinanza europea, della legalità, del dialogo interculturale, dello sviluppo sostenibile e dellambiente, ma anche delleducazione stradale e dello sport, visto che si fa riferimento anche a tutti quei simboli di cittadinanza quali i beni culturali, i luoghi e i paesaggi. Lambizioso obiettivo finale è, dunque, quello di fare acquisire agli studenti consapevolezza e responsabilità del valore della sicurezza intesa nella sua accezione multidimensionale ed interdisciplinare in risposta ai bisogni primari quali: educazione, salute, lavoro, ambiente sano, sviluppo sostenibile e coesione sociale.

18 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L PROGETTI SCUOLE ADERENTI Progetto Coro- liamo il mondo- BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto Guadagnare salute e Gioco –sport BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto Laboratorio teatrale in lingua inglese COMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto teatro DON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto recupero BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto potenziamento BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto educazione ambientale BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto attività espressive e manuali BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto mantenimento degli standard formativi BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto IL PANE: STORIA TRADIZIONE ED ARTE PANIFICATORIA DON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto La valigia del narratore. BELLOCCHIODON MILANI Progetto Lettura della città e didattica dellopera darte (Comune di Perugia). BELLOCCHIO Progetto Alla larga dai pericoli(Anci Umbria). BELLOCCHIOCOMPAROZZI Progetto Adotta una Pigotta (Unicef). BELLOCCHIOVILLAGGIO KENNEDY Progetto Il parco si fa bello (Natura urbana). BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Ufficio del cittadino onlus progetto di educazione ambientale. BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANI Progetto ambientale Il bosco di Formichella BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANI Progetto CLIL BELLOCCHIOCOMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY Progetto VILLAGGIO KENNEDY Progetto LIM COMPAROZZIDON MILANIVILLAGGIO KENNEDY ADESIONE A PROGETTI SPECIFICI LA SCUOLA PRIMARIA

19 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L AMPLIAMENTO DELLOFFERTA FORMATIVA della scuola dellInfanzia Scuola dellinfanzia Cortonese Scuola dellinfanzia Villaggio Kennedy Scuola dellinfanzia Giacomo Santucci PROGETTO ACCOGLIENZA (periodo settembre-novembre) PROGETTO CONTINUITÀ EDUCATIVA (raccordo asilo nido e scuola primaria) PROGETTO INFORMATICA (per i bambini di 5 anni con le insegnanti di sezione) PROGETTO MUSICA (con contributo delle famiglie nei plessi Cortonese e Kennedy, senza contributo nel plesso G.Santucci) PRIMO APPRENDIMENTO DELLA LINGUA INGLESE solo nel plesso G.Santucci (con contributo, di norma, delle famiglie) ATTIVITÀ MOTORIA (con contributo delle famiglie in tutti e tre i plessi) COLLABORAZIONI: musica, operatori di Scienza e arte lingua Inglese, operatori di English Learning Project attività motoria, operatori Uisp USCITE: da programmare P R O G E T T I

20 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L promuove facilita il superamento della visione etnocentrica e di ogni forma di pregiudizio e intolleranza un clima di accoglienza per ridurre nel bambino la percezione del sé come minoranza lapprendimento dellitaliano come L2: lingua di contatto la socializzazione e lo scambio interculturale Accoglienza e integrazione La scuola il Dirigente la Funzione Strumentale referente i Docenti rappresentanti dei vari plessi pianificare le prime azioni di inserimento raccogliere informazioni sulla storia personale dellalunno seguire in itinere lalunno rilevare le difficoltà, rafforzare la collaborazione scuola famiglia il protocollo di Accoglienza formato da per interventi pedagogici -corso di prima alfabetizzazione (ottobre/novembre) -corsi di recupero e potenziamento per accedere alle competenze disciplinari -progetti di ampliamento dellofferta formativa (coro..liamo il mondo, il teatro..per comunicare) didattica flessibile ed interattiva con il compito di - educazione dei pari - attività cooperative - realizzazione del valore della comprensione e della tolleranza e del rispetto reciproco - laboratori - lavoro a classi aperte - attività per livelli - progetti mirati alla socializzazione

21 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L PROGETTO MUSICALE: Progetto che utilizza il linguaggio musicale come veicolo di integrazione e di inclusione RESPONSABILI DESTINATARI COLLABORATORI insegnanti alunni del plesso Villaggio Kennedy Corbelli Marcello(docente interno) insegnanti Alunni plessi Don Milani,Comparozzi,Bellocchio L.Franceschelli,M.Pollini esperti esterni Tempi di attuazione: ottobre/maggio Finalità: Esprimere se stessi attraverso il canto Promuovere la conoscenza dellaltro attraverso il linguaggio musicale utilizzare il linguaggio espressivo-musicale come strumento per armonizzare lascolto di sé con lascolto degli altri Metodologia: lattività sarà caratterizzata da una giusta misura tra gioco, movimento e fantasia; sfruttando questi elementi, che già in partenza sono patrimonio naturale dei bambini, si ritiene che lapprendimento possa risultare naturale e gioioso oltreché significativamente proficuo. Obiettivi: muoversi in gruppo su un gioco cantato muovere e coordinare il proprio corpo in relazione al suono e allo spazio cogliere le funzioni socializzanti della musica eseguire in coro brani di progressiva difficoltà ed estensione partecipare a canti corali che comportano lesibizione in pubblico LA SCUOLA PRIMARIA

22 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L PROGETTO DI CIRCOLO PER LACCOGLIENZA E LINTEGRAZIONE DELLALUNNO IN SITUAZIONE DI HANDICAP Nessuno può essere libero se costretto ad essere simile agli altri" Oscar Wilde Oscar Wilde Finalità Progettare itinerari didattici indirizzati a rendere gli interventi il più possibile adeguati alle esigenze ed alle potenzialità evidenziate per ogni singolo alunno; - Costruire e ricercare strumenti di osservazione e verifica, per delineare la situazione di partenza e i risultati raggiunti; - Ricercare e costruire materiale didattico. Accoglienza e procedure di inserimento Normativa di riferimento Gruppo di lavoro sullhandicap distituto (G.L.H.I.) Predisposizione del P.E.I.(piano educativo individualizzato) LA SCUOLA PRIMARIA

23 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L PROGETTO CONTINUITA Scuola dellinfanzia Scuola primaria Scuola secondaria di primo grado Ottimizzazione dei rapporti tra i due ordini di scuola, attraverso lelaborazione di progetti comuni, in vista di un positivo inserimento dei bambini della scuola dellinfanzia nella scuola primaria e di una più efficace formazione delle classi prime. Passaggio di informazioni in ingresso con la scuola dellinfanzia. Realizzazione di un progetto ponte. Ottimizzazione dei rapporti tra i due ordini di scuola, attraverso lelaborazione di progetti comuni, in vista di un positivo inserimento dei bambini della scuola primaria nella scuola secondaria di primo grado. Passaggio di informazioni in ingresso con la scuola primaria. Realizzazione di un progetto ponte.

24 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L PROGETTO ED. AMBIENTALE LA SCUOLA PRIMARIA a) Conoscenza dellinterdipendenza uomo-natura Conoscere le leggi che regolano i vari ecosistemi (catena alimentare, ciclo dellacqua, composizione dellaria…). Conoscere i bisogni delluomo e gli interventi apportati nel tempo allambiente naturale per soddisfarli. Individuare i vantaggi e svantaggi derivanti dallintervento delluomo, sia per lambiente che per la vita delluomo. b) Salvaguardia dellambiente e qualità della vita. Maturare atteggiamenti di rispetto e di salvaguardia degli equilibri dellambiente. Usare in modo corretto le risorse, evitando sprechi di acqua e di energia, e forme ingiustificate di inquinamento. Praticare forme di riutilizzo e riciclaggio dellenergia e dei materiali. Conoscere il concetto di Sviluppo Sostenibile.

25 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L La scuola promuove corpo- movimento-sport, cioè la conoscenza di sé, dellambiente e delle proprie possibilità di movimento. La personalità si struttura anche, grazie alla consapevolezza, della propria identità corporea, nonché della necessità di prendersi cura della propria persona e del proprio benessere. Le attività motorie e sportive forniranno allalunno le occasioni per riflettere sui cambiamenti morfo-funzionali del proprio corpo, per accettarli come espressione di crescita e di maturazione. Leducazione motoria sarà quindi loccasione per promuovere esperienze cognitive, sociali, culturali ed affettive. La conquista delle abilità motorie e la possibilità di sperimentare il successo delle proprie azioni sono fonte di gratificazione che migliorano lautostima dellalunno, ampliano la sua esperienza, arricchendola di stimoli sempre nuovi. Partecipare alle attività motorie e sportive significa condividere con altre persone esperienze di gruppo, promuovere il valore del rispetto delle regole concordate e condivise. I docenti e gli esperti, che condivideranno questa esperienza con gli alunni, sono chiamati a far vivere loro i principi di una cultura sportiva portatrice di rispetto, di lealtà, di senso di appartenenza di responsabilità, di controllo dellaggressività e di negazione di qualunque forma di violenza. LA SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCOSPORT AmbitiArticolazione delle attività Collaborazioni esterne Il corpo e le funzioni senso-percettivo Il movimento del corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempo Il linguaggio del corpo come modalità comunicativo- espressiva Il gioco lo sport, le regole e il fair play Sicurezza e prevenzione, salute e benessere 1 ora settimanale. Il progetto ha durata annuale C.O.N.I. Ass.sportive del territorio

26 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L Il programma comunitario Frutta nelle scuole, introdotto dal regolamento (CE) n.1234/2007 del Consiglio del 22 ottobre 2007, è finalizzato ad aumentare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini e ad attuare iniziative che supportino più corrette abitudini alimentari e una nutrizione maggiormente equilibrata, nella fase in cui si formano le loro abitudini alimentari. Gli obiettivi del programma: incentivare il consumo di frutta e verdura tra i bambini compresi tra i sei e gli undici anni di età; realizzare un più stretto rapporto tra il produttore-fornitore e il consumatore, indirizzando i criteri di scelta e le singole azioni affinché si affermi una conoscenza e una consapevolezza nuova tra chi produce e chi consuma; offrire ai bambini più occasioni ripetute nel tempo per conoscere e verificare concretamente prodotti naturali diversi in varietà e tipologia, quali opzioni di scelta alternativa, per potersi orientare fra le continue pressioni della pubblicità e sviluppare una capacità di scelta consapevole; le informazioni ai bambini saranno finalizzate e rese con metodologie pertinenti e relative al loro sistema di apprendimento (es: laboratori sensoriali). Destinatari del programma sono i bambini in età scolare dai sei agli undici anni o, come usa nel sistema scolastico nazionale, i bambini che frequentano la scuola primaria/elementare. LA SCUOLA PRIMARIA PROGETTO ED. ALIMENTARE

27 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L a) Norme generali conduzione veicoli Saper conoscere i valori della segnaletica stradale in situazione Dimostrare di aver acquisito comportamenti corretti e responsabili come pedoni e utenti di mezzi meccanici b) Regole di comportamento Dimostrare di conoscere le regole di comportamento delleducazione stradale per divenire cittadini responsabili e per prevenire e salvaguardare lintegrità fisica propria ed altrui Saper individuare situazioni di pericolo e rischio dovute alla mancanza di rispetto delle norme di circolazione e alluso ed abuso di sostanze che possono alterare il livello di coscienza e attenzione di colui che guida Sviluppare il senso di solidarietà attraverso la conoscenza delle prime ed elementari nozioni di soccorso a persone in difficoltà. c) La strada Conoscere gli elementi fondamentali che costituiscono le varie strade (carreggiata, corsie, attraversamento….) Saper distinguere vari tipi di strade (urbane, rurali, extraurbane…..) Comprendere il cambiamento dellutilizzo della strada, piazza o via, da luogo dincontro e dinterazione socio culturale e commerciale a solo luogo di transito e di pericolo d) Ambiente Maturare consapevolezza circa i danni provocati alla salute delluomo e allambiente dovuti al traffico inquinante ed assordante. PROGETTO ED. STRADALE LA SCUOLA PRIMARIA

28 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L LA SCUOLA PRIMARIA La LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) è uno strumento di effettiva didattica multimediale in grado di intrecciare lazione del docente e la sua proposta didattica con i bisogni di apprendimento (di contenuti, strategie, significati, …) degli allievi superando loralità, ma non negandola, in una dimensione condivisa, collaborativa, dinamica, al passo con i tempi e soprattutto con le nuove caratteristiche percettive e cognitive degli allievi di oggi. Le sue caratteristiche di interazione, flessibilità, multimedialità, incidono fortemente su motivazione, attenzione e concentrazione sollecitando nel contempo la partecipazione diretta degli allievi allo sviluppo ed alla caratterizzazione dei percorsi didattici. La LIM può essere utilizzata in diversi modi: per la didattica frontale con materiali multimediali, per attività che coinvolgono la classe come completare schemi o attività interattive e laboratoriali, per le interrogazioni, per la presentazione in modo innovativo di ricerche ed elaborati realizzati dagli studenti in unottica di peer education. Infine, può essere utilizzata per effettuare percorsi di navigazione su web in classe. Inoltre favorisce la documentazione, la conservazione della storia di un processo formativo del singolo alunno e della classe e, mantenendone traccia così come consentendone il recupero in itinere del suo svilupparsi, permette di andare oltre la frammentazione quotidiana, episodica, disciplinare della progettazione didattica e del processo di apprendimento. Non sostituisce gli strumenti ordinari di lavoro (quaderno, libro, penna,….) ma li integra e con essi interagisce con lutilizzo di semplici periferiche duso ordinario È uno strumento di utilizzo trasversale e duso ordinario con possibilità di attivazione di strumenti e risorse personalizzate e specializzate, pertanto predispone condizioni e setting che favoriscono lintegrazione di alunni stranieri e disabili senza ulteriori spese La LIM consente di condividere i vissuti : abitua al racconto personale in forma sempre più articolata e completa verso lo sviluppo del pensiero narrativo sostiene lo sviluppo di abilità legate allautonomia e allorganizzazione verso la competenza gestionale sviluppa forme di collaborazione e cooperazione favorisce un apprendimento significativo avvia alla conquista di conoscenze informatiche sempre più formalizzate. PROGETTO LIM

29 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L Nella scuola primaria si sente sempre di più la necessità di mantenere gli standard di insegnamento/apprendimento in ogni situazione, ad esempio nel caso di assenze brevi del personale docente, quando non sia possibile nominare un supplente. Considerando che i docenti di scuola primaria sono abilitati allinsegnamento di tutte le discipline e, in alcuni casi, anche allinsegnamento della lingua straniera e della religione, è possibile strutturare un progetto che preveda la copertura dei colleghi assenti, non come semplice vigilanza degli alunni, ma attraverso attività mirate al recupero, consolidamento e potenziamento delle competenze programmate dai docenti di classe. Obiettivo Mantenere gli standard di apprendimento in tutte le classi e in ogni situazione, attraverso un piano condiviso delle attività ed una programmazione a classi aperte. Destinatari Classi della scuola primaria del II Circolo di Perugia Soggetti attuatori del progetto I docenti del II Circolo che, attraverso una comunicazione scritta, si dichiarino disponibili alla sostituzione dei colleghi assenti, specificando i giorni e gli orari di tale disponibilità. Finanziamento del progetto I fondi necessari per attuare il progetto potranno essere reperiti attraverso il fondo distituto, fino ad un massimo del 20% dello stesso, previa approvazione del Collegio dei Docenti e del Consiglio di Circolo, secondo le tabelle retributive previste dalla legge. Valutazione La valutazione del progetto sarà effettuata alla fine di ogni quadrimestre. LA SCUOLA PRIMARIA PROGETTO MANTENIMENTO STANDARD DI APPRENDIMENTO

30 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L Il termine CLIL è lacronimo di CONTENT AND LANGUAGE INTEGRATED LEARNING ed è una modalità integrata di insegnamento disciplinare e linguistico ossia un approccio che consiste nel trasmettere contenuti disciplinari in lingua straniera al fine di favorire lapprendimento sia dei contenuti che della lingua stessa. Il CLIL non è apprendimento di una lingua ma nemmeno di una disciplina, bensì una fusione di entrambe. La lingua straniera diventa unaltra lingua per imparare ad imparare i contenuti di altre discipline, per pensare, per fare, per parlare e per comunicare. Agli insegnanti di LS si pone una nuova sfida che richiede di riformulare gli obiettivi linguistici e disciplinari, le pratiche della conduzione della classe e lutilizzo di nuove risorse, il ricorso a nuove opportunità quali le-learning, il web e le nuove tecnologie. La scelta delle attività avviene partendo dallidea che un approccio di tipo ludico-comunicativo stimoli e motivi i bambini allapprendimento, sia della lingua straniera che delle nozioni disciplinari specifiche previste nei vari progetti. Il progetto, al suo primo anno di realizzazione, verrà applicato nelle classi quarte e quinte del circolo. LA SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CLIL

31 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L Il Secondo Circolo comprende le seguenti Scuole Statali dellInfanzia: Villaggio Kennedy, Cortonese, Giacomo Santucci. Dipendono dalla nostra Direzione Didattica anche le due Scuole dellInfanzia private: Donati Ticchioni e Bellocchio. Le scuole dellInfanzia Giacomo Santucci e Villaggio Kennedy sono ad indirizzo didattico differenziato secondo il metodo Montessori. La scuola dellInfanzia Cortonese è ad indirizzo comune. LA SCUOLA DELLINFANZIA promuove una pedagogia attiva e delle relazioni che avviene attraverso: LA SCUOLA DELLINFANZIA ESPERIENZA ESPLORAZIONE RAPPORTI TRA I BAMBINI GIOCO VITA DI RELAZIONE DOCUMENTAZIONE STILE EDUCATIVO PARTECIPAZIONE

32 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L FINALITA DELLA SCUOLA DELLINFANZIA La scuola dellInfanzia si pone la finalità di promuovere: la conquista dellautonomia è la capacità di compiere scelte autonome in contesti relazionali e normativi diversi. La scuola dellinfanzia mira a far conoscere al bambino lambiente naturale e sociale in cui vive, in modo che possa orientarsi in esso e compiere scelte anche innovative, assumendo atteggiamenti sempre più responsabili. la maturazione dellidentità personale del bambino sotto il profilo corporeo, intellettuale e psico-dinamico. Essa è luogo idoneo ad orientare il bambino a riconoscere ed apprezzare lidentità personale in quanto connessa alle differenze tra i sessi, ed insieme a cogliere la propria identità culturale e i valori specifici della comunità di appartenenza, in vista della comprensione più allargata di comunità e culture diverse dalla propria. lo sviluppo delle competenze: la scuola dellinfanzia mira a consolidare le abilità del bambino, siano esse sensoriali, motorie, percettive, sociali, linguistiche o intellettive, e ad accompagnarlo nel percorso di apprendimento che lo condurrà a conoscere la realtà della vita. La scuola deve dar forma allesplorazione, allosservazione, allintuizione, allimmaginazione, alla creatività e alla coscienza critica del bambino. lo sviluppo della cittadinanza: si tratta di una finalità nuova che la scuola di oggi è chiamata necessariamente a perseguire, che nasce allinterno di una nuova cornice culturale, dettata dallesigenza di valorizzare lunicità e la singolarità dellidentità culturale di ogni bambino. Sviluppare il senso della cittadinanza vuol dire scoprire gli altri, i loro bisogni, aiutare a gestire i contrasti attraverso regole condivise, che si definiscono attraverso le relazioni, il dialogo, lespressione del proprio pensiero, lattenzione al punto di vista dellaltro, il primo riconoscimento dei diritti e dei doveri.

33 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L Lorario di funzionamento della scuola è dalle 8.00 alle dal lunedì al venerdì, sabato dalle 8.00 alle orario ordinario delle attività educative per 40 ore settimanali: orario dalle ore 8.00 alle ore (comprensivo di mensa) orario ridotto delle attività educative con svolgimento nella fascia del mattino: orario dalle ore 8.00 alle ore (senza mensa) 8.00 – 9.15 accoglienza: i bambini vengono accolti in salone o in sezione dove sono favoriti giochi liberi ed attività che sviluppano le capacità logico-linguistiche (conversazione, ascolto di storie e/o poesie, appello, calendario) 9.15 – 10.00colazione – attività con il grande gruppo eterogeneo per giochi di gruppo, ascolto di storie lette e/o raccontate, drammatizzazione – attività individuale in sezione, lavori in piccoli gruppi, attività pittorica attività di riordino, educazione igienico-sanitaria e preparazione al pranzo – pranzo – attività di gruppo in intersezione o in sezione, laboratori di musica, di pittura, di manipolazione, e riordino del materiale. Allinterno delle varie scuole dellinfanzia del Circolo lorganizzazione giornaliera può subire delle piccole variazioni in base alle singole scelte organizzative e metodologiche. Le attività proposte rappresentano unopportunità per linteresse che il bambino investe nella sua personale conquista del mondo, tenendo conto del valore e dellimportanza della cooperazione, della condivisione, così come della soggettività ed originalità di ogni persona. Unattenzione particolare è data alla capacità di esplorazione e di ricerca, riconoscendo il gioco e la narrazione quali situazioni privilegiate nel contesto di apprendimento. ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA SCOLASTICA LunedìMartedìMercoledìGiovedìVenerdìSabato 8,00 16,00 12,30 LA SCUOLA DELLINFANZIA

34 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L IL SENSO DELLESPERIENZA (indicazioni per il curricolo) Fin dai primi anni del percorso formativo, la scuola: svolge un fondamentale ruolo educativo e di orientamento, fornendo allalunno le occasioni per capire se stesso, per prendere consapevolezza delle sue potenzialità e risorse. favorisce lo sviluppo delle capacità necessarie per imparare a leggere le proprie emozioni e a gestirle. sollecita gli alunni a unattenta riflessione sui comportamenti di gruppo al fine di individuare quegli atteggiamenti che violano la dignità della persona e il rispetto reciproco, li orienta a sperimentare contesti di relazione dove sviluppare atteggiamenti positivi e realizzare pratiche collaborative. Attua interventi adeguati nei riguardi delle diversità, per fare in modo che non diventino disuguaglianze. Realizza percorsi in forma di laboratorio, per favorire loperatività e allo stesso tempo il dialogo e la riflessione su quello che si fa. (scienze, teatro, musica, ecc.) Le Indicazioni per il curricolo promuovono, inoltre, linterazione tra le discipline per favorire percorsi didattici unitari e vicini alle esigenze formative dei bambini. LA SCUOLA PRIMARIA

35 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L ORARI DI FUNZIONAMENTO BELLOCCHIO29 ore settimanalidal lunedì al venerdì dalle 8.15 alle – sabato ore 8,15 alle 12,15 COMPAROZZI29 ore settimanalidal lunedì al venerdì dalle 8.15 alle – sabato ore 8,15 alle 12,15 DON MILANI29 ore settimanalidal lunedì al venerdì dalle 8.15 alle – sabato ore 8,15 alle 12,15 VILLAGGIO KENNEDY40 ore settimanalitempo pieno: lunedì-martedì-giovedì-venerdì 8,15 – 15,50 mercoledì: sabato: LA SCUOLA PRIMARIA

36 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L LA SCUOLA PRIMARIA STRUTTURE E SERVIZI BELLOCCHIOclassi: n° 5 spazi: cortile esterno, laboratorio informatica, aula audiovisivi, salone polivalente, mensa interna (presso l'istituto delle suore adiacente alla scuola) servizio pre-scuola COMPAROZZIclassi: n°10 spazi: cortile esterno, laboratorio informatica, aula audiovisivi, aula inglese, palestra piccola, palestra grande, salone, mensa interna (presso l'istituto delle suore vicino alla scuola, in via Cortonese). servizio pre-scuola DON MILANIclassi: n° 9 spazi: cortile esterno, laboratorio informatica, salone polivalente, palestra grande, palestra piccola, mensa interna (gestita dallassociazione Spazio Tempo, e la coop. CAMST). servizio pre-scuola e post scuola VILLAGGIO KENNEDY classi: n°8 spazi: cortile esterno, laboratorio informatica, sala audiovisivi, salone polivalente, aula musica, palestra grande, palestra piccola, sale mensa, cucina interna servizio pre-scuola

37 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L LE PROVE INVALSI La Scuola Primaria del nostro Circolo è coinvolta, come tutte le istituzioni scolastiche del territorio nazionale, nelle prove INVALSI. LIstituto Nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione, è lEnte che conduce, su mandato del Ministero della Pubblica Istruzione, la VALUTAZIONE ESTERNA del sistema scolastico e dei livelli di apprendimento degli studenti. VERIFICA E VALUTAZIONE DI ISTITUTO La scuola che vuole fare propri i principi dellefficienza e dellefficacia nellambito del suo intervento educativo,non può che porsi come suo più importante obiettivo il continuo miglioramento del suo assetto organizzativo,delle procedure, dei processi e degli esiti raggiunti, allo scopo di costruire una cultura della qualitàsempre più condivisa che da un lato contribuisce allarricchimento professionale dei docenti e dallaltro garantisce allutenza un servizio scolastico adeguato alle proprie esigenze. La verifica e valutazione del POF nella sua globalità e specificità dei Progetti ha luogo in due momenti: alla fine del primo quadrimestre e alla fine dellanno scolastico. Il monitoraggio avverrà attraverso la compilazione di una scheda di indagine sui risultati avuti dalla partecipazione ai vari Progetti. VALUTAZIONE

38 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L Il Piano di Formazione e Aggiornamento predisposto dal 2° Circolo Didattico di Perugia, per lanno scolastico 2011/2012, è così articolato: 1.Formazione sulla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro 2.Formazione neo immessi in ruolo 3.Corsi di formazione di lingua inglese 4.Formazione sull'utilizzo delle Nuove Tecnologie nella didattica: la LIM in classe 5.Formazione per la didattica della matematica 6.Formazione per le prove I.N.V.A.L.S.I. 7.Formazione I.C.F. 8.Formazione D.S.A. 9.Formazione Il personale docente, individualmente o a gruppi, dopo la pianificazione strutturale, può anche aderire ad eventuali corsi proposti in itinere, purchè relativi alle linee programmatiche del POF e alla propria professionalità. FORMAZIONE

39 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L IL NOSTRO CIRCOLO ACCOGLIE GLI STUDENTI DELLA FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE PERCHE CONSIDERA IL TIROCINIO NELLA FORMAZIONE DEI FUTURI INSEGNANTI COME Spazio dialogico complesso Attività multidimensionale Contesto formativo dinamico Luogo di mediazione culturale Luogo di scambi culturali e di comunicazione educativa Tempo del pensare e dellagire didattico Luogo di meta cognizione Orientamento per la professionalità docente FORMAZIONE

40 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L Interventi per il recupero delle competenze di base degli alunni FINALITA E OBIETTIVI: Integrare gli alunni stranieri nel gruppo classe e nel contesto scolastico Promuovere la motivazione ad apprendere Promuovere la riuscita scolastica degli alunni per costruire migliori prospettive per il futuro Agevolare lapprendimento in situazioni di quotidianità Stimolare la partecipazione attiva degli alunni in situazioni di apprendimento Limitare limpatto dei problemi e del disagio per il recupero del ben-essere. Costruire un percorso tale da consentire al bambino di maturare interessi, motivazioni e bisogni conoscitivi che si traducano in atteggiamenti positivi nei confronti di se stesso e degli altri. Prevenire e combattere il fenomeno del bullismo e le forme di A.D.H.D. Controllare e contenere il rischio di dispersione scolastica. Ridurre il disagio, promuovendo azioni di supporto per migliorare la comprensione delle materie di base coerenti con lofferta formativa Consolidare criticamente i requisiti per lapprendimento con particolare attenzione alla lettura, scrittura e calcolo con un intervento di recupero tempestivo e mirato; laffinamento e la padronanza nel gestire attività di osservazione e segnalazione; l' acquisizione di strategie di recupero didattico integrandole con la normale programmazione scolastica. Innalzare il tasso di successo scolastico DESTINATARI Destinatari sono gli alunni a rischio di insuccesso scolastico di tutte le classi della D.D. 2° Circolo PROGETTO RECUPERO help LA SCUOLA PRIMARIA

41 DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – PERUGIA Tel. 075/ Fax 075/ Codice Fiscale Codice Meccanografico: PGEE00200L Apprendimenti di Base Progetto Matematica. Apprendimenti di base con e-learning Il progetto ha come obiettivo il miglioramento dellinsegnamento della matematica nella scuola italiana, anche al fine di ovviare ai deficit rilevati dallindagine OCSE-PISA nelle competenze matematiche dei nostri allievi. (Per avere unidea del genere di domande che vengono rivolte nei test del PISA)OCSEPISA E questo un obiettivo ritenuto prioritario tra quelli individuati dai Ministri dellIstruzione dellUnione Europea nellincontro svoltosi a Lisbona nel marzo 2000 (Consiglio Europeo). PROGETTO LA SCUOLA PRIMARIA


Scaricare ppt "DIREZIONE DIDATTICA SECONDO CIRCOLO – PERUGIA Via Magno Magnini, 11 – 06127 PERUGIA Tel. 075/5010600 Fax 075/5010746"

Presentazioni simili


Annunci Google