La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il nuovo giornalismo teoria e tecnica nell'epoca di Internet – parte prima a cura di macri puricelli giornalista e web content writer Una rivoluzione nel.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il nuovo giornalismo teoria e tecnica nell'epoca di Internet – parte prima a cura di macri puricelli giornalista e web content writer Una rivoluzione nel."— Transcript della presentazione:

1 Il nuovo giornalismo teoria e tecnica nell'epoca di Internet – parte prima a cura di macri puricelli giornalista e web content writer Una rivoluzione nel mondo del giornalismo e dell'informazione paragonabile solo all'invenzione della stampa. La radio ci ha messo quasi quarant'anni per raggiungere un'audience di 50milioni di ascoltatori la Tv ci ha messo 13 anni il web ha superato quella soglia in 4 anni Scuola Buzzati Ordine dei Giornalisti del Veneto Marghera, 21 settembre 2010

2 Perché questa lezione Perché chiunque si avvicini a questa professione deve farci i conti Perché all'esame da giornalista professionista sono sempre più frequenti le domande legate al giornalismo online

3 Come queste, alle quali cercheremo di dare risposte 1. Q uando è nata internet e con quali scopi? 2. C osa s'intende per web? 3. D ove è nato il primo giornale on-line? 4. Q uali sono i più importanti giornali on-line nel mondo ed in Italia? 5. U n giornale on-line deve essere iscritto al tribunale di riferimento ed avere un direttore responsabile? 6. C osa differenzia un giornale on-line da quello cartaceo o televisivo? 7. C ome si controlla una notizia per il giornale on-line? E soprattutto: Cosa cambia con il giornalismo online?

4 Perché questa lezione Perché non possiamo fare a meno di chiederci quale sarà il futuro della nostra professione Qualsiasi sia la nostra età.... Lo sapevi che...?

5 Il contesto: milioni di italiani online (dati censis) Utenti Internet in Italia

6 Il contesto: utenti Internet in Italia luglio 2001-luglio 2010 (dati censis)

7 Il contesto: Internet in 10 paesi (dati censis)

8 Il contesto: l'età degli utenti (dati censis)

9 Il contesto: dove mi informo? (dati censis)

10 Il contesto 20 gennaio 2010, Report OutsellReport Outsell Il 44% dei lettori di Google News legge solo i titoli delle notizie

11 Il contesto...guardando al futuro Nel 2025 la popolazione dei lettori di quotidiani in Usa sarà inferiore di un terzo e fra 30 anni si ridurrà del 50% La metà dei lettori ha dai 50 anni in su, anche se questa fascia di età rappresenta solo il 30% della popolazione totale E' ragionevole arguire che l audience globale diminuirà a mano a mano che la vecchia generazione morirà

12 Il contesto, dati MediaWatch Estate % degli italiani legge il quotidiano online (nel 2007 erano il 25%) 33% acquista online (nel 2007 erano il 14%) 59% usa social network (nel 2007 erano il 12%) 81% le ricerche sul web, (nel 2007 erano al 63%) 35% la visione di film online (nel 2007 erano il 23%) 44% la fiducia nelle informazioni reperite in Rete (nel 2007 erano il 18%) 21 % la fiducia nei pagamenti effettuati online (nel 2007 erano il 9%) Il sondaggio e stato effettuato su un campione di Italiani di eta compresa fra i 18 ed i 60 anni e analizza come e cambiato il rapporto degli italiani col web dal 2007 al 2010.

13 Il contesto e i nuovi supporti Iphone e Ipad

14 A proposito di IPad.... La Apple sta spingendo per trasferire l'informazione da cartacea a online e sta mettendo a punto speciali abbonamenti che guardano sia il lettore che l'editore Nel frattempo, ecco la differenza fra l'informazione su Ipad e l'informazione sul giornale di carta differenza

15 I cambiamenti in atto Finisce l'epoca del giornalismo definito dal mezzo E' il tipo di storia che devi raccontare che determina il mezzo migliore da usare: video, audio, scrittura... L'informazione ci segue ovunque Ma intermediari forti stanno nascendo... motori di ricerca, social network, padroni del tubo

16 Ieri e l'altro ieri 1978 Quando ho cominciato a fare la giornalista I quotidiani si scrivevano a macchina su fogli di carta e si stampavano con il piombo fuso: una tecnologia di 8000 anni fa Dal primo giornale al mondo apparso in Germania oltre 350 anni fa l'inchiostro e la carta sono stati i protagonisti assoluti dell'informazione 1984 Poi sono passati alla fotocomposizione con i primi sistemi editoriali elettronici e I giornalisti che usavano il computer....ma nessuno aveva la sensazione che lo sviluppo tecnologico avrebbe messo in pericolo l'esistenza dei giornali di carta

17 Ieri, oggi, domani e dopodomani 1990/1995 Sulla scena mondiale e anche italiana arriva Internet 1995/2005 In Italia, alcuni giornali fanno finta di nulla, altri cominciano ad attrezzarsi I giornalisti sperano che passi /2010 Diventa chiaro al mondo dell'editoria che il modello economico che ha tenuto in vita I giornali (e I giornalisti) è stato definitivamente scardinato dalle possibilità di comunicazione rese disponibili dalle nuove tecnologie Da vent'anni I giornali perdono copie in tutto il mondo 2043 The Vanishing Newspaper....l'ultima sgualcita copia del NYT (Philip Mayer, docente di giornalismo all'Università del North Carolina) The Vanishing Newspaper

18 Eppure, nella storia ci sono state tante crisi globali ma sempre I giornali si sono risollevati Il telegrafoIl telegrafo (1844) Si diceva che li avrebbe cancellati invece migliorò e rese più tempestiva l'informazione

19 ...le alternative alla carta sono già esistite 1901 – Telefon Himondo / quotidiano ungherese basato sul telefono 1977 – Videotext / prima erogazione telematica dei contenuti via Tv 1980 – Associated Press e Compuserve / primi esperimenti di news onlineVideotextCompuserve 1982 – Minitel in FranciaMinitel Allora, perché con Internet è diverso?

20 Perché è diverso? Le nuove tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni hanno cambiato il tessuto sociale modificando abitudini e vita Essere DigitaliEssere Digitali, Nicholas Negroponte

21 Così oggi.... Le persone che vogliono essere informate hanno di fronte la più vasta offerta informativa mai avuta nella storia e chiunque produca informazione tradizionale non può che essere preoccupato dal fatto che milioni e milioni di persone abbiano trovato modalità più economiche di informarsi

22 Le alternative... Secondo la World Association of Newspaper Dare la notizia (come fa il giornale di carta) e Creare conoscenza (collettiva, come fa il web) notizia

23 La ricetta Secondo la World Association of Newspaper Il servizio giornalistico di domani sarà misurato dalla sua capacità di venire incontro ai bisogni di conoscenza delle persone, piuttosto che limitarsi agli eventi quando accadono

24 La ricetta secondo Nova24 Oggi la scarsità è nell'attenzione e nel poco tempo a disposizione dei lettori L'offerta (quella dei giornali) ha ceduto il potere alla domanda (quella dei lettori) Come uscire da questo impasse? Meritando la fiducia dei lettori: perché adottino le informazioni offerte nelle loro conversazioni

25 I primi giornali online 1992 Primi piccoli esperimenti negli USA 1993 Mercury News nella Silycon Valley, St.José In Italia 1994 – L'Unione Sarda L'Unità 1995 – Il Sole 24Ore 1996 – La RepubblicaMercury News

26 I primi giornali online 1994 "l'Unione Sarda" con Nicola Grauso si vanta di essere stato addirittura il primo quotidiano europeo on-line, "L'Unità" di Walter Veltroni rivendica di essere stato il primo giornale nazionale on-line. Entrambi i progetti inizialmente consistevano nel trasferimento in rete del giornale cartaceo, e inoltre offrivano piccole possibilita` di interattività (spedire mail alla redazione o ad alcune rubriche, ecc..). Uno tra i primi quotidiani ad offrire però servizi più ampi e completi è stato "Il Sole 24 Ore", che intendeva offrire ai navigatori-lettori un giornale più ricco e diverso da quello cartaceo, quindi con aggiornamenti, supplementi, speciali e, in quanto giornale eonomico, quotazioni continue."Il Sole 24 Ore", La RepubblicaLa Repubblica inizia a essere presente in rete relativamente tardi, ma ciò non gli ha impedito di essere attualmente il quotidiano on-line con il maggior numero di visitatori al giorno.

27 Giornali online in Italia 1997 : solo 11 quotidiani proponevano nei loro siti tutti gli articoli dell'edizione su carta 1999 : il numero è triplicato: sono infatti 33 i quotidiani italiani consultabili integralmente online 2000 : In Italia l'ultimo quotidiano ad andare on-line è il più antico d'Italia, la "Gazzetta di Parma", fondata nel All'aumento del numero dei giornali presenti nella Rete si accompagna anche un miglioramento della qualità e dei contenuti dei relativi siti web.

28 Dal web 2.0 al Citizien Journalism L'attentato dell'11 settembre 2001 ha fatto capire a tutti come, davanti ai grandi fatti di cronaca, i quotidiani possono sopperire allo svantaggio dei loro tempi lunghi per raggiungere il lettore. Attraverso internet che li mette alla pari (e ben oltre) di radio e tv

29 Dal web 2.0 al Citizien Journalism I social media Centinaia di milioni di persone al mondo usano Twitter, Facebook, blog, YouTube * La rivoluzione dei Social Media La rivoluzione dei Social Media

30 Dal web 2.0 al Citizien Journalism Il senso della notizia Il 1 maggio 2009 Xeni Jardin a Los Angeles scrive su Twitter: Terremoto! Pochi attimi dopo il sisma l'informazione online è in moto Centinaia di persone forniscono indicazioni e notizie Nbc organizza una pagina sul sito per raccogliere testimonianze: le emozioni si trasformano in notizie Il passaparola, Twitter, Facebook e i media tradizionali convergono in un unico sistema globale di informazione

31 Citizien Journalism: le nuove frontiere dellinformazione collaborativa La Freedom House sulla libertà di informazione nel mondo segnala che da anni si assiste a un peggioramento della capacità di generare informazione. La Rete per ora sembra solo allargare lo spazio di libertà di parola e comunicazione e il senso del cambiamento in atto è ancora da decifrare

32 Citizien Journalism le nuove frontiere dellinformazione collaborativa I l buon CJ secondo il Center for Citizien Media: a ccuratezza c apacità di approfondimento c orrettezza t rasparenza i ndipendenza Il CJ è basato sulla partecipazione diretta dei cittadini al processo di confezionamento della notizia

33 I modelli attuali di giornalismo online Siti di giornalisti professionisti che adottano i valori del giornalismo tradizionale Siti di giornalisti professionisti e non, ma indipendenti dai grandi gruppi editoriali Comunità online Iniziative individuali Aggregatori di blogs

34 I modelli attuali di giornalismo online Non profit Indymedia Indymedia rete di centinaia di giornalisti indipendenti per una copertura dal basso e non condizionata. IndyMedia Italia aveva chiuso e poi ha riaperto. IndyMedia regionali PeaceReporter Abbiamo seguito su questo sito la recente vicenda dei tre volontari di Emergency in Afghanistan Misna e AsiaNews la rete dei missionari: danno voce al terzo mondo ProPublica journalism in the public interest – sito di giornalismo investigativo aperto nel giugno 2008 e guidato da Paul Steiger, ex The Wall Street Journal vincitore del Premio Pulitzer 2010 per un'inchiesta sugli ospedali durante la tragedia dell'uragano Katryna Intervista al direttore Paul Steiger PeaceReporter MisnaAsiaNews ProPublica Intervista al direttore Paul Steiger WikileaksWikileaks - Il giornalismo anti bavaglio

35 I modelli attuali di giornalismo online Profit OhmayNews OhmayNews – fondato nel 2000 da un giornalista di Seul; successo favorito da una forte identità antigovernativa e antiamericana. Ora un po' in affanno. IReport Cnn– Notizie non filtrate dalla redazione; alcune notizie passano in tv Current– Fondata nel 2005 da Al Gore; Trasmette via cavo, via satellite e via web; Vanguard OffTheBus – Huffigton Post; ha coperto con oltre 8mila collaboratori, la maggior parte non professionista, la campagna elettorale 2008 negli UsaProfit IReport Cnn CurrentVanguard OffTheBus

36 I modelli attuali di giornalismo online...a caccia di sponsor California Watch California Watch – scommette sulle inchieste locali. Ha 56 accordi con testate per fornire articoli e video Lo staff arriva dal Center for investigative reporting Bay Citizien– finanziato con 5 milioni di dollari dal filantropo americano Warren Hellmann. Accordi con il Nyt e la scuola di giornalismo di Berkeley Al via il 26 maggio 2010 Dig it– Appena nata in Italia. Sono i lettori a decidere a quali articoli contribuire con denaro. Obiettivo: collaborare con quotidiani e riviste sul territorio Spot.us e Spot.us Italia – Le inchieste finanziate dai lettori Bay CitizienDig it Spot.usSpot.us Italia

37 Citizien Journalism e iperlocale in Italia AgoraVox YouReporter.it XcittàTrevisoYouReporter.it XcittàTreviso (aperto e chiuso) CityNews CityNews LombardiaNews

38 Dal web 2.0 al Citizien Journalism Ma i rischi sono dietro l'angolorischi

39 La redazione G Non si tratta più di convergenza fra carta e web, ma di andare in massa sulla rete, dove batte il cuore dell informazione. Si delinea un nuovo modello di redazione (la Google Newsroom) fatta per l 80% di giornalismo che crea valore e per il restante 20% di supersegretari di redazione e di community manager incaricati della messa in scena dei contenuti sulla carta e sugli altri supporti

40 Washington Post, 18 mesi dopo Come sta andando la rivoluzione organizzativa a un anno e mezzo dallinizio? Gli spazi sono stati interamente riprogettati e ora si compongono intorno allo universal desk. I redattori sono passati a una mentalità web first e molti cronisti cominciano a lavorare alle 6 del mattino, con le prime riunioni di redazione relative al web convocate alle 8 o alle 9. Lo universal newsdesk si occupa di tutti i contenuti e decide che cosa deve andare dove. Uno degli slogan del Post relativamente alla redazione è statoenable and equip but dont insist (metti in condizione e dai gli strumenti, ma non insistere): ai fotografi, per esempio, è stato insegnato come girare un video ma non sono obbligati a diventare videografi se non lo vogliono. Molti dei quadri più importanti della redazione ricevono bonus legati ai risultati web e tutti i cronisti hanno fatto corsi di addestramento sulle tecniche di ottimizzazione per i motori di ricerca (search engine optimization). Esiste un caporedattore per la Ricerca e il Traffico che insegna queste cose ai giornalisti.

41 Per un paragone con le esperienze italiane totale integrazione culturale in un unico prodotto digitale, del quale ledizione cartacea è una derivazione; forte enfasi sulla formazione; atteggiamento realistico-liberale nei confronti delle resistenze di chi prima faceva un altro mestiere;

42 Dove stiamo andando? Prometeus La credibilità, le fonti, le notizie il matematico il matematico Informazione e autoreferenzialità il giornalista il giornalista

43 In sintesi, per concludere Incoraggiare la partecipazione e invitare a rispondere Non si tratta di una inerta forma di pubblicazione noi verso di loro Incoraggiare gli altri ad iniziare un dibattito, pubblicare materiale o dare suggerimenti. Possiamo seguire così come condurre la comunicazione. Possiamo coinvolgere altri nel processo di pre-pubblicazione Aiutare a creare comunità intorno a interessi e temi comuni Aprirsi al web ed essere una parte di esso Aggregare e curare il lavoro di altri Riconoscere che i giornalisti non sono lunica voce autorevole, esperta, interessante Aspirare ad esprimere e riflettere diversità ma anche a promuovere valori comuni Riconoscere che la pubblicazione può essere linizio del processo giornalistico e non la fine Essere trasparente e aperto alle sfide e ai miglioramenti, incluse le correzioni, i chiarimenti e gli approfondimenti.

44 Per concludere davvero...con le risposte-1 1. Q uando è nato internet e con quali scopi? 2. C osa s'intende per web? 3. D ove è nato il primo giornale on-line? In Italia L'Unione Sarda di Grauso (1994), nel mondo il Mercury News di San José (1993) 4. Q uali sono i più importanti giornali on-line nel mondo e in Italia? NYT, Washington Post, The Guardian, Bcc News, Le Monde, Corriere, Repubblica

45 Per concludere davvero...con le risposte-2 5. U n giornale on-line deve essere iscritto al tribunale di riferimento ed avere un direttore responsabile? Si 6. C ome si controlla una notizia per il giornale on-line? Come si fa per la carta e con l'aiuto della Rete

46 Per concludere davvero...con le risposte-3 7.C osa caratterizza il giornale on-line da quello cartaceo o televisivo? Il divenire continuo, l'interazione con il lettore, la multimedialità

47 Cosa cambia con il giornalismo online?-1 – La redazione La redazione giornalistica on-line, rispetto alle redazioni di un giornale cartaceo, svolge maggiormente un lavoro d'ufficio Le informazioni infatti vengono raccolte non solo dalle fonti tradizionali – cronaca, interviste, agenzie - ma anche dalle fonti che si trovano su internet, blog, social network, forum, mailing list I redattori devono sapere utilizzare i linguaggi multimediali, perché le informazioni da utilizzare non sono solo testi scritti ma anche immagini, video, audio

48 Cosa cambia con il giornalismo online?-2 Ipermedia Il testo online non è solamente scritto. In un articolo in rete possiamo infatti trovare foto, interviste audio e video. Il lettore può sfogliare gli articoli secondo un percorso personalizzabile, non vincolato dalla successione delle pagine, come avviene nei giornali cartacei. I giornali on-line sono un esempio di ipermedia o "ipertesto multimediale". Gli ipermedia utilizzano appunto più codici di comunicazione (foto, testo, video, audio), e possono essere letti in modo non lineare.

49 Cosa cambia con il giornalismo online?-3 Interattività Il lettore può interagire facilmente con il giornale. Il flusso di informazioni non viaggia a senso unico (come nel caso di Radio e TV), ma il lettore può interagire con esso selezionando dal flusso le notizie preferite o richiedendo ulteriori servizi.

50 Cosa cambia con il giornalismo online?-4 Aggiornamenti in tempo reale I l contenuto di un giornale online può essere aggiornato continuamente. Ciò comporta un notevole vantaggio per i lettori, che non devono aspettare per conoscere fatti accaduti ore ed ore prima dell'uscita del giornale stampato.

51 Cosa cambia con il giornalismo online?-5 – Libertà d'informazione – Attualmente Internte garantisce la libera informazione. – Infatti, a differenza di radio, televisioni, giornali limitare i contenuti in internet è difficile perché è impossibile impedire a tutti gli utenti di pubblicare un contenuto in rete. – Il web ci aiuta a verificare ciò che leggiamo sui giornali e sentiamo alla TV, diventando così un'alternativa all'informazione giornalistica tradizionale

52 Breve bibliografia di carta-1 R. Benotti, "Viaggio nel new journalism americano", Aracne Editrice. T. Wolfe, "The new journalism", Picador A. Briggs, P. Burke, "Storia sociale dei media. Da Gutemberg a Internet", Il Mulino. L. Carrada, "Scrivere per Internet", Lupetti. E. Pulcini, "Scrivere, linkare, comunicare per il Web", FrancoAngeli. C. Baldi, R. Zarriello, "Penne digitali 2.0. Fare informazione online nell'era dei blog e del giornalismo diffuso", Ed. CDG F. Carlini, "Parole di carta e di web", Einaudi. G. Jacobini, "Nuovo giornalismo, nuova comunicazione, nuove professioni nell'era digitale", Rubbettino Editore. M. Pratellesi, "New Journalism. Teorie e tecniche del giornalismo multimediale", Mondadori. M. Morcellini, G. Roberti, "Multigiornalismi. La nuova informazione nell'età di Internet", Guerini Associati. G. Valentini, "Media Village. L'informazione nell'era di Internet", Donzelli Editore.

53 Breve bibliografia di carta-2 R. Fidler, R. Andò e A. Marinelli, "Mediamorfosi. Comprendere i nuovi media", Editore Angelo Guerini. S. Brand, "Medialab: il futuro della comunicazione", Baskerville Libri. A. Petralli, "Media in scena e nuovi linguaggi. Comunicare nell'epoca del digitale e delle globalizzazioni", Carocci. V. Sabadin, "L'ultima copia del New York Times. Il futuro dei giornali di carta", Donzelli Editore. F. Carlini, "Lo stile del web - Parole e immagini nella comunicazione di rete", Einaudi. G. Bettettini, F. Colombo, "Le nuove tecnologie della comunicazione", Bompiani. G. P. Landow, "Ipertesto: il futuro della scrittura", Baskerville Libri. G. Visconti, "Giornalista online - Dal web writer al web editor", Ed. Franco Angeli. E. Pulcini, "Giornalismo su Internet", Ed. Castelvecchi. A. Lucchini, "Content Management - Progettare, produrre e gestire i contenuti per il web", Apogeo. M.Russo e V.Zambardino, Eretici Digitali, ApogeoGiornalista online - Dal web writer al web editorContent Management - Progettare, produrre e gestire i contenuti per il web


Scaricare ppt "Il nuovo giornalismo teoria e tecnica nell'epoca di Internet – parte prima a cura di macri puricelli giornalista e web content writer Una rivoluzione nel."

Presentazioni simili


Annunci Google