La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Nel primo esempio, pure rimpicciolendone i punti tipografici, il font di sinistra rimane molto più leggibile di quello destro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Nel primo esempio, pure rimpicciolendone i punti tipografici, il font di sinistra rimane molto più leggibile di quello destro."— Transcript della presentazione:

1 Nel primo esempio, pure rimpicciolendone i punti tipografici, il font di sinistra rimane molto più leggibile di quello destro

2 I Font

3 Con che criterio scelgo il FONT Lo scelgo in base alla sua leggibilità Lo scelgo in base alla destinazione dello stampato Una delle regole generali e furbe sarebbe usare lo stesso carattere e lo stesso corpo per tutto il giornale!

4 La famiglia dei S ERIF e S ANS S ERIF Alcuni esempi: con grazie senza grazie

5 È meglio andarci piano… Siate sempre cauti nellusare FONT strani e di fantasia o rischierete di dare unimpressione di dilettantismo e di cattivo gusto …con i FONT

6 Diamoci delle regole Non usate font strani per testi lunghi Non mescolate troppi font Usate caratteri fantasiosi solo per pagine molto grafiche o dimpatto

7 Differenziare il testo

8 I Fogli Stile

9 Elementi grafici ricorrenti occhiello titolo sommario Sotto gli Elemento grafici ricorrenti possiamo notare i vari stili che applico allocchiello al titolo (a 5 colonne) e al sommario rientri per ogni paragrafo I Fogli Stile

10

11 Il menabò Il menabò è una gabbia, o un modello. Se vogliamo definirlo ancora più chiaramente, è lo schema di composizione di una pagina costituito da uno o più fogli bianchi sui quali è tracciata la collocazione esatta del testo e delle eventuali foto (o illustrazioni). In proporzioni ridotte, in questa gabbia, oltre a venire tracciate la posizione delle fotografie e degli articoli, viene calcolata lestensione delle notizie. Il menabò, allatto pratico, viene usato per facilitare il lavoro di impaginazione.

12 Il menabò Una piccola curiosità storica: lorigine del termine MENABÒ deriva da una espressione dei tipografi milanesi (e dunque tratta dal dialetto meneghino) che significa conduci i buoi. Nel senso di condurre e quindi guidare (o menare) i principianti (definiti come dei buoi) nel lavoro. Il ruolo del m enabò, infatti, è quello di fissare lo schema di un lavoro tipografico, una sorta di traccia per limpaginazione con le indicazioni necessarie.

13 Esempio di Menabò pag. COPERTINA ( quando si ha una pubblicazione, essa è considerata cosa a parte, pertanto è sempre esclusa dal menabò ) pagina di CRONACA pagina di CRONACA LOCALE pagina dellINTERVISTA pagina degli degli EVENTI pagina degli APPUNTAMENTI pagina delle COMUNICAZIONI pagina dei LETTORI

14 Menabò Alcuni schemi

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26


Scaricare ppt "Nel primo esempio, pure rimpicciolendone i punti tipografici, il font di sinistra rimane molto più leggibile di quello destro."

Presentazioni simili


Annunci Google